trasporti da e per Val d'Aosta

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

trasporti da e per Val d'Aosta

Postby Lucio Chiappetti » Thu 18 August 2022; 23:44

Relaziono, appena ritornato su vacanza a Entreves (ultima frazione di Courmayeur prima del Monte Bianco).
Andata da Milano a Aosta verso mezzogiorno con treni RV (frequenza circa bioraria) con cambio a Chivasso, materiale rotabile confortevole e treni in orario, al modesto costo di 16 euro. Da Aosta a Courmayeur bus Arriva (pure solo 3.50 euro) che fa tutte le fermate (incluso entrare in paese a Villeneuve per le coincidenze per valli di Rhemes e Savaranche che NON partono piu' da Aosta come trenta-e-passa anni fa) e ci mette almeno un'ora (piu' tempi morti per fare biglietti, e convincere passeggeri alla mascherina). La stazione autolinee e' ora di fronte alla ferroviaria ... peccato che il bus parta dal posto 4 senza pensilina (al sole con 35 C non piacevole). Tempo di concidenza ragionevole (20 min).

Ritorno oggi piu' confortevole col fresco, ma la coincidenza bus-treno e' impraticabile. Per caso ho preso un bus in anticipo rispetto a quello preventivato, che gia' prevedeva un'ora di sosta. Visto partire il Torino PN delle 1240 mentre il bus stava arrivando. In biglietteria per Milano mi indicano il successivo alle 1440 (con consueto cambio a Chivasso), sconsiglia il 1340 per Ivrea (dove si potrebbe cambiare per Novara ma poi ?). In ogni caso stazione (e bar) confortevoli e decorose (a differenza dell'aspetto di quelle semiabbandonate e sprangate lungo la linea). Unico difetto che per qualche motivo il marciapede e' diviso longitudinalmente in due parti a livello diverso, separate da ringhiera, varco centrale con gradino, e rampe solo alle estremita'.

Ah a Chivasso funzionano perfettamente gli ascensori per cambio binario (ormai alla mia eta' non me la sento piu' di viaggiare con piu' di un trolley e uno zainetto ... e pesa gia= abbastanza infatti un altro bagaglio lo ho spedito con Bagexpress convenzionato TCI ... e a Milano tra casa e stazione o vv prendo il taxi).

Da Courmayeur (dove tutti i bus arrivano in stesso piazzale con paline chiaramente numerate per linea) a Entreves e vv. con bagaglio passaggio con cugina automunita che pero' altrimenti la macchina non la usa in montagna. Io mi fiondo subito in biglietteria Arriva a comprare settimanale da 15 euro (vale 7 giorni dalla prima convalida, non dal lunedi). Lei che aveva usato i biglietti singoli invece prende una tessera ricaricabile a scalare con sconto del 20% (solo la settimana dopo si converte al settimanale). I biglietti acquistati a bordo hanno un sovrapprezzo di 4 euro. O i piu' giovani astutofonomuniti usano apposita app.

Il servizio nominalmente buono. Navetta circolare oraria che serve le frazioni. Bus ogni mezz'ora per la Val Veny. Bus circa ogni mezz'ora per la Val Ferret con rinforzi che terminano prima. Non sempre pero' riescono a rispettare l'orario per motivi vari (da code in Courmayeur dove la Stradale dirotta le auto dei furbastri che cercano di bypassare la coda per il Traforo dalla regionale alla 26 diretta; a ritardi per incroci con mega-camper imbranati sulla stretta strada della Val Veny; a ritardi per fare biglietti o controllare le mascherine ... e per la folla), oppure sono pieni.
Martedi' abbiamo rinunciato alla escursione al rifugio Bonatti, che richiede la navetta della Val Ferret "completa" (fino a Arp Nouvaz). Prima eravamo in due alla fermata 13 di Entreves, poi hanno cominciato ad arrivare automuniti che si fermavano al sottostante parcheggio o respinti alle sbarre di La Palud (possono entrare solo le auto con targa registrata a albergo, camping o ristorante). I due bus limitati per Planpincieux erano vuoti ma quello per Arp Nouvaz era strapieno e non ha nemmeno fermato).

Incidentalmente durante il soggiorno (proprio dopo la prima visita esplorativa in bus alla Val Ferret) si e' verificata la frana del torrente Rochefort che ha interrottto strada (e quindi bus) tra La Palud e Planpincieux, e anche l'acquedotto sotto un ponte. Comune e Protezione Civile molto efficiente (e anche albergatori). Pronti bollettini sul sito del comune. Due giorni senz'acqua prima di fare un bypass, e meno di sette per mettere un ponte militare provvisorio.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 5934
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: trasporti da e per Val d'Aosta

Postby Lucio Chiappetti » Sat 29 July 2023; 23:30

Sempre sorprese con Trenitialia e RFI (ma si parlano ?) ...

... dopo aver scoperto (come da questo post viewtopic.php?f=18&t=9148 ) che per l'andata Milano-Aosta in "mattinata" venerdi prossimo non resta che la corsa di mezzogiorno (come lo scorso anno) ho pensato bene di verificare in anticipo gli orari del ritorno per il 17 pv ... che mi aspettavo essere circa gli stessi dello scorso anno ... e cosi' dicono tuttora il mio favorito motore tedesco, i quadri orari sul sito RFI, e l'orario RegionalePiemonte_ValledAostalight (che sono 506 pagine ... chissa' se non fosse light !) ... ma il sito biglietteria Trenitalia mostra che almeno nella settimana di ferragosto il servizio Ivrea-Chivasso e' bustituito, con conseguente anticipo delle partenze da Aosta per mantenere le coincidenze a Chivasso.
Ovviamente senza segnalazioni sui quadri orari e sull'orario pdf.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 5934
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: trasporti da e per Val d'Aosta

Postby Lucio Chiappetti » Thu 17 August 2023; 21:01

Relazione su periodo in Val d'Aosta.

Buono per il trasporto locale area Courmayeur. Quest'anno tutti i bus gratuiti (circolare oraria, val Veny semioraria, val Ferret circa semioraria con rinforzi limitati a Planpincieux, e navette supplementari Campo sportivo-Planpincieux e Miravalle-Lavachey). Affollati ma non presi d'assalto come prevedevo data la gratuita' (complice diminuite presenze ?) ... ma a certe ore (soprattutto per val Ferret partendo da area Entreves) conviene o riscendere a Courmayeur se si vuole sedere, o fare a tappe (tra Planpincieux Clotze e Miravalle ci sono circa 500 m). Passeggeri imbranati che non sanno leggere gli orari (chiarissimi e con schema a tutter le fermate), e autisti che non potendo rispettare l'orario agognerebbero a soppressione traffico auto.

Brutta esperienza nel ritorno ferroviario oggi. Preso bus Courmayeur-Aosta con arrivo 1235 con idea di prendere treno 1403 per Ivrea. Biglietteria suggerisce di prendere il 1333 e informa genericamente su bustituzione Ivrea-Chivasso (che sapevo). Purtroppo a Aosta tutti ascensori guasti. Nessun annuncio specifico a bordo (ma annunci su non so quale rimborso ex articolo vattelapesca per abbonati, e su necessita' di checkin per biglietto elettronico regionale, senza dire come). A Pont SM becco il capotreno quando risale in treno e mi dice "a Ivrea sul piazzale" (e in ogni caso non c'e' bustituzione in coincidenza, ma solo alle 1518 in coincidenza col treno successivo - se fossi arrivaqto con quello in 12 min non ce l'avrei fatta a trovare i bus). In stazione ne' annunci ne' personale ai binari. Salgo con ascensore (c'era pure una signora che doveva andare a Bari, con trolley pure lei) e scendo sul piazzale del "Movicentro" dal lato est dove esiste un edificio biglietteria nuovo ... tutto sbarrato e nessuna indicazione. Qualcuno dice "dall'altra parte", risalgo e riscendo dall'altro lato (anche complice un mini-cartello con freccia "bus sostitutivi"), ossia quello del vecchio FV, anch'esso tutto sbarrato come pure il bar. Un signore ci indica un tizio con cartellino Trenitalia imboscato su una panchina sotto una pianta. Questo dice che i pullman sono quelli nel parcheggio (non pubblicamente accessibile) che arriveranno con comodo.
A Chivasso il bus ferma a nord della stazione (non dal lato sud dove e' l'ingresso del FV) a oltre 300 m da un ingresso in curva. Qui all'ultimo binario (6) c'e' personale Trenitalia che indica il treno per Torino spostato a tale binario. Fortunatamente gli ascensori (il Milano parte al binario 3) funzionano.
RV per Milano senza climatizzazione funzionante.

A Milano (arrivo in orario come previsto al binario 3) accompagno la signora per Bari che ha un treno alle 21 al Mercato Centrale (con ascensore dalla uscita A), reperisco uno dei rari quadri orari a stampa col binario previsto, e le consiglio poi di fare tutto il piano terra e salire dall'altro ascensore (lato Luigi di Savoia) che arriva alla entrata E vicino al suo binario previsto (17).
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 5934
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: trasporti da e per Val d'Aosta

Postby LUCATRAMIL » Sat 19 August 2023; 10:51

Quindi, Lucio, una regione a vocazione turistica che non è collegata direttamente con Milano, grossomodo equidistante da AO come TO?
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!
LUCATRAMIL
 
Posts: 4176
Joined: Wed 02 August 2006; 13:40
Location: MILANO

Re: trasporti da e per Val d'Aosta

Postby Lucio Chiappetti » Sat 19 August 2023; 15:04

AO-TO 120 km, AO-MI 185 km ... in ogni caso direi nulla di nuovo. Quando frequentavo quelli parti (1970-1985) credo ci fosse solo una o due littorine al giorno tra Milano e Aosta, e per il resto si cambiava a Chivasso (fatto qualche volta in treno quando viaggiavo da solo o quasi, altre volte con pullman noleggiato, altre volte in auto come passeggero), allora la Chivasso-Ivrea-Aosta era del Genio Ferrovieri. Credo che nel periodo che sono mancato a un certo punto fosse necessario un doppio cambio (Chivasso e Ivrea) ma da un po' di anni basta Chivasso con una frequenza circa bioraria. Direi accettabile. La bustituzione Ivrea-Chivasso e' una eccezione della settimana di ferragosto di quest'anno (per lavori ai binari a Caluso, visti passando col bus).
Credo molti vadano felicemente e rapidamente in auto, altri forse in bus ma a me tre ore di bus non ispirano proprio.

In treno only mad, dogs and Englishmen. A proposito, all'andata a Chivasso c'era una famiglia di 4 o 5 stranieri indefiniti (padre e madre parlavano tra loro in spagnolo o portoghese, e in inglese con i figli) con un numero indefinito di piccoli trolley, e due enormi pacchi contenenti non so se una moto o una bici (discutevano "all'arrivo noi prendiamo il taxi coi bagagli e voi andate in bici), etichettati LHR-MXP. Se li sono trascinati su per gli ascensori di Chivasso, e poi nel vestibolo degli ATR TO-AO. Io ho cercato bene di mettermi a una altra uscita per poter scendere rapidamente,
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 5934
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla


Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests