L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Carrelli1928 » Thu 22 November 2018; 23:27

Approccio semplice ma idee condivisibili.

Che cos’è lo “share modale”?
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby S-Bahn » Fri 23 November 2018; 0:17

La divisione tra le varie modalità di trasporto.
Se su 100 persone 50 si spostano con i mezzi e 50 in auto e moto, il TPL ha lo share modale del 50%.
E' una via di mezzo tra il termine inglese di Modal Share e il termine italiano di Ripartizione Modale.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51597
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby luca » Fri 23 November 2018; 8:45

A me la cosa che fa più rabbia è che ci sia qualche imbecille che pensa "ecco, non posso nemmeno buttare la macchina a cazzo come voglio perché arrivano i tram!!!!!! È democrazia questa???? I tram evidentemente saranno sostenuti dai poteri forti e dalle case farmaceutiche!!!!"
Fiero utente abituale del TPL
Viva il trasporto pubblico moderno!
User avatar
luca
 
Posts: 8591
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Carrelli1928 » Fri 23 November 2018; 10:24

Grazie, S-Bahn.
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby LUCATRAMIL » Fri 23 November 2018; 15:02

Ineccepibile. Bravo, tra l'altro. segno che anche l'UTP non si è ancora accorto dell'asservimento, se esiste (non ce l'ho con Lico, sia chiaro, anzi grazie che ci informa).
In Tram we trust.
"L'attesa della pizza é essa stessa una pizza" (Lucatramil, 2013)
Comprate europeo!
LUCATRAMIL
 
Posts: 3539
Joined: Wed 02 August 2006; 13:40
Location: MILANO

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Lucio Chiappetti » Fri 23 November 2018; 18:00

Come al solito ieri sera leggendo la lettera in questione sul Corriere mi era venuto voglia di scrivergli (dicendo fra l'altro che invece di levare i tram si tratterebbe di farli andare piu' veloci con abolizione dell'accodamento alla De Corato e asservimento semaforico secco) ma avendo avuto di meglio da fare sono lieto che mi abbiano preceduto.
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 4943
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby S-Bahn » Sat 24 November 2018; 0:59

LUCATRAMIL wrote:...segno che anche l'UTP non si è ancora accorto dell'asservimento, se esiste...

Non ho capito. Cosa vuoi dire?
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51597
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby GLM » Fri 07 December 2018; 14:57

vuole dire che nonostante l'asservimento sia in parte stato attivato da un paio di anni, come anche da testimonianza dell'utente "lico" del forum, gli effetti sono così blandi che non si notano i risultati.
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 17000
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Carrelli1928 » Fri 07 December 2018; 15:53

A proposito: rammento che l’asservimento non si attiva se una vettura è in anticipo, quindi mi sorge spontaneo un dubbio.
Le tabelle delle linee che hanno ricevuto l’asservimento sono state modificate?
TPL: does more, costs less. It's that simple.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 3719
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby sbarabaus » Fri 07 December 2018; 21:31

GLM wrote:vuole dire che nonostante l'asservimento sia in parte stato attivato da un paio di anni, come anche da testimonianza dell'utente "lico" del forum, gli effetti sono così blandi che non si notano i risultati.


senza offesa per lico, ma dubito che l'asservimento sia attivo da 2 anni senza che sia stato fatto anche solo mezzo annuncio a riguardo
sbarabaus
 
Posts: 690
Joined: Tue 17 January 2012; 0:14

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby luca » Wed 12 December 2018; 14:25

La stampa
Il treno è un po’ come la radio, una di quelle invenzioni ormai “giurassiche” che sembrano sempre sul punto di morire e sparire, surclassate da rutilanti novità

No comment...
Fiero utente abituale del TPL
Viva il trasporto pubblico moderno!
User avatar
luca
 
Posts: 8591
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco)

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby S-Bahn » Wed 12 December 2018; 14:29

A parte che gli smarphone, a ben guardare, vivono di connessioni wireless, ovvero via radio...
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51597
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Alessandro72 » Wed 12 December 2018; 16:16

Analisi terra terra da parte di uno che fa 40mila km all’anno.
Situazione strade lombarde al collasso. Si vede che c’è un tentativo di ripresa perché i mezzi pesanti in circolazione sono in aumento costante. Purtroppo non avendo voluto investire nulla negli ultimi 50 anni in una seria pianificazione del trasporto merci e pendolari ciascuno si arrangia come può con infrastrutture che nel migliore dei casi risalgono agli anni 60. Per quanto riguarda il lecchese, ad esempio, ci sarebbe voluto poco a raddoppiare la Colico Tirano e, nell’oggettiva difficoltà di un raddoppio della Lecco - Colico, a istituire un efficiente servizio di trasporto merci lacustre sull’asse Lecco - Colico. Nel Seicento era possibile andare da Lecco a Venezia in barca, ora? Abbiamo i corsi d’acqua più favorevoli di molti altri paesi, ci vorrebbe nulla a renderli navigabili. Brutti stronzi.
Ricordo con affetto il "Freccia delle Gardenie"...
Alessandro
User avatar
Alessandro72
 
Posts: 1287
Joined: Sat 09 October 2010; 23:31
Location: Mandello del Lario

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby jumbo » Wed 12 December 2018; 18:02

Immagino che sarebbe comodo, poco costoso e particolarmente veloce trasportare le merci dalla Valtellina caricando navi portacontainer nella rada dell'Abbazia di Piona, trasformata in un porto merci, e scaricandole nel lago di Olginate, naturalmente dopo aver trasformato in ponti girevoli i ponti sull'Adda a Lecco.
jumbo
 
Posts: 9080
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Alessandro72 » Wed 12 December 2018; 19:12

Allora, per ripristinare il raccordo ferroviario stazione FS - porto a Colico basterebbe una settimana, stessa cosa per Como. A Lecco esiste già un importante scalo merci e anche qui il collegamento con il lago è praticamente a portata di mano. Infine mettere in servizio una decina di traghetti porta camion o container da Colico fino a Lecco o a Como non penso sia folle utopia e di certo costerebbe meno che continuare a fare strade e gallerie. Aggiungiamo dei costi convenienti con i biglietti e vedrete che le strade si svuotano.
Ricordo con affetto il "Freccia delle Gardenie"...
Alessandro
User avatar
Alessandro72
 
Posts: 1287
Joined: Sat 09 October 2010; 23:31
Location: Mandello del Lario

PreviousNext

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests