Treni nel Regno Unito

Trasporto ferroviario

Moderators: Hallenius, teo

Re: Treni nel Regno Unito

Postby ETR460 » Thu 12 March 2015; 22:42

Secondo me è colpa del progetto Linee T del Comune di Milano 8--) :twisted: :mrgreen:
ETR460
User avatar
ETR460
 
Posts: 6238
Joined: Tue 18 July 2006; 21:46
Location: Corvetto M3, 34, 77, 84, 93, 95, 153

Re: Treni nel Regno Unito

Postby Viersieben » Fri 08 January 2016; 19:58

Il leader laburista J. Corbyn, unendosi a chi protesta contro l'aumento tariffario dell'1.1% (quando gli utenti britannici pagano già fino a sei volte di più che i loro omologhi in Francia, Germania e Olanda, i governi delle quali detengono peraltro larghe parti delle ferrovie britanniche).
Secondo Corbyn è assurdo che sia permesso che le ferrovie britanniche siano proprietà di compagnie pubbliche straniere; la rinazionalizzazione sarebbe in questo senso l'unico mezzo per garantire che tutti possano permettersi di viaggiare in ferrovia.
Nel frattempo il leader laburista auspica che il Dipartimento dei Trasporti prenda in mano la situazione e renda il pendolarismo alla portata di tutti.
:arrow: http://www.independent.co.uk/news/uk/po ... 95406.html
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3629
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Treni nel Regno Unito

Postby friedrichstrasse » Fri 08 January 2016; 20:17

Sono d'accordo (ma ci vuole un estremista per dire queste cose di buon senso?)
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: Treni nel Regno Unito

Postby S-Bahn » Fri 08 January 2016; 22:13

Anch'io concordo. Ma c'è chi pensa che le ferrovie siano pienamente legittimate a praticare qualunque tariffa.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50122
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni nel Regno Unito

Postby serie1928 » Sat 09 January 2016; 11:27

S-Bahn wrote:Anch'io concordo. Ma c'è chi pensa che le ferrovie siano pienamente legittimate a praticare qualunque tariffa.

Si parla di LP :?: Allora sì, che facciano cio che pare loro giusto. Gli utenti possono sempre decidere se pagare il prezzo o rinunciare al viaggio in treno per altre modalitã.
Se si parla di trasporto regionale, allora le tariffe possono essere tenute basse con le tasse, sempre fino a dove la cosa rappresenta un interesse collettivo (riduzione del traffico, razionalizzazione dele infrastrutture, ecc.).
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni nel Regno Unito

Postby Coccodrillo » Sat 09 January 2016; 12:25

:noquote:
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia
Coccodrillo
Forum Admin
 
Posts: 13340
Joined: Sat 29 April 2006; 16:36
Location: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)

Re: Treni nel Regno Unito

Postby Slussen » Mon 18 January 2016; 12:57

Non capisco perché non possa esistere anche un servizio ferroviario a lunga percorrenza di tipo "universale".
Slussen
 
Posts: 12067
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Treni nel Regno Unito

Postby S-Bahn » Mon 18 January 2016; 13:02

E' la medesima domanda che mi ponevo.
E' indubbio che le caratteristiche, e per certi versi anche la valenza, dei due servizi siano diverse ma non sta scritto da nessuna parte che debbano essere mondi completamente diversi e con finalità diverse.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50122
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni nel Regno Unito

Postby Lucio Chiappetti » Mon 18 January 2016; 14:31

E soprattutto non integrati ...

... ho ottimi ricordi sia della Germania meta' anni '80 quando su ogni IC in ogni scompartimento era disponibile un prospetto (Ihr Zugbegleiter) che elencava tutte le coincidenze regionali di quel treno a ogni fermata

... sia dell'UK degli anni immediatamente precedenti, quando servizio LP e locale erano ben integrati nelle BR (in contrasto con l'era ottocentesca delle ferrovie private ciascuna coi suoi binari e il suo terminus ... ricordo di avere letto su un giornale ferroviario trovato su qualche treno di come la linea dei Pennini ha un assurdo/eroico tracciato "di montagna" perche' il "padrone" aveva tirato una riga su una carta geografica, stufo del fatto che i "suoi" treni per la Scozia che viaggiavano sulla rete di un concorrente venivano regolarmente ritardati e boicottati.
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4471
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Treni nel Regno Unito

Postby friedrichstrasse » Mon 18 January 2016; 14:51

I bei tempi dell'Ottocento a cui molti vorrebbero tornare... :twisted:
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: Treni nel Regno Unito

Postby S-Bahn » Mon 18 January 2016; 15:04

Ti riferisci al ritorno alla supremazia del mercato che tutto (ovvero niente) aggiusta?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50122
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Treni nel Regno Unito

Postby friedrichstrasse » Mon 18 January 2016; 15:36

Solo in parte: la tendenza a incasinare e a disorganizzare tutto ha sicuramente ha dei punti di contatto con il sistema economico e in parte nasce da quello, ma è anche un fenomeno culturale a se stante.
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: Treni nel Regno Unito

Postby serie1928 » Mon 18 January 2016; 15:40

Slussen wrote:Non capisco perché non possa esistere anche un servizio ferroviario a lunga percorrenza di tipo "universale".

E' una scelta politica, che personalmente non condividerei. Non vedo la necessità di "universalizzare" un servizio che risponde più ad un bisogno privato che ad una esigenza collettiva.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni nel Regno Unito

Postby serie1928 » Mon 18 January 2016; 15:47

Lucio Chiappetti wrote:E soprattutto non integrati ...

... ho ottimi ricordi sia della Germania meta' anni '80 quando su ogni IC in ogni scompartimento era disponibile un prospetto (Ihr Zugbegleiter) che elencava tutte le coincidenze regionali di quel treno a ogni fermata

A parte alcuni aggiustamenti legislativi, che praticamente obbligano alla comunicazione, la differenza è nel concetto di "servizio" che ogni impresa ha. Per le DB fornire i dati delle coincidenze alle varie stazioni, sia in forma dell'opuscolo ancora esistente (ha cambiato nome, ma c'è), sia come annunci, anche solo in caso di ritardi, è parte integrante del servizio per il quale viene venduto il biglietto. Siamo ancora lontani da tale "cultura", ma qualcosa è innegabilmente migliorato.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10142
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Treni nel Regno Unito

Postby Slussen » Tue 19 January 2016; 11:46

Continua a sfuggirmi per quale ragione gli spostamenti all'interno di una regione sarebbero una "esigenza collettiva", mentre quelli di tipo nazionale un "bisogno privato".
Slussen
 
Posts: 12067
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

PreviousNext

Return to Trasporto ferroviario

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 6 guests