Contabilità aziende di trasporto

Trasporti urbani in altre citta'

Moderators: Hallenius, teo

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby S-Bahn » Fri 15 July 2016; 22:16

Come ho detto, dipende da quanto pesa questo parametro (e non so quanto pesa).
Direi però di non inchiodare un forum di trasporti su uno dei criteri di ripartizione della sanità, dove tra l'altro a mio modesto avviso pesa molto di più l'organizzazione e di conseguenza il costo della prestazione, molto diverso da regione a regione.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51903
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby MNM » Sat 16 July 2016; 10:51

gabri mi tn wrote:quando la SILA non pagò le assicurazioni dei pullman e il servizio fu sospeso per un intero sabato vennero portati i libri in tribunale e fu dichiarato il fallimento, dal giorno dopo entrò in campo una nuova società che nel giro di un anno ha rimesso a posto le cose e pur con tutti i limiti di PMT e (AirPullman) ora i viaggiatori hanno vetture moderne e un servizio affidabile.

C'è però un distinguo: SILA era una società privata, quindi è stata fatta fallire senza troppi problemi, CTP no, e non sia mai che il grande pubblico possa fallire, gli si continueranno a versare dei soldi sprecandoli (come si fa sempre in queste aziende malate) e i passeggeri continueranno ad avere un servizio che fa schifo, tutto in nome della "pubblicità del TPL".


La CTP non è fallita semplicemente perché vanta crediti in misura superiore all'esposizione debitoria. In altri casi le società sono fallite, nonostante il loro capitale sociale fosse sotto il controllo pubblico.
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby MNM » Sat 16 July 2016; 11:11

S-Bahn wrote:Nella sanità non è insensato un parametro di correzione dipendente dall'età, in quanto è vero che l'assistenza di una popolazione più anziana costa di più.
L'importante è che il parametro sia correttamente dimensionato per non introdurre distorsioni peggiori di quelle che si vogliono sistemare.

Sempre sulla questione sanitaria, OT ma collegata e giustamente citata, succede poi alcune regioni, come ad esempio la Lombardia, finanziano un sistema sanitario che di fatto si estende a parte della popolazione di altre regioni che, evidentemente, non forniscono un servizio dello stesso livello, e il problema è solo in parte dovuto ad una minore dotazione di risorse, ma anche se non soprattutto ad una minore efficienza di gestione.

Come ha già risposto Nuvola, le prestazioni sanitarie fornite in Lombardia ai cittadini non residenti, vengono interamente risarcite dalle rispettive regioni di provenienza.

Le ultime indagini istat riguardo il rapporto tra sanità e povertà, hanno messo in evidenza un quando molto inquietante, che da ragione a quelle regioni che chiedono una più equa ripartizione dei fondi sanitari dello stato.

In sostanza, il servizio sanitario nazionale non garantisce un buon livello di prestazioni, ciò comporta che le popolazioni più povere si curano di meno e, pertanto, hanno minore prospettiva di vita.

Questo significa che nelle regioni più penalizzate ci sono meno anziani, proprio per le maggiori difficoltà che le popolazioni hanno nel raggiungere livelli sanitari adeguati.
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby gabri mi tn » Sat 16 July 2016; 11:36

MNM wrote:
gabri mi tn wrote:quando la SILA non pagò le assicurazioni dei pullman e il servizio fu sospeso per un intero sabato vennero portati i libri in tribunale e fu dichiarato il fallimento, dal giorno dopo entrò in campo una nuova società che nel giro di un anno ha rimesso a posto le cose e pur con tutti i limiti di PMT e (AirPullman) ora i viaggiatori hanno vetture moderne e un servizio affidabile.

C'è però un distinguo: SILA era una società privata, quindi è stata fatta fallire senza troppi problemi, CTP no, e non sia mai che il grande pubblico possa fallire, gli si continueranno a versare dei soldi sprecandoli (come si fa sempre in queste aziende malate) e i passeggeri continueranno ad avere un servizio che fa schifo, tutto in nome della "pubblicità del TPL".


La CTP non è fallita semplicemente perché vanta crediti in misura superiore all'esposizione debitoria. In altri casi le società sono fallite, nonostante il loro capitale sociale fosse sotto il controllo pubblico.


io non ricordo casi di società di TPL pubbliche fallite, anzi
Il destino trova sempre il modo di correggere la rotta.
User avatar
gabri mi tn
 
Posts: 7365
Joined: Tue 02 December 2008; 20:39
Location: San Donato Milanese

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby MNM » Sat 16 July 2016; 11:55

In Campania sono fallite la ACMS di Caserta e la EAV Bus Srl. Poi c'è stato il caso della CSTP di Salerno, dichiarata fallita in un primo momento per le sue esposizioni debitorie, ma che poi è stata riabilitata dal giudice fallimentare, viste l'enorme credito vantato nei confronti degli enti locali, di molto superiore all'indebitamento.
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby MNM » Sat 16 July 2016; 17:03

skeggia65 wrote:Per persistente chiusura del topic più adatto, riesumo questo.


Bus CTP fermi per mancanza assicurazioni

L'AD di CPT ieri ha dichiarato: In strada con 115 autobus approntati, il deposito di Pozzuoli sugli scudi con oltre il 100% dell'obiettivo.
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby mattecasa » Sat 16 July 2016; 23:06

Solo io ho dei problemi di comprensione? :divano:
Freedrichstrasse
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4309
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby skeggia65 » Sat 16 July 2016; 23:38

MNM wrote:L'AD di CPT ieri ha dichiarato: In strada con 115 autobus approntati, il deposito di Pozzuoli sugli scudi con oltre il 100% dell'obiettivo.


Accogliamo con piacere questa notizia.
Che significa "oltre il 100% dell'obiettivo" ?
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15418
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby MNM » Sun 17 July 2016; 10:20

Semplice: se l'obiettivo è quello di movimentare in un giorno 28 autobus su 30 presenti in deposito, nel momento in cui entrano in esercizio 30, significa che si è andati oltre l'obiettivo massimo previsto. Quindi oltre il 100%.

Faccio presente che il numero degli autobus movimentati non è strettamente correlato al numero di linee in esercizio. Una linea può essere esercita con più autobus nello stesso giorno, per consentire un più corretto utilizzo dei mezzi e magari una migliore manutenzione ordinaria degli stessi (come ad esempio la pulizia).
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO
User avatar
MNM
 
Posts: 1013
Joined: Thu 26 March 2015; 11:42

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby Slussen » Wed 20 July 2016; 16:54

Comunque è facile sparare sulle aziende del Sud. Ci saranno sicuramente degli sprechi, però un confronto equo deve rispondere quanto meno a due domande:
- qual è il costo a km dell'esercizio? Ad esempio, di recente ho dato un'occhiata al bilancio di Amtab Bari, constatando che il costo per bus*km è di 1,80 euro inferiore a quello di Milano;
- gli enti locali pagano regolarmente o no? Ci sono decine di casi in Italia, sia al Sud sia al Nord, di aziende che hanno conto economico dell'esercizio in pareggio o quasi, ma sono affossate dai crediti verso gli enti (una di queste è Atm Alessandria).

E poi siamo sicuri che a Milano sia congruo pagare un treno*km di metropolitana come sei bus*km?
Slussen
 
Posts: 12199
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby Federico_2 » Wed 20 July 2016; 17:32

Non mi risulta che sia congruo, di solito il rapporto é 1:4.
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta
Federico_2
 
Posts: 16108
Joined: Tue 04 September 2007; 18:39

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby skeggia65 » Wed 20 July 2016; 22:21

Slussen wrote:Comunque è facile sparare sulle aziende del Sud. Ci saranno sicuramente degli sprechi, però un confronto equo deve rispondere quanto meno a due domande:
- qual è il costo a km dell'esercizio? Ad esempio, di recente ho dato un'occhiata al bilancio di Amtab Bari, constatando che il costo per bus*km è di 1,80
euro inferiore a quello di Milano;
- gli enti locali pagano regolarmente o no? Ci sono decine di casi in Italia, sia al Sud sia al Nord, di aziende che hanno conto economico dell'esercizio in pareggio o quasi, ma sono affossate dai crediti verso gli enti (una di queste è Atm Alessandria).



Non si "spara sulle aziende del Sud".
Semplicemente c'è stato un caso al Sud, non possiamo prendercela con Autoguidovie.
Vero,spesso gli enti non pagano.
Si sospenda il servizio e poi vediamo come va a finire. A Sud come a Nord.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15418
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby S-Bahn » Thu 21 July 2016; 22:03

Ecco un altro caso...
Committente Trenord per i servizi sostitutivi per i lavori sulla Chiasso, azienda non menzionata (perché?) di Bosisio Parini.
Autista senza patente (non si capisce se privo di licenza o semplicemente dimenticata) e autobus con l'assicurazione scaduta da mesi.

http://www.monzatoday.it/cronaca/autobu ... zione.html
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51903
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby skeggia65 » Thu 21 July 2016; 23:44

Da arresto, altro che "sanzione".
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15418
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Contabilità aziende di trasporto

Postby serie1928 » Fri 22 July 2016; 0:58

L'arresto di chi :?:
La mancanza di assicurazione non rende il mezzo più o meno sicuro, a meno che la mancata assicurazione sia dovuta proprio all'assenza dei requisiti di sicurezza del mezzo. Per tanto resta una mera sanzione amministrativa.
L'autista andava arrestato se fosse stato trovato alla guida, con passeggeri a bordo, ed effettivamente fosse privo di ogni abilitazione. Ma così non era, aveva solo dimenticato la patente a casa.
Semmai andrebbe sanzionato anche l'autista per aver preso in mano un veicolo non assicurato, ma anche qui lo devi prendere alla guida. Non basta la presunzione che lo abbia verosimilmente fatto, devi averne la certezza, anche cercando testimoni che dicono che lo ha fatto.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10960
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

PreviousNext

Return to Trasporti urbani in Italia

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests