progetti abbandonati ...

Tutto il resto, comprese le altre aziende delle province di Milano e Monza

Moderators: Hallenius, teo

Re: progetti abbandonati ...

Postby Hallenius » Thu 06 October 2016; 20:07

Neanche una fonte citata però:
Seishin-Yamate Line wrote:On January 17, 1995, the Seishin-Yamate Line was damaged in the Great Hanshin earthquake. The day after the earthquake, limited services resumed between Seishin-Chuo and Itayado; full service was restored to the entire line in March 1995 after repairs were completed.

Per carità, neanche Desalvo mette fonti e cita nomi, ma non mi pare che wiki sia molto esaustiva al riguardo.

Anche Wiki FR riporta la chiusura della linea, addirittura fino al 21 luglio 2015... anche qui nessuna fonte.
Ligne Seishin-Yamate wrote:La ligne a été fermée du 18 janvier au 21 juillet 1995 à la suite du séisme de 1995 à Kobe.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1371
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: progetti abbandonati ...

Postby fra74 » Thu 06 October 2016; 23:15

Mi sono arreso a cercare di capire qualcosa dalla wiki giapponese quando google translator ha parlato di sospensione del digiuno :P
Scherzi a parte da quello che ho capito linea riaperta a febbraio ma non con tutte le fermate operative. Riapertura a fine marzo mentre a luglio sarebbero stati riattivati i servizi espressi (si usa il termine kaisoku che significa rapido)

Comunque chiariamo, a me non interessa sapere il nome del fantomatico professore, tanto non li conosco, ma è proprio tutto il tenore dell'intervento che trovo discutibile. Liquidare in toto i problemi di sicurezza in galleria (e per fortuna che è un ingegnere minerario), che per altro furono uno dei motivi per cui si decise che il tunnel della Manica fosse solo ferroviario (e un incidente c'è stato come ci sono stati seri incidenti ferroviari in altre gallerie), trascurare la questione degli interventi in galleria ad Oakland, anche ammesso che lui si riferisse al terremoto di Los Angeles beh insomma c'è un terremoto vicino ad una galleria ferroviaria/metropolitana che ha portato a dubbi sulla sua tenuta tanto da arrivare a fare costosissimi interventi di retrofit, anche se da qualcuno ritenuti non necessari beh a me pare sia una cosa da tenerne conto se si vuole fare un confronto sereno e serio. Se poi ci aggiungiamo che nel caso specifico di Messina se non sbaglio una eventuale galleria (vale pure per il ponte per carità) andrebbe ad intersecare delle faglie attive che sono sostanzialmente orientate più o meno longitudinalmente allo stretto beh io tutta questa sicurezza che un tunnel sarebbe intrinsecamente sicuro non ce l'ho bontà sua.

Inoltre se in generale un tunnel è da tutti i punti di vista più sicuro e meno costoso di un ponte com'è che in molte situazioni in cui le scelte erano entrambe praticabili (cosa non vera per esempio nella Manica a meno di costruire una serie di isole artificiali e lo stesso vale in Giappone tra Hokkaidō e Honshū dove è stato costruito il tunnel Seikan) ci si è spesso orientati per ponti? Vedi Turchia, vedi collegamenti tra Honshū e Shikoku dove sono stati realizzati non uno ma tre sistemi di ponti per collegare un'isola con dimensioni e popolazione paragonabile alla Sicilia? E parlo di due tra le zone più sismiche al mondo...

Poi per carità ci sono tutta una serie di incognite che non nego, ma è proprio il tono di quest'intervento con tutta una serie di omissioni che proprio non mi piace...
Last edited by fra74 on Fri 07 October 2016; 0:21, edited 1 time in total.
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24573
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: progetti abbandonati ...

Postby skeggia65 » Fri 07 October 2016; 0:04

Ragazzi, capisco che i collegamenti tra Italia e Sicilia partono da Villa san Giovanni.
Però si tratta di quella in Calabria, non quella tra Precotto e Sesto Marelli.
Non credete di essere un po' OT?
Saranno più o meno un migliaio di chilometri, in linea d'aria...
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14919
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: progetti abbandonati ...

Postby fra74 » Fri 07 October 2016; 0:07

Ah cavolo e io che pensavo si parlasse di un nuovo collegamento a servizio del deposito di Messina :divano: :mrgreen:
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24573
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: progetti abbandonati ...

Postby skeggia65 » Fri 07 October 2016; 0:56

:lol:
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14919
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: progetti abbandonati ...

Postby skeggia65 » Fri 07 October 2016; 1:12

Così? :divano: :mrgreen:

Image
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14919
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: progetti abbandonati ...

Postby fra74 » Fri 07 October 2016; 1:20

Esatto! proprio quello intendevo! :divano:
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24573
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: progetti abbandonati ...

Postby Lucio Chiappetti » Fri 07 October 2016; 10:26

fra74 wrote:Liquidare in toto i problemi di sicurezza in galleria

Per curiosita' sollecitato da questo thread sui ponti sono andato a guardare quello tra Danimarca e Svezia e quello dello Store Belt e ho scoperto con sorpresa che sono meta' ponti e meta' tunnel ...
There Is No Cloud It's Just Someone Else's Computer
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4401
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: progetti abbandonati ...

Postby Trullo » Fri 07 October 2016; 11:10

Seriamente, va anche considerato l'aspetto architettonico-monumentale, oltre aquello psicologico, basato sul significato simbolico di "ponte" (nel linguaggio figurato quando si parla di cercare di conciliare posizioni diverse si dice "gettare un ponte", non "scavare un tunnel" :mrgreen: ). Una galleria va sottoterra e non la vede nessuno, un ponte ha una sua valenza anche dal punto di vista estetico, e rimane lì tutti i giorni, visibile a tutti. Magari progettato da un architetto famoso, che sogna di legare la sua fama, anche nel lungo periodo, a quella del ponte (stassa cosa potrebbe valere per il politico sotto il cui governo iniziassero i lavori, che magari una volta morto riceverà pure l'inititolazione del manufatto..) Naturale qundi che ci sia una certa pressione a parità di condizioni per un ponte più che per una galleria
Signor Finch, se fosse stato negro avrebbe avuto paura anche lei
User avatar
Trullo
 
Posts: 25978
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: progetti abbandonati ...

Postby S-Bahn » Fri 07 October 2016; 14:21

Questo è quello che diceva anche il più o meno emerito professore.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50045
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: progetti abbandonati ...

Postby Hallenius » Fri 07 October 2016; 16:05

@fra74
Alla questione della sicurezza aggiungerei la problematica dei fumi di scarico in un tunnel autostradale che dovrebbe essere lungo almeno 32 km.
Per quanto riguarda Oakland credo che sia anche da considerare un altro aspetto:
Da quello che scrivi il tunnel ha resistito al terremoto evitando che vi fossero vittime, per quanto riguarda il discorso sicurezza in senso stretto possiamo dunque dire che l’infrastruttura abbia svolto egregiamente il suo lavoro. Trovo che ciò non sia necessariamente collegato al discorso “agibilità” post evento traumatico cui devono invece essere collegate eventuali valutazioni comparative sulla resistenza ad eventi sismici di ponti e tunnel al fine di ottimizzare l’investimento.
Il discorso faglie come hai ben scritto vale egualmente sia per il ponte che per il tunnel.
Per quanto riguarda i ponti della Turchia vorrei rimarcare che sotto al Bosforo c’è anche un tunnel di 14 km oltre al fatto che il primo ponte è del '73 ed il secondo dell'88 mentre il terzo è stato realizzato come opera simbolo del potere di Erdogan, inoltre recentemente si è scelta la tipologia tunnel per il Fehmarnbelt (tunnel di tipologia differente rispetto a quella proposta per lo stretto) cassando l’idea del ponte che pure era stata presentata.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1371
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: progetti abbandonati ...

Postby fra74 » Sat 08 October 2016; 15:37

Questione Oakland: certo se guardiamo alla sicurezza durante un terremoto d'accordo, ma se guardiamo all'integrità dell'opera durante la sua vita utile beh mi sembra che Oakland dimostri che non è assolutamente vero che i tunnel se la caverebbero senza problemi. E quanto si è speso non mi pare siano proprio bazzeccole...

C'è poi la questione dell'impatto ambientale. Ridurre tutto la questione ad un mero aspetto estetico, dove per altro spesso i ponti non se la cavano poi così male mi pare ridicolo. Tanto più se il discorso viene da un ingegnere minerario che dovrebbe ben conoscere i problemi ambientali legati possibili inquinamenti o compromissioni delle falde (il Mugello non dice nulla?) o di smaltimento di eventuali terre con materiali pericolosi (Arcisate-Stabio...). Non conosco la geologia dello stretto però mi limito a ricordare che non molto lontano da lì sulle pendici dell'Etna c'è forte presenza di asbesto. Fermo restando che ovviamente problemi ambientali ci sarebbero con il ponte, magari di natura diversa

Per quanto riguarda infine il Fehmarnbelt parliamo di un canale largo quasi 20 km. È ovvio che in queste situazioni la realizzazione di un ponte diventa problematica (vedi anche il caso dell'Øresund dove si è realizzato ponte+isola artificiale+galleria). Per altro ti faccio presente che partivo da una premessa che mi pareva chiara :roll:

situazioni in cui le scelte erano entrambe praticabili (cosa non vera per esempio nella Manica a meno di costruire una serie di isole artificiali e lo stesso vale in Giappone tra Hokkaidō e Honshū dove è stato costruito il tunnel Seikan)
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24573
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Previous

Return to Discussioni generiche sui trasporti milanesi

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests

cron