Trasporti a Milano

Oggi è mar 23 gennaio 2018; 19:28

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 841 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 53, 54, 55, 56, 57  Prossimo

NUCLEARE IN ITALIA?
SI, COSTRUIAMO NUOVE CENTRALI IN ITALIA 43%  43%  [ 27 ]
SI, UTILIZZIAMO LA CENTRALE ESISTENTE 6%  6%  [ 4 ]
NO, NON IN ITALIA 51%  51%  [ 32 ]
Voti totali : 63
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 19 gennaio 2014; 3:10 
Non connesso

Iscritto il: mar 04 settembre 2007; 18:39
Messaggi: 16108
Mi domando pero' quali sono gli usi dell'uranio 238...

_________________
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 19 gennaio 2014; 18:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
Da Wikipedia:
Cita:
Anche 238U può trovare impiego nei reattori nucleari, dove è convertito in 239U per assorbimento di neutroni (fertilizzazione), il quale decade in 239Pu, fissile.


Oltre a tutti gli altri impieghi militari (corazze e proiettili anticarro) e civili (zavorre per aerei, elicotteri, navi, imbarcazioni da regata), dove si utilizza uranio impoverito, costituito perlopiù da U-238.

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 19 gennaio 2014; 21:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
C'è qualcosa che non torna.
Se fossero vere quelle percentuali di riciclo il problema dei siti di sotccatto non esisterebbe neppure, invece esiste, e le miniere di uranio le avrebbero chiuse almeno vent'anni fa, visto che la produzione negli ultimi trent'anni, nonostante qualche tentativo di ripresa dopo il 2000 è quantomeno in ristagno, e non mi pare che si siano chiuse le miniere, anzi quel che succede nell'Africa sahariana direbbe il contrario.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 19 gennaio 2014; 21:42 
Non connesso

Iscritto il: mar 04 settembre 2007; 18:39
Messaggi: 16108
Qui pero' metti insieme due questioni diverse: miniere di uranio e stoccaggio materiale radioattivo.

Per le miniere di uranio, da quello che ho capito l'uranio 238 ha utilizzi ben diversi dalla formazione e arricchimento del combustibile, quindi viene utilizzato in tanti processi ma il combustibile andrà sempre ottenuto da miniere.

Per lo stoccaggio di materiale radioattivo, direi che lo schema riguarda sicuramente il combustibile esausto che viene estratto dal reattore, visto il contenuto indicato. Quantità assolutamente trascurabili (circa un metro cubo all'anno per una centrale elettrica) rispetto alla quantità di rifiuti radioattivi creati durante l'intero processo (produzione materiale fissile, stoccaggio, manutenzione e gestione dell'intero reattore e cosi' via) che sono numeri di gran lunga superiore al semplice combustibile esausto.

_________________
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 20 gennaio 2014; 14:43 
Non connesso
Forum Admin
Avatar utente

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 21:15
Messaggi: 24567
Insomma... gli utilizzi dell'uranio 238 sono dovuti soprattutto alla sua elevata disponibilità come materiale di scarto della lavorazione. Inoltre è possibile ottenere combustibile anche dal trattamento del combustibile esaurito, è il cosiddetto MOX Non è un'operazione che tutti fanno (per esempio negli USA non lo si fa) perché oltre ad essere particolarmente costosa è anche piuttosto rischiosa perché comporta il trasferimento di rifiuti altamente radioattivi dalla centrale al sito di ritrattamento-

Quanto alle scorie... il combustibile esaurito per una tipica centrale si aggira sui 10-30 m³/TW anno,un po' più di quanto affermavi, ma non è certo un problema di quantità. I "rifiuti" della lavorazione del combustibile sono poco radioattivi, l'uranio impoverito è molto meno radioattivo di quello naturale. Il combustibile esaurito ed ancora di più le cosiddette ceneri (cioè i prodotti della fissione) hanno livelli di radioattività di parecchi ordini superiori

_________________
Blog: http://fra74.github.io


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 20 gennaio 2014; 15:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
Ecco l'intervento di chi aspettavo.
Fra, l'articolo che ho linkato è abbastanza veritiero o è molto "partigiano?

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 20 gennaio 2014; 15:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
Federico_2 ha scritto:
Qui pero' metti insieme due questioni diverse: miniere di uranio e stoccaggio materiale radioattivo..
Sì, mettevo insieme, o meglio, consideravo due questioneìi.
Se fosse vero che il combustibile lo si ricicla quasi al 100%, e quasi tutto in nuovo combustibile, andrebbe a zero o quasi la necessità di estrarre nuovo uranio per le centrali e contemporaneamente si ridurebbe ad una frazione minima la quantità di scorie ad alto rischio da stoccare. Ma evidentmente non è proprio così.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 20 gennaio 2014; 16:35 
Non connesso
Forum Admin
Avatar utente

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 21:15
Messaggi: 24567
@skeggia: direi che quell'articolo è molto di parte... Unisce ad alcune considerazioni sensate e condivisibili sul solare, altre abbastanza senza senso quando considera l'energia prodotta da un singolo evento (fissione nucleare piuttosto che cattura di un fotone) dimenticando però che il primo è un vento irreversibile, il secondo no. Ma poi se non dice delle vere e proprie frottole ci arriva vicino o quanto meno omette aspetti fondamentali quando parla del recupero dell'uranio 238.

In teoria è vero che l'U-238 può essere utilizzato come materiale fertile in reattori ed i reattori autofertilizzanti hanno un certo numero di vantaggi: scorie molto meno radioattive, possibilità di utilizzare l'U-238 che è molto più abbondante. Ma ci sono anche tutta una serie di problemi di non poco conto: rischi di incidenti per l'uso di metalli fusi (sodio) come refrigeranti (ed in Giappone un paio di incidenti ci sono stati, ma non solo lì) e per la continua necessità di rigenerare il combustibile per eliminare il Pu-240 instabile e a rischio di scissioni spontanee e per ripristinare l'U-238 consumato che si traducono in sostanza in costi elevatissimi che fanno si che al momento sia una soluzione che seppur teoricamente possibile è economicamente ben poco sostenibile...

Non è un caso se la Francia ha abbandonato anni fa il Superphoenix... In realtà proprio per i vantaggi l'idea di reattori autofertilizzanti non è del tutto abbandonata ma si devono cercare dei design tali da limitare i rischi e i costi per renderla una soluzione pratica e che possa essere competitiva

_________________
Blog: http://fra74.github.io


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 20 gennaio 2014; 20:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
Allora ci avevo visto giusto nell'86 quando al famoso referendum avevo votato a favore del nuclenare tranne sul quesito relativo alla continuazione della collaborazione con la Francia sul Superhpoenix, che mi era sembrata poco sensata e molto pericolosa.
Nel tempo le considerazioni legate soprattutto ai costi mi hanno fatto cambiare idea sul nucleare ma nell'86 ero stato tra i pochi italiani che l'avevano difeso. Menomale, nonsotante i costi di Caorso, che abbiamo abbandonato quello che attualmente è il modo più costososo di produrre energia, pur con una molto probabile sottostima dei costi stessi a lungo termine.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: mer 22 gennaio 2014; 20:36 
Non connesso
Forum Admin
Avatar utente

Iscritto il: mer 05 luglio 2006; 21:15
Messaggi: 24567
Mah non mi sentirei di definire in assoluto poco sensata la sperimentazione. I reattori autofertilizzanti hanno molti vantaggi che permettono di superare alcuni dei problemi più grossi del nucleare, riducendo di molto la quantità e la radioattività delle scorie oltre che utilizzare direttamente l'uranio 238 o addirittura il torio, ancora più comune e che produce scorie ancora meno radioattive. E per altro la minor necessità di arrichire il combustibile (anche se piccole quantità di materiale fissile servono come "seme" comporta anche meno rischi di proliferazione nucleare. Ci sono molti problemi da affrontare non lo nego e va studiato un nuovo design, il che di per se non è detto che sia un male, anche alla luce di incidenti che hanno dimostrato come alcune ipotesi alla base del design della maggior parte dei reattori erano ottimistiche... ma a questo serve la ricerca.

La verità è che fino a che il problema delle scorie non diventa un vero problema economico per chi produce energia non si investirà mai seriamente su soluzioni alternative ;)

_________________
Blog: http://fra74.github.io


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: sab 22 ottobre 2016; 18:59 
Non connesso
Forum Admin

Iscritto il: sab 29 aprile 2006; 16:36
Messaggi: 13281
Località: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)
Les jours des centrales nucléaires suisses sont-ils comptés? :arrow: http://www.swissinfo.ch/fre/votation-f% ... -/42492440

La Svizzera il 27.11 voterà se obbligare a fermare i reattori a 45 anni o no. Di conseguenza i tre reattori più vecchi dovrebbero essere spenti "subito", avendo già superato tale età, gli altri due seguirebbero nel 2024 e 2029.

Al momento il si (alla chiusura) è in vantaggio nei sondaggi, ma non abbastanza per dire quale fazione vincerà. Voi che votereste?

_________________
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: sab 22 ottobre 2016; 19:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3517
No.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 23 ottobre 2016; 20:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab 06 maggio 2006; 0:20
Messaggi: 14857
Località: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1
Io voterei "NO".
Ma sono piscinin, brut e cativ.
E le centrali nucleari non mi fanno paura.

_________________
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: dom 23 ottobre 2016; 23:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49806
Località: Monza
La partita più che sulla sicurezza a lungo andare si gioca sui costi di produzione dell'energia elettrica e il nucleare non è messo molto bene, specie considerando i costi dell'intero ciclo di vita delle centrali.
Il grande sviluppo che si è avuto ai tempi della guerra fredda era dovuto al fatto che il nucleare pacifico era legato al nucleare militare. Chernobyl ha fatto il danno che ha fatto principalmente perché era costruita innanzitutto per produrre materiale per le atomiche, poi per produrre energia e la sicurezza era l'ultimo dei pensieri.
Poi questo della dismissione dei reattori svizzeri più vecchi di 45 anni, ovvero entrati in funzione prima del 1971, quindi progetti degli anni '60 che anche la Fornero manderebbe in pensione, mi sembra un piccolo episodio sulla partita energetica generale.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Energia nucleare in Italia
MessaggioInviato: lun 24 ottobre 2016; 18:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun 14 settembre 2009; 20:39
Messaggi: 3517
Tra l'altro bisogna che mi ricordi di scrivere alla EWB, della quale sono da poco cliente, per dirle di smetterla di fornirmi il non richiesto (ma più costoso) Ökostrom e di passare invece a fornirmi il buon vecchio (e più economico) "mix" (tanto che l'elettricità salti fuori dagli atomi di Mühleberg, dal gas di Chavalon o dalle acque del Grimsel mi importa relativamente...).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 841 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 53, 54, 55, 56, 57  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010