Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Linee, mezzi e storia, dal 1964 ad oggi

Moderators: Hallenius, teo

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby Astra » Tue 20 June 2017; 9:15

Ma non ci posso credere... E all'estero come fanno i ciechi?
S5 23007 23049 23080 23090
Astra
 
Posts: 309
Joined: Sat 02 February 2013; 23:49
Location: Vanzago (MI)

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby skeggia65 » Tue 20 June 2017; 12:28

Premono i pulsanti.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14939
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby serie1928 » Tue 20 June 2017; 13:41

In realtà la problematica esiste anche all'estero, ma partono da un'altro presupposto: il cieco non deve aprire la porta, sente il cicalino delle porte aperte (oppure il macchinista si accorge che c'è un cieco e le apre)!
Ad ogni modo, in Germania, si stanno applicando, in via sperimentale, strisce tattili (una specie di nastro nero e molto ruvido) per guidare le mani del cieco verso il pulsante, dato che è impossibile mettere il pulsante nella medesima, identica posizione. Ad ogni modo i pulsanti, salvo rare eccezioni, sono sempre in zona battente della porta.
Comunque non è una scusa per aprire le porte sempre e comunque.
Le cronache sono piene di ciechi che perdono il treno per non aver trovato il pulsante...e se lo hanno perso è perchè erano in ritardo per prenderlo.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10118
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby S-Bahn » Tue 20 June 2017; 14:00

Capisco poco come faccia il macchinista ad accorgersi sempre che c'è un cieco. Non impossibile ma difficile se è all'esterno a 100 metri di distanza dalla cabina (o lontano da un'eventuale telecamera), ancora più difficile se il cieco è all'interno del treno...
Detto questo una soluzione bisogna trovarla, possibilmente che non sia disattivare tutto perché allora era meglio installare niente. Possibile che la problematica non sia stata affrontata prima di introdurre questa modalità di apertura?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby Lucio Chiappetti » Tue 20 June 2017; 14:01

serie1928 wrote:oppure il macchinista si accorge che c'è un cieco e le apre)!

Difficile che un macchinista in cabina possa accorgersi se non viene avvisato (idem per i tram con cabina, tant'e' che i disabili in carrozzina suonano un apposito bottone per dire al macchinista di estrarre la pedana)
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4445
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby skeggia65 » Tue 20 June 2017; 16:59

Non mi sembra un problema insormontabile.
Le vetture si fermano sempre nello stesso punto.
Però il problema della conservazione dell'AC si riscontra più sulle linee in superficie, sottoterra il problema è minore.
Ora che non ci sono più i vecchi treni in M1, mancano pure le vampate delle resistenze.
Però.
In M2 e M3 circolano parecchi treni sprovvisti di pulsanti.
In M2 circolano pure i suburbani, con la differente disposizione delle porte.
Fino a che ci saranno queste differenze, attivare il sistema può dare problemi ai ciechi: questa vettura ha il bottone oppure no?
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14939
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby Astra » Tue 20 June 2017; 17:25

Capisco che bisogna dare a tutti gli stessi diritti e le stesse possibilità, però quante centinaia di ciechi prenderanno ogni giorno la metropolitana? E' un numero tale che giustifica una misura di questo tipo anziché trovare una soluzione alternativa?
S5 23007 23049 23080 23090
Astra
 
Posts: 309
Joined: Sat 02 February 2013; 23:49
Location: Vanzago (MI)

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby S-Bahn » Tue 20 June 2017; 17:51

No. Però pensarci per tempo?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby skeggia65 » Tue 20 June 2017; 18:06

Astra wrote:Capisco che bisogna dare a tutti gli stessi diritti e le stesse possibilità, però quante centinaia di ciechi prenderanno ogni giorno la metropolitana? E' un numero tale che giustifica una misura di questo tipo anziché trovare una soluzione alternativa?

Un giorno un ipovedente morì perché confuse l'intercapedine tra i vagoni con la porta.
Un caso.
Uno.
Ma fu sufficiente per mettere in fretta e furia delle protezioni tra i vagoni e, i tempi relativamente brevi, i cicalini.
Quanti ipovedenti o ciechi prendono ogni giorno il metrò?
Probabilmente pochi.
Ma abbastanza per spendere per prevenire casi simili.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14939
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby serie1928 » Tue 20 June 2017; 20:37

S-Bahn wrote:Capisco poco come faccia il macchinista ad accorgersi sempre che c'è un cieco. Non impossibile ma difficile se è all'esterno a 100 metri di distanza dalla cabina (o lontano da un'eventuale telecamera), ancora più difficile se il cieco è all'interno del treno...
Detto questo una soluzione bisogna trovarla, possibilmente che non sia disattivare tutto perché allora era meglio installare niente. Possibile che la problematica non sia stata affrontata prima di introdurre questa modalità di apertura?

A te sembra essere "una problematica"? E' solo un pretesto per qualcuno per farsi notare.
Lucio Chiappetti wrote:Difficile che un macchinista in cabina possa accorgersi se non viene avvisato (idem per i tram con cabina, tant'e' che i disabili in carrozzina suonano un apposito bottone per dire al macchinista di estrarre la pedana)

Con il cieco in vettura può essere un problema, ma la posizione del pulsante in vettura è ancora più discreta che non lungo la fiancata del treno. Il cieco in vettura sa perfettamente dove trovare il pulsante.
skeggia65 wrote:Non mi sembra un problema insormontabile.
Affatto, non è nemmeno un problema.
Le vetture si fermano sempre nello stesso punto.
Ed anche i ciechi seguono percorsi ben precisi e si trovano sempre in posizioni determinate.
Però il problema della conservazione dell'AC si riscontra più sulle linee in superficie, sottoterra il problema è minore.
I treni scaldano comunque ed in più c'è il calore disperso dai condizionatori stessi. Far aprire solo le porte necessarie, non solo conserva il calore in vettura ma contribuisce a scaldare meno anche l'ambiente di stazione.
Ora che non ci sono più i vecchi treni in M1, mancano pure le vampate delle resistenze.
Bisogna anche vedere quanto della frenatura viene recuperata, qualcosa viene comunque dissipato reosticamente.
Però.
In M2 e M3 circolano parecchi treni sprovvisti di pulsanti.
In M2 circolano pure i suburbani, con la differente disposizione delle porte.
Se sei nel treno, ovviamente sai che treno stai utilizzando e sai anche dove sono le porte. Quando si è fuori se il treno arriva, se non ha il pulsante le porte si aprono comunque, e se non si aprono forse viene un sospetto?
La posizione delle porte è un problema a prescindere dal pulsante, e comunque le porte estreme dei vagoni sono sempre nella medesima posizione, sono le due centrali che nei "tre porte" sono traslate al centro.
Fino a che ci saranno queste differenze, attivare il sistema può dare problemi ai ciechi: questa vettura ha il bottone oppure no?

E' talmente improbabile che anche dovesse capitare sarà 1 su 1 miliardo: un cieco, solo in banchina ("solo" significa anche "a distanza importante da altri passeggeri" e non solo come "unico passeggero"), fuori posizione, con il treno che arriva lungo, con il macchinista che non lo vede, ecc..E' una casistica veramente da dover considerare?
S-Bahn wrote:No. Però pensarci per tempo?

Perchè? Hanno adottato soluzioni che sono in uso da decenni nel resto d'Europa: non gli è nemmeno passato per l'anticamera del cervello che potesse divenire un problema...e non lo è.
skeggia65 wrote:Un giorno un ipovedente morì perché confuse l'intercapedine tra i vagoni con la porta.
Un caso.
Uno.
Ma fu sufficiente per mettere in fretta e furia delle protezioni tra i vagoni e, i tempi relativamente brevi, i cicalini.
Quanti ipovedenti o ciechi prendono ogni giorno il metrò?
Probabilmente pochi.
Ma abbastanza per spendere per prevenire casi simili.

Dove spendere viene determinato anche dai rischi che vanno valutati. Quali rischi ci sono se un cieco (ipovedente) non trova il pulsante? Perde il treno, e quindi?
Pochi casi, lieve il rischio, infimo il danno se il rischio si avvera: nessuno è obbligato a dover fare qualcosa per prevenire questo. Altrimenti abbiamo un serio problema di capire cosa fare, dove, come e quando.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10118
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby S-Bahn » Tue 20 June 2017; 21:15

Sempre a pontificare eh? :roll:
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50076
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby ETR460 » Fri 30 June 2017; 13:53

Quante situazioni ci saranno in cui il non vedente è da solo in banchina e sta salendo su una carrozza vuota, al punto tale che nessuno se ne accorga e lo possa agevolare aprendogli la porta, macchinista incluso vedendolo in ingresso in banchina che sarà vuota e quindi lo rende facilmente visibile, e quindi non avrà modo di aprire la porta e perciò rimarrà a terra?
ETR460
User avatar
ETR460
 
Posts: 6238
Joined: Tue 18 July 2006; 21:46
Location: Corvetto M3, 34, 77, 84, 93, 95, 153

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby Meneghino85 » Tue 01 August 2017; 18:04

571 e 578 entrambi neroverdi si incrociano a Loreto. Uno per Assago l altro per Cologno. Molto belli
I TAF SULLA TAV
Meneghino85
 
Posts: 1154
Joined: Wed 27 May 2009; 18:20

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby Astra » Thu 03 August 2017; 16:13

ETR460 wrote:Quante situazioni ci saranno in cui il non vedente è da solo in banchina e sta salendo su una carrozza vuota, al punto tale che nessuno se ne accorga e lo possa agevolare aprendogli la porta, macchinista incluso vedendolo in ingresso in banchina che sarà vuota e quindi lo rende facilmente visibile, e quindi non avrà modo di aprire la porta e perciò rimarrà a terra?



Oggi ero su un Meneghino in M3 fermo in stazione con le porte aperte una trentina di secondi (che sembrano pochi!) e con questo caldone ripensavo a questa discussione
S5 23007 23049 23080 23090
Astra
 
Posts: 309
Joined: Sat 02 February 2013; 23:49
Location: Vanzago (MI)

Re: Leonardo (arrivi e avvistamenti)

Postby luca » Thu 03 August 2017; 18:16

Meneghino85 wrote:571 e 578 entrambi neroverdi si incrociano a Loreto. Uno per Assago l altro per Cologno. Molto belli

Come navicelle spaziali si, sono stupendi :lol:
Ah, come mi piacciono i treni vecchio stile (col climatizzatore però!!)
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7624
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

PreviousNext

Return to Metropolitane

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests

cron