Treni e infrastruttura in Lombardia

Trenitalia, Trenord, TILO

Moderators: Hallenius, teo

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby brianzolo » Mon 10 June 2024; 16:18

Image

ridateci Freedrichstrasse!
User avatar
brianzolo
 
Posts: 20918
Joined: Wed 30 August 2006; 8:04

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby serie1928 » Mon 10 June 2024; 16:49

Suona come un attacco hacker: "disconnessione degli apparati tecnologici di gestione della circolazione"
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 11802
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby mr_coradia » Tue 11 June 2024; 2:07

serie1928 wrote:Suona come un attacco hacker: "disconnessione degli apparati tecnologici di gestione della circolazione"
E invece è la solita disconnessione della nuovissima tecnologia del DCO ACCM che quando fa kaputt si ferma tutto, come succede sempre più spesso in Adriatica o sulla Venezia dove è presente questa favolosa tecnologia.

luca wrote:Rogoredo-Locate si fa tutta a 60 (ad occhio).
CT dice "per lavori".
Lavori del quadruplicamento, direi.
Oh, in effetti hanno montato una rete.
Però per carità, mai un operaio, mai un macchinario da lavoro. I rallentamenti e le chiusure però si
Fino a settimana scorsa (quindi credo sia ancora per quello) stavano cambiando l'armamento ai binari esistenti. In seguito a questi interventi per un po' di giorni si va a 40 per permettere assestamento del binario e della massicciata. Per gli altri 2 aspetta e spera...
User avatar
mr_coradia
 
Posts: 598
Joined: Sun 29 May 2016; 16:04
Location: Provincia di Varese, Lombardia, IT

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby serie1928 » Tue 11 June 2024; 8:29

che quando fa kaputt si ferma tutto

“Ridondanza” è una parola ignota per RFI?
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 11802
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby luca » Fri 21 June 2024; 13:26

Ma che "lavori" ci sono fra Monza e Lissone? E fra Greco e Sesto, all'altezza di Rondó?
Da canali SBB, vengono indicati treni per Milano con possibili ritardi per "lavori"
Lato nostri eroi, non una parola come fa buona tradizione di stampo sovietico (pensare che ce l'avevano coi comunisti)
In ogni caso, da un paio di settimane l'arrivo a centrale è più penoso del solito. In generale, si prendono almeno 10' di ritardo fra Lissone e Centrale, almeno con la RE80.
Settimana scorsa ci hanno lasciato fuori centrale a fare la muffa per buoni 10 minuti, finché non ho chiesto al personale cosa stesse accadendo, a quel punto hanno chiamato in sala operativa e ci hanno fatto entrare. La CT mi ha risposto "non avevano binari disponibili", nonostante fossimo arrivati al binario 6, e tutti gli altri binari più bassi, eccetto 1 e 2, erano apparentemente liberi.
Anche adesso, RE80 praticamente a passo d'uomo da Lissone fino a Centrale. E bei +10 in arrivo, da che a Seregno eravamo arrivati addirittura 2' in anticipo
Qualcuno sa cosa sta succedendo?
Che uomo straordinario, quello che ha scritto l'orario
Poco ma sicuro, conosce il futuro molto di più
Di tanti profeti di un tempo che fu
(G.Rodari)
User avatar
luca
 
Posts: 10017
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)/Svizzera Centrale

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby S-Bahn » Fri 21 June 2024; 17:43

Di sicuro lavorano da tempo alla posa/sostituzione di cavi lungo la linea, ma in teoria questo non dovrebbe comportare sensibili rallentamenti.
Poi a nord della galleria di Monza si transita da settimane a 30, per fare assestare un deviatoio sostituto, ovviamente sempre da 30 in deviata.
Tutto per la sicurezza, ma a Livraga sostituiscono un deviatoio e il primo treno (in servizio passeggeri) transita a 300 km/h senza nemmeno avere controllato che una volta comando si porti correttaemnte in deviata o in cooretto tracciato...
Comunque gli approcci in stazione, per qualunque possibile combinazione di segnali e distanze, sono sempre più penosi.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 53240
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby dedorex » Fri 21 June 2024; 19:51

Che esempio del menga, inutilmente polemico che fai: a Livraga gli operai hanno dichiarato, senza andare a guardare, che lo scambio era in corretto tracciato. Che prove doveva fare il treno?
User avatar
dedorex
 
Posts: 4346
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby S-Bahn » Fri 21 June 2024; 20:02

Il treno non doveva fare nessuna prova, ma era la squadra che doveva farla.
Controllare se metto deviata e lo scambio va in deviata, metto dritto e lo scambio va dr9itto era il minimo. E non ci si fa problemi a fare transitare il primo treno con passeggeri alla massima velocità dietro semplice dichiarazione.
In altri casi si ritiene che passare a 50-60 (che è la velocità dei convogli all'imbocco della galleria) su uno scambio nuovo è troppo, bisonga andare a 20-30 e non per qualche giorno, ma per settimane.
Queste logiche le capisco sempre meno.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 53240
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby dedorex » Fri 21 June 2024; 21:28

Le capisci poco perchè in generale leggi tutto in chiave polemica:
- uno scambio, come in generale l'infrastruttura, deve assestarsi, quindi è normale un periodo di carico limitato per evitare casini (ossia movimenti dalla posizione prefissata)
- nel caso di Livraga, sono semplicemente stati dei deliquenti e la pagheranno penalmente. Loro erano il controllo Che tipo di controllo ulteriore doveva esserci? Mandare una foto ad un tizio che leggesse la posizione? E se il controllore non avesse guardato la foto che magari era falsa?
Nel caso specifico non c'era sistema che valesse, proprio perchè era l'accrocchio cannato. E quindi ti devi affidare al controllo umano Avrai sempre una componente umana che può rappresentare un problema
Le correzioni da fare in base a Livraga sono altre e riguardano la logica ACC
User avatar
dedorex
 
Posts: 4346
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby S-Bahn » Fri 21 June 2024; 21:41

Nel caso Livraga, senza la presunzione di sapere tutto, mi aspetterei una procedura un po' più rigorosa nel conrollo che non qualcosa che assomiglia un po' troppo a un "tutto a posto ragazzi?".
Mentre nel caso del deviatoio portato più lontano di qualche decina di metri dalla galleria di Monza mi sbaglierò ma a me sembra di vedere il solito eccesso di regole scaricabarile che da tempo hanno perso il contatto con la realtà imponendo per settimane un rallentamento a bassa velocità, parente delle regole sempre più restrittive sugli approcci per cui abbiamo un gran numero di situazioni dove i treni percorrono ormai veramente a passo d'uomo centinaia di metri.
Poi di sicuro sbaglierò (ma mica tanto) ma ho detto quello che penso.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 53240
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby serie1928 » Sat 22 June 2024; 8:23

Premesso che a Livraga le colpe saranno addossate alle persone intervenute nella sostituzione dello scambio, su un elemento critico fare una prova di funzionamento corretto “sotto carico” (sotto sollecitazione di un carico dinamico, non necessariamente a 300km/h) non sarebbe cosa insensata. Anche solo imporre al primo treno di passare a velocità limitata, oppure mediante un veicolo di prova.
Mi pare anche chiaro che gli operai abbiano agito con troppo fretta, o perché hanno impiegato più tempo del previsto per l’intervento, oppure per troppa superficialità, fretta che non deve esserci, anche di fronte ad eventi come a Brandizzo dove la troppa confidenza a giocato un terribile.
Confidenza = fattore umano, causa primaria di quasi tutti gli incidenti più o meno capitati. Troppa convinzione che altri non abbiano commesso errori che consente a se stessi di essere superficiali ed scardinare le regole ignorandole.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 11802
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby dedorex » Sat 22 June 2024; 9:49

serie1928 wrote:nella sostituzione dello scambio, su un elemento critico fare una prova di funzionamento corretto “sotto carico” (sotto sollecitazione di un carico dinamico, non necessariamente a 300km/h) non sarebbe cosa insensata.
Non è stato sostituito lo scambio e non è stato toccato niente soggetto a carico. Se avessero sostituito lo scambio avresti avuto la trafila che Sbahn ritiene troppo paraculistica

S-Bahn wrote:non qualcosa che assomiglia un po' troppo a un "tutto a posto ragazzi?"..
la procedura prevede che debba verificare che il deviatoio sia in posizione corretta e dichiararlo in conversazione registrata. Questi hanno dichiarato che fosse in posizione corretta senza andare a guardare. Non è un “Tutto bene ragazzi?”
E’ un po’ come quando fai abbatti una casa e devi verificare che non ci sia nessuno, ma tu decidi di non guardare neanche e dichiari che lo hai fatto (anzi peggio)
User avatar
dedorex
 
Posts: 4346
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby serie1928 » Sat 22 June 2024; 11:05

Dedorex, correggi i livelli di citazione, altrimenti non si comprende cosa sia scritto da me e cosa hai scritto tu.

Appunto perché non è stato sostituito lo scambio, il primo treno o un veicolo di prova che transiti a velocità ridotta può essere sensato. Anche il motore di attuazione degli aghi subisce sollecitazioni, minori ma ci sono, che sono poi quelle che in caso di mancato funzionamento dei blocchi fanno sì che le vibrazioni generino instradamenti errati.
C’è sempre il rischio di un falso positivo.
Ovviamente se i controlli di posizione fatti a “regola d’arte” implicano la certezza che tutto sia a posto, non ce ne’è bisogno, ma il problema è appunto averlo fatto “a regola d’arte”, ed è lì che interviene l’essere umano, ed è li che si fallisce spesso e volentieri, anzi, sempre. Il rischio “zero” non esiste, ma i controlli non servono ad azzerarlo, servono a ridurlo al minimo in funzione delle possibili conseguenze. Ed uno scambio che viene percorso a 300km/h rispetto alla deviata a 100km/h (o sono 60km/h?), merita tutta la diligenza del caso, che è evidentemente mancata.
Questo significa che gli altri scambi possano essere sistemati “alla carlona”? Evidentemente no, ma anche trattare tutto allo stesso modo genera quelle confidenze, abitudini, che nelle situazioni più critiche diventano fatali. Quindi si deve trovare il modo di evitare che si prendano pessime abitudini, cosa difficilissima per l’essere umano di sua natura, e pure peggio se la persona è “corruttibile”, soggetta a compromessi, che cede alle pressioni di altri soggetti che rispondono per altre logiche diverse dalla sicurezza (p.e. dover riaprire la linea per motivi commerciali). Come lo fai? Solo con una entità indipendente dagli uni e dagli altri nelle verifica dell’esito, che sia una macchina o un gruppo di persone. Eh no, non devono essere per forza ingegneri di ANSFISA...
E nonostante ciò il rischio non è zero.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 11802
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby dedorex » Mon 24 June 2024; 16:38

Scusa, ma stai sparando un sacco di frasi con poco senso: Vibrazioni, falsi positivi, falsi instradamenti etc etc? Ma di che parli? Non è necessario inventarsi problemi quando non esistono
Per il resto l'errore umano ci sarà sempre: se tu dichiari che lo scambio è dritto, quando invece è rovescio, non c'è sistema tecnico che tenga.
Come già detto, c'è stata una concatenazione di errori con impatti penali. Dal punto di vista di cambi regolamentari, sembra che l'unico vero punto sia la programmazione dell'ACC che al riavvio sembra "azzeri" parzialmente i problemi, o qualcosa del genere. Su quello probabilmente dovranno (o sono già) intervenuti

serie1928 wrote:nella sostituzione dello scambio, su un elemento critico fare una prova di funzionamento corretto “sotto carico” (sotto sollecitazione di un carico dinamico, non necessariamente a 300km/h) non sarebbe cosa insensata.

Non è stato sostituito lo scambio e non è stato toccato niente soggetto a carico. Se avessero sostituito lo scambio avresti avuto la trafila che Sbahn ritiene troppo paraculistica
User avatar
dedorex
 
Posts: 4346
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Treni e infrastruttura in Lombardia

Postby S-Bahn » Mon 24 June 2024; 18:24

OK, ma se non hanno sostituito il deviatoio, cos'hanno fatto a Livraga? Curiosità sincera, non polemica.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 53240
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

PreviousNext

Return to Treni regionali e suburbani

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests

cron