Trenitalia (2014-2015-2016-2017-2018)

Trasporto ferroviario

Moderators: Hallenius, teo

Re: Trenitalia (2014-2015-2016-2017-2018)

Postby Trullo » Thu 10 January 2019; 12:14

La stazione centrale di Bari, seconda città del mezzogiorno e area metropolitana di circa mezzo milione di abitanti
- non ha un'edicola
- è pressochè priva di bar e negozi (acnhe se piazza Aldo Moro su cui si affaccia è abbastanza "viva")
- ieri e l'altro ieri aveva, in piena ora di punta, due soli sportelli "umani" di informazione e vendita biglietti (e anche poche biglietterie automatiche)
Particolarmente imbarazzante il paragone con una città di dimensioni simili che ho visitato alcuni mesi fa, Brema, la cui stazione è piena di negozi e di vita
"Il comunismo ha sbagliato, ma non era sbagliato.“ (Rossana Rossanda)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26659
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Trenitalia (2014-2015-2016-2017-2018)

Postby Carrelli1928 » Thu 10 January 2019; 12:36

S-Bahn wrote:Chi se ne frega dei RE, dei servizi ferroviari e della rete in generale.

Colpa di anni (una ventina, IMHO) di deterioramento del servizio ferroviario, inseguendo non l’efficienza (per cosa si spende) ma il risparmio (quanto, senza guardare il come).

L'importante è poter dire che ferma l'AV...

Visto quanto sopra, potrebbe non essere necessariamente un male: il Frecciarossa è il corrispondente moderno del Settebello ed il resto dell’AV di Stato è come i Rapidi degli anni d’oro, dal punto di vista dell’immagine pubblica.
Se si vuole convincere subito la gente ad usare il treno, bisogna dargli ciò che vuole.
Fermo restando che il piano a lungo termine dovrebbe essere far capire alla gente cosa vuole: ossia il servizio ferroviario che tutti qui sogniamo e che Stagni ha riassunto con semplici ma accurati tratti sul suo sito. È altrettanto vero che una maglia cadenzata alla mezz’ora di regionali effettuati con elettrotreni è destinata a rimanere uno spostapoveri a discapito delle migliori intenzioni, finché la vetrina del negozio FS rimarrà quella dei rami secchi, del servizio progettato sui turni anziché sull’utenza, della miopia generale, dei soldi dirottati in opere che non definisco mafiose soltanto per mancanza di prove fisiche. Qui ci colleghiamo al terzo punto:

...e soprattutto aprire i cantieri, che è sempre il vero scopo del gioco.

Ahi, quanto è vero!
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Previous

Return to Trasporto ferroviario

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 7 guests