Inventarsi nuove soluzioni

Moderator: teo

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Sun 02 November 2008; 16:27

serie1928 wrote:Dal punto di vista operativo bisogna osservare il calibro delle strade in zona. Per come la conosco io, ed in parte mi confermi tu, molte strade non ammentono il passagio dei vecoli con il grado di sicurezza richiesto da un TPL. E questo é forse illimite strutturale piú vincolante. Ma devi tenerne conto nel calcolare i percorsi. Nessuna azianda, pubblica o privata che sia, si assume il richio di trasportare passeggeri in servizio pubblico attraverso strade con meno di 3m per senso di marcia. Poi mettici i raggi delle curve.


Il bus a chiamata, gestito da Atinom, passava proprio da quelle strade! Inoltre vere e proprie linee stabili, transitano tutt'oggi su strade della stessa dimensione. Per cui credo che la dimensione (larghezza) sia stata assunta come scusa, quando in passato è stato richiesto il bus per le frazioni.
Poi che sia meglio adeguarle, condivido: sono anni che chiediamo che sistemino le strade, da decenni trascurate e piene di buche, pozze d'acqua con le banchine distrutte... purtroppo utilizzano quasi tutti i soldi per abbellire il capoluogo. :cry:
:ciao:
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Sun 02 November 2008; 17:15

Ciao,
ho messo un abbozzo di un paio di linee ... (gialla e verde) in viola quella Atinom Attuale con deviazione a Cassinetta

- Abbiategrasso, collegherebbe le sue due frazioni: Mendosio e Castelleto;
- Cassinetta, comune a se stante, unico centro abitato;
- Robecco collegherebbe le sue 4 frazioni al capoluogo e alle due città di Magenta e Abbiategrasso; Giunti a Robecco si potrebbe prendere anche il bus Atinom. Giunti nelle città, treni e altri autobus.
- Magenta, collegherebbe la sua frazione Pontevecchio.

... ci guadagnano tutti comuni... che ne pensate? Con il calcola percorso di Google Earth, mi viene un persorso di 20 km e di 18 km (arrotondato per eccesso) . Secondo voi in un ora si fa avanti e indietro percorrendo 20 km? Le strade percorse sono poco trafficate. "L'ingorgo della zona si trova sulla statale che congiunge Magenta e Abbiategrasso essendo Robecco un imbuto, rappresentato dal suo ponte.

Ho pensato a 9 passaggi nelle ore: 7-8-9-10-12-16 (quando riaprono i negozi) -17-18-19
Ho preso il dato di Dany1984: 1.5€/km

Linea gialla:
20 km x 2 (a/r) = 40km
40 km x 9 passaggi = 360 km giornalieri
360 km x 7gg = 2.520km settimanali
2.520 km x 50 settimane = 126.000 km
126.000 km x 1,5€/km = 189.000 €

Linea verde:
18 km x 2 (a/r) = 36km
36 km x 9 passaggi = 324 km giornalieri
324 km x 7gg = 2.268 km settimanali
2.268 km x 50 settimane = 113.400 km
113.400 km x 1,5€/km = 170.100 €

189.000 € + 170.100 € = 359.100 €
Pare Magenta perda 100.000 euro solo per congiungere Pontevecchio con essa...
360.000 divisibile da quattro comuni. Secondo voi con quale criterio andrebbe suddiviso? Numero di cittadini serviti? Cmq se si facesse semplicemente :4 ...sarebbero 90.000 € all'anno .. Magenta e Abbiategrasso risparmierebbero, Robecco... visto che si può permettero un mega palazzetto dello sport non dovrebbe avere problemi... Non so se invece è una spesa sostenibile per la piccola Cassinetta... :)

Vi sembra una soluzione valida? Oggi esiste un bus Atinom che fa Magenta-Robecco- Abbiategrasso. In certe corse devia verso Cassinetta e fa: Magenta - Robecco - Cassinetta - Abbiategrasso.
Abbiategrasso fa un servizio "taxi" con le sue frazioni. Cassinetta spende soldi per raccogliere studenti e per una sua iniziativa di trasporto ad abbiategrasso nei giorni di mercato. Robecco ha mezzi e risorse umane stipendiate per scuolabus, paga Atinom ma non becca altro che un passaggio nel capoluogo.
Considerate che nella nostra zona, attraversata dal Naviglio, i tragitti devono x forza passare dai pochi ponti presenti che vi ho indicato...
I simboli rappresentano, ospedali, supermercati, licei, biblioteche, piscine ecc...
Che ne pensate :roll: aspetto con ansia le vostre opinioni, integrazioni e suggerimenti... :wink:
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Sun 02 November 2008; 17:16

mannaggia non mi prende il file della cartina in allegato :(

come si fa a metterla??
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby danny1984 » Sun 02 November 2008; 22:37

Per le immagini: viewtopic.php?f=1&t=103
Oppure dalla casella in cui scrivi il testo, sotto click su "Invia allegato", selezionare il file e click su "Aggiungi file".

Con la cartina (ed un po' di tempo...) magari ti so dire qualcosa :)
Image
> Mappe interattive linee S: S1 - S2 - S3 - S4 - S5 - S6 - S8 - S9 - S11
> Trasporti nel sud ovest di Milano, blog di informazioni utili sulla mobilità collettiva nel sud-ovest milanese: trasportisudovest.blogspot.com
User avatar
danny1984
 
Posts: 6360
Joined: Wed 05 July 2006; 21:13
Location: PV (2, 4, 6, 10)

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby serie1928 » Mon 03 November 2008; 0:19

Ma 1,50 €/km sono al netto degli incassi dei biglietti? Al lordo mi sembra un po´poco.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby S-Bahn » Mon 03 November 2008; 0:27

Sì, sono i contributi della Provincia in net cost.
Per contro la linea in questione avrebbe velocità commerciale probabilmente maggiore di quella della media delle linee, ma è comunque poco per un gross cost, ma anche per un net cost vista l'utenza non certo tale da riempire un 18 metri, specie all'inizio, e quindi con ricavi da traffico assai limitati.

Faccio una osservazione. Fare mancare il cadenzamento orari per tre volte al giorno un buco di un'ora e uno di tre ore, non so se è un guadagno.
Mi spiego. Il danno causato come percezione per gli utenti (e quindi la loro decisione a prendere i mezzi, in definitiva) della mancanza di una corsa, anche in morbida, è in genere maggiore del costo della corsa stessa, anche dal punto di vista econimico.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50121
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Mon 03 November 2008; 1:04

Ciao scusa S-Banh, mi spiegheresti velocemente cosa significa net cost e gross cost? Lordo e netto dai ricavi di vendita?
In "morbida" che significa? Orario non di punta? Io ho indicato quegli orari giusto perchè ho pensato che in frazione tanto muoversi nel primo pomeriggio significa trovare i negozi chiusi... il dottore c'è la sera, la posta e la banca sono aperte la mattina, il comune idem... ho pensato che forse era meglio concentrare le corse la mattina e la sera per captare anche i lavoratori...che dici? I ragazzi e gli anziani sono quelli che si sposterebbero la mattina. Tu che orari faresti, ogni ora esatta? A vostro avviso 20 km si coprono in un ora?
Come calcolo che ho fatto vi sembra corretto? Ho ripreso pari pari il suggerimento di Dany1984...
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby serie1928 » Mon 03 November 2008; 1:12

20 km/h mi sembrano un po´scarsi. Giusti, magari, come velocitá commerciale (dipende dal numero di fermate e dal traffico in certi orari), ma considerando le pause necessarie al conducente starei piú sui 15km/h. Ti servono 3 bus!
Piú uno di riserva, ma pagato parzialmente.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Mon 03 November 2008; 9:45

serie1928 wrote:20 km/h mi sembrano un po´scarsi. Giusti, magari, come velocitá commerciale (dipende dal numero di fermate e dal traffico in certi orari), ma considerando le pause necessarie al conducente starei piú sui 15km/h. Ti servono 3 bus!
Piú uno di riserva, ma pagato parzialmente.


Ciao Serie1928..

- Secondo te se facessi lo stesso percorso con l'auto andando piano e fermandomi per 1 minuto dove potrebbero esserci le fermate teoriche, farei una prova realistica?

- Inoltre come bus, quello che chiamate "18 metri" è quello classico lungo (ma non snodato)? Io pensavo a dei bus non piccoli come furgoni (tipo bus a chiamata) ma per intenderci sono dei modelli come quelli della linea rossa e verde di Magenta, con la forma di autobus ma più corti... non so quanti posti possano avere. Far viaggiare quello o uno più lungo alla fine cosa cambia in termini di costi? Se è la stessa cosa...meglio più posti allora!

- Ho (forse) aggiunto la cartina... prob è la mia connessione che da prob. In giallo e verde le due ipotetiche linee. In viola, l'attuale Atinom. Però stavo considerando ora che nei tratti urbani di Magenta e Abbiategrasso si duplicano :shock:
:ciao:
Attachments
cartina.JPG
cartina.JPG (105.94 KiB) Viewed 4999 times
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Mon 03 November 2008; 9:54

...come vedete le frazioni sono servite, possono raggiungere il capoluogo Robecco, integrarsi con Atinom oppure raggiungere direttamente le due città. (Come diceva S-Banh, è importante fornire un buon "prodotto"... se le persone dovessero prendere due bus solo per arrivare a Magenta o Abbiategrasso e poi prendere altri mezzi ancora, probabilmente opterebbero per auto fino alle Città!)
Cassinetta arriva diretta ad Abbiategrasso ed è la prima fermata al ritorno. Idem Pontevecchio e le due frazioni di Abbiategrasso. Solo qualche cittadino delle fazioni di Rbecco dovrebbe attendere un pò sui mezzi, però ottiene il duplice vantaggio di arrivare a Robecco, Magenta e Abbiategrasso stando su un unico bus.
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby S-Bahn » Mon 03 November 2008; 10:01

I 18 metri li ho citati per fare l'esempio di linee che caricano molto. Sono proprio gli articolati o gli snodati con l'articolazione nel mezzo e 3 (o 4) assi.
E' chiaro che non ti servono. La maggior parte del costo è in personale, per cui, 9, 12 (standard) o 18 metri cambia poco. Tuttavia un bus più grande costa di più e soprattutto non è detto che riesca a passare ovunque.

Net cost è quando il gestore si tiene gli incassi e il comune sovvenziona ciò che manca ad arrivare al pareggio.
Gross cost è quando la "stazione appaltante", ovvero il comune o la provincia, sovvenziona tutto il costo e pensa lei a vendere i biglietti e a trattenersi il ricavo. In genere dove c'è liberalizzazione con gare vere si va a gross cost.
Il gross cost facilita il controllo del gestore e facilita l'integrazione tariffaria. Per contro, ma solo in teoria, viene a mancare l'incentivo a vendere più bilgietti e quindi a caricare più gente. Ma si è visto che esistono altri modi più efficaci per questo.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50121
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby cascinazza » Mon 03 November 2008; 10:14

Ciao S-banh,
beh io avevo fatto un conto con 12 corse e uno con 9... moltiplcando per il costo a km ovviamente mi veniva un costo molto diverso... quindi dici che in realtà il costo non è legato tanto al numero di km/anno bensi agli stipendi... per cui se uno/due autisti facessero 12 corse anzichè 9 il costo sarebbe su per giù simile? non fa una grinza... quindi il mio conto precedente non è cosi veritiero...
Hai visto il tragitto? che ne pensi ti sembra funzionale? Dammi i tuoi suggerimenti... :)
cascinazza
 
Posts: 45
Joined: Tue 01 July 2008; 21:46

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby S-Bahn » Mon 03 November 2008; 10:37

Dipende dal conteggio. Il costo cambia, soprattutto per piccole realtà, se serve un autista i più, non se fai Km in più. Però è vero che di solito (con un'approssimazione a mio avviso deleteria) si utilizzano i bus/km per fare il conteggio.
Io però dicevo un'altra cosa. Il risparmio (reale) che si ottiene tagliando corse in morbida (ovvero fuori dall'ora di punta) è deleterio per la percezione del servizio come qualcosa di presente sempre e pertanto di utilizzabile. E se per questa ragione lo utlizza meno gente, alla fine il risparmio si annulla o addiruttura diventa un danno.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50121
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby serie1928 » Mon 03 November 2008; 14:35

La prova con la macchina? Mi sembra prematuro, sei in una fase fin troppo preliminare, IMHO. Se lo vuoi fare per una tua curiosità, prego, ma se devi farlo per ricavarne una base scientifica, dovresi fare i percorsi in tutte le condizioni di tempo e traffico. C'è chi lo ha già fatto (imprese di TPL, uffici del traffico comunali, ecc.), fidati dei loro risultati.
La verifica sul campo la fai quando il progetto è approvato, soprattutto per trattare sul prezzo e non pagare troppo.

I percorsi? Sovrapposti in Magenta e Abbiategrasso; paralleli, con rischio di cannibalizzazione, ATINOM avrebbe molto da ridire. Resto della mia opinione:

Verde: Magenta - Ponte Vecchio (tratto a carico del comune di Magenta, se è d'accordo) - Carpenzago - Casterno - Robecco - Cassinetta di L.
Gialla: Cascinetta - Robecco - Castelletto dei Barzi
Con funzioni di adduzione alla linea ATINOM.

Eventuali estensioni, le discuti in una seconda fase con i comuni interessati
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Inventarsi nuove soluzioni

Postby S-Bahn » Mon 03 November 2008; 14:51

serie1928 wrote:dovresi fare i percorsi in tutte le condizioni di tempo e traffico. C'è chi lo ha già fatto (imprese di TPL, uffici del traffico comunali, ecc.)...
sicuro sicuro? 8--)
serie1928 wrote: I percorsi? Sovrapposti in Magenta e Abbiategrasso; paralleli, con rischio di cannibalizzazione...
Oppure integrazione di orari e tariffe affinchè costituiscano un rinforzo, e non una concorrenza, nelal tratta urbana.
In una prima fase potrebbe essere impossibile, ma in prospettiva è l'unica strada sensata, ed è tanto più vero quanto minori sono le risorse a disposzione.
Dentro St Moritz c'è una specie servizio urbano in cui alcune corse (ma ad un primo sguardo degli orari alle fermate non ti accorgi) sono in realtà la tratta urbana dell'autopostale da Chiavenna! Mi è capitato di diverlo prendere, ma quando, già alla fermata, ci siamo accorti che sarebbe passato l'autopostale non ci siamo fidati perchè perdevamo il treno e si incasinava tutto il tour della Svizzera, siamo andati a piedi di corsa alla stazione, superati dopo poco dall'autolsotale, in perfetto orario per la coincidenza.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50121
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

PreviousNext

Return to Da smistare o cancellare

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests