Trasporti a Milano

Oggi è ven 24 novembre 2017; 11:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Perché Trenitalia chiude le ferrovie
MessaggioInviato: dom 15 ottobre 2017; 13:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 01 giugno 2011; 7:45
Messaggi: 7124
Località: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30
Sto trascorrendo una bellissima domenica con dei parenti in Val D'Aosta
È da questa mattina che stiamo praticamente seguendo il tracciato della ex Aosta-Pre Saint Didier ,costellato di alberghi. In giro ci sono molti turisti, da tutt'Italia ,molti tedeschi e addirittura Inglesi
In oltre, ho "scoperto" (scoperto perché non avevo mai avuto la curiosità di guardarci) che Pre S.Didier è ad un tiro di schioppo da Courmayeur, località notoriamente malfrequentata e pessimo posto per il turismo invernale.
In tutto questo ,vedo questa ferrovia abbandonata e mi chiedo come diavolo sia possibile che questa linea sia stata chiusa ,e soprattutto come nessuna istituzione si sia fatta sentire su questo fatto vergognoso
Questa linea, come tutte le varie linee appenniniche chiuse ,anche non dovessero avere un bacino di utenza locale molto ampio, potrebbero vivere esclusivamente di turismo, sia invernale che estivo, quindi la domanda che mi pongo è semplice: Perché? Cosa ci guadagnano in più di quanto non guadagnerebbero in un servizio che funzioni e produca utili? Perché non permettono ad altri vettori di poter effettuare i servizi che loro stupidamente ignorano? Sapete che non sono certo un complottista, ma nessuno potrebbe credere che linee del genere siano chiuse in maniera non pilotata, solo vorrei che qualcuno più saccente mi spiegasse cosa C'é dietro a queste folli chiusure
P.s. comunque se arrivi a Torino col Frecciarossa puoi prendere il FrecciaLink per Courmayeur, eh? Ma a che serve avere un sistema ferroviario quando C'é una coppia al giorno di pullman Torino-Courmayeur prendibile solo se arrivi con un FR? Questo si che è utile! Mica il servizio ferroviario, quello a che serve?

_________________
Viva il trasporto pubblico moderno!
pendolare S9 pendolare M3
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: dom 15 ottobre 2017; 13:47 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sab 30 settembre 2006; 11:18
Messaggi: 19655
Non è volontà di Trenitalia ma della regione Valle D'Aosta che ha (e sta) ammazzando il tpl in Val D'Aosta (che poi gruppo FS ci metta del suo è un altro discorso).
Secondo me tale ferrovia potrebbe arrivare tranquillamente a Courmayeur, però andrebbe trovato un treno che possa farsi senza cambio tutta la tratta Torino-Chivasso-Courmayeur visto che con l'avvento dei Minuetti non si poteva andare oltre ad Aosta, l'impossibilità di andare con treni diesel a Torino.

_________________
Galleria: http://mondotpl.altervista.org/index.php


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: dom 15 ottobre 2017; 18:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 25 gennaio 2007; 13:56
Messaggi: 9951
Località: Milano Provincia
Non sono mai state le ferrovie a chiudere le ferrovie, bensì sempre quelle “istituzioni” che luca presume avrebbero dovuto dire la propria.
La presunzione che le linee possano vivere di turismo è privo di fondamento, non esiste esempio dove ciò accada senza l’aiuto delle medesime “istituzioni”di cui sopra.
Esitono solo alcuni esempi di ferrovie “turistiche” che si automantengono, spesso grazie al lavoro volontario non retribuito di chi vi opera, al luogo particolare in cui si trovano, ed a tariffe molto “turistiche” che i turisti pagano per la particolarità del luogo anzidetta.

È del tutto ingenuo pensare vi siano impedimenti a che qualcun’altro intervenga, però è anche vero che la liberalizzazione non è completa: servirebbe che le linee venissero mantenute in efficienza sempre e comunque affinché chiunque voglia le possa percorrere quando gli pare. Non che i requisiti per l’esercizio siano alla portata si tutti, ma qualcosa si potrebbe semplificare.

_________________
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 16 ottobre 2017; 14:27 
Non connesso

Iscritto il: mer 16 gennaio 2008; 1:02
Messaggi: 5397
La linea Aosta - PSD non non è proprio esattamente "costellata di alberghi", dato che si snoda nel fondovalle e non raggiunge nessuna vera località turistica, come Courmayeur o La Thuile. Nessuna delle stazioni (tranne Aosta, che non vale) è collegata con un impianto di risalita che porti sulle piste o in una località interessante (come ad esempio a Marilleva).
I vettori ignorano la linea perché così com'è è troppo povera e visto anche che la Regione Autonoma VDA non dà sovvenzioni.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 16 ottobre 2017; 16:02 
Non connesso

Iscritto il: mar 18 febbraio 2014; 15:51
Messaggi: 78
C'è da dire che la Regione VdA ha pubblicato di recente il bando per la gestione del servizio ferroviario e tra questo è prevista anche la riattivazione della linea ore Prè-Saint-Didier, quindi qualche speranza ancora c'è. Ciò non toglie che Valle d'Aosta, ma anche il vicino Piemonte, non brillino per gestione e programmazione del TPL regionale.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 16 ottobre 2017; 16:30 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 17:12
Messaggi: 3237
dalle informazioni che avevo io, come indicato da Crossway, in VDA ci sarebbe stata una netta inversione rispetto alla gestione politica del passato che mirava a una demolizione progressiva del trasporto ferroviario (riuscendoci alla grande). Comunque, per ora, VDA rispetto allo stesso trasporto ferroviario e a quello pubblico in generale, ma mettiamoci pure in tante altre aeree, resta politicamente poco + di una schifezza (rispetto alle risorse disponibili)

_________________
http://www.divinodedorex.com (coming soon)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 16 ottobre 2017; 16:45 
Non connesso

Iscritto il: lun 26 novembre 2012; 14:55
Messaggi: 3380
Località: Z314 Z315
Ci vorrebbe l'estensione della PSD a St. Gervais e a Bourg St. Maurice, elettrificazione Ivrea - Aosta e TGV Parigi - Roma via Ginevra - Aosta - Chivasso - AV Chivasso-Asti-Terzo Valico - Genova :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lun 16 ottobre 2017; 17:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer 01 giugno 2011; 7:45
Messaggi: 7124
Località: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30
crossway ha scritto:
C'è da dire che la Regione VdA ha pubblicato di recente il bando per la gestione del servizio ferroviario e tra questo è prevista anche la riattivazione della linea ore Prè-Saint-Didier, quindi qualche speranza ancora c'è. Ciò non toglie che Valle d'Aosta, ma anche il vicino Piemonte, non brillino per gestione e programmazione del TPL regionale.

A proposito
In Piemonte si è aperta la gara per la gestione del SFM, e si è candidato un'azienda formata da GTT e Arriva, chissà...

_________________
Viva il trasporto pubblico moderno!
pendolare S9 pendolare M3
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 9:42 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sab 30 settembre 2006; 11:18
Messaggi: 19655
Lo avevo letto ma il mio dubbio é: senza materiale come fanno? Non so se Trenitalia sia costretta a cedere il proprio. O Arriva ricicli qualcosa dall'estero o riesce a farselo fornire in tempo record

_________________
Galleria: http://mondotpl.altervista.org/index.php


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 10:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49349
Località: Monza
A quanto sapevo e salvo novità che non conosco, la legge prevede il conferimento al subentrante, sotto determinate regole, del materiale rotabile.
Ovvio che il monopolista scalzato cerchi di fare tutta la resistenza possibile e anche di più. Per questo è molto più sano che il proprietario del materiale sia la regione, come fa RL, e non l'impresa ferroviaria.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 11:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 25 gennaio 2007; 13:56
Messaggi: 9951
Località: Milano Provincia
Sarebbe una legge controproducente e soprattutto inutile.
1) il monopolista non se ne farebbe nulla del materiale e potrebbe venderlo al subentrante. Oppure, visto il capitale che rischia di rimanere immobilizzato, l'uscente fa una offerta più economica;
2) il subentrante potrebbe non volere materiale usato con necessità a breve di revisione, che ovviamente non sarebbe a carico dell'uscente. Oppure potrebbe voler acquisire materiale da poter concorrere anche in altre situazioni, ovvero non volersi presentare con "roba vecchia".
Le cose vanno regolate convenzionalmente non per legge che è uno strumento grezzo, poco flessibile.
Certo, la Regione o una sua società proprietarie del materiale rotabile, semplifica l'esperimento delle gare limitandola al solo servizio di condotta e personale. Ma come tale limita la concorrenza tramite i mezzi, e sul solo personale non c'è concorrenza: nessuna impresa ferroviaria assumerebbe solo personale per partecipare alla gara. Se poi ci si mettono anche i patti parasociali che impongono di assumere anche il personale, la concorrenza dov'è?

_________________
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 11:24 
Non connesso

Iscritto il: lun 14 dicembre 2009; 11:23
Messaggi: 4348
Località: Milano tra Lambrate e Gorla
teo ha scritto:
Lo avevo letto ma il mio dubbio é: senza materiale come fanno?

E senza personale (addestrato e residente in loco) ? Mi vengono in mente gli appalti delle mense in cui cambia il gestore e il cuoco ma il resto del personale rimane, credo per legge e sarebbe anche giusto.

_________________
There Is No Cloud It's Just Someone Else's Computer


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 11:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49349
Località: Monza
Il personale cambia giacca e il giorno dopo lavora per la nuova azienda.
Non è proprio così semplice ma la sostanza è la stessa.
Quanto alla concorrenza, è la capacità di gestione che fa la differenza. D'altra parte il conferimento del materiale, se non di proprietà della stazione appaltante, è l'unico modo per avere concorrenza vera. Qual è la società che ha a disposizione il materiale per fare servizio in una regione come la Lombardia? E il materiale esistente cosa fa, passa tutto per la fiamma ossidrica? Le cose si fanno con pragmatismo, non con enunciazioni teoriche di una concorrenza di fatto inapplicabile.

Ma non dico niente di nuovo. Secondo voi come funziona in UK? Penso che Stagni ci possa di re qualcosa a riguardo.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 13:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 02 maggio 2014; 19:08
Messaggi: 2662
Località: Milano
Più si privatizza, più ci si dirige verso una situazione con un solo grosso monopolista.
Quando le FS erano dello stato, c'erano molte più ferrovie in concessione.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: mar 17 ottobre 2017; 14:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio 06 luglio 2006; 22:47
Messaggi: 49349
Località: Monza
Questo non so quanto abbia a che vedere con la privatizzazione, reale o presunta, può essere in parte un orientamento politico, e in parte dal passare del tempo che ci allontana sempre più dal momento e dai motivi della fondazione di queste concesse.
Quello che invece si può notare è una situazione ibrida scaltra e incontrollabile. Una volta esistevano le aziende pubbliche che rispondevano al pubblico per quanto riguarda la loro "mission".
Adesso esistono ancora ma sono formalmente aziende di diritto privato che fanno quello che vogliono con i soldi pubblici. Non c'entra tantissimo con il titolo del topic ma mi sembra una delle più grosse criticità del sistema.

_________________
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010