Infrastruttura RFI

Trasporto ferroviario

Moderators: Hallenius, teo

Re: Infrastruttura RFI

Postby dedorex » Wed 16 October 2019; 10:30

A mio avviso le criticità del piano sono essenzialmente due e mezzo:
- il raddoppio delle installazioni ACC/anno. Oggi siamo a 50/anno, dovrebbero andare a 100/anno. Corposo, ma non è impossibile
- l'attrezzamento dei rotabili. Le IF hanno treni in buona parte SCMT e dopo pochi anni dall'installazione si chiede di passare su ERTMs. In alcuni casi è banale perchè i sistemi sono già predisposti, ma in altri significa buttare via i bordi. Chi paga?
- a livello nazionale, dopo l'incidente di Corato si è lanciato una campagna di installazione SCMT sulle linee concesse non RFI: ha senso farlo e non passare invece direttamente su ERTMs con risparmi significativi?
L'ERTMs HD ha il vantaggio di ridurre facilmente la lunghezza virtuale delle sezioni: in pratica fa meglio (300m contro 450m) e più facilmente quello che si è fatto con arzigogoli nel Passante
Il vantaggio è potenzialmente significativo
Per il resto, ma è una mia (potenzialmente illusoria) previsione, il trasferimento dell'informazione dai segnali visivi a un canale radio, abiliterà scelte più radicali perchè il livello di sicurezza intrinseco è superiore. Visto che negli ultimi anni abbiamo visto che sono stati superati tabù storici come le doppie, i bimodali e i regionali a 200km/h, mi aspetto evoluzioni positive in questo senso
User avatar
dedorex
 
Posts: 3887
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Infrastruttura RFI

Postby Carrelli1928 » Wed 16 October 2019; 12:35

Abbiamo già visto che per TI non è un problema investire molto nella sicurezza sui mezzi, persino quando ad essi restano pochi km da percorrere - cfr. E.645.
Più che altro, mi domando come andranno le cose per le concesse.
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Infrastruttura RFI

Postby EuroCity » Fri 18 October 2019; 11:36

Interessante, da SSC:

Image

... ovvero, il ritorno dell’ipotesi di LAV - non “TAV”, estiqaatsi...! - Venezia (Mestre)-Tessera Aeroporto-Trieste lungo la gronda lagunare...
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12100
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

Re: Infrastruttura RFI

Postby EuroCity » Fri 18 October 2019; 11:45

... Ovviamente, possibilmente con allacciamento sia a Mestre che S. Lucia, come da questo documento (se solo si applicassero seriamente le visioni prospettate, invece di lasciarle cadere come al solito nel dimenticatoio burocratico: e anche Milano purtroppo docet, qui):

Image
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12100
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

Re: Infrastruttura RFI

Postby luca » Sat 21 December 2019; 20:05

Il sistema audio/video di RFI è stato aggiornato
Adesso, Bovisa è annunciata come "Milano Bovisa Politecnico" ,sui tabelloni esce MI BOV POL
Complimenti, queste si che sono le cose di cui la nostra infrastruttura ha bisogno
Menomale che non si chiama Milano Bovisa Politecnico Vicino a Milano Villapizzone È Un Pezzetto A Piedi Fattibilissimo figurante come MI BOV POL VIC MI VILL È UN PEZ A PI FAT
In tutto ciò, la DAB di Villamaggiore sistemata da non più di due mesi, è di nuovo rotta, e a bordo non si vengono biglietti SITBM, il capotreno consiglia di scendere a Rogoredo e farlo li
Tutto regolare, impeccabile, mi sembra che ormai l'unica cosa a cui pensare sia cambiare i nomi delle stazioni e rendere ulteriormente criptiche le informazioni al pubblico

EDIT Mi sono appena accorto che, per fortuna, la modifica di audio/video non riguarda tutte le stazioni
Fiero utente abituale del TPL
Viva il trasporto pubblico moderno!
User avatar
luca
 
Posts: 8589
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)

Re: Infrastruttura RFI

Postby mr_coradia » Mon 23 December 2019; 19:44

Non so se sia correlata, ma anche su FNM ora sui tabelloni appare "ferma a MI Bovisa e MI Domo", l'annuncio vocale dice "ferma a Milano Bovisa Politecnico e Milano Domodossola" al posto che "ferma a Bovisa e Domodossola fiera"
User avatar
mr_coradia
 
Posts: 473
Joined: Sun 29 May 2016; 16:04
Location: Provincia di Varese, Lombardia, IT

Re: Infrastruttura RFI

Postby S-Bahn » Mon 30 December 2019; 15:26

Oggi Passante e mezza Milano bloccati da guasti RFI. Ormai si rompe di tutto, tutti i giorni e anche più volte al giorno.
Ma hanno presente il livello di traffico del nodo di Milano o si limitano a contare gli introiti dei pedaggi e amen?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51585
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Infrastruttura RFI

Postby Carrelli1928 » Mon 30 December 2019; 16:42

Passante che non ha nemmeno un deviatoio.
Un paio di mesi fa un passeggero è stato male, hanno dovuto tenere il treno fermo per attendere i soccorsi.
Fortuna che il treno si trovava a P.ta Vittoria, che permette di effettuare sorpassi. Se ci si fosse accorti del malore del passeggero solo uno o due minuti dopo, il treno sarebbe dovuto rimanere fermo a Dateo e tutto il passante sarebbe rimasto bloccato per una buona mezz’ora, con ritardi e cancellazioni per tutto il resto della giornata a S1, S2, S5, S6, S12 ed S13, senza contare i ritardi a cascata sull’intera Lombardia, Trenord e non. Il disastro, insomma. Per un malore, che può facilmente succedere quando si trasportano tante persone quante ce ne sono sui treni di una regione come la nostra.
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Infrastruttura RFI

Postby jumbo » Mon 30 December 2019; 17:06

In questi ultimi giorni sembra che a RFI si stiano impegnando a dare ragione alla regione che scarica i problemi di Trenord su RFI.
jumbo
 
Posts: 9079
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Infrastruttura RFI

Postby S-Bahn » Mon 30 December 2019; 17:14

Trenord ha i suoi problemi (gravi) come sappiamo benissimo. RFI non è da meno, in particolare su Milano si sommano due gravi problemi che ormai sono al livello di emergenza nazionale.

- Una infrastruttura fortemente insufficiente, sia per carenze diffuse (tutta la rete di fatto ingabbiata da deviate a 30 ovunque) sia per mancanza di opere risolutive nel nodo di Milano (secondo Passante e non solo).
- Una grave deficienza nella manutenzione. Si rompe tutto e sempre più spesso, come se non avessero realizzato che la manutenzione deve essere adeguata all'intenso traffico sulle principali direttrici e su tutto il nodo di Milano. Se crescono gli introiti da pedaggio perché il traffico cresce, bisogna adeguare la manutenzione, non limitarsi a contare i soldi.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51585
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Infrastruttura RFI

Postby jumbo » Mon 30 December 2019; 17:36

Domande: è possibile che una rete in cattive condizioni (visto che continua a guastarsi) contribuisca a logorare il materiale rotabile? (che poi Trenord ha le sue grosse difficoltà a manutenere)

E il viceversa, cioè che dei treni in cattive condizioni (visto che continuano a guastarsi) contribuiscano a logorare l'infrastruttura? (che poi RFI ha le sue grosse difficoltà a manutenere)
jumbo
 
Posts: 9079
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Infrastruttura RFI

Postby S-Bahn » Mon 30 December 2019; 18:17

Direi che possiamo solo ipotizzare.

I punti di contatto tra infrastruttura e treno sono due. Armamento e linea aerea (escludendo i diesel, ovviamente).

Sull'armamento influsicono il peso assiale che però quello è, è standard ed è ammesso oppure no a circolare, e il contatto ruota-rotaia.
Una ruota quadra sicuramente sollecita di più la rotaia, però per quanto trasandati ed escludendo periodi particolari non è che tutti i treni abbianio ruote sfaccettate, e se le hanno oltre una certa misura non circolano o circolano con limitazione di velocità. Può darsi che qualcosa dipenda da questo, ma credo sia quasi trascurabile. In ogni caso non è che le ruote quadre rompono gli scambi o i relè o le sottostazioni elettriche.
C'è anche reciprocamente il fatto che un cattivo armamento sollecita i carrelli. C'è però da dire che mediamente i difetti di allineamento sulla nostra rete sono limitati e contenuti in valori che sembrerebbero modesti, stante il fatto che non si vaggia mai tra scossoni e serpeggiamenti. Stiamo poi parlando di velocità medie piutto basse. Solo i RE fanno tratte a 140-160. Il serpeggio dato da carelli non adeguati può essere devastante per l'armamento ma solo a velocità molto più alte.

Un poì più delicata la parte elettrica. Un pantografo quasto o rotto o mal regolato potrebbe danneggiare la linea aerea. E' più facile però che questa ceda per usura, allora è il treno che tira giù tutto ma solo perché non poteva stare su.
Un danno casato da eccessivi cali di tensione potrebbe essere patito dall'elettronica di bordo (mentre con l'elettromeccanico la bassa tensione non era un porblema, generalmente).

Non escludo pertanto effetti reciprici ma credo che ognuno RFI e Trenord, abbia sostanziamente i guasti che si merita per via della manutenzione che fa o non fa.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51585
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Infrastruttura RFI

Postby dedorex » Mon 30 December 2019; 18:30

In generale ci può essere qualcosina, ma poca roba
L'interazione avviene solo sulla catenaria e sulle rotaie
Sulla prima capita che per usura e fenomeni strani avvenga l'incollaggio e il pantografo tiri giù tutto, ma è abbastanza raro e anche perchè RFI ti becca se vede pantografi usurati
Sulla seconda le ruote quadre fanno danni, ma da questo punto sono sicuramente più un problema i merci
Nel verso opposto ci sono stati causi di usura anomala da utilizzo binari molto duri, però si risolve in fretta (sempre che il tuo AD non è in carcere, oppure se ti sei premurato di dare le deleghe corrette a qualcuno)
Tolti questi casi, limitati, non vedo altre grosse ragioni
Se andiamo a vedere le principali cause di ritardo, si vede che tipicamente sono legate a:
- treni che si piantano
- porte che non si chiudono
- scambi che non funzionano
- sistemi di blocco che vanno a ramengo
Edit in contemporanea
User avatar
dedorex
 
Posts: 3887
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

Re: Infrastruttura RFI

Postby S-Bahn » Mon 30 December 2019; 18:39

Sostanzialmente concordiamo.
Quello su cui non concordo è che a dire di RFI (oste, com'è il vino, buono?) la loro responsabilità in ritardi e disservizi è inferiore al 20%.
Sicuramente non è vero neglio ultimi mesi per parlare solo dei guasti. Se poi mettiamo sul piatto le inefficienze di una rete con deviatoi a 30 che tolgono capacità e margine e certe gestioni della circolazione...
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51585
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Infrastruttura RFI

Postby dedorex » Mon 30 December 2019; 22:35

Stagni un po' di tempo fa parlava del 25% di cause RFI
Sul discorso inadeguatezza della rete, personalmente raderei al suolo i palazzi di Italferr e spargerei sale sopra le macerie
User avatar
dedorex
 
Posts: 3887
Joined: Thu 06 July 2006; 17:12

PreviousNext

Return to Trasporto ferroviario

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests

cron