Trenord (2017)

Trenitalia, Trenord, TILO

Moderators: Hallenius, teo

Re: Trenord (2017)

Postby Stone » Thu 14 May 2020; 17:44

Ciao a tutti, segnalo che da settimana prossima Trenord ripristina molte corse. Come sempre predilige linee a maggior traffico :( ma anche su queste in maniera arbitaria (esempio S9, ripristinano 6 turni su 8) lasciando buchi un po' ovunque.
Non ho ben capito dall'articolo cosa intendano fare al 31 maggio, l'ordinanza di RL sembra abbastanza chiara anzi parla di potenziamenti. Trenord non può sfruttare il materiale vecchio e nuovo che sta arrivando?

Qui il link:
http://www.trenord.it/it/orari/scarica-orario-ferroviario-15-dicembre-2019.aspx
Stone
 
Posts: 32
Joined: Sat 21 November 2015; 11:34

Re: Trenord (2017)

Postby luca » Thu 14 May 2020; 18:31

Questa roba fa schifo.
Non c'è altro da aggiungere.
I turni che non potevano coprire, gli hanno sfilati. A caso. Senza considerazioni di nessun tipo.
Fiero utente abituale del TPL
Viva il trasporto pubblico moderno!
User avatar
luca
 
Posts: 8749
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)

Re: Trenord (2017)

Postby Andre98-b » Thu 14 May 2020; 21:26

Ho trovato pure quest'articolo oggi :
"Fnm, ha chiuso il primo trimestre 2020 con ricavi pari a 71,7 milioni di euro (-1,3%). Negativo invece per 7,5 milioni il risultato delle società collegate. Nel dettaglio Trenord ha registrato un utile netto negativo per 16 milioni di euro rispetto ai 0,4 milioni del precedente esercizio. I ricavi sono diminuiti del 16% a 172,6 milioni di euro, il margine operativo lordo è calato da 13,5 a -7,6 milioni di euro."
https://it.finance.yahoo.com/notizie/fn ... 20313.html
Andre98-b
 
Posts: 19
Joined: Sun 18 March 2018; 16:00

Re: Trenord (2017)

Postby Mazzu » Thu 14 May 2020; 22:49

I conti sono un disastro ed è giusto che tutti ne siano consapevoli.

Ma lo Stato e la UE a questo servono, giusto?
User avatar
Mazzu
 
Posts: 3717
Joined: Thu 25 July 2013; 16:37
Location: Saronno

Re: Trenord (2017)

Postby GLM » Fri 15 May 2020; 0:31

Stone wrote:esempio S9, ripristinano 6 turni su 8) lasciando buchi un po' ovunque.[/url]


Quindi si torna alla situazione dello scorso inverno, quando i buchi venivano lasciati con la scusa della sanificazione dei materiali (che, sono pronto a scommettere, non è stata lontanamente fatta).
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 17042
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano NoLo - M1, 1, 55, 56, 62, NM1

Re: Trenord (2017)

Postby serie1928 » Fri 15 May 2020; 8:08

Mazzu wrote:I conti sono un disastro ed è giusto che tutti ne siano consapevoli.

Ma lo Stato e la UE a questo servono, giusto?

Servono a questo forse in tempi normali, ma non accumulano risorse per gestire una crisi generalizzata come questa. Si potrebbe ricorrere al debito, peccato che lo stato italiano ha grossi limiti per poterne fare di più, mentre la EU non ha questo scopo, almeno fino a quando i singoli paesi non saranno armonizzati. Fino ad allora nessun paese è disposto ad accollarsi i debiti di altri.
La coperta, per quanto lunga, in questa situazione è e sarà troppo corta, anche per paesi robusti come la Germania.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10938
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Trenord (2017)

Postby Stone » Sat 16 May 2020; 11:00

Trenord ha rilasciato un aggiornamento per l’app, ora mostra le percentuali di riempimento e sopratutto dice se è un dato stimato o misurato.
Per i dati stimati su cosa si basano? Acquisto dei biglietti online e/o stima dal personale di bordo?
Interessante i dati real time, significa che per alcuni treni esiste un dispositivo che comunica continuamente da bordo a terra il riempimento letto dai contapasseggeri? Come mai questo tipo di rilevazione è attiva solo su alcune corse ma non su altre, pur essendo effettuate da treni appartenenti alla stessa famiglia?

Data l'esistenza di questa informazione, un’evoluzione potrebbe essere veicolare i passeggeri in attesa nelle stazioni verso le carrozze più vuote? Penso a stazioni come il passante, che sono già dotate schermi che indicano la lunghezza del treno (tra l’altro perché funzionano solo per alcune corse in maniera piuttosto casuale?). Non si potrebbero usare quegli schermi a questo scopo?
Stone
 
Posts: 32
Joined: Sat 21 November 2015; 11:34

Re: Trenord (2017)

Postby Mazzu » Sat 16 May 2020; 11:06

Per la stima utilizzeranno un modello statistico. FFS lo fa da anni. Ammetto di non conoscere ulteriori dettagli.

Quanto al real time, ci sono tre casi:
- Elettrotreni (non tutti) a cui sono stati installati i contapasseggeri
- Singole, ma non poche, vetture MD e PR a cui sono stati installati i contapasseggeri senza garantire la copertura completa del convoglio
- Caravaggio che ha già installato il contapasseggeri del tipo Trenitalia, comunque interfacciato con l'app Trenord
User avatar
Mazzu
 
Posts: 3717
Joined: Thu 25 July 2013; 16:37
Location: Saronno

Re: Trenord (2017)

Postby S-Bahn » Sat 16 May 2020; 18:55

L'acquisto dei biglietti dice ben poco, soprattutto adesso che è passato il messaggio "zero controlli, si viaggia gratis".
Ma anche sui dati ricavati dal contapasseggeri ho forti dubbi sul fatto che in Trenordi siano capaci di farli fuzionare. In tutte le carrozze in arrivo da Trenitalia con l'Oboe funzionate, questo viene disattivato perché non sono capaci di farlo funzionare e di caricare i dati.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51850
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Trenord (2017)

Postby Lucio Chiappetti » Sat 16 May 2020; 20:37

S-Bahn wrote:è passato il messaggio "zero controlli, si viaggia gratis"

Anche in altri paesi europei ... so di un fratello che ha fatto parte del viaggio in prima classe (su un treno semivuoto) con la sorella che ha un permanente delle ferrovie nazionali
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 4990
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Trenord (2017)

Postby crossway » Sun 17 May 2020; 21:12

In questo breve filmato è accennato qualcosa circa il calcolo del riempimento
https://youtu.be/ryzsvCSW2Gs
crossway
 
Posts: 91
Joined: Tue 18 February 2014; 15:51

Re: Trenord (2017)

Postby alex88 » Mon 18 May 2020; 11:07

Mi chiedevo come mai non riescono a riprendere il servizio su alcune linee... fino a marzo come hanno fatto?? Hanno mandato tutto a demolire in questi 2 mesi.. boh
È anche vero che il ritardo di mesi nella consegna dei treni nuovi non aiuta.
alex88
 
Posts: 32
Joined: Mon 08 October 2018; 15:48

Re: Trenord (2017)

Postby S-Bahn » Mon 18 May 2020; 17:36

Hanno anche demolito ma soprattutto l'emergenza covid è stata una grande occasione per portare avanti le politiche di distruzione del sistema.
I comitati hanno appena prodotto un comunicato a riguardo.



Al Presidente Fontana e all'Assessore Terzi

Abbiamo assistito, allibiti, all'audizione in commissione V dell’Amministratore Delegato di Trenord, avvenuta in data 14/05/2020, in cui si è illustrata la strategia dell’azienda ferroviaria per la fase “post-covid”.

Siamo rimasti sconcertati del fatto che l’obiettivo primario di Trenord sia quello di ridurre le corse, scritto chiaramente al primo punto di una delle slide presentate. La diminuzione delle corse in esercizio verrebbe compensata – sempre secondo il piano dell’azienda – dall'aumento della capacità del materiale. Tale affermazione risulta del tutto incoerente per diversi motivi:

• Su gran parte della rete primaria lombarda, le corse hanno già tutte (o quasi) raggiunto il livello di saturazione della capacità di trasporto per singolo treno, e spesso sono già al massimo della composizione ammessa dall'infrastruttura;

• Laddove ci sia la possibilità di incremento della capacità della singola corsa, ciò può avvenire solo nel caso in cui si abbia a disposizione materiale rotabile compatibile. Questo tuttavia al momento scarseggia, come sapete bene;

• Sulle linee con minor traffico, la diminuzione di frequenza di servizi già poco frequenti, porterebbe inevitabilmente ad innescare quella spirale di disincentivazione dell’utenza per mancanza di servizio con conseguente ulteriore difficoltà di sostentamento in termini economici. Questo purtroppo è già accaduto nei decenni scorsi portando alla chiusura di molte linee (cd “rami secchi”) che oggi rimpiangiamo.

Tutto ciò, ovviamente, a discapito di quella logica di sistema che, faticosamente, la vostra (e nostra) Regione Lombardia aveva costruito negli anni e che stava dando frutto. Rimodulare gli orari, spostare i capolinea, diminuire le corse, significa infatti non solo distruggere il cadenzamento e le coincidenze ma anche quella facilità di utilizzo del sistema, basato su linee ed orari (quasi) certi che sino ad ora consentiva ai cittadini lombardi di fare affidamento sul treno per i propri spostamenti.

E’ sin troppo evidente che le azioni che Trenord dichiara di voler mettere in atto per fronteggiare l’emergenza hanno ben poco a che fare con l’obiettivo di salvaguardare gli interessi dei cittadini, ma rispondono al solo scopo di recuperare quelle risorse di personale che, nonostante le dichiarazioni rassicuranti da parte della dirigenza, in Trenord continuano a scarseggiare.

L’intenzione di “assicurare il 100%” dei posti offerti risponde anch'essa ad una errata logica di razionalizzazione, che punta non a fornire il servizio quando serve all'utenza (che ha bisogno del treno anche nelle ore di mezza punta e di morbida, specie nella logica di dilazionare gli orari), ma quando fa comodo alle linee aziendali (e politiche). Questo in palese contrasto con quanto richiesto, sia dal Presidente Fontana che dall'Assessore Terzi, in tema di scaglionamento dell’orario di lavoro. Come è possibile riconfigurare gli orari di entrata e uscita dagli uffici, dai negozi, dalla scuola e dall'università se poi non vengono garantiti treni in fascia di morbida?

L’inefficacia organizzativa e il fatto che non vi sia una precisa volontà di adeguare il servizio alla “Fase 2” è comprovata anche dal fatto che, a distanza di ormai due settimane dalla ripartenza, continuano a scarseggiare le dotazioni di prevenzione sanitaria e le indicazioni su alcuni treni e in molte stazioni.

Mentre le strade sono ormai praticamente già piene - indice che la gente ha già ricominciato a spostarsi preferenzialmente con l’auto - nulla invece è stato detto in audizione, da parte di Trenord, a proposito di come ricostruire il rapporto di fiducia dei viaggiatori e dei pendolari in modo che questi tornino a salire sui treni. Forse perché essa dipende troppo da quelle caratteristiche del servizio che, nonostante le dichiarazioni rassicuranti, il gestore ferroviario non è in grado di assicurare, a partire dal ripristino del 100% delle corse, ma anche e soprattutto dall'affidabilità, che anche in questi primi giorni di ripresa lascia molto a desiderare, nonostante i pochi treni in circolazione.

Con questa lettera chiediamo a voi, in qualità di Presidente, Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile e Consiglieri Regionali di Regione Lombardia, se è questa la vostra visione di servizio ferroviario regionale, dove l’offerta viene costruita sulla base di interessi aziendali e non basandosi sulle necessità dei cittadini lombardi. L’emergenza data dal Coronavirus passerà, ma gli effetti di scellerate decisioni sul servizio ferroviario regionale rischiano di rimanere per anni.

Augurandoci di poter presto avere un confronto diretto con voi su questi temi, porgiamo cordiali saluti.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51850
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Trenord (2017)

Postby mr_coradia » Mon 18 May 2020; 23:20

Vorrei riportare la mia esperienza di viaggio su FNM dato che immagino che molti ancora si trovino in smartworking (forse da oggi qualcuno in meno) e un mio punto di vista su sanificazione.
Ho viaggiato venerdì 15, in direzione Milano su R 12018 (6:50 da Varese), con doppia di TAF anziché TSR R6 (mi pare) da turno precovid. Treno semivuoto, ad ogni stazione salivano 5 massimo 10 persone (ho visto che anche sul RE 2016 c'era poca gente). Treni all'apparenza "puliti". Flussi nella stazione di Cadorna ben gestiti.
Al ritorno, 10059 (16:39 da Cadorna) anzitutto binario mostrato a tabellone alle 16:32 con conseguente leggero affollamento (forse non grave ma sicuramente evitabile) dei viaggiatori in attesa, che si sono posizionati tutti nell'area interna ai tornelli ad aspettare. La doppia di TAF che ci attendeva era lercia come lo schifo, specie il TAF 002 in testa. Specifico che il materiale era già al binario da quando sono arrivato io (16:28) e nessun pulitore si sia visto né sentito. Il treno mi sembrava ancora disabilitato visto che le porte sono state aperte verso le 16:35 con luci ancora spente. Ho paura che sanifichino a volte solo in deposito, poco frequentemente, ma soprattutto sullo SPORCO, giusto per l'onere di poter dire "noi l'abbiamo fatto". Che senso ha spruzzare igienizzanti (sempre che sia effettivamente stato fatto) su sedili e pavimenti sporchi?
User avatar
mr_coradia
 
Posts: 485
Joined: Sun 29 May 2016; 16:04
Location: Provincia di Varese, Lombardia, IT

Re: Trenord (2017)

Postby Andre e Paola » Sun 24 May 2020; 19:53

La mia esperienza di questi giorni è l'esatto opposto.
Ovvero: treni sicuramente più puliti di prima. Alcuni tirati a lustro ed altri con qualche dettaglio migliorabile ma comunque effettivamente puliti.
Ad ogni capolinea effettuano una sanificazione delle parti a maggior contatto con le mani (pulsanti porta, maniglie, braccioli) mentre dicono di effettuare diverse tipologia di disinfezione e igienizzazione in base alle soste dei rotabili (e posso anche crederci dato che la cosa più scomoda sicuramente è quella delle brevi soste che effettivamente fanno).

Sul discorso composizioni, fuori da FNM non ho visto potenziamenti di chissà quale portata, con ampio problema che i treni verso il sud Milano sono già pieni in questi giorni e non oso pensare a breve...

Ottima situazione per ora anche della climatizzazione, anche se non vorrei parlare troppo presto.
Andre e Paola
 
Posts: 4099
Joined: Fri 25 April 2008; 11:48

PreviousNext

Return to Treni regionali e suburbani

Who is online

Users browsing this forum: Google [Bot] and 3 guests