Trasporti a Milano

Oggi è mar 26 settembre 2017; 23:34

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 762 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 47, 48, 49, 50, 51
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 9:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 26 marzo 2015; 11:42
Messaggi: 989
Astro ha scritto:
Ahem, la "rivista specialistica" è FS News http://www.fsnews.it/fsn/Gruppo-FS-Ital ... ommerciale
Il titolo mi sembra appropriato, dato che una relazione a frequenza oraria non ha assolutamente i requisiti per essere definita "suburbana". E' "nata" perché adesso la frequenza è semioraria.

Quello che si sta attuando sulla linea Napoli Salerno fa parte di un progetto di riorganizzazione complessivo dei sistemi di trasporti ferroviari della regione Campania. Il progetto, avviato quasi 10 anni fa e sospeso (meglio dire arretrato) dalla giunta Caldoro, prende il nome di "metropolitana regionale" (se vai sull'orario ufficiale di Trenitalia come tipologia di treno è scritto metropolitano ed è simboleggiato dalla lettera M stilizzata Trenitalia).

Da noi solo due linee prendono ufficialmente il nome di suburbana (dato dall'EAV) e sono le linee Napoli Piedimonte Matese e Napoli Benevento, che non hanno nulla a che vedere con ciò che appartiene al sistema adottato in Lombardia.

L'articolo è scritto bene ma è evidentemente rivolto a chi è esperto della materia come voi e conosce le varie situazioni esistenti in Italia. Il comune utente campano potrebbe non comprendere l'utilizzo del termine "suburbano" in sostituzione di quello che più comunemente e, soprattutto, ufficialmente è utilizzato in Campania.

_________________
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 9:33 
Non connesso

Iscritto il: lun 26 novembre 2012; 14:55
Messaggi: 3258
Località: Z314 Z315
Mica detto che deve essere per forza uguale al sistema milanese (che pure ha i suoi difetti). So che a Napoli si usa il termine "metropolitano" e non mi pare così fuori luogo (mentre nel sistema lombardo la sua applicazione è TOTALMENTE fuori luogo, visto che la "metropolitana S5/S6" o la "metroferrovia" [termini visti su pubblicità di case nuove] non hanno proprio nulla a che vedere con la metropolitana e con la tratta Gessate della M2 che non è del tutto una metropolitana).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 10:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 26 marzo 2015; 11:42
Messaggi: 989
^^ voleva essere solo una critica al titolo, per il resto l'articolo è scritto bene.
Riguardo le definizione dei servizi ferroviari, proprio per le ragione che abbiamo esposto, sia io che tu, secondo me andrebbero unificate a livello nazionale, anche se mi rendo conto che si tratterebbe di un'operazione non facile.

_________________
Viaggio nella metropolitana di Napoli: VIDEO


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 10:34 
Non connesso

Iscritto il: lun 26 novembre 2012; 14:55
Messaggi: 3258
Località: Z314 Z315
Livello europeo, non nazionale. E soprattutto monolettera (no SFM, SFMBO, FR AV, XWZAFKLA, eccetera): ad esempio S, R, D, I, E, N per Suburbano, Regionale, Diretto, Interpolo, Espresso, Notturno. Per i treni di tipo metropolitano può ancora avere senso la dicotomia M/U, forse unica categoria in cui nelle lingue europee non ci sia una parola dal significato simile che inizi con la stessa lettera. Al massimo una A aggiuntiva per indicare il trasporto auto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 15:23 
Non connesso

Iscritto il: gio 25 febbraio 2010; 13:18
Messaggi: 904
S-Bahn ha scritto:
Due cose.
1) se i rinforzi in punta fanno saltare il cadenzamento non è una bella cosa, pur in presenza di un aumento di frequenza


Il cadenzamento ha una certa importanza in collegamenti sulla media distanza, appunto tra Salerno e Campi Flegrei, visto che, prevedendo corse ogni 30', c'è bisogno che gli orari siano memorizzabili, in maniera tale da non perdere il treno.
In ambito urbano e metropolitano, la situazione e le esigenze sono diverse. La domanda di mobilità pretende treni frequenti, più che cadenzati: se devo spostarmi da Portici a Napoli, più che memorizzare l'orario, sarei più interessato ad avere un treno ogni undici minuti, ossia: se ho perso il treno per poco, non aspetterò tanto per il prossimo. Tra l'altro, nessun treno, o quasi, si mantiene puntuale per tutto il tragitto, per cui, dopo un paio di fermate, il cadenzamento resta sulla carta.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 15:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 48952
Località: Monza
No, l'importanza del cadenzato simmetrico coinvolge diversi aspetti ed è indispensabile per la creazione di un sistema razionale. Gli orari memorizzabili (ma lo sono anche le partenze a 07 e 37, non solo a 15 e 45, per esempio) sono un altro vantaggio, ma non il principale.

Ovvio che poi in ambito urbano contano le frequenze e, sulla tratta comune, prendo il primo treno che passa senza nemmeno badare su che linea gira, ma questo viene dal coordinamento di orari cadenzati, non dal fare a meno di cadenzare con corse messe a caso.

Ci possono essere situazioni di capacità di impianti o altro per cui in qualche caso in punta con convogli aggiuntivi può essere necessario scadenzare, ma devono essere situazioni rare e non aggirabili.
Un progetto organico ben fatto con la circolazione risolta su un modulo orario ripetitivo, ben raramente si trova a dover gestire queste eccezioni a cui mi riferivo nel post precedente.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 17:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 18 ottobre 2011; 17:00
Messaggi: 1803
Località: Napoli
E' vero in ambito urbano conta soprattutto la frequenza, ma anche questa poi si scontra con una mancata razionalizzazione degli orari.
Capita così che in certe fasce orarie in una direzione si susseguano più treni e nell'altra vi sia il vuoto cosmico.
Il gap tecnologico (sezioni di blocco troppo lunghe e segnalamento tradizionale) crea un contrasto tra frequenze e velocità di attraversamento del passante.
Un treno che parta a distanza di 3/5 minuti da un altro viaggerà imbullonato alle rotaie... :cry:
L'HD ERMTS nuovo mantra ...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 18:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 48952
Località: Monza
E soprattutto, quando l'elevata frequenza urbana è ottenuta con la sovrapposizione di diversi servizi convergenti, tutto sta in piedi se le singole linee continuano ad essere rigidamente cadenzate e simmetriche.
Non è che "buttiamo dentro più roba e po vediamo"

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 19:23 
Non connesso

Iscritto il: gio 25 febbraio 2010; 13:18
Messaggi: 904
La soluzione sarebbe cadenzare ogni tratta, in modo da poter avere un riferimento, per esempio i treni da Salerno passano a 18 e a 48, i treni da Torre Annunziata 9 minuti dopo nell'ora di punta, in modo che sia facile ricordare anche questi ultimi, in questo caso 27 e 57.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: gio 14 settembre 2017; 19:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 48952
Località: Monza
È proprio così che si fa. Deve essere un progetto complessivo, anche se attuato per gradi.
La mnemonicità è un grosso vantaggi ma non è il solo, anzi non è nemmeno il più importante.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: lun 18 settembre 2017; 9:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 18 ottobre 2011; 17:00
Messaggi: 1803
Località: Napoli
Stazione Chiaia linea 6


Segnalo un articolo di repubblica sullo stato dei lavori nella stazione Chiaia e sull'entrata in servizio della stazione.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2017/09/16/news/metro_monte_di_dio_ultimatum_ue-175633127/#gallery-slider=175633892

Metrò Monte di Dio, ultimatum dell'Unione Europea

Sopralluogo della commissione europea nel cantiere Linea 6: "L'opera deve entrare in funzione ad aprile 2019" In caso di altri ritardi saranno revocati 90 milioni. L'assessore Calabrese: "Abbiamo accelerato al massimo"

articolo completo : http://napoli.repubblica.it/cronaca/2017/09/16/news/metro_monte_di_dio_ultimatum_ue-175633127/#gallery-slider=175633892

La funzionalità della stazione deve avvenire al primo aprile del 2019 - ribadisce Bugelli - se non c’è la cupola, come quella prevista alla stazione Duomo o quella che sorgerà qui sopra, non fa niente. Se arriva dopo due anni non è un fattore fondamentale. La stazione è funzionale se i cittadini possono comprare il biglietto e salire sul treno che passa da Municipio e li porta per tutta la tratta. Questo deve essere fatto ». Bugelli dice di essere alleato della città «la stazione mi piace tantissimo» e non lesina i complimenti per l’impegno portato avanti per trasporti e aree pedonali, ma le sue parole hanno il sapore di un ultimatum non negoziabile. E si vanno ad aggiungere a quelle che il rappresentante maltese della Commissione europea proferì a giugno nel corso di un analogo sopralluogo nel cantiere della stazione della linea 1 a piazza Nicola Amore: «Lavori da completare entro venerdì 29 marzo del 2019 e stazioni in funzione il primo aprile successivo».


Foto tratte dall'articolo con alcune riprese dal cantiere e render della stazione .
Molto bella la stazione Chiaia, in linea con le caratteristiche del quartiere, storicamente luogo dell'eleganza e della moda (tradizione sartoriale) per eccellenza della città.
Nei render si può apprezzare la configurazione definitiva dell'ingresso superiore da piazza Santa Maria degli Angeli e quello inferiore da via Chiaia.
Per quest' ultimo ottima l'intuizione da parte dell'architetto di "mimetizzarlo" da boutique ( si è sfruttato un preesistente locale commerciale ).
Elegante il piano binari.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

vecchio render

Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Napoli (2017)
MessaggioInviato: mar 26 settembre 2017; 9:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 30 agosto 2006; 8:04
Messaggi: 20301
http://corrieredelmezzogiorno.corriere. ... 5740.shtml


stazione afragola abusiva???? :wall: :wall:

_________________
Immagine

Freedrichstrasse!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 762 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 47, 48, 49, 50, 51

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010