Page 34 of 40

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Wed 25 October 2017; 16:40
by Franc 03
Grazie mille bisbino1 :) !

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 02 November 2017; 17:26
by Franc 03

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 02 November 2017; 18:20
by eliing
Triste :cry: , ma anche interessante il post di Franc 03.

Domanda, non si potrebbe ancorare il Patria a Lecco invece che a Como? Desterebbe interesse e magari qualcuno potrebbe finanziare gli arredi e, e da cosa nasce cosa! Mannaggia!

Il ramo di Lecco sembra morto. Quattro battelli in croce e per di più scarti e solo in primavera ed estate.

ecco

grazie comunque e ciao :ciao:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 03 November 2017; 13:30
by AresDusk
eliing wrote:Domanda, non si potrebbe ancorare il Patria a Lecco invece che a Como? Desterebbe interesse e magari qualcuno potrebbe finanziare gli arredi e, e da cosa nasce cosa! Mannaggia!


Credo che la scelta dell'ormeggio a Villa Olmo dipenda dal fatto che il battello è di proprietà della Provincia di Como. Ciò detto, sicuramente la sponda lecchese ha accolto più volte il Patria negli ultimi anni con iniziative di vario genere, mentre la Provincia di Como si sta sostanzialmente limitando a tenerlo ormeggiato a Villa Olmo, malinconicamente chiuso...

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 03 November 2017; 13:38
by venexian
Io la butto là :idea: , e creare un museo della navigazione sul Patria??? Magari un museo itinerante??? Il ritorno di immagine sarebbe molto alto, e sinceramente per gli incassi non credo siano un problema, basta vedere il grande numero di persone che visitano i musei dei trasporti all'estero.
Forse in Italia è un utopia, purtroppo non siamo molto bravi a sfruttare tutte le potenzialità delle nostre bellezze. Basti pensare che in Francia si fanno code di ore per visitare gli interni di un sottomarino, mentre qua -ad es. a Venezia- il Toti è nell'Arsenale ben nascosto e NON visitabile. :shock:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Mon 20 November 2017; 22:02
by Mattia Bellagio
Scusate ho letto oggi una sorta di progamma della città dei Balocchi, ma non si parla di piroscafi. Domanda idiota: non possono mettere il Patria al posto del Concordia? Almeno ci sale su qualcuno..... E non mi si venga a dire che il problema è portarlo li. Non ci vuole niente a portarlo da Villa Olmo a dentro la diga.
Se qualcuno sa..... parli!!!!! :D

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Mon 20 November 2017; 23:16
by holdingpoint
Temo sia una mera questione di sponsorizzazioni, la navigazione probabilmente sponsorizza la manifestazione equindi vuole essere presente con la sua ammiraglia, giustamente. Il povero Patria invece orfanello ed in mano alla sola Provincia rimane fuori dai giochi, però effettivamente potrebbero ormeggiarlo almeno affiancato o ad un molo secondario.

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Tue 21 November 2017; 22:44
by mondolariano
Ma dov'è scritto che ci sarà il Concordia alla Città dei balocchi?...
Comunque penso che un Concordia arredato sia meglio di un Patria vuoto. Meglio mettere il Conco, magari aprendo il bar (imbarco con consumazione obbligatoria) e usandolo come locale, come salotto con musiche natalizie di sottofondo (ho detto una cazzata?), e magari facendo un giro nel primo bacino all'ora del tramonto al sabato e domenica. Il Patria, grezzo com'è, dovrebbe essere animato da qualcosa di particolare, ma la Provincia ha perso entusiasmo e non organizzerebbe nulla a bordo, basta vedere la pagina fb del battello, non più aggiornata dal 9 giugno 2016!
In settembre avevano detto che sarebbe tornato a Villa Olmo per essere visionato almeno dai privati interessati, ma... il tempo passa. :?

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 24 November 2017; 22:20
by Franc 03
Attenzione attenzione!

Oggi pomeriggio stavo tornando da scuola e mentre in macchina raggiungevo Dervio da Varenna ho visto del fumo bianco (davvero bianco) provenire dalle parti del cantiere navale. Dapprima in se' non ci ho trovato nulla di strano, in quanto in questo periodo e' frequente vedere dei fuochi, accesi per bruciare sterpaglie. Mentre mi avvicinavo a Dervio pero' continuavo a guardare quel fumo... Appena ho capito di cosa si trattava mi sono fiondato li (ho meglio "ho fatto fiondare li mio papa' con la macchina :mrgreen: ). Giuro che l'emozione e' stata veramente forte: IL PATRIA ERA ACCESO! :D Non ci potevo credere! Ovviamente, data l'importanza della cosa, non avevo mezzi tecnologici per scattare foto :wall: :wall: :wall: :wall: (il mio telefono ha una tecnologia da anni '50 :wall: ) percio' mi spiace ma vi dovete accontentare di una testimonianza scritta...
Ma ritorniamo a noi: mentre ero li ad ammirare questo spettacolo e' comparsa una maestranza del cantiere. Mi sono fiondato a chiedergli info in merito. Alla mia domanda: "Lo portate a Como?", la risposta e' stata "No, ma e' in riscaldamento. Nei prossimi giorni ci sara' la revisione delle caldaie da parte del RINA e il piroscafo dovra' uscire al largo per testare l'apparato motore".
Mi sono illuminato, questa e' un ottima notizia!
La prima domanda che mi e' saltata in mente arrivato a casa pero' e' stata: "Ma la macchina non era messa male?" Mi e' sorto allora il dubbio che quest'estate ci abbiano messo mano... :o Altrimenti...
Sarebbe fantastico avere ALMENO la macchina in buone condizioni!

In ogni caso io sono felice, e penso lo siate anche voi! :D E' stato troppo bello vedere il Patria fumante dopo tanto tempo!

Cerco di tenervi aggiornati sulla situazione :wink:

:ciao:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Sat 25 November 2017; 15:51
by Mattia Bellagio
Diamine!!!!!!!! Questa si che è una bella notizia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Speriamo in bene.
Mi raccomando figliolo, tienici aggiornati. E armati di macchina fotografica...... :mrgreen:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Sun 26 November 2017; 19:08
by jacopo
Franc 03 wrote:"No, ma e' in riscaldamento. Nei prossimi giorni ci sara' la revisione delle caldaie da parte del RINA e il piroscafo dovra' uscire al largo per testare l'apparato motore".
Mi sono illuminato, questa e' un ottima notizia!
La prima domanda che mi e' saltata in mente arrivato a casa pero' e' stata: "Ma la macchina non era messa male?" Mi e' sorto allora il dubbio che quest'estate ci abbiano messo mano... :o Altrimenti...


Purtroppo niente è cambiato, la macchina necessita di una revisione completa, come pure bisognerà rifare gli impianti di bordo se vorranno farlo navigare con continuità.
Il grande interrogativo poi sono le caldaie. Come tutti sanno, sono piccole e inadeguate al servizio di linea, discorso forse ancora accettabile per le crociere a moto lento...ma che cmq precludono potenziali iniziative commerciali.
Uscire in prova (che il cielo gliela mandi buona) è un conto, fare servizio purtroppo un altro..

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Mon 27 November 2017; 16:05
by Franc 03
Ed ecco a voi due foto scattate venerdì (a mia insaputa) da un mio amico che passava di lì. Sapendo della mia passione per questo genere di imbarcazioni, oggi, da bravo :mrgreen: , me le ha inviate. Purtroppo la qualità è tutt'altro che ottima ma...

Image

Image

jacopo wrote:Purtroppo niente è cambiato, la macchina necessita di una revisione completa, come pure bisognerà rifare gli impianti di bordo se vorranno farlo navigare con continuità.


Cavolo, ci speravo :( :( :( . C'è di buono che almeno quest'estate i ponti in teak li hanno rifatti, almeno quello...

jacopo wrote:Il grande interrogativo poi sono le caldaie. Come tutti sanno, sono piccole e inadeguate al servizio di linea, discorso forse ancora accettabile per le crociere a moto lento...ma che cmq precludono potenziali iniziative commerciali.
Uscire in prova (che il cielo gliela mandi buona) è un conto, fare servizio purtroppo un altro..


Purtroppo lo so... Per fare servizio devono esserci una serie di fattori che per adesso sul Patria non ci sono...
Certo, dopo questo "giro di prova" non è che cambierà molto... Però almeno è l'occasione per dargli un occhio, per vedere come è realmente messo, magari si smuoverà qualcosa...
Però ti assicuro che quando ho visto il PATRIA fumante dopo tanto tempo mi sono esaltato subito :mrgreen:

Ma comunque è mai possibile che questo piroscafo debba essere così sfortunato?

Vedremo se si muoverà qualcosa oppure no... E speriamo che almeno la revisione la passi senza problemi...

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Mon 27 November 2017; 17:49
by mondolariano
L'altro ieri ho incontrato per caso l'ex macchinista storico Quarenghi, e mi ha detto che il Patria ha certamente bisogno di revisone alla macchina (a Dervio non hanno fatto nulla in tal senso), ma non è vero che è messo malissimo. Salvo imprevisti, dovrebbe navigare come nel 2013. A giorni tornerà a Como.
Per quanto riguarda i privati che potrebbero gestirlo, Quarenghi ha fatto una battuta simpatica dicendo che potrebbero anche essere "la Iper o il Bennet" (ahahah, ci rendiamo conto?! :mrgreen: :evil: ), poiché a questo punto bisogna prendere quello che c'è.
Questa è la situazione.

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Tue 28 November 2017; 12:22
by AresDusk
Ciao a tutti,
ma siamo sicuri che oggi il Patria debba anche navigare? Se è soltanto una prova delle caldaie, credo possa anche essere fatta senza muovere il battello...

Le condizioni della macchina immagino le possa conoscere più di tutti chi c'ha lavorato su, noi dobbiamo fidarci...di certo le ultime uscite del 2014 erano state problematiche, velocità di rotazione fortemente ridotta e colpi sordi da un cilindro...speriamo che in effetti non fosse nulla di grave.

Per la gestione, occorre distinguere chi ci potrebbe mettere i soldi (Iper o Bennet andrebbero benissimo!!) e chi invece dovrebbe poi gestire i lavori ed in seguito far funzionare il battello una volta risistemato. Ovviamente Navilaghi sarebbe l'entità più adatta per tutto questo, ma lo ripeto ancora una volta, questi hanno a disposizione una miniera d'oro e non sanno o non vogliono sfruttarla; è assurdo. Occorre trovare qualcun altro, possibilmente un'altra compagnia di navigazione o comunque qualcuno con le competenze tecniche necessarie, o si rischia un altro fuoco di paglia...

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Wed 29 November 2017; 14:53
by Franc 03
AresDusk wrote:Ma siamo sicuri che oggi il Patria debba anche navigare? Se è soltanto una prova delle caldaie, credo possa anche essere fatta senza muovere il battello...


Questa mattina il bigliettaio di Bellano mi ha detto che ieri pomeriggio era al largo in navigazione e ogni tanto sbuffava! :D

A quanto sembra, invece, oggi dovrebbe tornare a Como. Dopo, quando vado a casa (prendo il 14.20) sto attento, chissà mai che stia già navigando in direzione Como! :D

mondolariano wrote:L'altro ieri ho incontrato per caso l'ex macchinista storico Quarenghi, e mi ha detto che il Patria ha certamente bisogno di revisone alla macchina (a Dervio non hanno fatto nulla in tal senso), ma non è vero che è messo malissimo. Salvo imprevisti, dovrebbe navigare come nel 2013. A giorni tornerà a Como.


AresDusk wrote:Le condizioni della macchina immagino le possa conoscere più di tutti chi c'ha lavorato su, noi dobbiamo fidarci...di certo le ultime uscite del 2014 erano state problematiche, velocità di rotazione fortemente ridotta e colpi sordi da un cilindro...speriamo che in effetti non fosse nulla di grave.


Ah, se lo dice Quarenghi :mrgreen: ....
In effetti però nelle ultime uscite c'era stato qualche problema :| ...
Quando avevo chiesto al macchinista del Concordia mi aveva detto che era messo veramente male (come poi avevo scritto qui sul forum) :( .
Sarà che lui è abituato troppo bene con il Concordia? :mrgreen: 8--) 8--) 8--)

AresDusk wrote:Per la gestione, occorre distinguere chi ci potrebbe mettere i soldi (Iper o Bennet andrebbero benissimo!!) e chi invece dovrebbe poi gestire i lavori ed in seguito far funzionare il battello una volta risistemato. Ovviamente Navilaghi sarebbe l'entità più adatta per tutto questo, ma lo ripeto ancora una volta, questi hanno a disposizione una miniera d'oro e non sanno o non vogliono sfruttarla; è assurdo. Occorre trovare qualcun altro, possibilmente un'altra compagnia di navigazione o comunque qualcuno con le competenze tecniche necessarie, o si rischia un altro fuoco di paglia...


Io nei prossimi giorni provo a scrivere al FAI (Fondo Ambiente Italiano). Magari a loro può interessare...

Più passa il tempo, però, più mi accorgo di quanto sia ridicola questa situazione! E' assurdo, dai!