Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Moderators: Hallenius, teo

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby luca » Mon 03 August 2015; 15:11

Magnifico esemplare. Era in servizio regolare?
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7448
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Tue 04 August 2015; 19:48

Senz'altro una corsa speciale; non mi risulta venga utilizzato per corse di linea, neppure in Germania. :wink:
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Sat 05 September 2015; 21:32

L'altra sera, in relazione alla proposta governativa di introdurre il servizio a chiamata su alcune linee della valle Lavizzara, è stato illustrato, al Quotidiano, il servizio PubliCar poschiavino: http://www.rsi.ch/la1/programmi/informa ... 30710.html (servizio Trasporto pubblico nelle zone periferiche).

La pecca del sistema è che rende praticamente impossibili viaggi spontanei; mi è capitato nei giorni scorsi a Coblenza (dovevo andare da Waldshut a Basel Bad.) e, non avendo con me il volume "ovest" dell'orario, ho tentato la sorte scendendo dal treno scoprendo (in realtà ne avevo il sospetto, avendola utilizzata anni fa) che la linea 50.147 funziona prevalentemente su chiamata (da farsi mezz'ora prima della partenza) benché manchi in stazione una cabina telefonica (fortunatamente c'era subito un treno per Baden e quindi sono passato di lì).
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby S-Bahn » Sat 05 September 2015; 21:39

Le linee a chiamata sono la più grande bufala propinata nel TPL. In genere viene proposta come metodo progressivo per sopprimere più avanti totalmente una linea.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50045
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Slussen » Mon 07 September 2015; 10:08

Detto così mi pare un po' eccessivo. Ci sono contesti a bassa densità di popolazione in cui è l'unico modo per garantire un servizio di Tpl economicamente sostenibile.
Slussen
 
Posts: 12067
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby S-Bahn » Mon 07 September 2015; 11:10

Forse a densità prossima allo zero. Ma allora facciamo la convenzione con l'unico tassista del paese per avere un tot di corse a prezzo politico e basta.
Seriamente, quando hai già un servizio men che minimo, esempio una sola macchina che fa un giro all'ora con un paio di buchi in morbida (così spezzi i turni e l'autista va a mangiare), di quanto puoi scendere passando al servizio a chiamata? Sempre un bus ti serve e sempre due turni di personale ti servono (con 12 ore di arco di servizio, niente festivi ecc...)
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50045
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Mon 07 September 2015; 12:16

Nel servizio del Quotidiano parlavano di chauffeur pagato solo per i viaggi veramente effettuati e che il resto del tempo è di picchetto; però dovrà pur mangiare... Altro sarebbe se le corse venissero effettuate, per esempio, dal (comunque pagato) buralista postale (com'era il caso per le due non più esistenti linee centovalline).

***

Lo Sprinter della linea Cerentino-Cimalmotto, in coincidenza con la posta per Bosco/Gurin (dalla quale è stato immortalato e sulla quale si trovavano solo il sottoscritto e sua mamma; nessun viaggiatore invece per la coincidenza):

Image Image
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Wed 09 September 2015; 9:01

Nuova ferrovia? :divano:

Image

:arrow: https://www.postauto.ch/it/linea-coira–bellinzona
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Slussen » Wed 09 September 2015; 10:38

S-Bahn wrote:Forse a densità prossima allo zero. Ma allora facciamo la convenzione con l'unico tassista del paese per avere un tot di corse a prezzo politico e basta.
Seriamente, quando hai già un servizio men che minimo, esempio una sola macchina che fa un giro all'ora con un paio di buchi in morbida (così spezzi i turni e l'autista va a mangiare), di quanto puoi scendere passando al servizio a chiamata? Sempre un bus ti serve e sempre due turni di personale ti servono (con 12 ore di arco di servizio, niente festivi ecc...)


Ad esempio, posso avere 3 macchine su 4 linee (ulteriore risparmio del 25%).
Slussen
 
Posts: 12067
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby S-Bahn » Wed 09 September 2015; 10:57

Per non riuscire ad essere nel posto giusto quando serve.
E' aleatorio questo risparmio che deriva, se e e dove avviene, dal fatto che la poca utenza che c'era rinuncia.
In linea di massima se faccio variare orari e percorsi a piacimento per coprire la stessa quantità di servizio ho bisogno statisticamente di più macchine,
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50045
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Wed 23 September 2015; 23:30

“Nessuna mannaia sulle regioni periferiche”
Il Governo risponde a Dadò e Garzoli: "Su certi bus in Vallemaggia ci sono in media meno di 2 passeggeri"


Non si è fatta attendere la risposta del Consiglio di Stato all’interrogazione parlamentare, firmata dai deputati Giacomo Garzoli (PLR) e Fiorenzo Dadò (PPD) “La mannaia sulle regioni periferiche continua?”, sulla riorganizzazione del servizio di AutoPostale nell’Alta Vallemaggia.

L’analisi svolta in collaborazione con AutoPostale Svizzera ha interessato le seguenti linee: 331 (Cevio-Bosco Gurin), 332 (Cerentino-Cimalmotto), 334 (Bignasco-Fusio), 335 (Peccia-Piano di Peccia).

Il Governo rende noto che le linee 332 e 335 hanno un grado di copertura dei costi inferiore al 5%. Ciò significa che il 96% dei costi viene coperto da Cantone e Comuni. Più esattamente, la linea 332 costa 233'000 franchi e incassa 10'000, il numero di passeggeri trasportabili per corsa da lunedì a venerdì è 1,4; la linea 335 costa invece 206'000 franchi e incassa 9'000, il numero di passeggeri trasportabili per corsa da lunedì a venerdì è 1,6.

Per ogni viaggio effettuato da un passeggero, gli Enti pubblici devono dunque versare tra 40 e 60 franchi! Appare facilmente comprensibile come si sia di fronte ad una situazione oggettivamente insostenibile.

Il servizio viene quindi limitato alle corse utilizzate regolarmente da più utenti. Per la linea che porta al Piano di Peccia è stata inoltre decisa l’introduzione di un servizio su chiamata: l’utente avrà a disposizione un numero di telefono al quale annunciarsi affinché il servizio venga svolto; in caso contrario l’autista non effettua la corsa. Si tratta di una modalità già adottata con successo da tempo in altre regioni della Svizzera.

Il modello di “servizio su chiamata” è già stato applicato con successo in altri Cantoni. In Svizzera sono infatti sei i Cantoni nei quali AutoPostale offre queste tipologie di servizi: Vallese, Vaud, Neuchâtel, Giura, Grigioni, Appenzello interno ed esterno. Alcuni sono attivi da diversi anni (dalla metà degli anni ‘90), altri sono più recenti e si sono confermati come una soluzione adeguata per linee con poca utenza.

Mentre per le linee 331 e 334 l’analisi ha mostrato che vi sono fasce orarie non coperte con un potenziale di utenza inespresso. È stata quindi decisa l’introduzione di corse supplementari, coerentemente con lo sforzo di promozione del turismo, in particolare escursionistico.

Questa misura permetterà al Cantone e ai Comuni di risparmiare complessivamente tra i 70'000 e i 100'000 franchi all’anno, a dipendenza del numero di corse che saranno effettivamente svolte sulla linea 335 (Peccia – Piano di Peccia). Il risparmio netto per il Cantone si aggira attorno a 50'000-60’000 franchi.

Redazione | 23 set 2015 14:33

http://www.ticinonews.ch/ticino/251142/ ... richerdquo
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Ultime notizie

Postby luca » Thu 03 December 2015; 20:00

Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7448
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Sun 17 April 2016; 9:41

Corsa in autopostale (FBW, nella fattispecie) sul Sempione nel 1933 :D : http://scriptorium5.bcu-lausanne.ch/zoo ... iew?page=9
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Thu 05 May 2016; 19:32

L'Heidibus che nei fine settimana e giorni festivi estivi collega il villaggio di Heidi con la stazione di Maienfeld verrà prolungato, dal 7 maggio, fino a Balzers attraverso il St. Luzisteig. Si avrà così il primo collegamento diretto tra i Grigioni e il Principato del Liechtenstein.
:arrow: http://www.vaterland.li/liechtenstein/v ... 171,201055

Secondo l'orario il prolungamento concernerebbe solo tre coppie: http://www.quadri-orario.ch/fileadmin/f ... 90.014.pdf
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Postauto-Car Postal-Autopostale-Auto da Posta

Postby Viersieben » Tue 10 May 2016; 10:20

MENDRISIO

10/05/2016 - 09:26

In Ticino il primo autopostale snodato ibrido svizzero

È in assoluto il primo bus articolato ibrido impiegato da AutoPostale in Svizzera

MENDRISIO - AutoPostale ha ampliato la sua flotta ibrida in Ticino. Da lunedì 9 maggio 2016 circola nel Mendrisiotto un bus articolato ibrido. Si tratta del primo autopostale snodato a propulsione ibrida in Svizzera, nonché del primo bus articolato ibrido venduto da Volvo in Svizzera. Il veicolo sarà impiegato prevalentemente sulla linea 523 Mendrisio-Stabio.

Aria condizionata e WiFi gratuito - L’autopostale snodato ibrido ha una lunghezza di oltre 18 metri e dispone di tre porte dotate di pianale ribassato. Il veicolo ha una capienza di 131 posti, di cui 49 a sedere. Grazie allo spazioso abitacolo è possibile trasportare due sedie a rotelle o due passeggini. L’autopostale snodato può essere abbassato lateralmente per facilitare l’entrata e l’uscita dei passeggeri. Il veicolo è dotato di aria condizionata, WiFi gratuito e due schermi doppi per l’informazione ai passeggeri. Il pulsante di richiesta di fermata può essere azionato da ogni posto in piedi o a sedere. Il veicolo dispone di un sistema a propulsione ibrida parallelo, il quale permette un risparmio del consumo di carburante attorno al 20-25% rispetto a un veicolo con trazione diesel convenzionale.

Il Ticino roccaforte degli ibridi - Il nuovo bus articolato ibrido è già l’undicesimo autopostale in Ticino dotato di tecnologia ibrida, il quale va ad aggiungersi a quelli già in servizio, otto nel Bellinzonese e due nel Mendrisiotto. Il Ticino è pertanto la roccaforte ibrida di AutoPostale. In Svizzera circolano complessivamente 32 autopostali a propulsione ibrida.

Ulteriori progetti di AutoPostale - L’impiego di sistemi a propulsione ibrida rientra nella strategia di sostenibilità de La Posta Svizzera, che prevede tra l’altro una riduzione delle emissioni di CO2. Gli autopostali ibridi non solo convincono per le ridotte emissioni di sostanze nocive, ma anche per i livelli di inquinamento fonico sensibilmente più bassi. L’autopostale ibrido trova il suo impiego ideale nelle regioni con una topografia variegata e con numerose fermate. Infatti, la circolazione «stop-and-go» con frequenti frenate permette un’efficiente ricarica della batteria.

Articolo di D.M.

http://www.tio.ch/News/Ticino/Attualita ... o-svizzero
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3573
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

PreviousNext

Return to Trasporti urbani all'estero

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest