L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Tutto sui trasporti non milanesi, viabilità, aeroporti, porti, ...

Moderators: Hallenius, teo

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby luca » Wed 17 October 2018; 17:51

Guarda te questi negri che si permettono di andare in bicicletta...
Ma il fatto vero non è tanto la sparata di questa qui, ma che l'elettore medio a queste cazzate ci va dietro
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7800
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Trullo » Wed 17 October 2018; 18:09

Sì, il vero problema è che questi qua vanno dietro a un certo tipo di elettore (non viceversa)
"Io non distinguo gli uomini, come fanno gli ignoranti, in greci e barbari. Non mi interessa la provenienza dei cittadini, neanche la razza della nascita. Li distinguo con una sola misura: la virtù.
Per me, ogni buon straniero è greco ed ogni cattivo greco è peggiore del barbaro." (Alessandro III di Macedonia, detto il Grande)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26038
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby skeggia65 » Thu 18 October 2018; 13:05

Nanni Svampa, decenni fa, lo aveva già detto nella sua canzone "El gir del mond"

Am abaradàmm

ad Addis Abeba gh'han miss i tram

gh'han miss i tram con la perteghetta

e tucc i negher in bicicletta.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 14994
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Carrelli1928 » Thu 18 October 2018; 18:50

Vanno in automobile proprio perché in Italia mancano delle ciclabili serie.
Personalmente uso la bici per tutti quegli spostamenti che richiedono massimo 10’ in più che coi mezzi (il tempo massimo necessario ad aspettare un autobus, generalizzando).
Il problema è che se sto in strada, tutti a sorpassarmi in maniera pericolosa (poi però al primo semaforo me li ritrovo davanti, quindi l’atteggiamento è doppiamente irrazionale), se stessi sul marciapiede ovviamente darei fastidio ai pedoni e loro ne darebbero a me.
Dove c’è una ciclabile, vedi via Padova, spesso è più affollata di pedoni di quanto lo sia il marciapiede.

Morale: ben vengano iniziative di bike-sharing e menate varie, ma se si vuole sfruttare veramente la bici, siano piste ovunque possibile. Sottolineo che il raggio d’azione della bicicletta è paragonabile alla distanza normalmente percorsa in una città come Milano, dove qualunque servizio si trova sicuramente entro uno, massimo due chilometri.

Intanto, i velocipedi restano confinati a chi non può permettersi altro. Gli immigrati, insomma.

Con questo ho voluto mettere i miei due centesimi sulla questione ciclabili. Circa la politica di costante campagna elettorale della Lega, non mi pronuncio.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2814
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby S-Bahn » Sat 20 October 2018; 0:11

Uso il bike sharing quotidianamente dalla stazione di Greco all'ufficio.
Ho dovuto cambiare percorso e rinunciare alla ciclabile nel tratto stazione-Arcimboldi perché i 3/4 dei pedoni vanno sulla ciclabile e non sul parallelo marciapiede separato da un cordolo.
Anche altrove dove su marcipiedi larghi la ciclabile è segnata dalla pavimentazione rossa è "preferita" dai pedoni.

Che la ciclabile sia segnata bene, anche con cartelli, o male non importa. Il pedone la riconosce con istinto sicuro e la impegna evitando accuratamente il marciapiede.
Non sto scherzando, c'è certamente qualche fenomeno spiegabile dietro a questo fatto che succede realmente.

Scusate il post che, se non fosse perché si aggancia al precedente, dovrebbe stare in "ciclisti a Milano".
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50184
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby luca » Sat 20 October 2018; 7:19

Stessa cosa dall'altro lato della stazione, verso piazza Greco, che anch'io uso spesso (leggasi: quando l'81 risulta disperso 9 attesa superiore ai 12') con la mobike.
L'altro giorno, in viale Lunigiana, dove la ciclabile è in strada, e diventa corsia di sorpasso per le motociclette, un motociclista che mi aveva visto benissimo ha impegnato la ciclabile mentre ci stavo passando, e a quel punto mi è partito un molto scurrile "ma che caz*o fa?!" E il bello è che ha pure avuto da borbottare!
Ma dimmi te, non si può neanche investire i ciclisti sulla pista ciclabile ora...
Viva il trasporto pubblico moderno!
Fiero utente abituale del TPL 8--)
Dalle Gran Comforto al Gran Sconforto...
User avatar
luca
 
Posts: 7800
Joined: Wed 01 June 2011; 7:45
Location: Milano (Greco) 43,81,87,728,S7,S8,S9,S11,R a volte Maccagno S30

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Carrelli1928 » Sat 20 October 2018; 9:44

Mi è capitato di passare più volte sulla ciclabile di Lunigiana ed effettivamente il comportamento è diffuso. Non si potrebbe delimitarla con un semplice cordolo? A Torino funzionano bene per proteggere molte preferenziali.

@s-bahn: effettivamente è vero, spesso c’è più gente sulle ciclabili che sul marciapiede. Al di là delle questioni psicologiche che possono starci dietro (forse si preferisce camminare più lontano dai palazzi, forse sembra una strada più bella o più veloce...), è un fatto che, così come molti parcheggiano sui binari del tram poco utilizzati, allo stesso modo i pedoni occupano le ciclabili perché non ci sono abbastanza biciclette in circolazione per tenerle occupate - problema che si risolverebbe in gran parte con una rete di piste il più continua possibile.
User avatar
Carrelli1928
 
Posts: 2814
Joined: Fri 02 May 2014; 19:08
Location: Milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Astro » Sat 20 October 2018; 10:12

Qualcuno (non certo il sottoscritto) lo fa perché sul marciapiede sono rimasti tanti pali da schivare, perché al posto di spostarli tra la pista e la strada li hanno lasciati sul tratto pedonale.
Astro
 
Posts: 3698
Joined: Mon 26 November 2012; 14:55
Location: Z314 Z315

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby S-Bahn » Sat 20 October 2018; 20:55

Mica tanto. Nel mio "caso quotidiano" non c'è differenza qualitativa tra ciclabile e marciapiede. Eppure...

Vicino a casa mia c'è anche il caso di un marciapiede sgombro e senza ostacoli e di una ciclabile, a lato marciapiede, con ostacoli fisici ad ogni passo carraio. Eppure il pedone sceglie maggiormente la ciclabile.
Poco male in questo caso, la ciclabile è talmente inutilizzabile che i ciclisti pedalano in strada come hanno sempre fatto su questo percorso.
Rispetto per tutti, paura di nessuno - Dejan Stanković
A scuola di treno: http://www.miol.it/stagniweb/
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 50184
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Trullo » Mon 22 October 2018; 10:28

C'è un discorso più generale di mancanza di interiorizzazione delle regole, di sciatteria nel convivere con gli altri. La stessa mancanza di interiorizzazione delle regole che ostacola la raccolta differenziata, l'uso appropriato dei parcheggi e quant'altro
"Io non distinguo gli uomini, come fanno gli ignoranti, in greci e barbari. Non mi interessa la provenienza dei cittadini, neanche la razza della nascita. Li distinguo con una sola misura: la virtù.
Per me, ogni buon straniero è greco ed ogni cattivo greco è peggiore del barbaro." (Alessandro III di Macedonia, detto il Grande)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26038
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Muccablu » Mon 22 October 2018; 16:41

Aggiungici anche i pochi controlli, io vedo sempre meno Polizia Municipale in giro.

Come scrisse qualcuno di voi qui, anni fa: "la Polizia ha perso il controllo del territorio": naturalmente sarà anche dovuto a sensibili deficit di organico rispetto a qualche anno fa, si capisce, ma la situazione è questa.

Lo vedo fare in ogni posto di Milano e dintorni che frequento: dove non si viene multati mai la gente si dà a infrazioni di ogni genere e grado, c'è poco da fare se non punire adeguatamente, secondo me.
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 418
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby .mau. » Sat 27 October 2018; 21:47

Carrelli1928 wrote:Mi è capitato di passare più volte sulla ciclabile di Lunigiana ed effettivamente il comportamento è diffuso. Non si potrebbe delimitarla con un semplice cordolo? A Torino funzionano bene per proteggere molte preferenziali.


L'unico modo sarebbe telecamere + multe.
ciao, .mau.
User avatar
.mau.
 
Posts: 449
Joined: Sun 16 July 2006; 22:21
Location: milano

Re: L'Italia che non ama i mezzi pubblici

Postby Muccablu » Mon 05 November 2018; 12:33

S-Bahn wrote:Mica tanto. Nel mio "caso quotidiano" non c'è differenza qualitativa tra ciclabile e marciapiede. Eppure...

Vicino a casa mia c'è anche il caso di un marciapiede sgombro e senza ostacoli e di una ciclabile, a lato marciapiede, con ostacoli fisici ad ogni passo carraio. Eppure il pedone sceglie maggiormente la ciclabile.


Visto anche venerdì sera a Comasina - 2 novembre, erano le 21.30 circa, deserto in giro, ovvero sei pedoni in tutto, me compreso - sei pedoni che camminano tra l'uscita di Comasina M3 e le fermate dei bus di corrispondenza: tutto il marciapiede libero, ma niente da fare, una ragazza doveva camminare nel centro della ciclabile, non ne poteva proprio fare a meno
"Primo treno per LA BRIANZA al binario uno"
User avatar
Muccablu
 
Posts: 418
Joined: Sun 07 January 2007; 17:12
Location: A nord della 66

Previous

Return to Trasporti in generale

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests