Page 2 of 40

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 09 May 2013; 17:56
by mondolariano
AresDusk wrote:Difficilmente rivedremo gli interni sontuosi del piroscafo d'origine...

Infatti si teme di creare un "falso storico", come si legge su "Breva news":
Non soltanto il radar manca ancora al piroscafo, ma anche tutto l’arredamento, che sarà assolutamente essenziale, come conferma il progettista Fornasini: «Per il momento il Patria verrà utilizzato solo per crociere di rappresentanza, mostre itineranti, eventi, cerimonie, ma non servizi di linea. Per l’allestimento abbiamo dovuto trovare un compromesso tra le norme di sicurezza attuali e le norme per la salvaguardia dei beni storici. Alcune rifiniture sono state mantenute, ma lo arrederemo in modo semplice per evitare di creare un falso storico».

Su questo ci sarebbe da discutere. Non ha senso riprodurre un dipinto, poiché ovviamente si perde la mano originale del pittore. Ma in architettura c'è solo l'idea architettonica da riprodurre, e il risultato è sempre valido anche se nuovo, usando ovviamente gli stessi materiali. Questa è l'opinione di Vittorio Sgarbi e secondo me ha ragione. Quindi, riprodurre il salone del Patria identico all'originale non sarebbe un falso. Diciamo piuttosto che è un problema di costi, visto che i legni pregiati e gli intarsi di madreperla costano. :cry: Speriamo almeno che rimettano i divani di pelle, se no tanto vale!

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 09 May 2013; 21:36
by DanieleTO
^^ Anche secondo me sarebbe da riprodurre l'interno del Patria "com'era, dov'era", cosa che del resto è stata fatta per altri piroscafi lacustri (penso all'"Hohentwiel" del Lago di Costanza).
MI dispiace che il recupero del "Patria" sia limitato a servizi di prestigio e noleggi, cosa che mi fa apparire ancora più prezioso e unico il gemello "Concordia".

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 09 May 2013; 22:51
by Alessandro72
Premetto che sono felicissimo di aver rivisto il Patria in giro per il Lario, e il plauso va prima di tutto a coloro che ci hanno sempre creduto, ma la storia della "non volontà" di creare un "falso storico" è una meschina foglia di fico che nasconde la (reale) volontà di non spendere soldi per gli interni. Il Patria non è un falso storico, ma un reale piroscafo degli anni '20. Gli interni dovrebbero essere ricostruiti secondo il progetto originale, altrimenti si sarebbe semplicemente fatto un "falso restauro".

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Thu 09 May 2013; 23:17
by bisbino1
Diamo atto all'impegno di queste persone che hanno lavorato per la rinascita del Patria
Dopodichè ci sono alcuni aspetti fondamentali che possono essere valorizzati senza grosse spese.
Ad esempio avete notato la Plancia?
Non siamo riusciti a verniciare il timone e lucidare gli ottoni?Inoltre è stato fissato con un dado di acciaio inox su un mozzo di ottone...Il portavoce ed la chiamata macchina dove sono finiti? Il pavimento di gomma antisdruciolo nera..

Dai non facciamo un restauro a metà guardiamo l'Hohentwil utilizzato per gli stessi scopi

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 9:06
by jacopo
Vorrei ricordare che questa è stata la prima uscita in prova, l'allestimento del piroscafo NON è terminato, ad esempio manca ancora il completamento del ponte in teak, degli arredi interni e così via! :wink:
Ci sta che manchino diverse finiture, ci sta che non tutto sia al 100%...tempo al tempo!

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 10:11
by AresDusk
Vedremo come saranno gli interni, ma temo che il problema sia misto economico/tecnico. I materiali usati in origine sul "Patria", mi riferisco soprattutto all'incredibile salone, credo siano molto difficili e costosi da usare attualmente, considerate tutte le norme di sicurezza introdotte da allora. Parliamo del soffitto di bronzo lavorato, delle pareti di legno intarsiato, dei divani di cuoio, degli stucchi etc. etc.

Sarebbe stato sufficiente cercare almeno di mantenere la classe RINA del piroscafo durante gli anni del disarmo, così da poter mantenere sostanzialmente il battello nelle sue condizioni di origine. Adesso si tratta praticamente di "riomologare" un battello "nuovo", con tutte le normative e limitazioni del caso.

Sicuramente il ripristino completo degli arredi di origine del "Patria" sarebbe molto costoso, se non addirittura impossibile...

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 10:20
by AresDusk
mondolariano wrote::lol: :clap: Aspettate, aspettate!... Alessandro72, tu che eri lì mentre suonava, il fischio com'è? Rispetto al Concordia è più acuto, più profondo, più forte, più debole... Non tenerci sulle spine!!


Dimenticavo, il fischio è più acuto, come intensità mi sembra più o meno uguale. Per quel che ricordo, dovrebbe essere proprio il suo fischio originale :D
Manca solo una mano di nero al fumaiolo... :wink:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 12:32
by antonioilgardesano
Carissimi e' come una festa di compleanno.....BEN TORNATO "PATRIA"!!!!!!!!!! E' una meraviglia!!!!! magari fosse di augurio per quello che ci circonda....un caldissimo abbraccio a TUTTI VOI......Antonio

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 15:20
by mondolariano
Fischio "originale" stile 1983/1990? Ho capito, grazie!
Il fumaiolo mi sa che resta così, a colori invertiti, però non è male come avevo creduto. Ovviamente l'hanno fatto apposta, forse simboleggia esteticamente la rinascita, il "nuovo" all'interno della continuità storica... :idea:
Piuttosto, le prese d'aria devono essere rosse dentro. Bianche sono proprio brutte! Se hanno già dipinto il fumaiolo, perché non hanno dipinto anche quelle? Chi può contattare gli addetti ai lavori? Diteglielo prima che si facciano venire strane idee...

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 15:24
by Alessandro72
Il fischio è più flautato rispetto al Concordia. Non sono in grado di dire se sia quello originale perché non me lo ricordo. Comunque è su una frequenza udibile a grandissime distanze, di più del Concordia, e questo ricordo che è sempre stata una peculiarità del Patria.

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 18:17
by john1981
AresDusk wrote:Vedremo come saranno gli interni, ma temo che il problema sia misto economico/tecnico. I materiali usati in origine sul "Patria", mi riferisco soprattutto all'incredibile salone, credo siano molto difficili e costosi da usare attualmente, considerate tutte le norme di sicurezza introdotte da allora. Parliamo del soffitto di bronzo lavorato, delle pareti di legno intarsiato, dei divani di cuoio, degli stucchi etc. etc.

Sarebbe stato sufficiente cercare almeno di mantenere la classe RINA del piroscafo durante gli anni del disarmo, così da poter mantenere sostanzialmente il battello nelle sue condizioni di origine. Adesso si tratta praticamente di "riomologare" un battello "nuovo", con tutte le normative e limitazioni del caso.

Sicuramente il ripristino completo degli arredi di origine del "Patria" sarebbe molto costoso, se non addirittura impossibile...


Questione molto interessante. Sarei anch'io a favore del ripristino "com'era", con il salone, i pannelli in legno, i divani di velluto, le specchiere... non è un falso, perché in effetti il Patria ha avuto quell'aspetto, andato perso per cause umane.
In effetti, se per disgrazia dovesse crollare una parte di un'opera d'arte, come ad esempio la Cappella Sistina, nessuno obietterebbe, credo, a ricostruirla com'era.
Chiaro, i lavori possono essere compiuti anche in più tappe... ma gli esempi svizzeri ed austriaci (Hohentwiel; ricostruzione salone dell'Uri e dell'Unterwalden, per citare i primi che mi vengono in mente) sono a favore della ricostruzione.

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 18:18
by john1981
mondolariano wrote:Fischio "originale" stile 1983/1990? Ho capito, grazie!
Il fumaiolo mi sa che resta così, a colori invertiti, però non è male come avevo creduto. Ovviamente l'hanno fatto apposta, forse simboleggia esteticamente la rinascita, il "nuovo" all'interno della continuità storica... :idea:
Piuttosto, le prese d'aria devono essere rosse dentro. Bianche sono proprio brutte! Se hanno già dipinto il fumaiolo, perché non hanno dipinto anche quelle? Chi può contattare gli addetti ai lavori? Diteglielo prima che si facciano venire strane idee...


Sì, rosse, come i piroscafi del lago di Lucerna!!! O nere, ma non certo bianche!!! Certo che, come appassionati, siamo ben attenti ad ogni particolare

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 18:30
by jacopo
Io mi inserisco nella questione fischio (o sirena, che dir si voglia!)... :D

Quello del p/fo Concordia produce un suono molto più cupo...che si ode cmq a chilometri di distanza, questo lo posso garantire!

Video:
https://www.youtube.com/watch?v=MHxdMrp5WmM

Per parafrasare un'espressione dialettale, il tipo del video avrebbe potuto esplamare: CHE STREMIZIO! :mrgreen: :lol: ...perchè è POTENTE di brutto!!!

Mercoledì ho sentito il p/fo Patria per la prima volta, e confermo una grande differenza con il suo gemello.
La sirena del Patria è più acuta, direi molto più SVIZZERA, mentre quella del Concordia è cupa, potente, quasi NAVALE, se mi concedete il paragone!

Il Patria è più simile al Piemonte verbanico, ecco...siamo su quella lunghezza d'onda!


Io non c'ero negli anni Ottanta quando il Patria navigava, e nell'ottobre 1990 non avevo nemmeno compiuto 2 anni...non posso ricordare! ma proprio da queste pagine ho appreso che le sirene dei due piroscafi gemelli sono da sempre state molto diverse!
Ora, se sia la stessa sirena che aveva in dotazione in passato, io non lo so...però CONFERMO senza ombra di dubbio che queste continuano ad essere molto, molto diverse! :wink:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Fri 10 May 2013; 21:41
by ldv84
Leggo con piacere, profondo piacere la notizia della rinascita del gioiellino lariano.
Come non esserne felici, indipendentemente da tutto e da tutti.... in un periodo come questo, davvero è un profondo ed evidente segno in controtendenza!

Basta crederci.... e "loro" ci hanno creduto, fino in fondo: complimenti :clap: :clap: :clap:

Re: Piroscafo Patria: la rinascita

PostPosted: Sat 11 May 2013; 11:52
by holdingpoint
Ciao a tutti gli amici del forum

Che dire sono commosso, è splendido vedere di nuovo l'amato Patria tornare a solcare le acque del Lario, l'immagine spalanca nella mia mente la porta di innumerevoli ricordi. Complimenti a tutte le persone che hanno creduto in questa avventura, complimenti anche al Signor Bordoli che ho avuto il piacere di conoscere che con la sua tenacia ed abnegazione ha contribuito a raggiungere questo traguardo!

P.s. la foto di Jacopo dell'incrocio con il Milano è stupenda!