Trasporti a Milano

Oggi è ven 19 gennaio 2018; 15:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 150 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 13 aprile 2015; 15:19 
Non connesso

Iscritto il: mer 02 agosto 2006; 13:40
Messaggi: 3269
Località: MILANO
^^

_________________
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 13 aprile 2015; 15:40 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49784
Località: Monza
Io invece non sarei per nulla d'accordo.
L'istituzione delle Province in Italia, come altrove ovunque esista un ente intermedio dello stesso tipo, non è una scelta dei comuni ma una scelta istituzionale.
Nel momento in cui (molti decenni fa) si decide di avere questo ente intermedio gli si assegnano competenze e le necessarie risorse, tramite trasferimenti e/o tramite autonomia fiscale.
Nel momento in cui, a mio avviso demagogicamente ma comunque legittimamente, si decide che questo ente non serve più, si riassegnano le competenze ad altro ente assieme alle risorse necessarie a svolgere le competenze, o comunque le risorse che si ritiene di potere sostenere.

La cosa che invece non funziona è questa sottospecie di riforma in cui le province non vengono abolite, viene abolito solo il controllo democratico sulle stesse che da enti di elezione diventano enti di nomina, e soprattutto le competenze non vengono chiaramene traferite ad altro ente, ma rimangono sostanzialmente in capo alle province demandando alle Regioni una parziale redistribuzione delle risorse, a questo punto potenzialmente diverse per ogni regione.

Nel frattempo si dà qualche forte botta alle risorse con una manovra che di fatto mette le province non più in condizione di garantire i servizi, senza che questi siano posti in capo ad altro ente. Questo modo di fare "va bene" solo se chi l'ha deciso ha deciso che si può fare a meno di fare girare gli autobus, di riasfaltare le strade che si sgretolano e di aggiustare i tetti delle scuole che fanno acqua con tutte le altre necessità dell'edilizia scolastica ma contemporaneamente ha deciso di nascondersi provando a scaricare su altri la responsabilità per le conseguenze.

Non mi associo a chi sembra fregarsi le mani di un simile sfascio istituzionale da cui non nasce nulla di buono.
E non sono neppure d'accordo sul fatto che gli enti intermedi possano essere una germinazione da accordi tra i comuni, anche con risorse dei comuni che d'ogni buon conto sono sempre risorse pubbliche. Se un ente intermedio serve lo si istituisce con regole certe. Di consorzi, consorzioetti coi loro CdA e di comunità montane, magari in pianura, ne abbiamo visti abbastanza, e tra l'altro l'aumento di questa zona grigia e senza controlli è proprio uno dei rischi dell'eliminazione o castrazione delle province.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 13 aprile 2015; 15:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 30 ottobre 2007; 10:40
Messaggi: 25897
Località: Paderno Dugnano
:clap:

_________________
Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 13 aprile 2015; 15:47 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Sottoscrivo pienamente.
Tanto per dire, una provincia che conosco spende circa € 20 milioni all'anno per il Tpl, di cui 14 derivano da assegnazione regionale e 6 da risorse proprie.
Dunque:
- se Regione Lombardia decidesse - al momento non è avvenuto - di riprendersi la competenza sul Tpl, dovrebbe anche indicare se intende stanziare quei 6 milioni aggiuntivi;
- se il Tpl rimanesse in capo alla Provincia, i tagli imposti dalla legge di stabilità finirebbero per intaccare quei 6 milioni.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 13 aprile 2015; 20:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 11 maggio 2014; 13:20
Messaggi: 4044
Località: Provincia di Parma
Una che investe molto nei trasporti è Brescia.
In questo caso se tutto tornasse in mano a RL per la provincia di Brescia sarebbe un orrore mentre la provincia confinante sarebbe pure contenta, anche perchè peggio di così non può andare


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mar 14 aprile 2015; 0:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 25 gennaio 2007; 13:56
Messaggi: 10048
Località: Milano Provincia
Nulla in contrario a che nel sistema istituzionale sia prevista e rimanga la provincia. Ma le istituzioni delle province, come per altro si fa adesso, è frutto dell'iniziativa dei comuni. L'unica cosa che cambia è che se la pagano loro, coloro che la vogliono.
Finora le province, alla maniera italiota di percepire le istituzioni, e per l'accentramento finanziario, sono solo state il grimaldello per scucire allo stato soldi, a prescindere dalla effettiva utilità e capienza finanziaria: tanto paga pantalone. Con l'aggiunta di un campanilismo becero.
Il "controllo democratico" è solo una foglia di fico con cui si creano organi di controllo inutili. Il controllo democratico diretto ci deve essere solo per due motivi: l'ente eletto fa leggi, l'ente eletto impone tasse, al quale aggiungo un terzo motivo: amministra giustizia.
Come pagano i costi della provincia chi le vuole? Facciano come gli pare, tramite imposte o tramite previsioni di bilancio degli enti fondatori fa lo stesso, basta che il tutto sia intercluso. Ovviamente nel primo caso l'elezione di un consiglio è d'obbligo. Nel secondo il controllo è dei sindaci o del governatore.
C'è il rischio che si generi una "zona grigia"? Certo, basta che se la paghino coloro che la vogliono/creano. È ora di finirla di credere che le cose più sono regimentate e maggiore è la facilità di controllo. È solo un controllo politico, non democratico, che non risponde a nessuno e costa e basta, dando potere alla politica in se, fine a se stessa e corrotta.

In ogni caso è ovvio ed inevitabile che lo svuotamento "politico" delle province porti a risultati tanto diversi tra provincia e provincia quanto diverse erano le politiche adottate: l'ente che subentra, la regione per esempio, non può oggettivamente agire in maniera diversa da ex-provincia in ex-provincia, tanto varrebbe lasciarle come sono.
La provincia che ha in bilancio 14+6 milioni per il TPL i suoi 6 milioni da dove li prende?
Per inciso: è del tutto evidente che il rapporto 14:6 è esattamente il contrario di come dovrebbe essere. Se il maggiore contribuente è la regione, allora sia lei a fare la programmazione, le scelte politiche e la loro esecuzione. A che serve la provincia? Solo a far diventare quei 14 milioni originali, 10-8-6 milioni veramente efficaci perchè sono soldi che passano per troppe mani.
Noto una incipiente aterosclerosi nel non riuscire a concepire un sistema diverso, sempre pronti a trovare motivi per lasciare le cose come stanno o criticare ferocemente i difetti, in parte oggettivi, e trovarne altri artatamente.

Chiudo: gli enti intermedi servono, ma non sono obbligatori, ne un diritto che ogni gruppo di cittadini può pretendere.

_________________
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mar 14 aprile 2015; 12:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49784
Località: Monza
La programmazione della gomma affidata alle province è una scelta operativa delle regioni ed è indipendente da chi paga. A torto o a ragione (io spesso penso più a torto che a ragione) si è ritenuto che l'intero comparto delle autolinee fosse meno gestibile se tutto in capo alla regione. D'altra parte la regionalizzazione del trasporto ferroviario è in condizioni simili. La maggior parte delle risorse vengono dai trasferimenti statali ma la gestione è regionale.
Ma mi sembra di capire che prevalgano motivi di acredine e la vuota soddisfazione di farla pagare a chissà chi piuttosto che considerazioni di funzionamento dei servizi e di coerenza del quadro istituzionale.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mar 14 aprile 2015; 12:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 25 gennaio 2007; 13:56
Messaggi: 10048
Località: Milano Provincia
Sull'acredine sono d'accordo, ma c'è anche buona dose di speculazione politica.
Mi sta bene che le province programmino il trasporto su gomma, ma a questo punto dispongano delle risorse fiscali dirette (se elettive) da cui attingere per la parte maggiore della spesa, con una parte minore di perequazione regionale. Idem le regioni con i soldi dallo stato (comunque già in parte fiscalizzati).
A meno che, come auspico, le province diventino una semplice"divisione" amministrativa della regione, allora il rapporto va bene "14:6". Anzi: "20:0" :!:
Non so se mi spiego.

_________________
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 27 aprile 2015; 17:05 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Trasporto Pubblico in Brianza: i Sindaci chiedono investimenti adeguati. In Provincia il punto sul prolungamento delle due metrotranvie e della metropolitana. - Adnkronos


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: lun 27 aprile 2015; 17:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49784
Località: Monza
A costo di essere noioso ripeto che il problema vero non è tanto (anche ma secondariamente) la difficoltà a finanziare nuove infrastrutture, ma quello di non riuscire più a pagare il servizio oggi, senza spese di esercizio aggiuntive sulle nuove infrastrutture.
Nell'intervento di Gigi Ponti questo problema delle riduzioni di risorse per il servizio viene detto, ma non è che se non abbiamo i sodi per gli autobus risolviamo il problema costruendo metropolitane.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mer 29 aprile 2015; 16:26 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Sono totalmente d'accordo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: gio 17 settembre 2015; 10:43 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Da "Il Cittadino" del 17/9/2015

Una decina di giorni o poco più: è quanto resta ad amministratori e tecnici di via Grigna [sede della Provincia] per chiudere il Bilancio 2015. (...) Nei piani dei progetti ancora in sospeso, smagriti di stagione in stagione, rimarrebbero solo gli ammodernamenti delle metrotramvie Milano-Limbiate e
Milano-Desio-Seregno. (...) La scure, di conseguenza, non potrà che colpire i pullmann: a fine anno scadranno gli appalti per le corse nel vimercatese e nella zona Ovest della Provincia, che rischiano
di essere sforbiciate del 24%.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mer 23 settembre 2015; 10:28 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Un altro paio di giorni e in Provincia di Monza e Brianza le tappe di avvicinamento all'approvazione del Bilancio saranno più nitide. I termini per la chiusura del preventivo 2015 scadono il 30 settembre: quasi tutti salvi i dipendenti in soprannumero, in pericolo i trasporti. http://www.ilcittadinomb.it/stories/Cro ... 142179_11/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mer 23 settembre 2015; 11:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49784
Località: Monza
Che piaccia o meno è stata presa una decisione governativa e a scendere fino ai comuni.
In questo paese o si lasciavano a casa una consistente fetta di dipendenti pubblici e si continuavano a erogare i servizi, oppure non si interveniva sulla composizione della forza lavoro e si dimezzavano i servizi.
E' evidente che si è deciso di andare sulla seconda strada. Tra l'altro, anche nel massacrato settore del TPL, la maggior parte delle azienda di una certa dimensione (escludendo casi particolarmente decotti di Roma e Genova) non sono mai stati così floridi, con TN e FN in attivo.
Lacrime e sangue sì, ma solo ed esclusivamente per gli utilizzatori dei servizi.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: tagli
MessaggioInviato: mer 23 settembre 2015; 14:52 
Non connesso

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 20:59
Messaggi: 12064
Località: terminaaa
Mi sembra una concezione superficiale e anche abbastanza stupida.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 150 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010