Trasporti a Milano

Oggi è gio 22 febbraio 2018; 17:05

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 124 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9
Autore Messaggio
MessaggioInviato: gio 08 febbraio 2018; 0:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3555
Cita:
AutoPostale, troppe sovvenzioni
La contabilità non è risultata conforme, perciò oltre 78 milioni di franchi dovranno essere restituiti

martedì 06/02/18 10:11 - ultimo aggiornamento: martedì 06/02/18 14:34

AutoPostale ha ricevuto sovvenzioni eccessive per l'esercizio di servizi di trasporto pubblico per complessivi 78,3 milioni dal 2007 al 2015, il 3% del totale che ammonta a 340 milioni annui. Lo ha reso noto martedì l'Ufficio federale dei trasporti. Il dato è confermato da un'inchiesta interna della Posta, che restituirà le indennità indebitamente percepite e ha esonerato due dirigenti.

Il problema è stato scoperto dall'UFT durante l'ordinaria attività di revisione del conteggio delle prestazioni. Costi e ricavi del traffico regionale beneficiario di indennità sono stati indebitamente trasferiti ad altri settori. Da parte sua, La Posta riconosce che AutoPostale ha applicato una prassi contabile non conforme.

L’UFT ritiene che il problema riguardi anche il nuovo modello contabile, applicato da AutoPostale Svizzera dal 2016. In base ai chiarimenti ancora in atto è infatti da ritenere che pure le indennità accordate per il periodo 2016–2018 siano eccessive. L'importo esatto potrà essere stabilito solo una volta ultimate le verifiche, precisa l'Ufficio federale.

ATS/EnCa

https://www.rsi.ch/news/economia/AutoPo ... 96301.html

Cita:
Autopostale, lo scandalo si allarga
Forse danneggiate le finanze dei comuni; pure le linee locali potrebbero essere coinvolte nel pasticcio dei sussidi

mercoledì 07/02/18 11:04 - ultimo aggiornamento: mercoledì 07/02/18 20:23
CONDIVIDI
I trucchi contabili di Autopostale potrebbero aver danneggiato anche le finanze di numerosi comuni. Questo il timore dopo quanto emerso lunedì sui sussidi ottenuti indebitamente (leggi correlata). Alcune linee locali infatti vengono gestite in maniera analoga a quelle regionali, per le quali ora Autopostale restituirà 78 milioni di franchi.

Quanto rivelato dai controlli dell'Ufficio federale dei trasporti, e che oltre alla promessa di rimborso ha portato anche all'esonero di due alti funzionari, riguarda sussidi per il traffico regionale provenienti da Confederazione e Cantoni. C'è però anche un altro livello, quello delle linee locali gestite da Autopostale - ad esempio per il trasporto pubblico del Bellinzonese. E in questo caso i sussidi - incassati illecitamente - sarebbero da restituire a Cantoni e Comuni.

"Non ne siamo ancora certi", ci ha spiegato la segretaria generale della conferenza dei direttori cantonali dei trasporti pubblici Christa Hostettler, "ma ci sono indizi che indicano come Autopostale abbia usato meccanismi simili anche per la contabilità del traffico locale".

Utili indebitamente trasferiti

Simili a quelli accertati ieri: in pratica degli utili sono stati indebitamente trasferiti, in modo da poter continuare a ottenere dei sussidi. Nel traffico locale comunque le cifre sono nettamente inferiori a quelle merse lunedì. Secondo Hostettler l'azienda ha già lasciato intendere che è disposta a collaborare. Intanto la manipolazione contabile sorprende anche i politici.

"Leuthard deve fare chiarezza"

Edith Graf-Litscher, presidente della commissione dei trasporti del consiglio nazionale, si aspetta che la consigliera federale responsabile del dossier, Doris Leuthard, cerchi di far chiarezza coi vertici di Autopostale. Sta poi valutando se mettere il punto all'ordine del giorno alla prossima seduta di commissione.

L'intera vicenda ad ogni modo, ha aggiunto Graf-Litscher, non può andare scapito dell'utenza, in particolare delle frequenze dei collegamenti più periferici.

Danno d'immagine per i trasporti pubblici?

La vicenda legata alla contabilità manipolata di Autopostale rischia di rovinare la reputazione dei trasporti pubblici in generale? "Non credo, non mettiamo tutto nello stesso calderone!", ci risponde Martin Candinas, consigliere nazionale del PPD e presidente di Litra (il servizio d’informazione per i trasporti pubblici), la lobby dei trasporti pubblici: "Adesso AutoPostale deve fare chiarezza al suo interno, hanno promesso di aprire i libri. Quando chiariremo i fatti capiremo chi è colpevole in questa situazione scomoda per tutti i trasporti pubblici e per la Posta."

Alan Crameri/RG

https://www.rsi.ch/news/svizzera/Autopo ... 01512.html


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: gio 15 febbraio 2018; 23:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3555
Cita:
AutoPostale, è denuncia penale
L'Ufficio federale dei trasporti ha notificato ai ministeri pubblici le manipolazioni contabili

mercoledì 14/02/18 15:54 - ultimo aggiornamento: mercoledì 14/02/18 21:03

L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha sporto denuncia penale contro ignoti in relazione ai trucchi contabili che, secondo le accuse, sarebbero stati usati dalla società di trasporti AutoPostale per trasformare le sovvenzioni in utili aziendali. La notifica è stata inoltrata ai ministeri pubblici della Confederazione (MPC) e del canton Berna.

Intanto la ministra dei trasporti, Doris Leuthard, dopo aver chiesto che venga fatta chiarezza sulla vicenda, ha sottolineato che, qualora fossero stati commessi errori rilevanti dal punto di vista penale, cadranno anche delle teste. Al tempo stesso la ministra, alla trasmissione televisiva "Talk Täglich" dell'emittente regionale argoviese AZ-Medien, ha sottolineato che vi sono molte supposizioni ancora non provate.

AutoPostale ha percepito illecitamente 78,3 milioni di franchi di sovvenzioni federali e cantonali tra il 2007 e il 2015, stando a un rapporto dell'UFT che ha rivelato le irregolarità.

ATS/M. Ang.

https://www.rsi.ch/news/svizzera/AutoPostale-è-denuncia-penale-10131038.html

Cita:
Posta, la direttrice resta
Susanne Ruoff non si tocca, esperti al lavoro per fare luce sulle irregolarità contabili in seno a Autopostale

giovedì 15/02/18 15:06 - ultimo aggiornamento: giovedì 15/02/18 20:54

Il consiglio d'amministrazione della Posta ha indicato giovedì a Berna che la direttrice Susanne Ruoff, nell'occhio del ciclone per via delle manipolazioni contabili emerse in seno alla filiale Autopostale e che per tale ragione ha spontaneamente rinunciato al bonus annuale, manterrà il suo posto.

VICENDA AUTOPOSTALE: RINNOVATA LA FIDUCIA A SUSANNE RUOFF DI RSI

Nel contempo sono state annunciate misure per fare luce su quello che il presidente Urs Schwaller ha definito un incidente senza precedenti causato dal mancato funzionamento, per diversi anni, degli organismi di controllo.

E' stato quindi formato un gruppo d'esperti indipendenti cui spetterà stabilire fatti e responsabilità. Le prime conclusioni saranno rese note entro maggio. Fino ad allora, neppure i vertici dell'azienda di trasporto pubblico percepiranno la componente salariale variabile relativa al 2017.

ATS/dg

https://www.rsi.ch/news/svizzera/Posta- ... 36291.html


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 19 febbraio 2018; 19:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3555
Cita:
AutoPostale: rimborsi al Ticino
Claudio Zali conferma che al cantone saranno restituiti fondi spesi a sostegno dell'azienda di trasporto pubblico

lunedì 19/02/18 15:02 - ultimo aggiornamento: lunedì 19/02/18 16:02

Scandalo AutoPostale: in base alle informazioni disponibili il canton Ticino percepirà un rimborso per il denaro versato, anche nel caso delle linee urbane. Lo ha dichiarato lunedì il consigliere di Stato Claudio Zali, rispondendo all’interpellanza di Raoul Ghisletta e cofirmatari del PS.

Il “ministro” leghista, responsabile del Dipartimento del territorio, ha spiegato che pur non avendo dettagli precisi sui costi e altri particolari su AutoPostale in Ticino, Bellinzona, insieme ad altre autorità cantonali, ha comunque segnalato più volte tramite la sua Sezione della mobilità all’Ufficio federale dei trasporti, i problemi di natura finanziaria venuti a galla.

Si è dato così inizio alla verifica che ha permesso di scoprire la situazione al centro delle cronache in queste ultime situazioni. Situazione che Zali si augura sia risolta al più presto.

EnCa

https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigio ... 53172.html


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mer 21 febbraio 2018; 21:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3555
Cita:
AutoPostale Svizzera SA: Nessuna competenza del MPC e della Procura generale del cantone di Berna

Berna, 21.02.2018 - Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) e la Procura generale del cantone di Berna non sono competenti per l’inchiesta sui presunti sussidi elevati ricevuti di Auto-Postale Svizzera SA.

Il 14 febbraio 2018, l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) aveva sporto denuncia sia al MPC che alla Procura della regione Berna Mittelland. Dopo aver verificato i fatti denunciati, il MPC e la Procura generale del cantone di Berna sono giunti alla conclusione che le presunte infrazioni fatte valere nella denuncia rientrano nel diritto penale amministrativo. I presunti reati devono necessariamente essere perseguiti e giudicati dall’ufficio federale competente per materia in virtù degli articoli 37 e 39 della legge sui sussidi. In questo caso, secondo la denuncia, è l’UFT.

Ai sensi del Codice penale, per aprire un’inchiesta, il MPC o la procura cantonale deve avere sufficienti indizi di reato. A oggi, sulla base della denuncia sporta dall’UFT, non vi sono tali indizi.

Di conseguenza né le autorità federali né le autorità cantonali preposte al perseguimento penale dispongono di basi legali per indagare sui presunti sussidi elevati denunciati. La legge sui sussidi stabilisce in modo vincolante che i presunti reati che rientrano in quest’ambito devono essere valutati e giudicati dal competente ufficio federale. Il Consiglio federale può dichiarare competente un’altra unità amministrativa della Confederazione.

Come di consueto in casi analoghi, il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber e il procuratore generale bernese Michel-André Fels hanno discusso il contenuto della denuncia e segnatamente la questione della competenza in occasione di uno scambio tecnico. Le due autorità si allineano alla posizione adottata dalla dottrina e dalla prassi, secondo cui le autorità preposte al perseguimento penale non sono competenti per indagare su una presunta truffa in materia di sussidi.

https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniz ... 69873.html


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 124 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010