Tokyo e Giappone

Moderators: Hallenius, teo

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Tue 05 December 2017; 17:44

Intuivo la difficoltà e aggiungo i miei complimenti, nella speranza che tu voglia insistere nell'impresa.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50254
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby skeggia65 » Sat 09 December 2017; 18:27

:clap: Buon lavoro!
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15017
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Tokyo e Giappone

Postby Coccodrillo » Sun 10 December 2017; 16:46

Sempre interessante quello che scrivre Fra :clap:
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia
Coccodrillo
Forum Admin
 
Posts: 13346
Joined: Sat 29 April 2006; 16:36
Location: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Sun 10 December 2017; 17:57

Non è certo l'ultimo dei pirla :wink:
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50254
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby LUCATRAMIL » Mon 11 December 2017; 15:09

fra74 wrote: Spesso si tratta più di una distinzione storica che non tecnica


Ah, ho capito come per la metropolitana di....
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!
LUCATRAMIL
 
Posts: 3316
Joined: Wed 02 August 2006; 13:40
Location: MILANO

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Mon 11 December 2017; 15:47

Beh nelle grandi aree metropolitane giapponesi, specie Tōkyō ma non solamente, nei fatti non esiste differenza tra linee ferroviarie suburbane e metropolitane visto che una buona parte delle linee metropolitane di fatto sono sostanzialmente dei passanti ferroviari in cui vengono istradati servizi ferroviari spesso di più operatori differenti. C'è un caso limite di servizi che percorrono ben 4(!!!) reti differenti e 3 prefetture, anche se in realtà forse sarebbe più corretto dire 3 visto che una delle reti è di una società che è di proprietà di un'altra, ma visto che hanno licenze differenti non credo sia un errore parlare di 4

Per inciso tenete conto che i video che ogni tanto propinano i media di "metropolitane" superaffollate a Tōkyō in realtà sono quasi sempre girati su reti ferroviarie suburbane in periferia
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24613
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Mon 11 December 2017; 16:15

Anche da noi i carichi più elevati sono in periferia.

O treni sono molto più pieni, per esempio, tra Lissone e Sesto che tra Sesto e Garibaldi
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50254
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Mon 11 December 2017; 16:19

Certo, ed è anche naturale ovviamente ;)
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24613
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby Trullo » Tue 12 December 2017; 20:13

Mi unisco ai complimenti e all'incoraggiamento a proseguire
Entro poi nel vivo dell'argomendo chiedendo lui su questa frase
"in Giappone il trasporto pubblico non riceve, di norma, contributi pubblici per coprire anche parzialmente i costi di esercizio"
Come è finanziato quindi? Quasi esclusivamente con i biglietti (che a quel punto mi aspetto, data la struttura dei costi sostanzialmente simile, più costosi che in Europa) o ci sono altre fonti(sponsorizzaziooni, ecc..?) e se magari le aziende (o lo stato tramite detrazione fiscale, facendo rientrare dalla finestra il contributo uscito dalla porta) finanziano come benefit gli abbonamenti dei loro dipendenti?
..Uscendo, Peppone si ritrovò nella cupa notte padana, ma oramai era tranquillissimo perché sentiva ancora nel cavo della mano il tepore del Bambinello rosa.
Poi udì risuonarsi all'orecchio le parole della poesia, che oramai sapeva a memoria. "Quando, la sera della Vigilia, me la dirà, sarà una cosa magnifica!" si rallegrò. "Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!".
User avatar
Trullo
 
Posts: 26053
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Wed 13 December 2017; 2:31

Il costo è coperto sostanzialmente solo dagli introiti dei documenti di viaggio. Di per sé il biglietto non costa poi tanto più di noi, almeno per le brevi distanze. Per esempio un viaggio sulla rete tramviaria di Toyama (prima città di cui parlerò) costa 200 Yen, cioè 1,50€ al cambio attuale. La vera differenza si ha su percorsi più lunghi in cui c'è molta meno progressività rispetto a noi e soprattutto negli abbonamenti, molto più costosi dei nostri rispetto al costo del biglietto singolo. C'è poi sostanzialmente assenza di integrazione tariffaria. Il costo del trasporto pubblico è previsto come benefit in praticamente tutti i contratti.

C'è poi una fonte di finanziamento indiretta che però riguarda principalmente i grandi operatori ferroviari. Quasi tutti gli operatori sono in realtà delle holding con interessi in vari campi: edilizia, divertimento (parchi giochi, cinema multisala, impianti sportivi, squadre sportive,...), centri commerciali, alberghi ecc... e quindi c'è parecchia sinergia. La presenza di centri attrattori aumenta ovviamente il traffico sulle linee ferroviarie e simmetricamente la presenza delle linee ferroviarie rende più attrattivi per esempio i quartieri costruiti e di conseguenza più costosi

Giusto per fare un esempio:

https://www.google.it/maps/place/Seibu+ ... 39.4205243

Quello che vedete dall'alto è uno stadio di baseball coperto. Di fianco c'è una pista da sci artificiale ed entrambe sono serviti da una ferrovia, una diramazione della linea Ikebukuro delle ferrovie Seibu. Provate ad indovinare chi è proprietario della squadra di baseball (e quindi dello stadio) e della pista da sci?

Se vi spostate ad est vedrete vicino ad un parco divertimenti e un campo di golf un'altra stazione ferroviaria, sempre delle ferrovie Seibu. Domanda ancora difficilissima, chi è il proprietario dei campi da golf e del parco divertimenti? :mrgreen:

E se vi spostate immediamente ad est vedrete un velodromo ed un'altra stazione. Indovinate un po'? :mrgreen:

Questo modello è ben spiegato in una puntata di Japan Railway Journal (trasmissione in inglese sulle ferrovie della TV di stato giapponese) in cui si parla delle ferrovie Hankyū

https://www.youtube.com/watch?v=Xz4bRYR5o18

Ad ogni modo questa struttura funziona (e piuttosto bene anche) nelle grandi aree metropolitane, ma per le piccole città o le linee ferroviarie secondarie ovviamente non funziona. Qui la situazione è molto varia ed entra anche in gioco il cosiddetto "terzo settore". Si tratta cioè di società nate con una partnership pubblico-privato. Inizialmente il pubblico si comportava unicamente come azionista, andando eventualmente a coprire i buchi di bilancio, ma di recente sta prendendo piede un'organizzazione un po' più vicina alla nostra, con una separazione verticale: il pubblico si assume i costi della manutenzione dell'infrastruttura mentre il privato si assume il rischio di impresa del servizio. Lo vedremo già nel primo articolo con la "light rail" di Toyama (che non a caso ho scelto per prima 8--) )
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24613
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Wed 13 December 2017; 15:23

Un modello del genere funziona nelle grandi città a mio avviso per tre o quattro ragioni, a parte l'intelligenza delle sinergie di cui scrivevi.

I tre motivi sono poi sostanzialmente uno, ovvero il monopolio del TPL per la quasi impossibilità di usare l'auto.
A cui si aggiungono le lunghe distanze con la non progressività delle tariffe, la non integrazione e i ridotti sconti sugli abbonamenti.

Tutti modi per vendere caro un prodotto di monopolio.
Dove non c'è monopolio non sta in piedi.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50254
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby Trullo » Wed 13 December 2017; 16:11

Io penso che anche l'abbonamento pagato dall'azienda come benefit abbia un peso non indifferente (e a proposito di benefit sto facendo fatica a far capire al mio capo, americano, che in Italia l'auto aziendale ce l'ha anche l'ultimo dei pirla)
..Uscendo, Peppone si ritrovò nella cupa notte padana, ma oramai era tranquillissimo perché sentiva ancora nel cavo della mano il tepore del Bambinello rosa.
Poi udì risuonarsi all'orecchio le parole della poesia, che oramai sapeva a memoria. "Quando, la sera della Vigilia, me la dirà, sarà una cosa magnifica!" si rallegrò. "Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!".
User avatar
Trullo
 
Posts: 26053
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Wed 13 December 2017; 16:43

Io sono quello che viene dopo l'ultimo
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50254
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby GLM » Wed 13 December 2017; 19:41

qua non si riesce nemmeno ad avere l'abbonamento incluso nel badge universitario, cosa invece normalissima in molti Paesi europei :roll:
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16880
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Tokyo e Giappone

Postby Astro » Wed 13 December 2017; 20:23

Io mi sa che sono dietro S-Bahn e così tutti i miei colleghi...
Astro
 
Posts: 3717
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

PreviousNext

Return to Trasporti urbani all'estero

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests