Trasporto aereo

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: Trasporto aereo

Postby Coccodrillo » Tue 15 October 2019; 15:01

Bellinzona Zurigo Aeroporto 2:10
Bellinzona Malpensa T2 2:13

Lugano Zurigo Aeroporto 2:38
Lugano Malpensa T2 1:42

Da dicembre 2019 da Bellinzona a ciascun aeroporto ci si metteranno un 10/15 minuti in meno, da Lugano una ventina in meno per Zurigo.

(oltre all'apertura del tunnel di base del Ceneri si guadagnerà tempo con la fine della deviazione per lavori via Rotkreuz)
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia
Coccodrillo
Forum Admin
 
Posts: 13584
Joined: Sat 29 April 2006; 16:36
Location: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Wed 16 October 2019; 15:49

Comunicato via e-mail di Alitalia:
"finalmente torniamo a casa! Dal 26 ottobre l’aeroporto di Milano Linate tornerà ad essere nuovamente operativo e i voli Alitalia, temporaneamente spostati sull’aeroporto di Malpensa, saranno nuovamente disponibili con il seguente orario:

- dalle ore 18.00 del 26 ottobre, riprenderanno gli atterraggi
- dalle ore 6.00 del 27 ottobre riprenderanno anche le partenze e l'attività operativa tornerà regolare.

Restano, invece, operative le frequenze su Bergamo Orio al Serio da/per Roma Fiumicino." e 10000 miglia in omaggio....

Questi sono i pensieri di quelli che volevano restare a malpensa hub e per colpa del comune di Milano sono falliti! Auguri a loro per i voli su Bergamo già aperti e chiusi più volte, una rotta sulla quale anche Rayanair ha trovato difficoltà, vedremo (e sarà un buon caso da studiare) se con Bergamo al livello attuale c'è la massa critica sufficiente per rendere profittevoli 5 voli al giorno da Bergamo a Roma contando su di una buona scelta di intercontinentali in partenza da FCO.

Ieri 15 Ottobre scadeva, dopo l'n-esimo rinvio, l'n-ennesimo termine dell'n-ennesimo incontro per l'n+1-esimo salvataggio, ormai non hanno nemmeno più l'accortezza di fare un'altro rinvio! L'unica cosa di cui siamo certi è il "prestito" dei prossimi 300 milioni. Dovesse sparire questa piaga italiana, credo che le cose cambierebbero proprio a partire da Linate e Fiumicino.

NB. un passeggero ticinese si imbarcò da Malpensa lasciando in parcheggio la propria Audi RS4 gialla, la quale venne rubata e ben tutti sappiamo come finì, liberi tutti. Bella figura nei confronti della Svizzera, oltre al danno la beffa.
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Wed 16 October 2019; 17:48

Con la fine del bridge la frequenza su Bergamo sarà di tre voli al giorno, non cinque.

Per quanto riguarda Air France ci sarebbe da ricordare che nel gennaio del 2008 il governo Prodi cadde e si decise di andare a elezioni.
A marzo il governo Prodi, in carica ancora per poco, accettò l'offerta AF-KLM ed è vero che i sindacati si ritirarono dal tavolo delle trattative , ma è pur vero che fu lo stesso Spinetta ad individuare in Berlusconi la causa del ritiro dell'offerta di AF in quanto questi si era speso notevolmente in campagna elettorale per un'Alitalia italiana ed era largamente in vantaggio nei sondaggi.
Berlusconi wrote:No all'accordo con Air France se saremo al Governo

Spinetta riferendosi al futuro governo Berlusconi wrote:In questo settore nessuna operazione di questo tipo si può fare in modo ostile e contro un governo


Peraltro avrei una domanda per te MMMM.
Secondo te Alitalia con hub a Malpensa come avrebbe dovuto funzionare? Quali altre basi avrebbe dovuto mantenere?
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1588
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 17 October 2019; 14:50

Per poi dire : "Per Alitalia ci vuole l'esorcista: aveva ragione l'ex presidente Maurizio Prato, sembra proprio che non ci siano altre strade per salvare quella compagnia".
Ti sembra una persona intenzionata ad acquistare un' Azienda al tempo di 20000 dipendenti? Comunque resta pure convinto di ciò che vuoi, i fatti parlano da soli.
Non ho ancora capito se ti è chiaro cosa hanno combinato li dentro dipendenti dirigenti e sindacati, e se ti è chiaro che non ha mai presentato nella storia un bilancio in positivo, e che ci sta costando più che mandarli in cassa integrazione fino alla pensione? sinceramente ti vedo molto attento a fatti accaduti, e dai giornali interpretati come faceva più comodo (tra l'altro ricordiamoci che più di qualche dipendente a fco si vantava pubblicamente e sui social di aver fatto viaggiare giornalisti e altro gratis) ma non vorrei ti sfuggisse la trave principale, che così come è quell'Azienda con 11000 dipendenti (perchè ne hanno riassunti 1500 nel periodo Eithad, pur lasciandone altri in cassa integrazione) se solo volessi portare il bilancio in pareggio non esisterebbe nemmeno! Non credo ci siano in Italia casi di aiuti simili diretti e indiretti dati ad un'Azienda.

Provo a risponderti alla domanda, anche se sarebbe corretto porla a chi ha preso miliardi/anno per non rispondere mai. Piani industriali nelle aziende in cui ho lavorato non ne ho mai scritti, ho partecipato nel mio ruolo a correggere e consigliare strade più percorribili al fine di scrivere un piano reale non fantastico per doverlo correggere dopo due mesi con relativi guai.
Quella compagnia ti ripeto che hub a mxp non l'ha mai avuto, quella è una sottospecie di hub, se poi dreni il traffico altrove (verso Roma) dall'aeroporto stesso, da un' aereporto a 50 km di distanza, e dai restanti aeroporti d'Italia, resta qualcosa di mxp hub, più di nome che di fatto. Tutto è stato fatto per ottenere ciò! A riprova, se sposti un hub i passeggeri crollano (vedi mxp anno 2007 -7 milioni passeggeri) quando spostarono l'hub da fco a mxp nel 1998, non avvenne lo stesso a fco. Comunque avrei agito su tre fronti:
1) taglio immediato di dipendenti e relativi privilegi e relative mangerie varie (es. aerei costati più di verniciatura che in acquisto) al fine di riportare la compagnia ad una condizione reale di risposta al mercato. Ciò sarebbe significato un' enorme taglio di dipendenti nella sede romana, cosa che abbiamo capito negli anni essere utopia.
2) abbiamo capito, soprattutto negli anni a seguire che il traffico nazionale italiano e il cargo non sono sufficienti a riempire tutti gli ic di un hub problema che si sarebbe risolto con un alleanza internazionale appoggiandosi magari a una compagnia che in materia hanno saputo fare meglio di noi, e questa alleanza c'era con KLM solo che fù fatta scappare...
3)anche se sono anni che viene infamata mxp sotto tutti gli aspetti quali assenza di businnes, cargo, distanza, cattedrale nel deserto, non funziona, bagagli lenti, controllo passaporti, parcheggi, scomoda, ecc. ecc. ecc. tuttavia un po' di business e metà cargo italiani ci sono, non si giustificherebbe altrimenti la presenza di alcuni voli (non sovvenzionati dallo Stato), al posto di Alitalia avrei imposto la riduzione di Lin senza se e senza ma. Se avessi voluto realmente un hub a mxp, perchè ho fatto dei conti e il mio piano industriale prevedeva quello, non facevo altro che porlo come condizione per il trasferimento da Roma a milano di alcuni voli ic. A livello nazionale avrei fato riscrivere un piano aeroporti che avrebbe permesso me e il mio alleato di potermi sviluppare. Altre basi? Parti da questi tre punti con i soldi che hai risparmiato hai la possibilità di non fare percepire le basi come semplici spoke ma di poterne apprezzare le caratteristiche particolari, penso al traffico USA-sud italia estivo, o ad altro! Inutile in questi giorni ancora chiedere al governo di limitare la presenza delle low cost e ancora andare a rompere le balle a Emirates sulla Milano New York, quando poi ottenuto ciò che vuoi ti giri dall'altra parte e te ne freghi.

Atlantia chiede concessioni in cambio, di risolvere eventuali obiezioni della Commissione UE per probabili aiuti di Stato, di rendere la vita difficoltosa alle low cost, FS penso uscirebbe da sta rogna prima di subito ma credo agirà sul Milano Roma, lo Stato metterà nuovamente soldi, e sono ancora in cerca del quarto socio che a sua volta deve sottostare alle condizioni di Atlantia, in pratica è il mondo che deve adattarsi a loro che stanno fallendo l'-ennesima volta. Parlano loro poi di aiuti alle low cost....il bue che da del cornuto all'asino.
Nel frattempo è stato concesso un nuovo prestito di 350 milioni (La nuova tranche del prestito ponte ha un tasso d'interesse monstre pari "1000 punti base" sopra all'Euribor a sei mesi) a chi da 900 giorni in amministrazione straordinaria ha votato "no" (con proteste di ogni tipo) a un piano di rilancio da parte di Eithad di 2 miliardi di euro. Non mi sembra di vedere succedere lo stesso con la questione Whripool a Napoli o per le altre aziende attualmente nei guai.
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby S-Bahn » Thu 17 October 2019; 15:23

Mi scusi se la mia ignoranza non è pari alla sua, direbbe Totò, ma a me modestamente sembra che i motivi del disastro Alitalia siano vari ma tutti riconducibili al fatto che tra i tanti obiettivi dell'azienda manca da sempre quello di stare in piedi con le proprie gambe o almeno di avvicinarsi.
Poi ci sono anche sicuramente motivazioni tecniche trascurate quando gli obiettivi sono altri che non funzionare bene, ma la diatriba che vedo ripresentarsi ciclicamente su Malpensa-Fiumicino mi sembra fuori luogo.
Alitalia andrebbe male perché non ha creduto abbastanza in un aeroporto da ben 24 milioni di pax e si ostina a basarsi su un aeroporto da soli 43 milioni all'anno?
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 52245
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Trasporto aereo

Postby jumbo » Thu 17 October 2019; 16:03

Il numero di passeggeri non è indipendente dalle scelte della compagnia.
Più che i numeri degli aeroporti, sarebbe utile guardare i numeri dei biglietti aerei con origine/destinazione Italia/destinazione intercontinentale per le varie zone del paese.
Alitalia va male perchè non riesce a servire bene questo mercato, perché invece di offrire voli diretti dal nord alle varie destinazioni, prevede comunque lo scalo a Roma, ed allora tanto vale andare a Monaco, Francoforte, Parigi ecc. ecc. che il più delle volte fanno servizi più frequenti ed a costi inferiori, e poco male se non si mangia bene come su Alitalia.

Roma è una grande destinazione turistica, questo significa che le compagnie straniere riempiono bene i loro voli (e i rispettivi voli di adduzione a casa loro) portando stranieri a Roma. Un americano di Salt Lake City (sparo una città a caso) per venire a Roma deve prendere un volo interno USA (che probabilmente non ha codeshare con Alitalia) per New York o Atlanta o Miami e poi il volo intercontinentale della stessa compagnia. Ci sono molte più persone di Salt Lake City (o Seattle, o Phoenix, o Dallas, o ...) interessate a venire a Roma, che viceversa.
Inoltre il traffico turistico è molto più sensibile al prezzo (quindi si fanno meno soldi o ci si perde) e meno alla durata del viaggio (quindi il turista per risparmiare è disposto a fare viaggi più "strani", magari con transiti più lunghi o percorsi di viaggio meno ottimizzati).

In tutto questo, Alitalia non ha mai fatto lo sforzo di modificare il proprio modello di business per adattarsi alle esigenze del mercato. Il problema è anche che non si sono presentate delle grandi occasioni, non ultima la sciagurata parentesi Etihad.
jumbo
 
Posts: 9445
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 17 October 2019; 17:21

S-Bahn wrote:Alitalia andrebbe male perché non ha creduto abbastanza in un aeroporto da ben 24 milioni di pax e si ostina a basarsi su un aeroporto da soli 43 milioni all'anno?

Se fosse solo questo il punto sarebbe in stra attivo! Nessuno può risponderti a questa domanda, sai bene a mxp Alitalia come ci è stata, e l’ho descritto anche in qualche post precedente. Il resto l’ha spiegato bene jumbo. Di certo l’aeroporto da 43 milioni nel quale ha sede da 12 anni non mi sembra gli faccia guadagnare miliardi ne ora, ne pre mxp visto che aveva identicamente bilanci in rosso. Roma dovrebbe e non solo dal punto di vista aeroportuale imparare a fare meno numeri e più qualità...non vedresti i disastri attuali! Non tiriamo neanche in mezzo questioni come atac o Amat o un comune che ogni 6/7 anni si trova con 12 miliardi di debiti e arriva il salva Roma di turno..
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 17 October 2019; 17:53

MMMM wrote:Il resto l’ha spiegato bene jumbo.

A sì? Davvero non hai nessun appunto da muovere al post di Jumbo?
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1588
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 17 October 2019; 19:13

Guarda te lo dico proprio chiaramente, se devi stare qui ad attaccare con ste frasette di poco significato che cercano il pelo nell’uovo di un discorso quando passano travi sopra al discorso fai pure. Non sono certo io quello che abbocca. Ti richiedo di rispondere alla domanda che ti ho fatto prima. Se eviti anche di continuare con sta diatriba Malpensa Fiumicino facendo intendere che siano gli altri a sostenerla magari se ne tira fuori anche qualcosa di positivo. Oggi sono stati regalati altri 350 milioni con l’Italia messa come è messa con aziende che stanno chiudendo ovunque da anni con neanche i soldi per curare o assistere malati, 350 milioni così come noccioline dopo i precedenti 900 più interessi, più 1800 in cassa integrazione perenne. Della gravità della cosa ti rendi conto?
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 17 October 2019; 19:27

No grazie, non mi interessa stare qui a rispondere a chi scrive castronerie come presunti accordi tra American Airlines e Alitalia e altre mille sciocchezze che ho letto.
A tutto c'è un limite ed è stato ben oltrepassato.
Io non alimento nessuna diatriba Malpensa-Fiumicino perché ho ben chiaro nel cervello che è un dualismo senza alcun senso.

Saluti.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1588
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 17 October 2019; 19:33

E continui a non rispondere ad una questione che riguarda direttamente anche te. Particolare questo comportamento visto che mi sembri anche una persona informata sui fatti.

Gravissima sta cosa di AA con AZ...avremmo risparmiato 1800 cassa integrati a vita e 1,2 miliardi più interessi di “prestito” ponte
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 17 October 2019; 22:40

MMMM wrote:Gravissima sta cosa di AA con AZ

Un set di informazioni errate non può fornire una sintesi corretta.
La problematica di Alitalia e del sistema aeroportuale italiano è ben più vasta di come la dipingi. Una riduzione a "i sindacati", "lorsignori", "hub unico per legge" ecc... rende inutile qualsiasi altro commento. Quella che tu consideri una "trave" è una delle conseguenze di un sistema di cause vastissimo.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1588
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Fri 18 October 2019; 3:04

Chiuderla così, sa molto di gruppo facebook ben noto (che consiglio di leggere per considerarmi ancora un buono in materia, magari lontano dai pasti per evitare problemi) nel quale alla minima messa in discussione dei loro preziosissimi ed intoccabili diritti o si viene additati come "ignoranti di turno che non capiscono la situazione e non la possono capire perchè non hanno vissuto gli anni d'oro in quell'Azienda (nei quali i bilanci erano sempre malmessi)" o si viene bloccati.
Visto comunque che ho dato un set di informazioni errate, correggile e raccontaci la verità, i numeri dicono una cosa chiara se riesci a dimostrare il contrario sono qui ad ascoltarti.
Quelli da me descritti sono problemi reali etici ed economici: " i sindacati" assimilabile alla non accettazione di nulla eithad, AF, AF + KLM, reintegrazione di dipendenti birichini (avvenuta anche in altre aziende di stato), al pretendere l'impossibile e a difendere l'indifendibile solo in casi di aziende particolari (credo che qui dentro più di qualcuno abbia avuto conferme in materia, io per primo), ai sette anni di cassa integrazione, ecc. mentre "lorsignori" utilizzo di auto aziendali per scopi privati (se vuoi ti elenco anche un po' di luoghi e hotel), doppio autista, 130 piloti per 4 aerei cargo, pretesa di superare altri aerei in attesa di decollo, numero di giorni di permessi sindacali un tantino eccessivi, ecc.
Consiglio, sul quale sicuramente sbaglierò, atlantia ritiene le rotte nordamericane assolutamente le più redditizie (un paio d'anni fa non ricordo quale amministratore dichiarò che se si fosse permesso di raddoppiare la Roma - Miami in sei mesi alitalia sarebbe stata risanata, bene ponga come condizione di permanenza al rinnovo della JV nel 2021 con AF Eithad KLM Delta l'ottenimento di più rotte verso il nord america, proponga un taglio contenuto agli slot di Lin, giusto per non fare distendere La Russa sulla pista del "city airport" e per non fare arrabbiare le compagnie estere (stile anno 1998 made in Loyola De Palacio tanto per incasinare una situazione già di suo articolata) chieda apertura agli IC dallo stesso, utilizzi alcuni slot di questo per qualche IC da Lin. Allo stesso tempo tagli qualche rotta di troppo da FCO e ne apra sul nord america, quali non saprei visto che ancora una volta FCO è piena di americane verso tutti i loro hubs, magari atlantia può chiedere una riduzione delle stesse visto che le ha accettate al loro arrivo.
Intanto ripeto oggi sono stati dati altri 350 milioni a vuoto senza certezze nemmeno sugli attori protagonisti futuri, senza un piano industriale (che sarà LIN + FCO tanto per cambiare), ora le trattative rallenteranno nuovamente tanto soldi ce ne sono, per rivederci alla prossima crisi che sarà a Settembre 2020. Mancava il rientro di Lufthansa che facendo parte di tutt'altra alleanza non ho idea di come potrà convivere con DL AF KL, non vorrei si aumentasse ancor di più l'aspirazione verso gli hubs esteri. Nel frattempo Whirpool e tanti altri chiudono senza mezza discussione anzi il Governo di turno (non che ne sia diretto responsabile) alza anche la voce. Diamo a Whirpool 30/40 milioni cosi andiamo avanti un anno, idem a tutte le altre aziende che stanno chiudendo???
MMMM
 
Posts: 2231
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby jumbo » Fri 18 October 2019; 9:27

Comunque sono d'accordo che la diatriba Malpensa-Fiumicino non abbia senso. Aveva forse senso 15 anni fa quando Alitalia era una compagnia di peso e si doveva decidere dove tenere l'hub.
Oggi come oggi l'unica diatriba è se tenere in vita Alitalia continuando a dare prestiti (a fondo perduto) oppure lasciarla alle sue sorti.
I due aeroporti di cui sopra hanno entrambi un loro mercato che funziona (nonostante tutte le imperfezioni dell'accessibilità di Malpensa e degli incendi a Fiumicino, tanto per dirne una ciascuno), è ovvio che se Alitalia spostasse modificasse il suo modello di business cambierebbero anche i numeri di entrambi, ma non è quello il tema oggi.
jumbo
 
Posts: 9445
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Trasporto aereo

Postby EuroCity » Fri 18 October 2019; 10:46

Una notizia interessante:

http://www.ferrovie.it/portale/articoli/8889

... ovvero, da Tokyo Narita (aeroporto purtroppo rimasto a metà per diatribe ormai decennali legate alle proprietà dei terreni circostanti) a Haneda (dove però prima o poi dovranno allungare la seconda pista principale e magari farne anche una quinta)...

Non dico che sia bene o male: semplicemente una constatazione su come gli aeroporti “scomodi” (per distanza e collegamenti) alla fine non funzionino più di tanto, se non ottimizzati, per così dire...
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12100
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

PreviousNext

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests