Più tecnologia, meno cemento (Ferrovia 2000)

Trasporto ferroviario

Moderators: Hallenius, teo

Re: Più tecnologia, meno cemento (Ferrovia 2000)

Postby Viersieben » Thu 01 November 2018; 12:52

Analisi delle conseguenze cantonticinesi (in sostanza si finanziano il Tram dei Puffi (che continua a sembrarmi un Prestigeprojekt) e la fermata di Piazza Indipendenza che renderà ancora più lenta e tediosa di quanto già non sia la marcia dei TiLo; mentre altrove il tempo guadagnato con la NEAT continuerà, a quanto sembra, ad andare in fumo causa coincidenze inesistenti (ancorché progettate); laddove basterebbe forse modificare (assimilandola a quella della SSIF) la politica delle fermate dei diretti, ormai quasi a cadenza oraria, per metterci una pezza):
Tram-treno del Luganese, 240 milioni da Berna
Confermato il finanziamento da parte della Confederazione. Sì anche per la fermata a Bellinzona

Il Consiglio federale ha licenziato oggi il Messaggio sul finanziamento del Programma di sviluppo strategico della rete ferroviaria nazionale, fase d’attuazione 2030/35 (PROSSIF 2030/35), che include il progetto concernente la realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese (Lugano Centro-Bioggio). Una decisione di cui ha preso atto con soddisfazione il Dipartimento del territorio (DT), il quale sottolinea che il finanziamento da parte della Confederazione, pari a circa 240 milioni CHF, è pertanto confermato.

"Il Messaggio del Consiglio federale conferma la decisione del 29 settembre 2017 d’includere il progetto ticinese nella proposta d’investimenti per la prossima fase di attuazione del PROSSIF" si legge nella nota del DT. "La realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese consentirà di estendere il servizio ferroviario della linea Ponte Tresa-Lugano fino a Manno e di raggiungere direttamente il centro città. La frequenza sarà intensificata fino a un treno ogni dieci minuti e i tempi di percorrenza saranno drasticamente ridotti. Le aree strategiche dello sviluppo del Luganese – Città di Lugano, Basso Vedeggio e Malcantone – saranno così servite da un sistema di trasporto molto performante".

Lo scorso 19 giugno, ricordiamo, il Gran Consiglio aveva approvato la tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese, accogliendo la richiesta di credito di 63,2 milioni di franchi. La fase realizzativa è programmata dal 2020 al 2027.

Sì alla fermata ferroviaria di Piazza Indipendenza a Bellinzona, rinviati altri progetti

In occasione della sua seduta odierna, il Consiglio federale ha anche confermato il finanziamento del progetto relativo alla fermata di Piazza Indipendenza (Bellinzona). A tal proposito, specifica il DT, le FFS stanno già elaborando il Progetto definitivo su incarico del Cantone. Il completamento del terzo binario Giubiasco-Bellinzona e la realizzazione della nuova fermata, strettamente interdipendenti, sono previsti entro il 2025.

Il DT informa inoltre che le misure “Cadenza semi-oraria Locarno-Intragna FART” e “Nuove fermate Valle del Vedeggio: Bironico-Camignolo e Torricella-Taverne”, proposte dal Cantone nei concetti d’offerta del traffico regionale, non sono state ritenute nel Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria per questa fase d’attuazione. Il DT è comunque intenzionato a proseguire con la loro progettazione: "Il progetto che concerne le FART permetterà di garantire le coincidenze a Locarno con tutti i treni TILO in direzione di Bellinzona e di Lugano – quest’ultima località sarà direttamente raggiungibile attraverso la nuova galleria di base del Ceneri – migliorando nel contempo l’attrattività del trasporto pubblico tra il polo di Locarno e le Terre di Pedemonte" si legge nella nota. "Questo potenziamento presuppone la creazione di un doppio binario ferroviario a Tegna e di un nuovo binario di attestamento a Intragna".

Le nuove fermate nella Valle del Vedeggio consentiranno invece "di aumentare la capillarità del servizio TILO lungo la linea di montagna dal Ceneri che, con l’apertura della galleria di base nel dicembre 2020, sarà alleggerita dal traffico di transito".

AlpTransit per ora si ferma a Lugano

La richiesta del Consiglio di Stato per l’avvio della progettazione del completamento di Alp Transit con la circonvallazione di Bellinzona e il proseguimento a sud di Lugano non è stata invece accolta. "La decisione del Parlamento federale sull’odierno Messaggio del Consiglio federale sarà presa nel corso del prossimo anno" conclude il DT.

Redazione | 31 ott 2018 16:29

https://www.ticinonews.ch/ticino/473632 ... i-da-berna
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3654
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Previous

Return to Trasporto ferroviario

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests

cron