Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Tutto il resto, comprese le altre aziende delle province di Milano e Monza

Moderators: Hallenius, teo

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Sat 08 June 2024; 23:02

Muccablu wrote:In ogni caso una regola macchinosa e pasticciona (che peraltro, sui mezzi di superficie era piuttosto dura da verificare, o no?

Io ricordo solo: divieto di entrare due volte in metro (facilissimo da impedire per la presenza dei tornelli, allora nessuno saltava); divieto di prendere la stessa linea di superficie piu' volte (facile da verificare per le corse iniziate in superficie fino a che c'era il bigliettario che leggeva il timbro manuale ... non ricordo quando si passo' dai biglietti rettangolari lunghi a quelli di cartoncino del formato dei 2x6 ... e all'agente unico, ossia le obliteratrici a bordo ... se non ricordo male queste timbravano offsettato rispetto a quelle del metro per cui si poteva leggere sia linea e ora della eventuale prima convalida in superficie che ora e stazione dell'eventuale ingresso in metro).
Verificare quante volte era presa una linea di superficie diversa da quella della prima o unica timbratura, impossibile per definizione.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Muccablu » Sun 09 June 2024; 13:29

Uahhhhh ricordo pure io le timbrature "sfasate" tra Metropolitana e superficie!!!

Ma quindi, le vecchie timbratrici a inchiostro indicavano anche la Linea di Superficie su cui erano usate in quel momento? C'era una specie di codice o cosa? Non ricordo bene cosa timbrassero - a parte l'orario...

Lucio, assurda anche quella regola del vietare di usare due volte la superficie.....
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 534
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby skeggia65 » Sun 09 June 2024; 18:05

Lucio Chiappetti wrote:Non coincide con i miei ricordi.
Non sono mai esistiti biglietti multicorsa prima della tariffa oraria, ne' biglietti separati solo-superficie o solo-metro dopo la tariffa oraria.
Prima in superficie c'erano i biglietti piccoli (tra le 35 e le 70 lire a seconda dell'epoca) su carta leggera rosa (viola la domenica, bianchi in certi casi, con un cerchio rosso per certe linee come la MS) che dava il bigliettario, e valevano per una corsa su una linea (ricordo una volta che con mia zia che stava al Corvetto eravamo andati a trovare suo marito che era in ospedale nella clinica INAIL che credo sia dove adesso sta il Monzino ... un biglietto per la 93 e uno per la T.
In metro c'erano i biglietti lunghi e stretti di cartoncino (100 lire da subito) dove l'obliteratrice tagliava un pezzettino (ne esistevano tanti tipi perche' gli abbonamenti settimanali - che allora si chiamavano preferenziali - erano 2x5, 2x6, 4x5 e 4x6) che davano diritto a entrare in metro ... e poi se uno non usciva poteva andare avanti e indietro tutto il giorno al limite. Di questi in qualche stipo ho una raccolta fatta da ragazzo, ero andato da un certo rag. Longaretti del Magazzino Biglietti al deposito Custodi a farmeli dare, annullati.
Quando hanno introdotto la tariffa oraria c''e stato un unico prezzo (100) e un unico tipo di biglietto, originariamente il bigliettario lo controllava o lo timbrava a mano. Ovviamente in metro una corsa sola "per natura" mentre e' vero che in superficie non si poteva riprendere la stessa linea (e questo sia per un eventuale ritorno che scendendo e risalendo). E' vero che si poteva tornare con linee diverse.

Questo e' quanto ricordo io ma io abit(av)o in zona allora servita solo da metro e MS (piu' lontano il tram).
Solo superficie orari non li ho mai visti.
E adesso e' ora di andare a votare per le europee


Non c'erano i biglietti solo metropolitana, ma quelli solo superficie sì.

Image

Image

E c'erano anche i solo superficie giorni feriali, che non ricordo

Image
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15926
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Sun 09 June 2024; 19:15

skeggia65 wrote:Non c'erano i biglietti solo metropolitana, ma quelli solo superficie sì.

Allora ho fatto bene a scrivere che io nella mia zona non li avevo visti
Lucio Chiappetti wrote:Questo e' quanto ricordo io ma io abit(av)o in zona allora servita solo da metro e MS (piu' lontano il tram).
Solo superficie orari non li ho mai visti.

Per curiosita' se lo sai, costavano uguale ? e in che anni sono durati ?
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby skeggia65 » Mon 10 June 2024; 14:02

Non ricordo, credo che il superficie costasse 100 lire e superficie + metrò 150.
Per un certo periodo venne introdotto anche un biglietto valido "due viaggi", obliterabile sui due lati; anche quello valido solo in superficie (evidente dal fatto che lo spazio per il timbro era poco, il timbro del metrò non ci sarebbe stato).
Il biglietto è quello più a destra.

Image
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15926
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Mon 10 June 2024; 15:18

skeggia65 wrote:Non ricordo, credo che il superficie costasse 100 lire e superficie + metrò 150.
Per un certo periodo venne introdotto anche un biglietto valido "due viaggi", obliterabile sui due lati[/img]

Dall'URL dell'immagine il periodo e' '70-'80.
Un "due viaggi" in metro esisteva anche prima della tariffa oraria. Salvo i primissimi biglietti, quelli del metro erano "preperforati" a una estremita' per evitare di usarli illegalmente capovolti. Salvo proprio i "due corse" e i preferenziali (2x5 e 2x6 ... anche 4x5 e 4x6 ma richiedevano due biglietti per giorno).
Sui prezzi non so dire ... ricordo il tram a 35 lire, poi tram a 70 e metro a 100, poi tutto 100 con la tariffa oraria ... dopo e' cominciata la grande inflazione. Ma la separazione di prezzo meteo/superifcie dopo l'oraria proprio non la ricordo. Vago ricordo forse 3000 lire al mese l'abbonamento studenti a orari limitati (liceo, forse primo anno universita'), e invece 1800 il settimanale a vista senza limitazioni, quello col tagliandino che si inseriva e numerava, appena introdotto ci saltai addosso ... costava molto meno dei precedenti abbonamenti.

Non si trova facilmente in rete una cronistoria tariffaria ... ho pero' trovato questo libro https://www.francoangeli.it/ricerca/Sch ... px?ID=6109 (ma non fregatemelo in biblioteca ...)
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby S-Bahn » Mon 10 June 2024; 21:41

Sì, superficie e metrò avevano tariffe differenziate, anche io ricordo un periodo 150-100.
Ma ricordo anche la pubblicità dell'accordo tariffario che comprendeva anche la tratta urbana delle Nord "La città con cento lire".
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 53243
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Mon 10 June 2024; 22:03

Io il 100-150 non lo ricordo proprio (il 70-100) si'.
Ma vediamo un po' ... mi sono trasferito in viale Monza nel '62, M1 e' del '64, la tariffa oraria del '70. Continuavo a andare a scuola (elementari-medie fino al '68) solitamente a piedi, in emergenza c'era la MS (tagliata dopo il metro, utile anche per tornare da passeggiate fino Porta Venezia) oppure la H. Per andare in centro o al Corvetto si poteva andare a piedi a prendere il tram a "Greco". Dal '69 (liceo, al Volta, in metro) ho fatto la tessera studenti. Quindi potrei aver perso i "solo superficie" [per un effetto di selezione.

La cosa delle Nord urbane (ante Passante) a quando risalirebbe ? (ci sarebbe una contraddizione tra 100 lire per Nord se 150 per metro). Ma in assenza del Passante non credo ci fossero posti che mi interessavano sulle Nord (anche se ricordo una volta di avere preso le Nord alla vecchia Affori, non ricordo cosa ero andato a fare da quelle parti). Ma vedo fu chiusa nel 2011 ... molto dopo ... forse ero andaro a trovare qualcuno al Galeazzi.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby AnyFile » Wed 12 June 2024; 23:35

Muccablu wrote:Uahhhhh ricordo pure io le timbrature "sfasate" tra Metropolitana e superficie!!!

Ma quindi, le vecchie timbratrici a inchiostro indicavano anche la Linea di Superficie su cui erano usate in quel momento? C'era una specie di codice o cosa? Non ricordo bene cosa timbrassero - a parte l'orario...


Da come mi ricordo io (anni 80 e 90 specialmente) i primi numeri (quelli girati in verticale, cioè in direzione perpendicolare agli altri) indicava la matricola dell'obliteratrice (sulla macchinetta arancione c'era una piccola placchettina metallica color acciaio/argento con su quello stesso numero.

Il successivo gruppo di cifre indicava la linea. Non c'era proprio una corrispondenza biunivoca. Più linee avevano lo stesso numero se non ricordo male. Mi pare di ricordare qualcosa come 99 sulla linea 70 e 90 sulla linea 52 (o viceversa). Se si entrava in metropolitana in questo spazio c'erano dei numeri che indicavano la stazione di entrata.

Poi c'era la data che se non mi ricordo male era indicata da due cifre che davano la settimana dell'anno e da 1 o 2 lettere che davano il giorno della settimana. Non mi ricordo se c'era anche una cifra per l'anno.

Poi c'era l'ora

Passando alle posizioni di timbratura ce ne erano 3.
Più vicino al bordo era la timbratura normale per i mezzi urbani
In centro per la metropolitana
Più lontano dal bordo (più vicino alla mano di chi timbrava) per i mezzi extraurbani e in altri casi speciali (mi pare sulle ferrovie delle Ferrovie Nord Milano e per i servizi speciali di Atm)

Se non ricordo male in qualche caso la timbratura era rossa anziché nera (forse se si entrava in metropolitana da una stazione extraurbana, ma non sono sicuro di questo dettaglio)
AnyFile
 
Posts: 353
Joined: Mon 26 November 2012; 22:22

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby skeggia65 » Thu 13 June 2024; 13:39

AnyFile wrote:Da come mi ricordo io (anni 80 e 90 specialmente) i primi numeri (quelli girati in verticale, cioè in direzione perpendicolare agli altri) indicava la matricola dell'obliteratrice (sulla macchinetta arancione c'era una piccola placchettina metallica color acciaio/argento con su quello stesso numero.

Il successivo gruppo di cifre indicava la linea. Non c'era proprio una corrispondenza biunivoca. Più linee avevano lo stesso numero se non ricordo male. Mi pare di ricordare qualcosa come 99 sulla linea 70 e 90 sulla linea 52 (o viceversa). Se si entrava in metropolitana in questo spazio c'erano dei numeri che indicavano la stazione di entrata.

Poi c'era la data che se non mi ricordo male era indicata da due cifre che davano la settimana dell'anno e da 1 o 2 lettere che davano il giorno della settimana. Non mi ricordo se c'era anche una cifra per l'anno.

Poi c'era l'ora

Passando alle posizioni di timbratura ce ne erano 3.
Più vicino al bordo era la timbratura normale per i mezzi urbani
In centro per la metropolitana
Più lontano dal bordo (più vicino alla mano di chi timbrava) per i mezzi extraurbani e in altri casi speciali (mi pare sulle ferrovie delle Ferrovie Nord Milano e per i servizi speciali di Atm)

Se non ricordo male in qualche caso la timbratura era rossa anziché nera (forse se si entrava in metropolitana da una stazione extraurbana, ma non sono sicuro di questo dettaglio

Numero obliteratrice, due cifre che non ho mai capito come associare alla linea, simbolo (un triangolo con vertice in basso per la superficie, un quadrato per il metrò, non ricordo per le interurbane), numero settimana, giorno, ora e minuti.
Per il giorno veniva indicato anche mattino o pomeriggio, quindi MaM per martedì mattina, GiP per giovedì pomeriggio.
Questo con le macchinette gialle e rosse.
Con quelle arancio, il timbro cambia: obliteratrice, codice (io ricordo un 997), data con ultima cifra indicante l'anno (esempio 15Fe7) ora in formato 24h.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15926
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

info su IVOL giornaliero

Postby Lucio Chiappetti » Wed 19 June 2024; 14:34

Negli ultimi anni ho preso l'abitudine, prima di andare in montagna (dove vado in taxi), di acquistare (dalle vecchie DAB ATM) un IVOL giornaliero da tenere in tasca (nel caso di necessita' di un rientro a Milano in giornata per emergenze). Poi non lo usavo mai durante le vacanze estive, e lo consumavo in una escursione a settembre-ottobre ... dato che diventa valido quando timbrato.

Ora con i COP ATM e Trenord, cosa consigliate (per prevenire questioni con controllori di linee bus/funivia/battello vari):
  • acquistare un vecchio IVOL magnetico da vecchia DAB ATM (se le emettono ancora) cosi' avra' un timbro fisico
  • acquistare un IVOL su un nuovo COP Trenord o ATM ?
  • caricarlo su un COP pre-esistente ?
  • suppongo poi sia sempre meglio convalidare a penna la ricevuta come da sito Regione

https://www.regione.lombardia.it/wps/po ... ettimanale
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby AnyFile » Wed 19 June 2024; 15:08

L'unica risposta che posso darti che le DAB Atm emettono ancora i biglietti IVOL ma solo quelle di vecchio tipo (o almeno quello che io so è che ce l'hanno ancora nel menu).

Per il resto sono interessato anche io alla risposta. E vorrei sapere che faccia fanno i controllori su un bus non dotato di lettore alla vista di un COP su cuin non c'è scritto nulla di utile per capire che biglietto sia stato acquistato né per capire se e quando sia stato timbrato)

Un biglietto sulla app Trenord potrebbe essere per te una soluzione? (acquistato in anticipo o al momento del bisogno)
AnyFile
 
Posts: 353
Joined: Mon 26 November 2012; 22:22

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Wed 19 June 2024; 16:54

No. il biglietto app no perche' (1) non ho un furbofono (2) e' da data fissa prestabilita, che e' esattamente cio' che voglio evitare (acquistare a inizio luglio e usare entro ottobre).

In ogni caso inviato richiesta ad ATM, vi faro' sapere se rispondono
Richiesta di informazione: esistono (e dove si trovano) DAB ATM che emettono ancora su supporto magnetico il biglietto "IVOL Giornaliero"?
O alternativamente e' possibile caricare IN ANTICIPO un "IVOL Giornaliero" su un nuovo COP RicaricaMI, e in tal caso come e' possibile, una volta validato in un giorno successivo da obliteratrice ATM, attestare il giorno di validita' a un eventuale controllore di linea non-ATM (bus, battello, funivia, treno) in asseza di una timbratura visibile ?
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby AnyFile » Thu 20 June 2024; 16:44

Ma come fai ad inviare una tale richiesta ad Atm?
L'unico modo di contattarli è rimasto solo il modulo per i reclami...
AnyFile
 
Posts: 353
Joined: Mon 26 November 2012; 22:22

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Thu 20 June 2024; 16:58

Esattamente. E sorprendentemente hanno anche risposto in meno di 24 ore
Con riferimento alla sua segnalazione, la informiamo che presso i distributori automatici di biglietti che non sono stati ancora aggiornati per l’emissione del nuovo biglietto ricaricabile, è possibile acquistare il titolo di viaggio IVOL Giornaliero.

Riguardo alla possibilità di caricare il suddetto biglietto sul supporto COP di Atm, comunichiamo che tale funzionalità non è al momento attiva.

Adesso quasi quasi provo a inviare analoga richiesta a Trenord.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 6047
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

PreviousNext

Return to Discussioni generiche sui trasporti milanesi

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 11 guests