Tokyo e Giappone

Moderators: Hallenius, teo

Re: Tokyo e Giappone

Postby skeggia65 » Tue 10 January 2017; 14:25

Edoardo Semenza non piacque, tant'è che venne fatto un altro studio da parte di un altro geologo, Caloi, che escluse la presenza di frane.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14939
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Tokyo e Giappone

Postby MNM » Tue 10 January 2017; 15:28

^^ La storia degli studi geologici del Vajont è molto articolata.

1) l'Ing. Semenza nel 1940 redasse la relazione geologica per un nuovo progetto della diga che prevedeva di rialzarla oltre i 260 m rispetto ai 200 previsti in quello precedente.

2) Il prof. Del Piaz nel 1948 firmo relazione geologica sulle rocce di fondazione della diga, copia di quella precedente redatta da Sementa.

3) Il Geologo Muller nel 1957 (a lavori avviati) studio il versante sinistro della valle del Vajont con indagini dirette profonde che misero in luce la presenza di un piano di scivolamento che delimitava una ampia frana quiescente.

4) Il prof. Caloi (geofisico ma non geologo) su incarico della SADE, dopo estese indagini geofisiche eseguite nel 1959, affermò il basamento del monte Toc era costituito da "un potente supporto roccioso autoctono", contrariamente a quanto Eduardo Semenza, geologo della SADE, sosteneva.

5) Nel 1960 lo stesso Caloi, medianti ulteriori indagini, notò un forte decadimento delle proprietà tecniche della roccia rispetto lo studio che lui stesso aveva condotto l'anno precedente. Ciò nonostante la SADE preferì mantenere le proprie posizioni servendosi del primo rapporto Caloi, ritenendo i mutamenti rilevati nella roccia indotti dalle scosse sismiche che hanno interessato l'area nei primi mesi del 1960.

Gli unici geologi ad intervenire sul Vajont furono Dal Plaz che con tutta evidenza non fece alcuna indagine specifica ed approfondita sui versanti dell'invaso, inoltre è emerso che le sue relazioni, preliminari al progetto, erano sostanzialmente copia di quella redatta da Semenza nel 1940, e Muller, che studiò ed indago in profondità il sito, rilevando la presenza della frana che dopo circa 5 anni causo il famoso disastro.
Last edited by MNM on Tue 10 January 2017; 15:31, edited 1 time in total.
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Tokyo e Giappone

Postby Hallenius » Tue 10 January 2017; 15:30

Caloi condusse due campagne geofisiche.
Nella prima stabilì che su versante del Toc vi fosse "un importante supporto roccioso autoctono" con uno spessore detritico superficiale di 12 metri.
Nella seconda emerse ciò: la roccia si presentava compatta e solida solo ad una certa profondità. Al di sopra di essa, per uno spessore variabile tra i 100 e 150 metri dalla superficie, si estendeva un'ampia area di materiale sciolto o roccia frantumata, con ovvie caratteristiche anelastiche. La motivazione di questo cambiamento geologico veniva attribuito ad un inconsiderato aumento di pressioni interne, dovute a cedimenti di roccia compatta posti a quota maggiore, e ciò in conseguenza delle scosse sismiche che si erano verificate nei primi mesi del 1960 e fino a metà novembre dello stesso anno.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1372
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 10 January 2017; 15:32

Per rispondere a max90: si lui.

P.S. mi spiegate da quando il Vajont si è trasferito nella prefettura di Toyama tanto da discuterne in questo topic? :mrgreen:
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby MNM » Tue 10 January 2017; 15:41

Anche i geologi Giudici e Semenza rilevarono la presenza di una massa scivolata per gravità in epoche remote, dovuto probabilmente al ritiro di un ghiacciaio. Il problema è che nonostante le evidenze nessuno ebbe la capacità di contrastare la potenza della SADE
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Tue 10 January 2017; 16:59

Per via della lontananza fisica della prefettura di Toyama
:divano:
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 10 January 2017; 17:02

Non più di tanto dai, da quando hanno aperto l'Hokuriku Shinkansen è più vicina, ma non credevo così tanto XD
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby MNM » Tue 10 January 2017; 17:18

Hallenius wrote:Lo scartamento mi pare ampio, 1435 mm (o simili)?

Scartamento ferroviario standard :mrgreen:

Image

:ot: :bash: :stop:
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 10 January 2017; 17:35

Tra un po' perdo la pazienza :mrgreen: :divano:
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby skeggia65 » Tue 10 January 2017; 19:56

Image
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14939
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 10 January 2017; 20:30

Beh almeno è in tema con Tokyo e Giappone 8--) :mrgreen:

Ovviamente quando sfascerò tutto sarò accompagnato dalla musica giusta :P https://www.youtube.com/watch?v=En4aAGpVuYU
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Wed 18 January 2017; 4:01

Treni tram e neve nel Kansai

https://www.youtube.com/watch?v=Y_FY4PXgOFk
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 05 December 2017; 16:19

Articolo introduttivo di una serie che avrei intenzione di scrivere sullo stato delle linee tranviarie in Giappone:

https://fra74.github.io/articles/tram/tram-giappone
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Tokyo e Giappone

Postby S-Bahn » Tue 05 December 2017; 16:29

Ottimo!
Ma dove le trovi tutte queste notizie?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Tokyo e Giappone

Postby fra74 » Tue 05 December 2017; 16:32

Purtroppo non c'è molto in giro, parto da Wikipedia ma solo come riferimento, poi cerco di rattoppare insieme notizie proveniente da altre fonti, spesso in giapponese e mi devo adattare ad interpretare le traduzioni automatiche spesso senza senso...

Come se non bastasse la distinzione tra tram e ferrovia in Giappone è spesso piuttosto arbitraria. Esistono ferrovie con tratti in promiscuo anche abbastanza lunghi (tipo l'Enoden) e tranvie totalmente segregate con tanto di passaggi a livello e materiale quasi ferroviario. Ad Hiroshima per esempio una tratta della linea 1 è ufficialmente classificata come ferrovia (storicamente era una linea separata). Spesso si tratta più di una distinzione storica che non tecnica
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24582
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

PreviousNext

Return to Trasporti urbani all'estero

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests