Trasporto aereo

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: Trasporto aereo

Postby mattecasa » Wed 09 October 2019; 17:08

skeggia65 wrote:Malpensa è la dimostrazione che è il "sistema Paese" a non funzionare, anzi a non esistere.
Cosa avrebbe fatto un altro Paese, in una situazione simile?
- Un collegamento ferroviario inserito nel sistema ferroviario regionale; e quello, bene o male, c'è. Metterei delle corse via passante da Rogoredo, ma il treno c'è.
- Una linea AV Milano/Torino transitante per Malpensa. Visto che la linea AV MI/TO è stata fatta da zero, tanto valeva farla passare per il l'aeroporto intercontinentale.
- Un collegamento ferroviario decente da/per la Svizzera. Anzi, due: uno diretto verso Lugano, l'altro verso Domodossola e quella parte di Svizzera a cui da Domodossola si accede.
- Un serio ridimensionamento del "city airport".
- Una revisione totale degli aeroporti del nord Italia. Servono davvero, in una manciata di miglia (visto che si è in campo aeronautico), Caselle, Malpensa, Linate, Orio, Montichiari, Verona?


Quel poco che si è fatto, soprattutto in merito ai collegamenti ferroviari (da poco anche per la Svizzera, finalmente), è stato grazie alla Regione, non di certo grazie allo Stato Italiano.
Freedrichstrasse
User avatar
mattecasa
 
Posts: 4256
Joined: Sun 11 May 2014; 13:20
Location: Provincia di Parma

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Wed 09 October 2019; 18:53

Per il governo centrale esiste uno E solo un aereoporto e una e una compagnia aerea. Una situazione che ha portato a risultati simili ad un mercato aereo totalmente in mano ad altri che fanno i comodi loro ovunque e dovunque. Per quello sinceramente non vedo più vie d’uscita per l’ ex compagnia di bandiera. Sarebbe come se la nuova azienda A volesse entrare dall’oggi al domani nel mercato delle auto medio alte tedesche...auguri! Con le pretese che hanno poi doppi auguri!
L’ultimo treno é passato (e già fu un miracolo!!!) nel 2001 con klm, ma klm voleva Malpensa e a Roma non andava bene, quindi si è fatto saltare l’accordo dove klm pago una penale di 250 milioni!
Il T1 inizialmente era pensato al centro delle due piste ma si volle risparmiare...non è malissimo nemmeno così anche se ci starebbero degli aggiustamenti
MMMM
 
Posts: 2113
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Wed 09 October 2019; 23:17

Lonate Pozzolo avrebbe avuto gli stessi problemi logistici di MXP quindi non avrebbe cambiato molto le cose.
I commissari possono lavorare sulla gestione ordinaria, non è possibile ad esempio stipulare nuovi contratti di leasing e dunque non è possibile aggiornare la flotta che ormai risente del peso degli anni.
Con i Comprehensive Aviation Agreements gli aeroporti italiani sono accessibili come lo sono quelli degli altri stati dell'UE e di quegli stati che con questa hanno stipulato tali accordi. Invasione aerea è dunque un termine fuori luogo.
A Roma e nel Lazio non c'è uno scalo differente da FCO o CIA per ospitare le LC dunque o si rinuncia al traffico o si accetta di farle coabitare con le major come a MAD, MUC, FRA ecc...
Il LIN-FCO con il il riavvio dello scalo meneghino passerà da 26 a 21 voli.
Le compagnie disposte ad acquistare AZ non lo fanno perché non vogliono un ritorno diretto dalla stessa, ma piuttosto indiretto.
Delta vuole salvaguardare il proprio investimento in AFR-KLM che, per quanto riguarda AF si regge molto sul mercato italiano dato che la compagnia aera francese ha margini ridotti e per potersi permettere i numerosi intercontinentali su CDG ha bisogno di aspirare tutto ciò che è possibile dall'Italia.

Malpensa è un capitolo vastissimo in cui, per quanto non lo si voglia ammettere, le responsabilità del Comune di Milano e della Lombardia sono pesantissime.
Prima di tutto andrebbe ricordato che dopo la seconda guerra mondiale di fatto era disponibile solo MXP e non LIN che fu fortemente voluto e realizzato dal comune di Milano.
Nel 1960 il traffico su LIN iniziò grazie a condizioni favorevoli offerte alla LIA, mentre le altre aerolinee (compresa ALITALIA) si opposero viste le migliori caratteristiche tecniche dell'infrastruttura varesotta. Il vantaggio di LIN è la vicinanza a Milano così aperta la breccia con LIA tutte le altre abbandonarono la brughiera per non restare fuori dal mercato.

MXP2000, KLM... Tutto bello, ma il problema è che nessuno ha fatto i conti con la realtà:
1) Malpensa è distante da Milano, ma ovviamente nel caso in cui fosse stato chiuso LIN il problema sarebbe stato di minore entità (piutost che nient l'è mei piutost). Chiaramente l'aereo rinuncia a competere con la AV per destinazioni come Roma e Firenze e questo si che diventa un problema dato che viene a mancare il feeding per il lungo raggio.
Chi non ha voluto la chiusura di Linate è stato Albertini che pretese di avere voli sia da MXP che da LIN obbligando AZ a servire il capoluogo lombardo con una coppia di voli per destinazione creando una diseconomia allarmante dato che chi doveva andare a Milano sceglieva LIN e che chi doveva fare transiti sceglieva MXP generando load factor irrisori*.

2) Malpensa non è competitivo nel SUO BACINO DI RIFERIMENTO (quantomeno l'Italia nordoccidentale) in quanto non essendo possibile per motivi di sostenibilità economica effettuare voli come mxp-trn/goa/blq/vrn/vce/flr queste destinazioni restano fuori dal suo raggio d'azione e i passeggeri vengono assorbiti dai grandi hub europei (LHR, AMS, FRA, CDG ecc...).
Nei Paesi Bassi hanno capito come fare e nel corso degli anni invece di realizzare un aeroporto lontano dai grandi assi di comunicazione lo hanno realizzato in un punto facilmente raggiungibile da ogni zona del paese con treni che non servono esclusivamente Schiphol essendo invece parte della normale rete nazionale di IC.

3) Del video di Cempella si ricorda sempre la parte in cui decanta il posizionamento di MXP dimenticando spesso che lo relativizza all'Italia, che decanta anche il fatto che FCO è un O/D fantastico e che il progetto con KLM era basato su TRE hub AMS, MXP, FCO, questo perché sapeva benissimo di non potersi permettere di lasciare Roma sguarnita dato che sulle destinazioni estere AZ sarebbe stata velocemente sostituita da altri vettori e che per questo il traffico non sarebbe comunque transitato per Milano. Inoltre era ben chiaro che non si potesse non considerare la necessità degli italiani di spostarsi verso la capitale dello stato. Immaginare che AZ potesse abbandonare FCO è semplicemente naïf... e ci sarebbe anche da fare considerazioni sui problemi legati ai diritti di sorvolo della siberia che sui voli per l'oriente spesso implica una convenienza nel partire da FCO piuttosto che da MXP, cosa che poi vale per il sud-est asiatico, per l'Africa e per l'america latina, per il nord america avrebbe fatto comodo un aeroporto milanese à la Schiphol, ma chi doveva pensarci non lo ha fatto.

*Postilla numerica
L'anno scorso le rotte nazionali hanno portato 11.299.876 passeggeri a FCO, 4.645.168 a LIN, 4.002.060 a MXP, 3.037.926 a BGY.
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1454
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 10 October 2019; 2:54

Avresti avuto semplicemente un aeroporto con due terminal al centro di due piste abbondantemente equidistanziate, tali da permettere avvicinamenti paralleli indipendenti aumentando la capacità oraria senza fare salti mortali di viabilità e taxing all'interno del sedime, avresti potuto costruire una serie di uscite rapide che non puoi costruire attualmente, non sarebbero serviti satelliti centrali con relativi problemi logistici che ne derivano, eventualmente il tutto potrà essere molto migliorato con la terza pista.
In tutta italia hanno trasformato piste di volo in aereoporti anche solo per servire low cost, c'è ciampino, viterbo se ne parla da sempre e altri se ne sarebbero trovati, Madrid e Barcellona sono molto più affini a traffico low cost, muc e fra hanno semplicemente alle spalle il gruppo LH, dovesse andargli male con le low cost in casa hanno le spalle coperte dalle restanti nazioni che le feederano (in prima posizione proprio l'Italia).
Ogni compagnia guarda al proprio interesse non vedo perchè devano venire a fare quello di una compagnia decotta da anni. Se devi acquistare un' Azienda fallita 10 volte penso tu l'acquisti per comandarla al 100% e per crearti un guadagno diretto o indiretto. Le compagnie aeree conoscono bene tutti i precedenti di questi anni, non sono stupidi e a livello dirigenziale le compagnie si parlano e scambiano informazioni. Credo che finchè ci sarà un governo (che vuole comandare a spese degli altri) assisteremo sempre a iniezioni di denaro temporanee (e permanenti per gli italiani) che una volta terminate ne richiedono una successiva, come sta avvenendo da sempre!

Su mxp hai una visione un po' tua dei fatti, ma questi ultimi sono accaduti e sono ormai storia scritta.
Primo permettimi di ricordare che la storia di mxp è conclusa da 12 anni (per fortuna di tutti), la compagnia è fallita altre tre volte (più ricapitalizzazioni più commissariamento da due anni e mezzo) nel frattempo passando da proprietari arabi francesi olandesi poste italiane ecc. Venire ancora oggi a dire che la compagnia è fallita per colpa di mxp è ridicolo ma spesso si sente ancora questo concetto tra i dipendenti ed ex dipendenti con sede Roma.
Se il comune di Milano è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso su mxp, il vaso aveva dimensioni di una diga piena! Sai bene di cosa si parla, sai bene cosa è stata quell'Azienda a Roma, il serbatoio politico e sindacale che è stato, e sai bene il potere incredibile che aveva e che ha ancora, quindi evitiamo di tirare fuori discorsi filosofici attaccandosi a scuse di un sindaco che dice "Linate non si chiude". Avessero voluto chiuderlo/limitarlo da Roma l'avrebbero fatto in due secondi come in due settimane lo hanno liberalizzato nel 2014! Rutelli quando si raggiunse una mezza decisione puntò i piedi facendo saltare tutto perchè fiumicino non si doveva toccare. Le sue e (non solo sue) parole le ricordo bene..Alitalia negli anni stessi e nei successivi ha fatto di tutto per operare da linate, per toglierne le limitazioni (decreto Delrio), per ottenere intercontinentali da linate, per aumentarne gli slot orari, ecc. quindi non diciamo cose invere! E come mai mentre andavano in pensione i dipendenti che da Roma venivano mandati a mxp non venivano assunti su milano ma su roma ancora??? E come mai la compagnia vendeva i voli (seppur più distanti in km) via Roma a prezzi inferiori rispetto al via mxp? addirittura ciò accadeva con voli in partenza da milano stessa! come mai raddoppiarono destinazioni intercontinentali di nicchia in partenza da mxp con un volo da fco? come mai ci fù un ritorno silenzioso di alcuni intercontinentali da milano a roma?
KLM è fuggita a gambe elevate quando ha capito che mxp non l'avrebbero mai sviluppata ma sarebbero restati a Roma. Con i mezzi di notte in tangenziale a Milano che stavano trasferendo i mezzi aereoportuali da lin a mxp, perchè si stava spostando la seconda tranche di voli da lin a mxp arrivò un dietrofront di roma dal governo, che cambiò idea di notte...penso che altro non serva aggiungere! Cempella disse ciao e klm seguì.
Invito anche te a studiare la geografia economica e sociale oltre che la distribuzione della popolazione a nord di milano, non hai un idea chiara di come le persone si spostano per raggiungere gli aeroporti vari e i motivi per cui lo fanno;) torino, genova, e verona raggiungono mxp tramite treno, autobus o macchina come da pescara si raggiunge fco senza troppe paranoie di distanza. Napoli, Firenze, e Pisa continuano ad avere voli su fco con lo stesso problema della distanza di torino verona e bologna da mxp.
MMMM
 
Posts: 2113
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby jumbo » Thu 10 October 2019; 10:04

Albertini diede il suo contributo, ma la firma sul decreto ce la mise Burlando ed il riferimento di Alitalia non era certo il Sindaco di Milano.
Malpensa è lontano da Milano, ben 3 minuti di treno più che Fiumicino da Roma!!!!
Malpensa è così poco competitiva nel suo bacino di riferimento, che sta crescendo a tassi di oltre il 10% annuo da tre anni, mentre Linate è in calo e Torino e Genova galleggiano.
jumbo
 
Posts: 8873
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Trasporto aereo

Postby S-Bahn » Thu 10 October 2019; 11:31

La chiusura per 3 mesi di Linate è la dimostrazione che, anche solo dal punto di vista dell'utenza e della usabilità del vettore aereo, di Linate si può anche fare a meno senza grossi problemi.
Detto questo, se lo lasci aperto, una fetta di utenza troverà ovviamente e indiscutibilmente più comodo un aeroporto che fra un paio d'anni sarà a un quarto d'ora da Piazza Duomo, con M4.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51007
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Trasporto aereo

Postby Trullo » Thu 10 October 2019; 11:34

Io pensavo a una cosa di questo genere
(in rosso le piste, in blu l'autostazione, in rosa il percorso ferroviario e stradale)

Image

In questo modo sarebbe venuto più breve verso Milano (sia pure solo di tre o quattro chilometri) e soprattutto più adatto a generare relazioni passanti il percorso da/per Milano (in rosso un'esempio di possibile AV/LP passante, ovviamente in alternativa a quanto effettivamente realizzato lungo l'A4, con un aggravio di tempo sulla MI-TO verosimilemnte accettabile rispetto ai benefici)


Image


OLtre ai benefici in termini di indipendenza e accessibilità delle piste, e di conseguenza capacità, accennati da MMMM (che probabilmente avrebbero reso meno necessaria la terza pista, con conseguente minore invasività sul territorio)
Per un triste re cattolico, le dice,
ho inventato un regno
e lui lo ha macellato
su una croce di legno
User avatar
Trullo
 
Posts: 26306
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Trasporto aereo

Postby S-Bahn » Thu 10 October 2019; 11:43

Agreed, ma hai idea di quanto si dovrebbe buttare all'aria oggi per modificare una situazione del genere, sia in aerostazione sia su tutti i corridoi afferenti? Certo, è una buona descrizione di quello che si sarebbe potuto fare.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51007
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Trasporto aereo

Postby Trullo » Thu 10 October 2019; 11:59

Questo è quello che si sarebbe docvuto fare allora, oggi è tardi e si deve rimediare con altre soluzioni, che sono inevitabilmente delle "pezze"
Per un triste re cattolico, le dice,
ho inventato un regno
e lui lo ha macellato
su una croce di legno
User avatar
Trullo
 
Posts: 26306
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Trasporto aereo

Postby MMMM » Thu 10 October 2019; 12:41

I landside e airside durante questi 3 mesi hanno dimostrato i propri limiti, vedremo nel nuovo masterplane cosa proporranno (e se lo realizzeranno). Molto si può fare e molto si può sistemare per aumentare la capacità landside e airside, spazio a Case nuove ne hanno e il terminal 2 può essere demolito e totalmente ricostruito.
MMMM
 
Posts: 2113
Joined: Fri 14 July 2006; 13:59

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 10 October 2019; 12:53

I movimenti a CIA sono contingentati e non c'è margine di crescita, per questo le low cost hanno iniziato ad aprire voli su FCO.
Viterbo ha una pista di 1500 metri, non ha un'aerostazione, non ha un collegamento ferroviario diretto che andrebbe quindi realizzato tra Porta Fiorentina e lo scalo, la Roma-Capranica-Viterbo andrebbe rifatta completamente per poter garantire un collegamento decente con Roma. Si sono fatti due conti e hanno semplicemente capito che i soldi per fare tutto ciò col solo scopo di creare un aeroporto per le LC non ci sono. Lo stesso discorso vale per l'altro aeroporto che era stato analizzato, il Comani di Cisterna che aveva il vantaggio di essere sulla Roma-Formia-Napoli ma completamento privo di strutture adeguate all'aviazione civile.
Non ci sono nel Lazio altri aeroporti/aviosuperfici che possano ospitare le LC (e non tirate fuori Pratica di Mare che sapete benissimo essere una base militare che l'aeronautica non ha nessuna voglia di mollare).
Io ho forse scritto che la compagnia è fallita per colpa di MXP? No, anche se certamente vanno prese in considerazioni le responsabilità della politica locale in quanto pretendere che sia LIN che MXP avessero collegamenti nazionali ha separato i flussi tra i due aeroporti. Questa non è un'idea mia tutta particolare, ma la semplice realtà dei fatti com'è realtà il fatto che a metterci la faccia sulla chiusura di LIN doveva essere il governo locale che invece ha inveito contro Roma che voleva chiudere il city airport, così come poi ha inveito per la mancata chiusura. Sempre colpa di Roma, quando la decisione poteva benissimo essere presa a livello locale, che senso ha dunque parlare di Burlando? A Monaco hanno realizzato il nuovo aeroporto e hanno chiuso Riem, tutto deciso in Baviera senza rompere le scatole al governo centrale (e non parliamo di eventuali differenze nelle competenze, ciò che è stato possibile per la Baviera era perfettamente possibile anche per la Lombardia).
La politica centrale è stata debole e non si è voluta inimicare l'elettorato milanese che voleva e continua a volere LIN (Avete mai fatto caso ai commenti sotto le notizie riguardanti la riapertura? Gente che non vede l'ora di riavere il suo aeroporto per non dover andare a MXP). Sbagliato? Certamente, ma se a livello locale i decisori non si vogliono accollare le proprie responsabilità perché queste devono ricadere sulle spalle di altri?
Per quanto riguardi i prezzi era semplicemente un tentativo di yield management, cosa che avviene anche nel gruppo Lufthansa tra LH e LX.
KLM è scappata da MXP quando ha messo le mani in pasta e ha capito che non avrebbe potuto contare sulle infrastrutture sulle quali credeva di poter contare.
Torino, Genova, Verona e le altre sono collegate a MXP con una rottura di carico importante che allunga drammaticamente i tempi di collegamento.
Esempio pratico:
Se l'aeroporto fosse stato realizzato sugli assi di collegamento principali che afferiscono su Milano (A4, A1, ferrovia Milano-Brescia/Bologna) sarebbe stato possibile per un bolognese raggiungere l'aeroporto in poco più di un'ora senza rotture di carico dando allo scalo la possibilità di essere competitivo sul mercato del nord e molto più attraente per le major degli altri continenti.
E si arriva al solito, futile confronto con Fiumicino:
Prima di tutto, visto che stiamo parlando di feeding ci sarebbe da dire che da Termini a FCO occorrono 32 minuti contro i 51 che occorrono per la tratta Centrale - MXP T1, poco o nulla rileva che da Cadorna si impieghino 37 minuti considerando che a chi proviene da Torino, Genova, Bologna, Verona la cosa interessa ben poco e non si può far finta che non sia un problema dato che ciò può dare al passeggero una certa convenienza nel volare dal proprio scalo cittadino verso un hub europeo.
Mi preme poi ricordare che il concept di FCO è degli anni '50 e che non andrebbe preso come punto di riferimento come best practice altrimenti lo avrei citato al posto di Schiphol.
NAP, FLR e PSA sono collegamenti che Delta stessa ha richiesto a FS di tagliare e di affidare al treno in quanto non sono economicamente sostenibili sotto nessun punto di vista, quindi non vedo perché portarli ad esempio.
La distribuzione economica e sociale a nord di Milano rileva fino a un certo punto dato che MXP non doveva essere l'aeroporto del nordovest della Lombardia, ma del nordovest d'Italia e non riesce ad esserlo per limiti logistici e infrastrutturali palesi con conseguenze importanti sulla catchment area.
Poi che MXP cresca del 10% annuo considerando che è diventato un aeroporto a yield bassi, popolato da low cost e che è inserito in un'area metropolitana come quella milanese è del tutto normale, per quanto possa sembrare qualcosa di eccezionale non lo è affatto.
La chiusura di Linate ha comportato la perdita di almeno 1/3 del tasso di crescita del sistema aeroportuale Lombardo rispetto a quanto è avvenuto nei mesi antecedenti la chiusura, non è stata proprio una cosa indolore dato che ha comportato un cambio modale non indifferente.

A proposito di TRN e GOA e altri aeroporti nell'area.

Rispetto a cinque anni fa c'è stata questa evoluzione:
BGY 2014: 8,774,256
BGY 2018: 12,938,572
+47.46%

LIN 2014: 9,031,855
LIN 2018: 9,233,475
+2.23%

BLQ 2014: 6,580,481
BLQ 2018: 8,506,658
+29.27%

TRN 2014: 3,431,986
TRN 2018: 4,084,923
+19.03%

VRN 2014: 2,775,627
VRN 2018: 3,459,807
+24.65%

GOA 2014: 1,268,650
GOA 2018: 1,455,627
+14.74%

TOT= +7,816,207
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1454
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 10 October 2019; 16:22

MMMM wrote:non hai un idea chiara di come le persone si spostano per raggiungere gli aeroporti vari e i motivi per cui lo fanno;) torino, genova, e verona raggiungono mxp tramite treno, autobus o macchina come da pescara si raggiunge fco senza troppe paranoie di distanza. Napoli, Firenze, e Pisa continuano ad avere voli su fco con lo stesso problema della distanza di torino verona e bologna da mxp.


Prima di invitare qualcuno a studiare cose che conosce molto bene, da' un'occhiata a come funziona la rete di adduzione via treno in un paese "civile" (Che poi è lo stesso di quella KLM che quando ha visto cose ben diverse in Italia è scappata a gambe levate).
Autobus e automobili lasciamole ai paesi del terzo mondo possibilmente, anche perché qui si deve essere competitivi nei confronti delle major europee e un cambio di scelta modale è imprescindibile.
Image
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1454
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

Re: Trasporto aereo

Postby Lucio Chiappetti » Thu 10 October 2019; 17:28

Schiphol e' piazzato in piena Randstad, dove abitano 7 su 17 milioni di olandesi, ma peraltro abbastanza sparsi tra le citta' componenti (Amsterdam che e' la piu' vicina fa meno di 1 milione, Rotterdam, Aia e Utrecht seguono tra 0.6 e 0.3, in linea d'aria a 46, 39 e 34 km ... Leida a 22). Gia' negli anni '80 il collegamento ferroviario era eccellente (e pensare che nel 1979 non esisteva ancora).
100 anni dell'Unione Astronomica Internazionale https://www.iau-100.org/
Lucio Chiappetti
 
Posts: 4780
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Trasporto aereo

Postby jumbo » Thu 10 October 2019; 18:07

Perchè invece Genova, Bologna, Torino, Bergamo, Verona, non hanno traffico low cost?
Quanto è facile crescere a doppia cifra per un aeroporto che fa 2 o 4 milioni l'anno, e quanto per un aeroporto che ne faceva 20 (3 anni fa)?
Poi possiamo giocare a prendere 5 anni invece di 3, chissà se ne prendo 8 invece magari è più alta la % di qualche altro aeroporto.
Possiamo fantasticare su un aeroporto intercontinentale messo in altra posizione, oppure possiamo pensare di sfruttare bene quel che già c'è.
51 minuti da centrale invece di 32 da Fiumicino, come se in un viaggio aereo 19 minuti avessero un peso significativo. 19 minuti sono meno del tempo che passi al bar vicino al gate dopo che sei arrivato 1.30 ore prima del volo in aeroporto, con l'ansia che quando hai preso il biglietto ti hanno detto di andarci 2 ore prima, e hai poi passato tutti i controlli in 20 minuti.
Certamente la politica locale ha sbagliato, tuttavia certi temi sono di competenza nazionale apposta perché se lasciati in mano alla politica locale vengono condotti senza una visione di insieme, e la responsabilità è alla fine di chi deve mettere la firma, non di qualcun altro. Male fece il governo ad andare dietro alle sbagliate richieste provenienti da alcuni amministratori locali, lombardi e non, e a subire le pressioni di UE e delle grandi compagnie aeree straniere.
Se la chiusura di Linate ha ridotto la crescita del traffico aereo, bene! Lo spostamento del traffico Milano-Roma dall'aereo al treno fa solo bene a tutti, per primo per l'inquinamento atmosferico e acustico.
jumbo
 
Posts: 8873
Joined: Sat 23 December 2006; 14:57
Location: Milano

Re: Trasporto aereo

Postby Hallenius » Thu 10 October 2019; 19:48

Certo che GOA, BLQ, TRN, BGY e VRN hanno traffico low cost, ma non vedo il nesso con quanto ho scritto io. Io volevo evidenziare la tipologia di crescita di MXP che da hub si è trasformato in un p2p a yield bassi. Qual è il collegamento con la tipologia di traffico sugli altri aeroporti elencati?
Cinque anni è un periodo tipico per le analisi economiche e per questo l'ho scelto in quanto non è troppo soggetto alle variazioni su periodi più brevi e non si "ingolfa" con i troppi dati di periodi più lunghi che fanno perdere significatività.
Peraltro semmai il problema degli aeroporti circostanti è la presenza massiccia delle major europee che sottraggono traffico all'aeroporto intercontinentale del nordovest.
51 minuti, 32 minuti...
Il tema lo hai introdotto tu scrivendo di tre minuti in più senza considerare il fatto che di Cadorna poco o nulla interessa a chi viene da altre città come Torino.
Per FCO poi il problema si pone in maniera relativamente poco rilevante in quanto le tratte da dismettere sono solo tre e sulle altre si riesce invece a mantenere una distribuzione che da MXP è impossibile.
Se un intercontinentale arriva a FCO può contare su 18 prosecuzioni italiane che comprendono tutte le città del nord, se arriva a MXP può contare al massimo su 13 destinazioni e non c'è distribuzione diretta senza rotture di carico verso le città del nord, tanto difficile ammettere l'importanza di una soluzione à la Trullo?
Se per MXP passassero AV e IC le compagnie aeree potrebbero anche fare c/s con Trenitalia/Italo e distribuire con facilità in tutto il nord aspirando ciò che oggi passa per FRA, MUC, AMS, CDG, LHR... Questo significa raggiungere una massa critica importante tale da garantire un maggior numero di destinazioni aeree.
Per quanto riguarda la riduzione della Milano-Roma io sono anche d'accordo, ma che i dati siano collegati solo a questa è ancora troppo presto per affermarlo.
Image
Image

EDIT
Sui 19 minuti: Che utilità ha questa sottrazione? Chi arriva a Milano deve aggiungere al tempo già trascorso almeno un +51 minuti che con altre soluzioni non sarebbero stati necessari.
Significa un viaggio più lungo in termini di tempo che va dal +56% di Genova al +74% di Bologna (quando va bene e con FR).
Aliena vitia in oculis habemus a tergo nostra sunt
User avatar
Hallenius
Moderatore
 
Posts: 1454
Joined: Fri 13 September 2013; 0:42

PreviousNext

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests