Scelta modale

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: Scelta modale

Postby LUCATRAMIL » Thu 20 June 2013; 13:17

Mezzi pubblici (preferibilmente elettrici, in particolare 92) da Lunedì a Venerdì
Auto(anzi, non generalizziamo: l'Ulysse, che è qualcosa di superiore :wink: )/mezzi pubblici nel w.e. in base ad esigenze di carico/urgenze/destinazioni.
Bici: tempo fa in agosto la usavo un paio di settimane x spola casa-lavoro. Mi piacerebbe usarla per diporto insieme ai famigliari, che hanno un interesse scarso. Filitramil quest'anno l'ha usata per la prima volta da solo (divenuto maggiorenne: devo spiegargli la differenza tra bici e auto?) :roll:
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!
LUCATRAMIL
 
Posts: 3448
Joined: Wed 02 August 2006; 13:40
Location: MILANO

Re: Scelta modale

Postby Slussen » Thu 27 June 2013; 14:17

Dopo la manifestazione 4 Maggio a Milano, Rete Mobilità Nuova ha presentato una bozza di disegno di legge di iniziativa popolare.
Il testo
Slussen
 
Posts: 12078
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Scelta modale

Postby Trullo » Thu 27 June 2013; 14:22

Condivisibili gli obiettivi, qualche dubbio sugli strumenti

Lo Stato annualmente, tramite legge di stabilità, destina al fondo “Sviluppo del trasporto pubblico locale e della Mobilità non Motorizzata” il 75% dei fondi complessivi che annualmente sono destinati al trasporto e alle infrastrutture per la mobilità.

Attualmente come sono spesi questi "fondi complessivi"? Non è che rischiamo di tagliare il trasporto pubblico non locale?
Inoltre cosa si iintende per "sviluppo"? Solo i soldi per nuove infrastrutture o anche l'"ordinaria amministrazione"?
Non è mica da questi particolari
Che si giudica un giocatore
Un giocatore lo vedi dal coraggio
Dall'altruismo e dalla fantasia.
User avatar
Trullo
 
Posts: 26222
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Scelta modale

Postby Slussen » Thu 27 June 2013; 16:43

Condivido che la definizione pare un po' confusa.
Slussen
 
Posts: 12078
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Scelta modale

Postby Lucio Chiappetti » Thu 27 June 2013; 17:19

Mah mi sono guardato il manifesto e non mi convincono alcune cose ...

La Mobilità Nuova ruota attorno a quattro perni: l’uso della bici; l’uso delle gambe; l’uso del tpl e della rete ferroviaria nazionale; l’uso occasionale dell’auto (car sharing, car pooling, taxi)


Il taxi e' una forma di trasporto pubblico che in certe situazioni e' purtroppo inevitabile (come l'uso di pulmini attrezzati per i disabili ... incidentalmente con un amico disabile sono andato a vedere il sito della cooperativa CTA che lui usa, e mi ha meravigliato il fatto che sia dotata di un grande numero di pulmini che portano parecchie persone, quando spesso sono singoli disabili a doversi spostare, mentre di normali taxi con montacarrozzine ne avro' visto uno solo ... una volta dietro casa con una gentile tassista che lo lavava)

Inoltre ribalterei le priorita' : TPL (incluso taxi) e ferrovia, piedi, bici, mezzi motorizzati privati

condivisione calmierata delle strade tra le varie utenze invece che separazione tramite infrastrutture;


A questo proprio non ci credo, occorre una segregazione rigida dei flussi
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4737
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Scelta modale

Postby Slussen » Thu 27 June 2013; 21:52

In effetti non capisco neanche cosa voglia dire!
Slussen
 
Posts: 12078
Joined: Wed 05 July 2006; 20:59
Location: terminaaa

Re: Scelta modale

Postby fra74 » Thu 27 June 2013; 21:55

Image
Blog: http://fbresciani.gitlab.io

"Widening highways to ease congestion is like loosening your belt to solve obesity."
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 24798
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Scelta modale

Postby GLM » Mon 07 April 2014; 17:40

un articolo del '94..... più che attuale anche oggi, 20anni dopo!

:arrow: http://archiviostorico.corriere.it/1994 ... 9337.shtml
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16925
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Scelta modale

Postby msr.cooper » Mon 07 April 2014; 19:49

Che cassata di articolo, però! :?
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Re: Scelta modale

Postby Cristian1989 » Mon 07 April 2014; 21:39

^^ Dobbiamo rifarlo? :mrgreen:
Chi vive moderno sale sul bus (Notturno Bus, 2007)
Cristian1989
 
Posts: 10282
Joined: Sun 30 April 2006; 14:54

Re: Scelta modale

Postby GLM » Thu 24 July 2014; 2:31

http://www.millenniourbano.it/?p=2706&f ... s=og.likes

Mobilità e sessismo
Mobilità, Questioni di genere
Le necessità di spostamento ed il genere di chi si sposta sono diventati oggetto d’indagine di un numero crescente di studi sulla mobilità in ambito urbano. E’ ormai accertato con sufficiente precisione che le donne hanno molte più occasioni di muoversi rispetto agli uomini e lo fanno usando più trasporto pubblico ed in modo più sostenibile, ovvero in genere camminando di più. Se in un nucleo familiare c’è una sola auto è assai probabile che essa venga utilizzata dall’uomo per gli spostamenti casa – lavoro, mentre le donne tendono ad organizzare la propria vita in modo da avere una migliore integrazione tra attività lavorativa e famiglia in termini di distanze e di tempi. E’ la famosa conciliazione tra lavoro di cura e impiego retribuito, che sul versante della mobilità vuol dire maggiori occasioni per spostarsi causa bambini e anziani da accompagnare, spesa ed altre commissioni, oltre che per andare a lavorare.
Quasi tutti questi studi condividono l’intento di individuare strumenti per rendere la mobilità in ambito urbano più orientata alla specificità di genere, sulla quali si fa aderire però il ruolo sociale della donna senza troppo domandarsi se sia sostenibile a lungo termine. In pratica la questione non è se una società più equa sappia distribuire equamente il lavoro di cura tra i generi ma, poiché sono le donne che se ne fanno carico, come facilitarle almeno sul versante della mobilità. Ecco allora che qualche amministrazione locale predispone interventi per favore le donne nell’uso del trasporto pubblico, dei servizi di taxi notturno, o del car e bike sharing, o che viene redatto un decalogo di buone pratiche per la mobilità di genere come la Carta italiana della mobilità delle donne.
Il nodo più critico e di difficilissima soluzione è quello della sicurezza: non si può evidentemente affiancare un poliziotto ad ogni donna che si sposta di notte da sola a piedi o con i mezzi pubblici. La soluzione più praticabile per conciliare più spostamenti, in direzioni diverse e con tempi diversi è, ça va sans dire, l’auto. Si pensi ad esempio ad una donna che svolga turni di lavoro in orario serale-notturno, che abbia il bambino piccolo da portare all’asilo nido e quello più grande da accompagnare a scuola e poi si aggiungano gli acquisti, le attività di doposcuola, le visite mediche, eccetera. S’immagini di far dipendere tutto ciò dal trasporto pubblico e non ci vorrà molto a giungere alla conclusione che l’utilizzo dell’auto risolve in un sol colpo la questione della molteplicità dei percorsi, spesso slegati dalla rete del servizio collettivo, e della sicurezza ,che diventa un problema nelle ore di scarsa frequentazione dei veicoli, delle fermate e dei tratti stradali da percorrere a piedi. Sì perché l’ordinario sessismo della vita urbana è misurabile dal numero di molestie, aggressioni e violenze che vengono commesse nello spazio pubblico a danno delle donne, ammesso che tutto ciò venga denunciato dalle vittime e/o diventi oggetto d’indagine .
Il problema dell’uso del trasporto pubblico e delle strade da percorre di notte da sole, malgrado le buone intenzioni, resta irrisolto e l’auto (quella propria, di un amico o un taxi) rimane la soluzione più praticabile. Anche se si è così fortunate da avere una fermata di metropolitana sotto casa, e magari pure l’incrocio di più linee di superficie, a meno di non abitare in zone della città affollate a qualsiasi ora del giorno e della notte da persone di ambo i sessi, alla possibilità delle molestie sessiste si preferisce il guscio metallico di un’automobile. Certo, il car sharing senza postazione fissa, ovvero la possibilità di prendere e lasciare l’auto dove si vuole, può essere un’alternativa ma dipende dalla frequenza dell’utilizzo e, di conseguenza, da quanto alla fine viene a costare la somma di tutte le forme di mobilità diverse dal veicolo individuale, cioè da quanto sia realmente conveniente, in termini di tempo e denaro, decidere di non possederne uno.
Già perché c’è un altro problema: le donne sono mediamente più povere degli uomini e le cause di questa sfavorevole situazione economica sono da ricercarsi nel maggior carico dei lavori di cura e nella presunzione dell’impatto che essi potranno eventualmente generare. Se in media le donne dispongono di un reddito inferiore a quello degli uomini la loro mobilità sarà di conseguenza fortemente influenzata da questo dato. Se raggiungere il posto di lavoro costa troppo in termini economici e di tempo, se diventa impossibile mettere insieme nella stessa giornata quel paio d’ore trascorse sul trasporto pubblico per andare e tornare dal lavoro con gli orari imposti dalla scuola e dalle varie attività dei figli, o si può contare su qualche parente disponibile o, se non si vuole lasciarlo quel posto, sarà assai probabile che che si utilizzi l’auto. Rimangono escluse dai vantaggi degli spostamenti indipendenti su mezzi provati le donne più povere, quelle che non hanno abbastanza soldi per mantenerli e per pagare il carburante. Per loro l’insicurezza delle strade, dei bus e del metrò diventa una condizione da accettare e l’unica alternativa e non spostarsi affatto.
L’equazione sembra quindi semplice: diminuire il sessismo significa favorire l’uso del trasporto pubblico, distribuire più equamente tra i generi i compiti che generano spostamenti diversi da quello casa – lavoro significa coinvolgere anche gli uomini in quelle forme di mobilità a corto raggio per le quali si può andare a piedi o con i mezzi pubblici, come le donne hanno da tempo imparato a fare. Se si sottrae la mobilità delle donne alla sfera tecnica e la si guarda come fenomeno sociale, non è difficile constatare che le soluzioni che limitano la possibilità di molestie e di violenze, come le app per sapere in tempo reale a che ora passa il bus o il metrò e non aspettare da sole alla fermata o nella stazione deserta, possono senz’altro evitare l’uso dell’auto ma non il fatto che spostarsi da sole nella città può voler dire diventare una preda. Cambiare passo rispetto alle città dominate dalle auto, e ai loro guasti sull’ambiente e sulla forma urbana, vuol dire prima di tutto valutare quanto siano superabili i benefici che il veicolo individuale offre in termini d’indipendenza e di garanzia nella pianificazione degli spostamenti senza dover mettere nel conto l’insicurezza. Si dirà che gli incidenti causati da questo mezzo di trasporto sono una delle principali cause di morte, così come l’inquinamento da esso prodotto ha gravi conseguenze sulla salute, ma quando l’alternativa è la paura si preferisce rischiare in proprio piuttosto che mettere nel conto il rischio da correre per i comportamenti altrui. Allora se la mobilità sostenibile è anche una questione di genere le strategie per superare la centralità dell’auto devono esserlo altrettanto.
Riferimenti
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16925
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Scelta modale

Postby msr.cooper » Thu 24 July 2014; 9:50

Ellamadonna! :roll: :roll: :roll:

E' auspicabile che le donne, nelle loro abitudini di mobilità, diventino come gli uomini (quindi meno sostenibili)? Che il loro salario debba aumentare in modo che, tra le altre cose, possano comprarsi un'auto? La soluzione più ovvia non dovrebbe essere quella dell'aumento della sicurezza (percepita e/o reale) per strada e sui mezzi pubblici, cosa che farebbe piacere sia alle donne che agli uomini? E un efficientamento dei mezzi pubblici, in modo che questi possano essere sempre più rispondenti alle necessità personali, non farebbe bene sia alle donne che agli uomini? Le soluzioni che agevolano le donne, e solo loro, non sono sessiste (sia nei confronti degli uomini che in quelli delle donne)?
-
Image
User avatar
msr.cooper
Forum Admin
 
Posts: 17036
Joined: Sat 29 April 2006; 20:55

Re: Scelta modale

Postby Trullo » Thu 24 July 2014; 10:11

Tra l'altro, ho conosciuto donne, di tutte le età e non solo italiane, che vengono picchiate dal marito, ma non conosco nessuna donna che sia stata aggredita su un mezzo pubblico o sul percorso pedonale tra la fermata del mezzo e l'origine/destinazione dello spostamento
Non è mica da questi particolari
Che si giudica un giocatore
Un giocatore lo vedi dal coraggio
Dall'altruismo e dalla fantasia.
User avatar
Trullo
 
Posts: 26222
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Scelta modale

Postby mattecasa » Thu 24 July 2014; 10:56

2 soluzioni per un problemone :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: 8--) :lol: :D
1) aumentare le frequenze così le signore stanno al buio ad aspettare bus\metro\tram\treno di meno
e fa bene a tutti
2) aumentare la sicurezza magari con l'istallazione di telecamere (sic.percepita) o con presenza di forze dell'ordine (sic.reale)

ma ci vuole così tanto (oltre i soldi sottinteso)?????????????????????????'
Freedrichstrasse
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4223
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Re: Scelta modale

Postby skeggia65 » Thu 24 July 2014; 11:08

Tra l'altro, statisticamente, la maggior parte delle aggressioni alle donne (fuori dalle mura domestiche) avviene nei box o nei parcheggi, oppure nell'androne di casa.
Quindi la sicurezza dell'automobile se ne esce, ça va sans dire, un tanto ridimensionata.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15168
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

PreviousNext

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests