Trasporti a Milano

Oggi è mar 23 gennaio 2018; 19:41

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 141 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: mar 31 ottobre 2017; 0:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3517
Poi ci fustigano per il fuori tema...

Bon (facciamo come il Puigdemont e ce ne freghiamo di cosa pensi Madrid :mrgreen: ), premessa: i cosiddetti Baliaggi italiani affrancatisi dal dominio dei XII Cantoni (la Leventina dal dominio del solo Canton Uri, Blenio, Riviera e Bellinzona di Uri, Svitto e Nidvaldo) nel 1798, vennero elevati con l'Atto di Mediazione del 1803 al rango di cantone uguale in diritto agli altri più antichi, qualità che mantenne anche, caduto il Bonaparte, durante la Restaurazione (malgrado certi attriti, verso il 1814, con la Dieta federale, la quale subiva l'influsso della Santa Alleanza, sui quali sarebbe qui poco opportuno dilungarsi; già allora dovette essere inviato, ad ogni buon conto, un Commissario federale a ristabilire il "legittimo" Governo) il Cantone venne controllato per un qundicennio da un governo condotto da un tale Giovan Battista Quadri (il famoso Landamano Quadri). Fatto sta che questo Quadri venne liquidato nel 1830 con una riforma costituzionale della quale erano state fautrici ampie schiere della cittadinanza (dagli elementi più progressisti, a esponenti del clero e addirittura dello stesso governo). Sin dal 1830, tuttavia, divergenze in seno al movimento riformista (tra l'altro in merito anche al trattamento da riservare ai rifugiati italiani, invisi all'Austria e al Governo federale ad essa asservito) comportarono la sua scissione tra i cosiddetti liberali-moderati (i futuri cattolici-conservatori e poi PPD) e i liberali-puri (anche detti liberali-radicali (si chiamano ancora così, anche se sono meno di sinistra; hanno avuto nelle proprie schiere perfino dei ciellini...).

Sta di fatto che dopo le elezioni del 24.02.1839 (caratterizzate, come d'uso, da brogli e tafferugli, ci furono pure due morti in Lavizzara (almeno uno dei quali colpito da un colpo sparato dal curato...)) si trovò maggioritaria in parlamento la fazione moderata che riuscì, raccontano Rossi e Pometta, a "guadagnarsi l'adesione di un buon numero di consiglieri fino allora indipendenti, oscillanti o senza recisa tendenza". Durante la seduta costitutiva la minoranza contestò la validità della convocazione ma la maggioranza tirò dritto; amministrazione e giustizia vennero ripulite dai liberali e i posti distribuiti a persone fedeli ai moderati. Vennero pure adottate limitazioni alla libertà di stampa e misure contro le società armate, a sapere quella dei Carabinieri, di matrice liberale.
Il 18.11.1839 veniva infine dato il colpo di grazia all'opposizione e, malgrado l'istituzione di una guardia volontaria a rinforzo della Gendarmeria, la situazione precipitò (vennero anche bruciate le effigi di membri del Governo).
Il 1° dicembre un comizio a Lugano "intimava al Governo la revoca delle espulsioni [degli Italiani] e del decreto sulla stampa"; mentre nel Mendrisiotto venivano eretti alberi della libertà.
Il 4 dicembre il Governo chiedeva al Governatore di Milano, senza ottenerla, una dimostrazione militare nei pressi della frontiera al fine di calmare gli animi.
Sta di fatto che la sera dello stesso 4 dic., i gendarmi stavano procedendo all'arresto di alcuni riformisti che, a Lugano, nel corso della giornata si erano azzuffati con dei moderati, allorché la zia di uno di essi [ :mrgreen: ] (degli arrestandi, ovvero i percossi) prese uno dei gendarmi per i baffi e lo trascinò sulla pubblica via, dove ottenne man forte da altri cittadini. La Compagnia scelta veniva poi disarmata e la Municipalità, mobilitata la Guardia civica, assumeva l'autorità governativa.
Il giorno dopo 200 Carabinieri muovevano dal Mendrisiotto, durante la marcia verso nord le loro schiere si infoltivano ulteriormente. Egualmente venivano inviati due messi ad intimare le dimissioni al governo (la capitale era allora itinerante; in quel tempo aveva sede a Locarno), due membri del quale riparavano già il 5 dicembre per l'appunto a Cannobio. Il 6 gli armati marciavano su Bellinzona da dove, rifornitisi di armi presso l'arsenale, facevano rotta su Locarno, ciò che provocava la fuga di altri tre membri del governo a Cannobio; da lì il 7 avrebbero poi inoltrato le dimissioni. Un umile capotecnico trattava quindi la resa dei governativi e gli armati potevano entrare trionfalmente in Locarno dove veniva proclamato il nuovo governo (in questo caso il governo venne più o meno riconosciuto dalle autorità federali e quindi si evitò, per una volta, l'intervento federale).
Va ancora ricordato che i membri del governo rimosso, con un processo lampo, vennero condannati a lavori forzati di varia entità, oltre che al pagamento delle spese processuali e della rivoluzione (!). Il parlamento ne decretò inoltre l'ineleggibilità perpetua e l'immediata esazione delle spese a loro accollate. Alcuni pagarono e restarono in esilio volontario, altri si videro i beni messi all'asta mentre altri fallirono.

Voilà, sperando di non aver troppo maltrattato, con la sintesi, gli eventi. :divano:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: mar 31 ottobre 2017; 17:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 17:12
Messaggi: 3348
Con la fuga di Pudgemont in Belgio, aveva ben ragione stamattina l'ambasciatore spagnolo a commentare ad una radio francese:
- da un colpo di stato a una farsa (Da un coup d'Etat à un vaudeville..)
Personalmente la chiamerei la commedia degli errori...

_________________
http://www.divinodedorex.com (coming soon)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: gio 02 novembre 2017; 15:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 30 agosto 2006; 8:04
Messaggi: 20519
ansa

La procura spagnola ha chiesto alla giudice della Adiencia Nacioanl Carmen Lamela di decidere la detenzione preventiva senza cauzione per tutti i membri del Govern catalano accusati di "ribellione", meno che per l'ex ministro Santi Villa che si era dimesso il giorno prima della dichiarazione di indipendenza, riferisce Tv3

Il vicepresidente catalano destituito, Oriol Junqueras, è stato il primo ad arrivare stamani all'Audiencia Nacional che lo ha convocato insieme agli altri ex membri del 'Govern' indagati per "ribellione". Lo scrive La Vanguardia.

Anche la presidente del parlamento catalano Carme Forcadell, imputata per 'ribellione', è giunta alla sede del Tribunale Supremo di Madrid, dove deve essere interrogata da un giudice. Nella sede della Audiencia Nacional, a poche decine di metri di distanza, si trovano già i membri del Govern imputati in una causa parallela. Non dovrebbero rispondere alle domande del magistrato. Il President destituito Carles Puigdemont si trova invece a Bruxelles dove ha denunciato un "processo politico".

In un comunicato diffuso ieri sera a Bruxelles, scrive la stampa belga, l'ex presidente Carles Puigdemont, in Belgio insieme ad altri quattro suoi ministri, ha ribadito che non tornerà in Spagna denunciando "un processo politico" nei suoi confronti. I giudici spagnoli potrebbero quindi spiccare un mandato di arresto europeo.




15:41
Procura spagnola dirama un ordine di cattura internazionale per Puigdemont e 4 ministri

_________________
Immagine

ridateci Freedrichstrasse!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: gio 02 novembre 2017; 17:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 30 ottobre 2007; 10:40
Messaggi: 25904
Località: Paderno Dugnano
@viersieben.
E chi sarebbe Rajoy? Hallenius? :mrgreen:


Grazie comunque per aver raccontato questo episodio che non conoscevo. E per aver implicitamente retrodatato la coscienza nazionale svizzera anche a sud del Gottardo. Come se i baliaggi avessero (diversamente dalle dominazioni nel resto del mondo italofono) trasmesso ai loro sudditi una serie di valori

_________________
Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: gio 02 novembre 2017; 17:19 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: ven 13 settembre 2013; 0:42
Messaggi: 1365
Trullo ha scritto:
E chi sarebbe Rajoy? Hallenius? :mrgreen:


E no eh, tutto quello che vi pare ma Rajoy NO :mrgreen:

_________________
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: La Catalogna
MessaggioInviato: gio 02 novembre 2017; 17:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 11 maggio 2014; 13:20
Messaggi: 4052
Località: Provincia di Parma
Nonostante gli infiniti errori di Puigdemont, rajoy riesce sempre a farne di peggiori col rischio che si arrivi a ben altro


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 141 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010