Ciclisti a Milano

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: Ciclisti a Milano

Postby S-Bahn » Fri 24 August 2018; 10:01

Uso da qualche settimana bikemi che funziona, sia pure con qualche pecca.
Il servizio di ofo e mobike è sostanzialmente diverso e direi complementare ma sono molto scettico sul suo futuro in quanto il livello di teppismo (arabi o non arabi) è altissimo. Ho visto più bici danneggiate, parcheggiate dove non si doveva (anche gettate oltre recinzioni e cancellate), che girano sbloccate in provincia ecc... che bici in condizioni di essere normalmente usate.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50113
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Ciclisti a Milano

Postby luca » Fri 24 August 2018; 12:45

Appunto
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7682
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Ciclisti a Milano

Postby GLM » Sat 25 August 2018; 17:55

prima di partire con la solita ignorante esterofilia, faccio presente che il vandalismo verso le biciclette dei bike sharing (free float o meno) è cosa comune a tutte le città del mondo.
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16855
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Ciclisti a Milano

Postby luca » Sat 25 August 2018; 18:09

Quelle in cui l'osservanza delle regole è meno rigida, a quanto mi risulta
Non sono necessariamente estereofilo io. Mi piace dove le regole vengono fatte rispettare. A Parigi c'è stato molto vandalismo in tal senso. Perché li si e in Danimarca, in Germania, in Svizzera, in Svezia, per esempio , invece No?
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7682
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Ciclisti a Milano

Postby GLM » Sun 26 August 2018; 17:11

in Danimarca, in Germania, in Svizzera, in Svezia, per esempio , invece No


fonte?
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16855
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Ciclisti a Milano

Postby Lucio Chiappetti » Mon 27 August 2018; 10:50

GLM wrote: le biciclette dei bike sharing (free float o meno)


Ma perche' si ostinano a chiamarle "free float" (galleggiamento libero) invece di "free flow" (flusso libero) ? Non e' che quelli che le buttano nel Naviglio hanno tradotto alla lettera ? :-)
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4458
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Ciclisti a Milano

Postby GLM » Mon 27 August 2018; 20:58

errore mio, scusate XD
Non sono previste fermate intermedie
User avatar
GLM
 
Posts: 16855
Joined: Thu 06 July 2006; 6:21
Location: Milano Santa Giulia - AV, IC, R, S13, S12, S2, S1, M3, 140, 95, 88, 84, NM3, Q88

Re: Ciclisti a Milano

Postby luca » Tue 28 August 2018; 10:55

GLM wrote:
in Danimarca, in Germania, in Svizzera, in Svezia, per esempio , invece No


fonte?

Non ho mai sentito parlare da nessuna parte di grossi casi di vandalismo come succede in Italia o in Francia
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7682
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Ciclisti a Milano

Postby MünchnerFax » Tue 28 August 2018; 12:29

In Germania e in special modo a Monaco c'è da un anno la psicosi "O-Bike": un'azienda di Singapore che ha letteralmente affogato la città sotto migliaia di biciclette arancioni (tecnicamente pessime peraltro) parcheggiate ovunque. Non si capisce bene cosa sia scattato nella testa della gente: se il problema fosse che l'azienda era "cinese" (che si sa che l'Oriente è tutto Cina...) e i cinesi sono brutti e cattivi per definizione. Peraltro non che quest'azienda fosse dedita alla causa dell'ecologia dato che è trapelato che il loro business model pareva essere quello di tracciare gli spostamenti via GPS per poi vendere i dati a enti e aziende; ma a livello politico qui era ed è poco accettato che arrivi qualcuno, per di più da oriente, a fare concorrenza in una nicchia dove ci sta la DB col suo Call-A-Bike, la locale azienda dei trasporti MVG e un tedeschissimo privato, NextBike; tutto questo in un paese dove i trasporti non sono granché liberalizzati. Oppure se è stato che le troppissime biciclette hanno fatto scattare un senso di rifiuto, o che altro sia stato. Fatto sta che è partita una specie di moda a vandalizzare queste bici il più possibile e buttarle nei posti più impensati: sulle aiuole spartitraffico, nei parchi, nei laghetti, fiumi e ruscelli, coricate, in piedi, a testa in giù, eccetera. La stampa locale sulle prime ha seguito divertita il passatempo di mezza città pubblicando foto di curiose sculture o dei posti più remoti dove sono finite ste bici: di fatto sdoganando il vandalismo generalizzato. Poi comicamente ha iniziato a pubblicare articoli di fondo scandalizzati dal vandalismo diffuso dal tono "che vergogna, dove andremo a finire".

Inutile dire che questo servizio non ha mai avuto successo. In seguito O-Bike ha ritirato una buona parte delle bici, lasciandone pur sempre un paio di migliaia (gran parte vandalizzate). Oggi O-Bike è fallito direttamente e ha abbandonato le sue biciclette in città. Il comune ora non sa che pesci pigliare perché rimuoverle tutte costa e non è sicuro che la cosa sia giuridicamente ineccepibile. Una vicenda in cui hanno perso tutti, direi.

In generale ho letto tempo fa che anche il Velib a Parigi sta in piedi solo grazie ai finanziamenti pubblici, altrimenti sarebbe in grave perdita per colpa del vandalismo. Insomma, è un problema che affligge un po' tutti.
MünchnerFax
 
Posts: 1354
Joined: Thu 08 February 2007; 10:35
Location: München

Re: Ciclisti a Milano

Postby Muccablu » Tue 28 August 2018; 12:47

L'unica è far fare all'utente che si iscrive un cospicuo deposito precauzionale, purtroppo.

No,ma forse non funzionerebbe nemmeno così, o sbaglio? Con il fatto che la si può lasciare ovunque, non è dimostrabile che sia l'ultimo utente ad averla vandalizzata.
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 409
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Re: Ciclisti a Milano

Postby luca » Tue 28 August 2018; 13:04

Ho scritto una minchiata. Me ne scuso.
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7682
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: Ciclisti a Milano

Postby S-Bahn » Tue 28 August 2018; 13:56

Il vandalismo mi sembra sia un problema che affligge soprattutto le grandi città dove da tempo è saltato il controllo sociale.
Le grandi città sarebbero anche i luoghi dove queste modalità potrebbero funzionare bene, per la massa critica di utenza e per la complementarità con una forte rete di TPL.
Ma tant'è, la stupidità non ha limiti.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50113
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Ciclisti a Milano

Postby jumbo » Tue 28 August 2018; 14:32

A Milano il vandalismo ha colpito soprattutto ofo, mentre mobike ne è rimasta un po' meno coinvolta.
Tuttavia rimane la cattiva qualità ciclistica dei mezzi di mobike, sia per l'impostazione del modello base lanciato un anno fa, sia per la scarsa resistenza dei mezzi: quando a primavera hanno introdotto i nuovi mezzi un po' migliori dal punto di vista ciclistico, dopo pochi giorni iniziavano tutti a risentire di problemi alla sella, alle ruote, alle luci... esattamente come i primi mezzi.
Poi a luglio è arrivato il caldo e ho smesso di usarle, non so come sia la situazione ora.7
Il sistema free flow, senza stazioni fisse, ha il problema di affidarsi all'intelligenza ed al senso civico degli utenti per quanto riguarda le posizioni in cui le bici sono lasciate, tuttavia ha l'innegabile vantaggio che si riescono a coprire anche le zone di città non servite dalle stazioni del bikemi.
jumbo
 
Posts: 8697
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Ciclisti a Milano

Postby Viersieben » Tue 28 August 2018; 22:55

S-Bahn wrote:Ma tant'è, la stupidità non ha limiti.

Infatti a Berna, che non è certo una metropoli (ma dove gli stupidi non mancano): https://www.rsi.ch/news/svizzera/Publib ... 90726.html

(Posto che personalmente faccio molta fatica a viaggiare con un velocipede che non sia il mio (al sellino del quale il mio fondoschiena è perfettamente abituato) e quindi questa moda del noleggio bici (per giunta spesso basato, par di capire, sugli esecrati "smartphones") mi lascia alquanto perplesso...)
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3621
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Ciclisti a Milano

Postby MünchnerFax » Wed 29 August 2018; 8:58

Muccablu wrote:L'unica è far fare all'utente che si iscrive un cospicuo deposito precauzionale, purtroppo.
Fun fact: a Monaco O-Bike voleva non mi ricordo se 79 o 89 € di deposito cauzionale. Soldi degli utenti chiaramente andati in fumo con l'insolvenza. Si maligna che raccattare più cauzioni possibili e scappare con la cassa potesse essere parte della strategia commerciale... Ma il vandalismo generalizzato è completamente esterno alla platea degli utenti.
MünchnerFax
 
Posts: 1354
Joined: Thu 08 February 2007; 10:35
Location: München

PreviousNext

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests