Londra

Moderators: Hallenius, teo

Londra

Postby msr.cooper » Fri 08 December 2006; 14:32

Ebbene sì, potete anche uccidermi, ma io a Londra non c'ero mai stato! :lol:
Così nei quattro giorni passati ho provveduto a colmare la lacuna, facendo un po' il turista ma anche girovagando per la rete metropolitana.

Le mie considerazioni in merito ai trasporti sono quindi molto "primitive", sia perchè non conoscevo bene la situazione di partenza, sia perchè non ho avuto modo, dati i tempi ridotti, di approfondire.


Il primo impatto con la metropolitana londinese è stato abbastanza traumatico, soprattutto quando mi sono ritrovato a Notting Hill Gate sulle banchine della Central Line. Nebbiolina in stazione, luci basse, muri scrostati, controsoffitti mancanti, passaggi angusti. Tralascio tutte le considerazioni di carattere dispregiativo che ho fatto in quel momento...

Pochi minuti dopo, stavo provando l'ebbrezza di viaggiare su una di quelle scatoline cilindriche: il vagone era abbastanza affollato, e io mi sono ritrovato a fare il viaggio contro la porta, ricurvo per non sbattere contro il soffitto.
Una volta arrivato nella tratta esterna, l'amara sorpresa: piove a dirotto, e alla prima stazione senza pensilina... il vagone quasi si allaga! :evil:
Insomma, il mio giudizio, fino a quel momento, era mooooolto negativo.
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby msr.cooper » Fri 08 December 2006; 14:51

Sono rimasto deluso, e questo mi spiace, della forte inefficienza che caratterizza la rete della LU. Certo, è un sistema vecchio e problematico, ma così tante interruzioni e problemi non me li sarei mai aspettati.

Alcune considerazioni in ordine sparso:
La Circle Line è una linea lentissima. I treni procedono spesso a passo di lumaca per parecchie tratte, e il più delle volte, manca la luce all'interno dei vagoni (in pratica, a causa delle interruzioni della "terza rotaia", molti neon saltano per alcuni secondi). La frequenza non è certo eccelsa, dieci minuti o forse più.

Il sistema della metropolitana ha problemi continui. Ogni pochi minuti nelle stazioni vengono diramati annunci che informano i passeggeri su eventuali interruzioni e ritardi.
Ebbene, ogni volta che prendevo la metropolitana, sentivo annunci di linee con forti ritardi ("severe delays") o addirittura con circolazione sospesa. I motivi erano sempre quelli: problemi a segnalamento ("signal failure"), sovraffollamento, problemi di natura ingegneristica, etc...

Per ben 3 volte in quattro giorni sono rimasto bloccato per più di 10 minuti in mezzo alla linea, tra due stazioni, per i motivi di cui sopra. Una volta addirittura il macchinista ha annunciato a tutti che, testuali parole... non aveva idea del guasto e che non sapeva quando si sarebbe risolto (il mio treno era bloccato in galleria tra Notting Hill Gate e Holland Park. 15 minuti per raggiungere la fermata successiva!).
C'è da dire che la gente non si preoccupa di queste fermate in pieno tunnel (saranno abituati?).
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby msr.cooper » Fri 08 December 2006; 15:13

Una breve nota sulle linee "tube", cioè quelle caratterizzate da treni con soffitto ricurvo: pazzesche! :shock: I treni sono abbastanza larghi, ma il restringimento della parte alta fa percepire il vagone come molto più stretto. A parità di lunghezza, un treno milanese probabilmente porta il doppio o forse più di persone rispetto ad uno londinese. Poi quelle porte curve dove piove dentro... mah!
Certo, se le sono trovate così, queste linee, ma di certo non danno tutto questo senso di efficienza e modernità. Lo sgabuzzino di casa mia è più "vivibile".

La distanza tra le stazioni è molto più ampia rispetto a tutte le altre metropolitane europee che abbia mai provato. Si viaggia anche per due o tre chilometri senza fermate intermedie. I treni, soprattutto sulla Central, viaggiano a velocità elevate, entrano in stazione a velocità elevate e non sbagliano mai un colpo (si fermano precisi senza strattoni e simili).

I corridoi di collegamento tra una linea e l'altra sono spesso piccoli, pieni di scale e scalette, la maggior parte con soffitti scrostati e impianti di vario genere a vista. Nei corridoi si tiene generalmente la sinistra, mentre sulle scale mobili la destra. Capita in alcuni punti che i flussi si incrociano (a X) a causa della presenza in successione di un corridoio dove si tiene la sinistra e uno dove si tiene la destra. La cosa è abbastanza curiosa... :)

Tornelli: si passa il biglietto (o la Oyster card) sia in entrata sia in uscita. Ovviamente sono tutti pronti e non ci sono mai intoppi. A differenza di Milano, là tutti (ma proprio tutti) passano i tonelli senza traumi, sia che abbiano il biglietto, sia che usino la card elettronica. C'è da dire che ci sono sempre dipendenti della LU addetti ai tornelli, che aiutano in caso di difficoltà, ma non li ho mai visti in azione.
Tutte le stazione ferroviarie sono tornellate. Le stazioni sono generalmente "di testa" (alla Cadorna) ma non ho riscontrato nessun problema particolare, nemmeno all'arrivo dei treni più carichi.
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby msr.cooper » Fri 08 December 2006; 15:31

Infine, ho utilizzato anche il DLR (Dockland Light Railway). Per accedere ai treni DLR non ci sono tornelli, ma a bordo di ogni treno c'è un addetto che controlla la validità dei biglietti (a vista) oppure legge se le Oyster card sono state validate (come noi sui mezzi di superficie, anche gli abbonati devono sempre passare la tessera, altrimenti si beccano la multa).

Ora, dopo 'sto mare di critiche, passiamo alle cose positive.
Una su tutte: la comunicazione! Sebbene le stazioni siano molto "sgangherate", tramite la grafica chiara si riesce sempre a sapere dove si deve andare. Ne viene fuori una rete comuque unitaria, nonostante le varie stazioni siano molto diverse tra loro.
Di nuovo, il viaggiatore è sempre informato. Ogni 5 minuti vengono diffusi messaggi sullo stato di funzionamento delle varie linee, e le spiegazioni sono sempre precise (mai "motivi tecnici" ma "ritardi dovuti ad un precedente segnale guasto presso la stazione di XXX").
In più, presso tutte le stazioni, speciali tabelloni informano testualmente su tutto ciò che sta avvenendo sulla rete: nelle stazioni principali ci sono tabelloni elettronici, mentre in quelle più remote ci sono le lavagnette che vengono continuamente aggiornate dagli addetti (tutte le stazioni sono presenziate). Su questo sono davvero efficienti!

Dunque, che voto dare al sistema della LU? Direi un 5,5.
Un sistema perennemente sull'orlo di una crisi, con problemi anche gravi, ma le infrastrutture sono quelle che sono e la LU fa, a quanto pare, di tutto per risolvere o quantomeno informare.
C'è infine da dire cha alcune stazioni stanno subendo interventi di ristrutturazione. Sicuramente le Olimpiadi del 2012 determineranno una accelerazione dei lavori... 8--)
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby EuroCity » Fri 08 December 2006; 16:03

Visto che hai citato la DLR, che ora ha una stazione anche al London City Airport, potrebbe essere interessante per noi "milanesi" fare un paragone con la possibile situazione di Linate in futuro, se e quando diventerà più simile ad un vero city airport.

Sarebbe forse suggestivo anche per la nostra futura M4 un "logo" del genere:

Image

(fonte).
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12000
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

Postby S-Bahn » Fri 08 December 2006; 17:26

MI chiedevo infatti dove fossi finito... :)
Non è che ti sei perso il Croydon Tramlink per caso? 8--)
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Postby msr.cooper » Fri 08 December 2006; 21:00

^^ Effettivamente non l'ho provato, per due motivi.
Uno perchè il tramlink era troppo fuori mano e le persone con cui stavo, anche proponendo un percorso alternativo, mi avrebbero silurato.
Il secondo perchè l'altro giorno a Londra si è abbattuto un mini-tornado (con violenta grandine e vento fortissimo -stavo volando via anche io-), che ha scoperchiato tetti e scaraventato diversi alberi sulle strade... Risultato? Croydon tramlink chiuso per alberi sulla linea e sui poveri cavi di alimentazione... :lol:

Tornando alla Tube: ho scoperto perchè ce l'hanno su così tanto col "mind the gap"... nelle stazioni in curva si aprono voragini di 40 cm come minimo, tra treno e banchina :shock:

PS Magari domani posto un po' di foto...
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby S-Bahn » Fri 08 December 2006; 22:12

msr.cooper wrote:...a Londra si è abbattuto un mini-tornado (con violenta grandine e vento fortissimo -stavo volando via anche io-)...
Non faccio fatica a crederlo :wink:
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Postby Giorgio L » Fri 08 December 2006; 23:40

Dei mezzi di superficie che ci dici? I nuovi autobus a due piani come sono?
Avevo anche sentito che hanno in progetto o costruzione delle nuove tranvie.
Image
A tucc par, segond lor, de pensa' giust.
User avatar
Giorgio L
 
Posts: 735
Joined: Wed 05 July 2006; 19:35
Location: Milano

Postby karenwalker832000 » Sat 09 December 2006; 0:55

riguardo allo spazio tra treno e banchina (dove a monaco di baviera sono letteralmente volato con una gamba dentro perche' il treno era stracolmo ed ero piccolo) a new york escono delle pedanine in alcune linee mentre in altre le pedanine sono montate sulla banchina..
Se solo si facesse l'interesse del cittadino..... (punti di sospensione voluti)..... (ancora).....e ancora :D
karenwalker832000
 
Posts: 851
Joined: Thu 06 July 2006; 16:11
Location: Milano

Postby msr.cooper » Sat 09 December 2006; 13:08

I mezzi di superficie non li ho provati, anche se ovviamente ne ho visti in giro parecchi.
I bus nuovi (due piani) sono molto pochi, ma esteticamente sono molto belli. Certo, in generale fanno abbastanza impressione, con le risicate (in larghezza) corsie preferenziali che hanno.
Ci sono anche parecchi autobus articolati (presumo 18 metri o giù di lì), questi tutti nuovi. Avevo sentito che Londra avrebbe dismesso definitivamente i double decker... ma è vero? :roll:
Leggevo su un giornale locale che il massiccio investimento sulle corsie preferenziali attuato dal governo di Londra negli ultimi anni ha dato effetti contrastanti: da una parte un sensibile aumento dei viaggiatori, mentre dall'altra una velocizzazione dei percorsi non così incisiva.
Ovviamente a Londra le linee bus sono gestite da diverse compagnie, anche se l'utente non percepisce, se non minimamente, la differenza.

Riguardo alle nuove linee di tram, avevo letto che c'è una nuova linea in progetto, nella zona ovest della capitale.
http://www.tfl.gov.uk/trams/initiatives/wlt/map.shtml
A questo link c'è tutto il percorso e le planimetrie dettagliate delle fermate. Alla faccia delle nostre metrotranvie...
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Postby S-Bahn » Sat 09 December 2006; 13:38

msr.cooper wrote:Leggevo su un giornale locale che il massiccio investimento sulle corsie preferenziali attuato dal governo di Londra negli ultimi anni ha dato effetti contrastanti: da una parte un sensibile aumento dei viaggiatori, mentre dall'altra una velocizzazione dei percorsi non così incisiva...
Riduci le code, ma non i tempi morti alle fermate e ai semafori...
Da parte mia leggevo che i bus di Londra trasportano il DOPPIO della metropolitana. Probabilmente il dato si riferisce al numero di passeggeri e non a passeggeri/Km, perchè sicuramente il tube viene usato per spostamenti più lunghi.
Comunque il dato fa riflettere su come è organizzato il sistema londinese.
Da una parte abbiamo una metro con parecchi problemi e soprattutto "sbilanciata" verso un sitema S-Bahn (grande estensione, fermate molto distanziate, linee lunghe, prevalenza suburbana col oltre il 50% insuperficie). Dall'altra abbiamo la superficie "appiattita" sul servizio dei sol bus che devono tappare troppi buchi alla scarsa capillarità del metrò.
Evidentemente a Londra pagano la mancanza di un sistema tranviario come Berlino (o di una metò capillare come quella parigina, intermedia tra la superficie e la RER), e sono costretti a fare tutto coi bus.
In effetti nelle grandi città dove il trasporto funziona tutto è impostato, in un modo o nell'altro, su tre livelli gerarchici.
A mio avviso, risolti i problemi tecnici e finanziari, una rete tranviaria moderna avrebbe a Londra un enorme successo. Croydon è un ottimo inizio, continuassero così...
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Postby euge1893 » Mon 11 December 2006; 10:24

Quello che mi ha sempre colpito della metro londinese è la semplicità per l'utente di orientarsi, la straordinaria chiarezza della segnaletica.

Intendo dire che nessuno è obbligato a conoscere il capolinea della linea sulla quale intende viaggiare, ma si orienta semplicemente conoscendo il punto cardinale nel quale ha intenzione di dirigersi.

Prendo ad esempio la Piccadilly line: se sono a Leicester Square e intendo andare a Kinghtsbridge a fare shopping, l'importante è che io sappia che devo andare verso ponente.
Alla stazione seguirò le indicazioni per il "westbound", e non me ne importerà assolutamente niente che il capolinea sia Heathrow (naturalmente mi importerà di questo solo se sono diretto alla estrema periferia della città, in caso di più ramificazioni della linea o di sezioni della metro che non funzionano off peak).

Quanto ai "trenini", personalmente li trovo abbastanza famigliari (per ovvi motivi, visto che fatte le debite proporzioni quella dimensione è giusto ciò a cui siamo più abituati a Genova). In generale trovo i veicoli della metro di Londra confortevoli e il servizio tutto sommato efficiente, soprattutto sulla Central Line, sulla Bakerloo, sulla Jubilee, mentre le linee messe peggio le trovo la Northern, alcuni tratti della Piccadilly (con stazioni pericolose anche se affascinanti, come Covent Garden) oltre ovviamente la Circle e la District.
Ovviamente le stazioni sono spesso assai vecchie e talvolta in condizioni precarie di manutenzione, anche se l'impressione è che il personale di TfL si sbatta parecchio per fare il possibile per l'ordinaria manutenzione.

Ultima cosa: trovo molto positivo che tutte le stazioni siano presenziate, e quasi tutte con una biglietteria con omino. Anche la Oyster è una bella roba.
http://www.metrogenova.com/images/3027wvb.gif

www.metrogenova.com - sito e forum sulla metropolitana di Genova
euge1893
 
Posts: 68
Joined: Wed 04 October 2006; 16:42
Location: Genova

Re: London Underground

Postby friedrichstrasse » Fri 13 June 2008; 13:08

I'm back from the f :!: ckin London!
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: London Underground

Postby msr.cooper » Fri 13 June 2008; 19:22

:lol:
Immaginavo fossa là.
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Next

Return to Trasporti urbani all'estero

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests