Trasporti a Milano

Oggi è mar 23 gennaio 2018; 19:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 436 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 26, 27, 28, 29, 30  Prossimo

Si deve staccare la spina?
68%  68%  [ 25 ]
No 24%  24%  [ 9 ]
Boh 8%  8%  [ 3 ]
Voti totali : 37
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 8:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 30 agosto 2006; 8:04
Messaggi: 20519
condivido pienamente

_________________
Immagine

ridateci Freedrichstrasse!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 8:31 
Non connesso

Iscritto il: sab 23 dicembre 2006; 14:57
Messaggi: 8617
Località: Milano
Io penso che sia difficile capire da sani cosa si desidererebbe trovandosi in quella situazione.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 11:49 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
Nessuno lo può dire.
Ma dal comportamento generale la deduzione è che le persone in quella condizione, a quel grado di Alzheimer, non hanno più nemmeno il concetto di "desiderio".
E comunque, da sano, dico: NON VOGLIO VIVERE IN QUEL MODO.

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 12:06 
Non connesso

Iscritto il: sab 23 dicembre 2006; 14:57
Messaggi: 8617
Località: Milano
Anch'io da sano non desidero niente del genere per me, ma non ho idea se da malato non sarei in grado di accettare la mia situazione e riuscire a viverla ugualmente con serenità. Ci sono casi come quello sulla bocca di tutti questi giorni, ma ci sono anche casi di persone che trovano una ragione di vita anche in quelle condizioni.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 12:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
Nel caso dell'Alzheimer di solito non c'è un tutto o niente, ma ci sono diverse gravità e velocità di evoluzione. Giusto per inquadrare un po' la cosa.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 13:20 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: ven 13 settembre 2013; 0:42
Messaggi: 1365
skeggia65 ha scritto:
a quel grado di Alzheimer

_________________
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 14:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 25 gennaio 2007; 13:56
Messaggi: 10052
Località: Milano Provincia
jumbo ha scritto:
Anch'io da sano non desidero niente del genere per me, ma non ho idea se da malato non sarei in grado di accettare la mia situazione e riuscire a viverla ugualmente con serenità. Ci sono casi come quello sulla bocca di tutti questi giorni, ma ci sono anche casi di persone che trovano una ragione di vita anche in quelle condizioni.

Se sei in grado da malato a comunicare agli altri la tua volontà, il problema non si pone. Ma se ti capita di trovarti in uno stato in cui non sei in grado di comunicare in nessuna maniera, cosa si fa?
Ti si tiene in vita artificialmente nel dubbio che tu abbia una "ragione di vita"? Oppure è vero il contrario, che non lo accetti ed il tenerti in vita è solo una inutile tortura?
Per questo è meglio fare, nel pieno delle proprie facoltà, una scelta. Scelta di cui bisognerà accettare le conseguenze quando, sperabilmente mai, ci si trovasse in tale condizione. Sia che si sia scelto di non protrarre la vita, accettando che ciò accada pur avendo in tale situazione trovato una "ragion di vita" che non si riesce a comunicare, sia che si sia scelto di volere il mantenimento in vita, magari non volendolo più e soffrendo in silenzio una tortura fino alla follia. Ovviamente nell'ipotesi che la mente sia presente e vigile, ma con il resto del corpo che non funziona.

Tra le due, meglio la prima. Meglio morire pur non volendolo al momento. Anche perchè questa è la condizione normale: noi un giorno moriremo, e quel giorno, presto o tardi, non vorremo farlo. A questo punto è del tutto indifferente quale che sia la causa della nostra morte: malattia, consunzione o esecuzione della nostra ultima volontà espressa. O il quando.

_________________
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 14:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
L'accanimento terapeutico che sposta un po' in là una morte prossima non è mai stato difeso da nessuno e non c'è nessuna legge che obbliga a seguirlo.
In questa vicenda vedo che, a fronte di una sofferenza che se non sfocia in disperazione comunque pone una domanda di senso, la soluzione unica, scontata e a mio avviso sbrigativa, è quella di togliere di mezzo la persona assieme alla sua domanda.
Non voglio farla facile e ci sono situazioni diversissime ma mi sembra che si rischi una visione da una sola prospettiva.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 15:33 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: ven 13 settembre 2013; 0:42
Messaggi: 1365
Non mi pare che qualcuno qui stia affermando la necessità di "sopprimere" indistintamente i soggetti posti nella condizione di non poter più esprimere la propria volontà a causa di malattie neurodegenerative.
Presso le Unità Valutative Alzheimer i soggetti sono costantemente monitorati e mediante appositi test vengono assegnati loro dei punteggi che rispecchiano quelle che sono le capacità residue del paziente. Considerando quello che ho visto con mia nonna (e che sto continuando a vedere), posso dire che vorrei poter esprimere ora la mia volontà circa la mia sorte nel caso il mio punteggio scendesse sotto una certa soglia da me ritenuta congrua.
Credo che questa (punteggio non menzionato a parte) sia anche la visione di Skeggia.

_________________
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 16:03 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 30 ottobre 2007; 10:40
Messaggi: 25904
Località: Paderno Dugnano
Sono tendenzialmente favorevole a che si possa disporre "da sani" di quello che si vorrebbe ci succedesse in caso di gravi malattie. Questo come principio, poi all'atto pratico ho estrema difficoltà a dire cosa vorrei fosse fatto a me

Sicuramente in una situazione in cui fossi privo di coscienza, e vivessi attaccato a una macchina come un vegetale, vorrei l'iinterruzione delle cure e una rapida morte

Nel caso invece di limitazioni gravissime all'autonomia ma con piena coscienza (come nel caso di Dj Fabo), è veramente difficile stabilire qualsiasi cosa. Certo essendo cosciente fino alla fine probabilmente una auspicabie normativa prevederebbe di poter cambiare la propria decisione e quindi chiedere di essere curato anche se in precedenza si era disposto diversamente, se vivendo la situazione si trova la forza di vivere nella nuova condizione, forza che magari "da sani" non si pensa di avere

Più difficile ancora giudicare una malattia degenerativa, dove la perdita delle condizioni non avviene di colpo ma poco per volta. Se oggi decidessi "fatemi morire quando le mie capacità residue sono sotto il 10%", che ne sappiamo noi di quale livello di coscienza reale (indipendentemente dalla capacità di comunicazione che si esprime tramite i test) ha una persona con quel livello di capacità? Magari ha ancora un barlume di coscienza (magari non sempre, solo in alcuni rari momenti di lucidità), che non riesce a esprimere nè con le parole nè con gli atteggiamenti... Non so, non ha la pretesa di essere esaustiva questa analisi, è solo uno spunto di riflessione....

_________________
Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 16:20 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: ven 13 settembre 2013; 0:42
Messaggi: 1365
I test non rilevano solo la capacità di comunicazione.

_________________
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 18:00 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 30 ottobre 2007; 10:40
Messaggi: 25904
Località: Paderno Dugnano
Se sono cosciente ma non riesco a comunicare questa coscienza all'esterno (o non riesco in maniera sufficiente), i test non la rilevano (o la sottostimano), no?

_________________
Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 18:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
S-Bahn ha scritto:
L'accanimento terapeutico che sposta un po' in là una morte prossima non è mai stato difeso da nessuno

Quindi Piergiorgio Welby e Eluana Englaro hanno viste soddisfatte immediatamente le loro volontà. Sono bastati 9 anni per Welby e diciassette per Englaro.
Geologicamente parlando, meno di un battito di ciglia.
Quando hai un po' di voglia, vai a ripassare i post un po' indietro. Mi pare di ricordare che qualcuno abbia dato dello stolto al padre di Eluana.
E la legge sul testamento biologico è tutt'ora al palo.
Se così non fosse, non ci sarebbero le (accuse di) strumentalizzazioni sui casi più eclatanti.

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: mer 01 marzo 2017; 19:36 
Non connesso

Iscritto il: sab 23 dicembre 2006; 14:57
Messaggi: 8617
Località: Milano
Veramente Eluana non era in vista di una morte prossima.
Welby non sono molto informato su quali fossero le sue condizioni, ma ricordo il commento di un amico medico pochi giorni dopo "non ha fatto niente di strano, sospendere la ventilazione se il paziente è contrario è una cosa che si fa normalmente".


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Eluana
MessaggioInviato: gio 02 marzo 2017; 0:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
Il corpo di Eluana era mantenuto in vita tramite alimentazione e idratazione artificiale.
Senza un ago in vena, non avrebbe potuto vegetare.
Quanto alla testa, corteccia cerebrale estremamente con degenerazione tissutale quasi totale.
Per chi volesse sapere quali sono le funzioni della corteccia cerebrale, un "breve" riassunto: emozioni e risoluzione di problemi, coordinazione dei movimenti complessi, movimenti volontari, riconoscimento informazioni sensitive, elaborazione informazioni sensitive, informazioni visive, riconoscimento di stimoli visivi semplici, comprensione del linguaggio, elaborazione delle informazioni uditive, riconoscimento delle qualità dei suoni (volume, tono), elaborazioni legate alla memoria, produzione del linguaggio.
Senza corteccia cerebrale (o con la corteccia ampiamente danneggiata), le uniche funzioni che quel che rimane del cervello sono quelle respiratorie.
Per questo il corpo di Eluana non aveva bisogno della respirazione forzata, anche se l'autopsia rivelò una parziale ( presumibilmente progressiva) ossificazione dei tessuti polmonari.
Per quanto riguarda le accuse di "strumentalizzazione" da parte dei radicali, suggerisco di fare una breve ricerca riguardo il comportamento di parlamento, governo e relativo capo dell'epoca, che si spinse a definire Eluana "bella", in salute e in grado di potere un domani avere dei figli.

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 436 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 26, 27, 28, 29, 30  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010