Curiosità stradali

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: Curiosità stradali

Postby LUCATRAMIL » Mon 11 September 2017; 10:07

filmatino.
Almeno questi mezzi li esportiamo...

https://www.youtube.com/watch?v=RXLivlNWVZs&feature=youtu.be
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!
LUCATRAMIL
 
Posts: 3313
Joined: Wed 02 August 2006; 13:40
Location: MILANO

Re: Curiosità stradali

Postby Coccodrillo » Thu 23 November 2017; 0:03

Salto di montone stradale per invertire il senso di marcia fra Brasile e Guyana:

https://binged.it/2zehfEc

https://www.google.ch/maps/@3.3808662,- ... 312!8i6656

Incrocio a raso (con semafori) fra Thailandia e Laos:

https://binged.it/2zdYUHc

https://it.wikipedia.org/wiki/Primo_pon ... a_thai-lao

Peraltro il ponte che collega i due stati è misto strada-ferrovia, con la ferrovia che però termina neanche 4 km a nord del confine in Laos:

https://en.wikipedia.org/wiki/Transport ... s#Railways
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia
Coccodrillo
Forum Admin
 
Posts: 13346
Joined: Sat 29 April 2006; 16:36
Location: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)

Re: Curiosità stradali

Postby Pagina 394 » Thu 29 November 2018; 0:23

Segnalo questo video (in inglese), per la gioia di Friedrichstrasse :D

https://m.youtube.com/watch?v=N4PW66_g6XA#fauxfullscreen
Pagina 394
 
Posts: 58
Joined: Tue 07 April 2015; 19:28

Re: Curiosità stradali

Postby Carrelli1928 » Thu 29 November 2018; 12:23

Il principio “more lanes means more traffic” è valido solo fino ad un certo punto. Possibile che nemmeno 28 corsie siano sufficienti? Una buona progettazione delle strade è fondamentale, ma non può prescindere da una valida alternativa al trasporto su gomma: molto semplicemente, se ci fissiamo sull’idea che il numero di automobili tra A e B dev’essere quello, il traffico sarà sempre lo stesso. Si potrà spostare (portandolo su strade a più corsie), si potrà dividere (tra strade veloci a pedaggio e strade lente ad accesso gratuito), tutt’al più si potrà ridurre l’impatto dato dalle intersezioni (un incrocio è sempre un incrocio, farlo a foggia di rotonda migliora la situazione ma non può risolverla del tutto).

Vorrei aggiungere qualcosa su Poynton, ma mi limito a consigliarvi questo video di Vox:
https://m.youtube.com/watch?v=VUbsFtLkGN8
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2894
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Curiosità stradali

Postby Astro » Thu 29 November 2018; 12:32

Si chiama "domanda indotta". Il traffico non è una costante, soprattutto su lunghi periodi. Se hai una strada più veloce, inizierai a costruire più lontano (perché costa di meno, perché la campagna è più bella della città, ecc.) e lentamente (magari in 30 anni) tornerai alla congestione pre-allargamento, però con X volte le macchine.
Astro
 
Posts: 3716
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: Curiosità stradali

Postby Carrelli1928 » Thu 29 November 2018; 12:52

Certo; peraltro, non è un principio valido solo per le strade.
Bisogna però capire fin dove può arrivare una buona concezione della rete stradale e dove è invece necessario il coordinamento ed il perfetto funzionamento di tutta la rete dei trasporti - per non parlare dei motivi che portano alla formazione del traffico lungo certi assi, motivi che da soli richiederebbero una trattazione non semplice.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2894
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Curiosità stradali

Postby MünchnerFax » Thu 29 November 2018; 16:51

Su periodi medio-lunghi può anche semplicemente essere un effetto dell'espansione economica e quindi magari un effetto positivo: il traffico aumenta perché più gente trova agevole o conveniente perseguire un'attività che ha un impatto economico, ovvero lavorare, andare a fare acquisti, turismo (e quindi per spendere). In genere non è che la gente si sposti per passare il tempo ma solo se non trova traffico perché altrimenti se ne starebbe a casa e sarebbe meglio per tutti (che è un po' quello che a un certo punto sembra suggerire il video).

Poi naturalmente non è bene per la collettività se la ripartizione modale si sposta a favore del mezzo privato, ma questo non dovrebbe accadere da un giorno all'altro e soprattutto non accade per caso (o perché "la gente è scema e innamorata dell'auto").
MünchnerFax
 
Posts: 1359
Joined: Thu 08 February 2007; 10:35
Location: München

Re: Curiosità stradali

Postby Astro » Thu 29 November 2018; 17:33

Lo spostamento a cui si rinuncia (di quelli nel video) è quello del tipo "ah, vado a fare shopping in città".
Il fenomeno della domanda indotta è "vado in auto perché ci metto di meno rispetto alle alternative" / "ho un costo inferiore" (il discorso denaro/tempo).

La cementificazione di Garlasco, Gropello Cairoli e paesi limitrofi venduti "a 20 minuti da Famagosta M2" (o Comazzo "a 10 minuti da S. Donato M3") è quello che succede con la somma di speculazione edilizia nel capoluogo (che rende le case inaccessibili alla maggioranza delle persone) e infrastrutture veloci.
Essendo queste edificazioni tipicamente in posti difficilmente servibili dal TPL di massa, ecco che l'unico modo per recarsi al lavoro e avere una casa è spendere ore in macchina (attività totalmente improduttiva).
Più gravi sono le edificazioni tipo Borgo Porretta a Milano (che ha aspettato credo 5 anni una linea di trasporto pubblico... peraltro monca al momento e comunque che porta più in periferia per andare verso il centro...) o Cascina Merlata:
Sito di Cascina Merlata wrote:Cascina Merlata sorge in una posizione strategica: collegata all’A4 Torino-Venezia da un nuovo svincolo autostradale, connessa direttamente all’A8 Milano-Malpensa e alla Tangenziale Ovest attraverso una nuova viabilità; è vicina alla Fiera Rho-Pero ed al sito che ha ospitato Expo 2015 a cui è direttamente collegata attraverso un ponte pedonale.

Per servire Cascina Merlata la 35 deve fare un giro da schifo, perché tanto del TPL chi se ne frega...
Astro
 
Posts: 3716
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: Curiosità stradali

Postby Carrelli1928 » Thu 29 November 2018; 17:48

MünchnerFax wrote:non è bene per la collettività se la ripartizione modale si sposta a favore del mezzo privato


Accade perché l'alternativa spesso non è seria - ma, anche quando lo è, entrano in gioco questioni culturali, indotte in parte dalla propaganda e dal futurismo degli stessi che a Milano volevano motori Fiat per le linee di superficie e pneumatici Pirelli per quelle sotterranee. Così, per dire.

Comunque, scrivendo questo:

Carrelli1928 wrote:(...) motivi che portano alla formazione del traffico lungo certi assi, motivi che da soli richiederebbero una trattazione non semplice.


Pensavo più ad una questione urbanistica. Le cementificazioni dei terreni prima a valore nullo (quindi giocoforza lontano da tutto e da tutti) citate da Astro sono un buon esempio, ma ve ne sono tanti altri: così su due piedi mi vengono in mente i centri commerciali (mai raggiunto uno col TPL), le zone industriali (ho avuto la fortuna di dover frequentare una fabbrica pochi anni dopo l'apertura di una nuova fermata ferroviaria, prima non c'era proprio nulla per arrivarci) e, guardando RFI, direi anche le più recenti stazioni ferroviarie sulle nuove linee...
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2894
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: Curiosità stradali

Postby Astro » Thu 29 November 2018; 21:21

Tocchi un tasto dolente... di CC come il Metropoli o il Bonola ce ne sono pochi, come il vezzo idiota di fare le zone industriali "sotto il tappeto".
Comunque a me lo shared space non piace, checché ne dicano loro.
Astro
 
Posts: 3716
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: Curiosità stradali

Postby S-Bahn » Thu 29 November 2018; 21:41

Ogni soluzione va usata col buon senso, contestualizzandola e avendo in mente degli obiettivi.
Non è che puoi fare shared space sull'Autostrada del Sole. In una ZTL o in una cittadina non afflitta da grossi problemi di traffico forse sì.
Il sottostare a regole serie in un ambiente condiviso può aiutare la gestione della moderazione del traffico.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50247
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Curiosità stradali

Postby Carrelli1928 » Thu 29 November 2018; 22:37

Forse lo shared space, in Italia, sarebbe valido solo in quelle strade in cui... c’è già. Non in via ufficiale, chiaramente, ma vi sono cittadine dove non esistono segnalazioni stradali di alcun tipo, al di fuori di qualche cartello all’entrata ed all’uscita del paese. Il sistema funziona, ma solo finché a passarci sono quei quattro gatti che si possono trovare in campagna (pandini, trattori, camion e me in bicicletta).

Forse non è lo shared space ad essere una buona idea in determinate situazioni, è solo l’eccesso di segnali fuori contesto ad essere fuorviante. Esempio stupido: gli automobilisti, trovando quasi sempre dei semafori presso le strisce pedonali, non si fermano più dove invece i semafori non ci sono.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2894
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Previous

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests