Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Tutto il resto, comprese le altre aziende delle province di Milano e Monza

Moderators: Hallenius, teo

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby S-Bahn » Wed 27 March 2019; 14:34

In 8 anni aumento del 100%, da 1€ a 2€, e meno male che siamo stati per anni in deflazione! Direi che basta così.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50942
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Muccablu » Wed 27 March 2019; 16:02

S-Bahn wrote:Il divieto del doppio accesso in metrò è ormai da tempo anacronistico, e col biglietto a due Euro sarebbe anche vessatorio.
Coi carnet si torna invece all'antica. Ci sono voluti una quindicina di anni per recuperare una funzione che era di serie col cartaceo.


Applausi; se il mio titolo di viaggio vale per novanta minuti, deve valere novanta minuti per qualsiasi mezzo.

Ridicola anche la limitazione del carnet magnetico, speriamo sia la volta buona di vederla finalmente eliminata.
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 438
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Wed 27 March 2019; 17:38

Muccablu wrote:Ridicola anche la limitazione del carnet magnetico, speriamo sia la volta buona di vederla finalmente eliminata.

Ridicolissima ed impraticissima ... ma direi non di facile implementazione a livello software dato che uno avrebbe sullo stesso biglietto piu' di un "item" attivo, e su un medium piu' primitivo di una scheda RFID (quante volte si puo' riscrivere in modo affidabile una striscia magnetica ?) ... con i tornelli che insistono su "validazione gia' avvenuta" o "uscita senza ingresso" a ogni errore occasionale di strisciatura ... mi immagino gia' i casini per la famigliola o il gruppetto di turisti che deve entrare e uscire. Il vecchio paperware era sicuramente superiore (come spesso gli oggetti analogici e non elettr(on)ici ... a proposito nessuno conosce dove vendano dei termometri a massima e minima (quelli a U con gli aghetti, non digitali) ?
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4775
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby serie1928 » Wed 27 March 2019; 19:50

S-Bahn wrote:In 8 anni aumento del 100%, da 1€ a 2€, e meno male che siamo stati per anni in deflazione! Direi che basta così.

Non è un aumento, la confezione è più grande molto più del 100% di aumento.
Con un biglietto da 90 minuti, senza limitazioni puoi fare tutta M1 Rho-Monza e ritorno. Sono 70 e passa km a 2€ => 0,028 € a km. E questo vale anche per tutte le altre relazioni consentite che prima pagavano 2,50 € perchè in prima corona.
Non è un aumento, è una netta riduzione di costi!
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10673
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Carrelli1928 » Wed 27 March 2019; 19:56

Bene per l'accesso libero alla MM e per la rimozione dello sciocco vincolo dei carnet. Bene anche, almeno in principio, per la concessione dello sforamento finché si rimane a bordo, anche se temo ci saranno molti casi controversi e impossibili da chiarire.


@Serie (non mi riferisco al messaggio subito sopra che hai appena scritto, ma al precedente): non sono d'accordo sulla tua considerazione sul prezzo del biglietto singolo. IMHO, per quanto riguarda i titoli di viaggio per percorsi estremamente occasionali quali sono quelli urbani, la politica a cui stai pensando non è fidelizzante, ma al contrario rappresenta un muro tra chi usa di frequente i mezzi e chi potrebbe avvicinarvisi.
Intendiamoci: la tua idea e la mia considerazione sono presenti in qualsiasi realtà; il loro peso, tuttavia, cambia in base alla situazione; per cui mentre da un lato a Karlsruhe è un buon metodo, in quanto l'alternativa spesso è viaggiare in tre in macchina per molti km con tutto ciò che ne consegue (che mi pare di capire tu sappia e da qui la tua considerazione), dall'altro, in un contesto puramente urbano, l'utente ha l'abitudine di calcolare nei costi del mezzo privato solamente il parcheggio, che inesorabilmente sarà spesso meno caro di quattro euro in biglietti di andata e ritorno - otto se si è in due!

In conclusione, il biglietto a due euro è per me un innalzamento del muro verso un'esile ma pur presente fetta di potenziale utenza. D'altro canto, nel contempo sta nascendo l'area B, che sicuramente avrà un ruolo nella vicenda.
Staremo a vedere.
"Quando le immagini dei boat people vengono rese pubbliche da Tiziano Terzani il 15 giugno 1979, invece di aggiungersi al dibattito globale di opinionisti e intellettuali impegnati a decidere se salvare dei profughi di un regime comunista sia un messaggio capitalista o no, Pertini capisce che ogni minuto conta, chiama Andreotti e dà ordine di recuperarli e portarli in Italia."
Da Quando negli anni ’80 la marina militare italiana riuscì a fare l’impossibile
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3510
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby serie1928 » Wed 27 March 2019; 20:28

Non escludo affatto un biglietto per i percorsi brevi, ma a me interessa la copertura finanziaria. Chi fa viaggi saltuari può pagare tranquillamente € 2,40 e lo farà. Il resto della "esile fetta di potenziale utenza" troverà soddisfazione nei giornaliero, e la sparuta minoranza restante: "ubi maior, minor cessat". Cercare di fidelizzare questa utenza è come sparare con un obice ad un fringuello: fatica (e soldi) sprecati.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10673
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Muccablu » Wed 27 March 2019; 22:03

Lucio Chiappetti wrote:
Muccablu wrote:Ridicola anche la limitazione del carnet magnetico, speriamo sia la volta buona di vederla finalmente eliminata.

Ridicolissima ed impraticissima ... ma direi non di facile implementazione a livello software dato che uno avrebbe sullo stesso biglietto piu' di un "item" attivo, e su un medium piu' primitivo di una scheda RFID (quante volte si puo' riscrivere in modo affidabile una striscia magnetica ?) ... [...omissis...]


Forse è un casino, sì...

All'estero non c'è nessuno che ci riesce?

Se non riescono con il carnet magnetico unico (cioè un singolo biglietto che contiene 10 viaggi), lo aboliscano e vendano un pacchetto di x biglietti scontati (non necessariamente 10, anche 4 o 6, per esempio).
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 438
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby S-Bahn » Wed 27 March 2019; 22:42

Sull'entità dell'aumento a 2€ associato al varo dell'integrazione posto quanto segue, non mio ma che penso di condividere tranquillamente:

Il sistema è costruito con un costo fisso di 80 di bandiera e 40 a zona con taglio minimo due zone. Quindi il biglietto base è 1,6 e permette di viaggiare liberamente tra due corone esterne senza limiti tangenziali se non di tempo. Nel caso di Milano si è artificiosamente detto che il centro del sistema vale doppio (80) perché effettivamente si somma lo spessore di due raggi. Applicando la regola sopra esce 2€ e torna tutto!

In effetti ci sono casi soprattutto sulla prima cintura dove effettivamente il prezzo scende. Si potrà andare da Sesto SG a Rho Fiera con 2€, indipendentemente dal fatto che ci si vada in treno, in metrò o con entrambi. Oggi la soluzione più economica è il treno, con 2,5€, mentre andarci con la metro costa ancora di più.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50942
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Thu 28 March 2019; 15:46

Muccablu wrote:All'estero non c'è nessuno che ci riesce?

Non ho esperienze recenti, e non so quante citta' usino una cosa come biglietti magnetici non a corsa semplice (forse Santiago del Cile ma quasi vent'anni fa). Le corse contemporanee di piu' persone insieme sono sicuramente possibili con sistemi cartacei (i vecchi carnet di Milano, o le vecchie Strippenkaarten olandesi) oppure con schede elettroniche con una memoria ad accesso casuale di una certa dimensione.
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4775
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Carrelli1928 » Thu 28 March 2019; 20:30

Non basterebbe memorizzare tutti i momenti (data/ora) in cui il biglietto è stato convalidato?
Supponiamo di voler far utilizzare un carnet al massimo a 5 persone alla volta. Il momento di convalida si potrebbe registrare contando il numero di minuti trascorsi dalla mezzanotte del capodanno dell'inizio del decennio (oggi sarebbe il 1/1/2011 00:00), quindi sarebbe un valore da 0 a 5'258'880, contenibile in 23 bit. Con 23*5= 115 bit si possono registrare le ultime 5 convalide. Non ha importanza dove il biglietto è stato convalidato finché parliamo di urbano.
Non so quale sia la capacità dei biglietti ATM, un dato verosimile potrebbe essere 192 bit.
Ne occupiamo troppi? Scendiamo a, che so, due anni a partire dalla mezzanotte dell'ultimo anno pari (oggi il 1/1/2018) contando solo i minuti divisibili per cinque e possiamo registrare cinque convalide in 90 bit. Negli altri 102 mi auguro che ci stiano le varie informazioni necessarie. Non so cosa ci sia scritto sui biglietti, so però che ad esempio gli abbonamenti sono in realtà per metà vuoti e per metà pieni di dati poco utilizzati (ad esempio quelli necessari a caricare i biglietti) o informazioni sulla tessera e sul proprietario; rimane infine qualcosina per il titolo di viaggio effettivamente utilizzato.

C'è poi un'ipotesi che non so quanto tenga, ma nel caso sarebbe interessante. Se delle persone usano un carnet insieme, il momento di convalida ci si aspetta sia lo stesso. A questo punto usando tre bit in più possono viaggiare fino a 8 persone alla volta.
"Quando le immagini dei boat people vengono rese pubbliche da Tiziano Terzani il 15 giugno 1979, invece di aggiungersi al dibattito globale di opinionisti e intellettuali impegnati a decidere se salvare dei profughi di un regime comunista sia un messaggio capitalista o no, Pertini capisce che ogni minuto conta, chiama Andreotti e dà ordine di recuperarli e portarli in Italia."
Da Quando negli anni ’80 la marina militare italiana riuscì a fare l’impossibile
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3510
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby Lucio Chiappetti » Fri 29 March 2019; 11:26

Carrelli1928 wrote:Non so quale sia la capacità dei biglietti ATM, un dato verosimile potrebbe essere 192 bit.

Non sapevo che anche gli inglesi usassero ancora i biglietti magnetici in parallelo con le Oyster cards, credevo ATM fosse unica nel supportare un sistema "duale". E' comunque curioso che sul forum (e altrove) abbondino esperti su segnalamento e trazione ferroviaria o anche sulla bigliettazione storica Edmonson, ma nessuno sappia nulla di tecnico sui biglietti magnetici e le tessere elettroniche ATM.

Da mero utente posso solo osservare che i 2x6 (non credo di avere mai usato carnet magnetici mentre usavo i cartacei per portare a spasso dei visitatori, ultimamente gli ho fatto il giornaliero) supportano corse multiple ma non simultanee (infatti timbrando, oltre a shiftare la timbratura, sul display appaiono dei messaggi tipo "residuo n giorni m". Non ricordo i messaggi dei giornalieri (inclusi IVOL giornalieri). Credo che la logica sia quella di controllare se la (singola) ultima convalida e' "tuttora valida" (*) e altrimenti se c'e' uno "slot libero" da convalidare.

(*) non so come sia implementato il divieto di seconda corsa in metro. Suppongo sia registrata anche la stazione di accesso ... ma se uno timbra prima in bus e poi entra in metro durante i 90 min, viene scritto qualcosa in memoria ?
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4775
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby S-Bahn » Fri 29 March 2019; 11:52

Per quanto sia economico un chip, sul singolo biglietto il costo di un chip e la quantità di palstica che gli fa intorno mi sembra improponibile.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50942
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby lineagialla » Fri 29 March 2019; 12:22

Lucio Chiappetti wrote:
Carrelli1928 wrote:Non so quale sia la capacità dei biglietti ATM, un dato verosimile potrebbe essere 192 bit.

Non sapevo che anche gli inglesi usassero ancora i biglietti magnetici in parallelo con le Oyster cards, credevo ATM fosse unica nel supportare un sistema "duale". E' comunque curioso che sul forum (e altrove) abbondino esperti su segnalamento e trazione ferroviaria o anche sulla bigliettazione storica Edmonson, ma nessuno sappia nulla di tecnico sui biglietti magnetici e le tessere elettroniche ATM.

Da mero utente posso solo osservare che i 2x6 (non credo di avere mai usato carnet magnetici mentre usavo i cartacei per portare a spasso dei visitatori, ultimamente gli ho fatto il giornaliero) supportano corse multiple ma non simultanee (infatti timbrando, oltre a shiftare la timbratura, sul display appaiono dei messaggi tipo "residuo n giorni m". Non ricordo i messaggi dei giornalieri (inclusi IVOL giornalieri). Credo che la logica sia quella di controllare se la (singola) ultima convalida e' "tuttora valida" (*) e altrimenti se c'e' uno "slot libero" da convalidare.

(*) non so come sia implementato il divieto di seconda corsa in metro. Suppongo sia registrata anche la stazione di accesso ... ma se uno timbra prima in bus e poi entra in metro durante i 90 min, viene scritto qualcosa in memoria ?

Nelle tessere elettroniche a ogni validazione vengono scritti data, ora, stazione, linea e tipo di operazione (ingresso, uscita, mezzi di superficie) indipendentemente dal contratto caricato sulla tessera (abbonamento, carnet, ecc). Vengono memorizzate le ultime 6 validazioni con relativi dati. Per i biglietti magnetici suppongo che vengano memorizzate solo le validazioni che diminuiscono il numero di viaggi disponibili e, nel caso in cui siano più di una, viene tenuto solo il dato più recente.
lineagialla
 
Posts: 16
Joined: Wed 09 January 2019; 15:36

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby lineagialla » Fri 29 March 2019; 12:23

S-Bahn wrote:Per quanto sia economico un chip, sul singolo biglietto il costo di un chip e la quantità di palstica che gli fa intorno mi sembra improponibile.

Esistono anche biglietti RFID cartacei, che sarebbero anche più economici. Potrebbero essere una soluzione per la sostituzione di quelli magnetici.
lineagialla
 
Posts: 16
Joined: Wed 09 January 2019; 15:36

Re: Biglietti e abbonamenti... questi sconosciuti!

Postby S-Bahn » Fri 29 March 2019; 12:27

Ammetto che non lo sapevo. Evidentemente la parte chip e antenna è ormai così miniaturizzata ed economica da essere competitiva. Non so che potenzialità ha però in più della banda magentica quest'HW ridotto all'osso.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50942
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

PreviousNext

Return to Discussioni generiche sui trasporti milanesi

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 9 guests