Città della Cina

Moderators: Hallenius, teo

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Sun 26 April 2015; 12:51

Sarà una "incredibile cifra" ma rappresenta lo 0,07% dei cinesi. Rispetto alla dimensione cinese non è uno sforzo esagerato.
C'è da dire che l'Africa, chiuso il capitolo del colonialismo europeo, possono cambiarla solo loro, ed è difficile cambiarla in peggio.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby skeggia65 » Sun 26 April 2015; 18:55

C'è da dire che, se la stessa operazione fosse messa in atto dall'occidente, i movimenti noglobal e notutto occidentali, appoggiati e spalleggiati dalle nazioni non occidentaleggianti e dal terzomondismo in generale, farebbero un casino bestiale contro quello che definirebbero il neocolonialismo e neoimperialismo capitalista sulla pelle delle povere nazioni del terzo mondo.
Non credo che la Cina sia impegnata in un'opera di beneficenza intercontinentale.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14922
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Sun 26 April 2015; 19:12

Assolutamente no.
Viene però da pensare che siano (almeno alcuni) interventi che non hanno un ritorno economico se non per chi realizza l'intervento (le imprese e chi ci gira intorno). Se fosse così, Cina o non Cina, tutto il mondo è paese.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby skeggia65 » Sun 26 April 2015; 23:13

Sarà.
Io temo un futuro in cui l'Africa sarà guidata da una classe dirigente con gli occhi a mandorla e il paralume in testa, e gli africani sfruttati da gente caratterzzata da un diverso equilibrio tra eumelanina e feomelanina.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14922
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Sun 26 April 2015; 23:30

Può essere.
Che gli africani siano sfruttati da questi o da quelli è sinceramente una cosa che non mi piace per nulla. Non posso fare a meno di pensare che abbandonati a se stessi (dove gli uni sfruttano e/o massacrano gli altri ferocemente) sia la cosa peggiore. Esagero? Gli ultimi decenni di storia cos'hanno prodotto? Esiste in Africa un accenno di classe dirigente africana che abbia un minimo di decenza verso verso la gente africana?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby skeggia65 » Sun 26 April 2015; 23:32

No, assolutamente. Le nazioni che stanno meglio (o meno peggio) sono quelle che, più o meno, sono influenzate dall'occidente. Marocco, Tunisia e Sud Africa su tutte.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14922
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Città della Cina

Postby mattecasa » Sun 26 April 2015; 23:36

Fino a poco tempo fa anche Libia ed Egitto stavano bene...
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4082
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Sun 26 April 2015; 23:39

Il Sud Africa ha avuto, e di fatto ha ancora, una classe dirigente britannica.
Tunisia, Marocco (e Algeria) non sono nell'Africa nera. Sono nazioni africane ma mediterranee che hanno avuto e in buona parte hanno ancora forti rapporti con l'Europa, e non solo nel periodo del colonialismo.

L'Egitto è una realtà un po' a parte. Sulla Libia lasciamo perdere, il tracollo c'è stato quando qualche "saggio" come Sarkozy ha voluto rovesciare Gheddafi per mettere le mani sui suoi pozzi di Gas...
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby Hallenius » Sun 26 April 2015; 23:57

Più che britannica la classe dirigente sudafricana è di estrazione afrikaner ;)
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1371
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Città della Cina

Postby skeggia65 » Mon 27 April 2015; 0:01

...e molto Boera.
I Libici sotto Gheddafi non stavano esattamente bene, non ho messo Egitto e Algeria volutamente. In questi tre Paesi è molto poco salutare andarsene in giro per proprio conto, da parecchi anni.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14922
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Mon 27 April 2015; 0:05

Vero, Afrikans. In realtà è un misto di Paesi Bassi, tedeschi, francesi... oltre che inglesi.
Comunque sia dall'Europa centrosettentrionale.

Vero pure che sotto Gheddafi non si stava molto bene, ma rispetto all'inferno di adesso era quasi un paradiso. Il risultato sono navi e barconi pieni scaricati prevalentemente sull'Italia, con Sarkozy, principale responsabile di tutto questo, che si fa bello dei discorsi rubacchiati da Le Pen
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby Ulk » Mon 27 April 2015; 11:59

Lo scorso anno ho lavorato su un tentativo di portare investimenti cinesi in Etiopia supportato dal Consolato Etiope locale e da un gruppo di imprenditori di diverse zone della Cina di diversi settori, progetto poi messo in pausa dalla paura dell'ebola e di cui ho perso le tracce da quando ho cambiato lavoro.
Il modello era una replica dello sviluppo cinese, crescita attraverso urbanizzazione: alloggio per tutti (di diverso tipo in base al reddito), zone commerciali integrate, zone produttive a breve distanza. A corredo ma in altre localizzazioni, alberghi e comprensori turistici. Il tutto favorito da incentivi economici (prestiti e terreni a prezzi irrisori) e commerciali (oltre l'apertura al mercato locale, i prodotti cinesi made in Etiopia si possono esportare liberamente in USA e UE).

La colonizzazione cinese dell'Africa non sta avvendendo solo per volonta' della Cina, sono gran parte dei paesi africani che vogliono attirare questi investimenti vedendo forse nella Cina un colonizzatore "piu' buono" dell'Occidente.
Ein Fahrplan. Ein Tarif. Ein Ticket. - HVV, 1965
No zuo no die!
User avatar
Ulk
 
Posts: 4769
Joined: Wed 25 April 2007; 13:54
Location: Chongqing / 重庆

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Mon 27 April 2015; 14:04

Sul "più buono" avrei dei dubbi. Sono cambiati i tempi (150 anni dopo), è cambiato il contesto, sono cambiati i rapporti di forza.
Confermo la mia opinione che per come è messa l'Africa difficilmente si può avere di peggio.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Città della Cina

Postby skeggia65 » Mon 27 April 2015; 18:39

Ulk wrote:La colonizzazione cinese dell'Africa non sta avvendendo solo per volonta' della Cina, sono gran parte dei paesi africani che vogliono attirare questi investimenti vedendo forse nella Cina un colonizzatore "piu' buono" dell'Occidente.

E questa forse è la parte peggiore. E' passato, nel terzo mondo, il messaggio dell'occidente avido, colonialista e sfruttatore; risultato: gli "sfruttati e colonizzati" africani vedono con speranza un colonizzatore che ignora anche a casa propria i fondamentli diritti dell'uomo.
Bene, bravi, settepiù! :wall:
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14922
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Città della Cina

Postby S-Bahn » Mon 27 April 2015; 22:17

Magari sono gli unici che ci possono mettere mano provando a cambiare qualcosa. Risultati? E chi li può prevedere?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50051
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

PreviousNext

Return to Trasporti urbani all'estero

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest