I no TAV arrivano anche in Lombardia

Trasporto ferroviario

Moderators: Hallenius, teo

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby dedorex » Thu 25 October 2018; 9:34

Carrelli1928 wrote:Premesso che a livello di costi cambia moltissimo da 250 (raggiungibili con treni tradizionali a 3kv e segnalamento con RS9C) a 300 km/h, cambia molto anche a livello di servizio? Insomma, vale la pena spendere tanto di più per quei 50 km/h che non si sa bene se potranno essere 110 in futuro?
come ti ha già praticamente detto Serie, alimentazione a 3kv e segnalamento RS9C alla fine viene a costare di più, soprattutto in termini di manutenzione e consumo elettrico
User avatar
dedorex
 
Posts: 3469
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby Lucio Chiappetti » Thu 25 October 2018; 11:10

S-Bahn wrote:Ma anche il raddoppio in sede, può essere molto pesante per il territorio attraversato oppure, all'opposto, può essere la soluzione che minimizza l'occupazione di territorio e che ottimizza l'interscambio tra l'AV e la rete storica.

Io avrei sempre pensato la seconda.
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4498
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby Carrelli1928 » Thu 25 October 2018; 11:14

Ma richiede che esista un sistema parallelo, con materiale rotabile parallelo e peraltro dotato di doppi impianti.
Compromessi più che accettabili vista l’importanza dell’AV, ad esempio, tra Milano e Roma; ma quale può essere la lungimiranza di correre a 360 km/h se, ad esempio, si volesse fermare a Vicenza?


Non confndiamo velocità massima in condizioni di test, con velocità massima ammessa in regolare esercizio


Difatti ho scritto che la prima deve arrivare almeno al 110% della seconda.
Poi il problema dell’esercizio non omotachico si risolve con una buona costruzione dell’orario, non limitandoa velocità di tutti i treni o prevedendo già che saranno sempre in ritardo.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2821
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby serie1928 » Thu 25 October 2018; 13:27

Carrelli1928 wrote:Ma richiede che esista un sistema parallelo, con materiale rotabile parallelo e peraltro dotato di doppi impianti.

Due binari nuovi richiedono comunque tutta l'impiantistica dedicata. L'impiantistica dei due binari esistenti non ce la fa ad alimentarne 4, nemmeno se fossero semplicemente affiancati e a 3kV.
Anche l'ipotesi di poter sfruttare le sottostazioni a 3kV esistenti, l'unico eventuale risparmio di scala, è privo di ogni realistica applicazione.
I costi degli impianti sono proporzionali al numero di binari, e 25kV ca + ERTMS sono molto, ma molto più economici di 3kV cc + RS9C, e con una potenzialità ben lontana dall'essere sfruttata all'osso.
Il materiale rotabile esiste già, e se deve essere incrementato, treni bicorrenti AV sono comunque necessari.
Nel caso della BS-VR, il fatto che i regionali da 160km/h o gli IC da 200km/h a 3kV non possano percorrere la linea AV, è un fattore minimamente limitante.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10185
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby Astro » Thu 25 October 2018; 16:59

@Carrelli1928: No, ne ha fatte diverse, ma non sono mai andati più in là di 393,8 km/h. Vedasi ad esempio http://blog.tuttotreno.it/17294-ieri-no ... -3938-kmh/
Astro
 
Posts: 3704
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: I no TAV arrivano anche in Lombardia

Postby Carrelli1928 » Thu 25 October 2018; 19:34

Grazie.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2821
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Previous

Return to Trasporto ferroviario

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests