Presidenziali USA 2016

Chiacchere in libertà

Moderators: Hallenius, teo

Re: Presidenziali USA 2016

Postby ing » Mon 14 November 2016; 15:53

Trullo wrote:In altre parole, per gli americani il presidente deve avere la maggioranza in un numero di stati che esprime (almeno rozzamente) la maggioranza della popolazione, e ogni stato vota "come un solo uomo"

Se ci pensate solo un attimo, è un meccanismo molto simile a quello del premio di maggioranza al senato italiano


Io sapevo invece che la ratio del sistema elettorale indiretto americano fosse un'altra.

Quando è stato elaborato questo sistema, c'erano due problemi:
- la nazione era molto estesa e le comunicazioni lente e difficoltose
- lo stato federale era molto leggero rispetto ai singoli stati e con scarse capacità di intervento diretto.
quindi si era deciso di suddividere le elezioni in una sub-elezione per ogni stato e poi di inviare a Washington solo i risultati di ciascun stato.

Oggigiorno non ci sarebbe difficoltà a superare questi aspetti. Ma, oh, sono affari loro.
ing
 
Posts: 5472
Joined: Wed 16 January 2008; 1:02

Re: Presidenziali USA 2016

Postby S-Bahn » Mon 14 November 2016; 16:10

Certo, e infatti l'impianto era giustificato allora ma oggi è anacronistico. Sono ovviamente fatti loro ma non è vietato commentare...
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51899
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Presidenziali USA 2016

Postby fra74 » Mon 14 November 2016; 23:02

Non erano solo quelli i motivi. L'idea dell'elezione indiretta nasceva principalmente da una parte nella scarsa fiducia nella capacità degli elettori nella scelta di una persona per motivi culturali. Dopo tutto la maggior parte era ancora analfabeta e non aveva certo possibilità all'epoca di informarsi. Dall'altra si voleva evitare la nomina di persone troppo legate al potere politico centrale, probabilmente anche perché il nucleo originario degli stati uniti era quello delle ex colonie che probabilmente ne avevano le scatole piene di un potere centrale lontano e oppressore. Ed è anche lo stesso motivo per cui ancora oggi si giustifica il porto d'armi alla luce del secondo emendamento.

C'era poi un obiettivo problema su come contare schiavi e indiani che ha portato a compromessi non proprio edificanti (il compromesso dei 3/5 per esempio)
“There is a greater darkness than the one we fight. It is the darkness of the soul that has lost its way. [...] Greater than the death of flesh is the death of hope, the death of dreams.”
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 25075
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Presidenziali USA 2016

Postby Ulk » Wed 16 November 2016; 6:43

fra74 wrote:Da viewtopic.php?p=603346#p603346
Piuttosto c'è pure un telefilm in cui presidente, vicepresidente e l'intero congresso vengono fatti fuori da un attentato e diventa presidente l'unico membro del governo che viene opportunamente messo in disparte per garantire continuità di governo. Qualcuno deve fare scongiuri? :divano:

Lo sto seguendo, Designated survivor, mi sta appassionando molto! :D
Ein Fahrplan. Ein Tarif. Ein Ticket. - HVV, 1965
No zuo no die!
User avatar
Ulk
 
Posts: 4782
Joined: Wed 25 April 2007; 13:54
Location: Mosca

Re: Presidenziali USA 2016

Postby friedrichstrasse » Wed 16 November 2016; 23:12

La prima ex, Ivana Trump:
"Donald, vorrei fare l'ambasciatrice"


L'ex moglie del neo presidente degli Stati Uniti si candida come ambasciatrice Usa per la Repubblica Ceca


http://www.rainews.it/dl/rainews/media/ivana-trump-chiede-all-ex-marito-di-nominarla-ambasciatrice-repubblica-ceca-ca95a0b2-41b6-415d-a0e8-349564bb6edd.html#foto-1
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: Presidenziali USA 2016

Postby Ulk » Fri 18 November 2016; 9:51

Rimanendo in tema di serie TV, succede anche in House of cards quando la first lady viene nominata ambasciatrice degli USA all'ONU. :o
Ein Fahrplan. Ein Tarif. Ein Ticket. - HVV, 1965
No zuo no die!
User avatar
Ulk
 
Posts: 4782
Joined: Wed 25 April 2007; 13:54
Location: Mosca

Re: Presidenziali USA 2016

Postby friedrichstrasse » Sat 19 November 2016; 20:51

Va veramente c'è chi ha pensato di candidare Chelsea Clinton alle prossim elezioni? :shock: :roll:

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/zingales-insegna-americani-come-combattere-trump-berlusconi-136147.htm
Viva il tram moderno

BASTA CENSURE!!!
User avatar
friedrichstrasse
 
Posts: 20282
Joined: Wed 05 July 2006; 21:40

Re: Presidenziali USA 2016

Postby Coccodrillo » Sat 19 November 2016; 22:29

Interessante il risultato dei candidati dei partiti minori: sommati insieme hanno avuto l'1,48% dei voti nel 2012, ma il 4,85% nel 2016.

https://en.wikipedia.org/wiki/United_St ... lot_access

https://en.wikipedia.org/wiki/United_St ... lot_access

Notevole, in un sistema che di fatto rende ininfluenti (anche se formalmente esistono) i partiti diversi dai due principali. Basta pensare che su 535 parlamentari, solo 2 non sono D o R.

Segno di una democrazia imperfetta, a mio avviso, anche se in un qual modo attraverso le primarie i candidati sono più di due (ma non tutti possono votare alle primarie, quindi non è proprio un sistema di voto a due turni).
für Güter die Bahn ~ pour vos marchandises le rail ~ chi dice merci dice ferrovia
Coccodrillo
Forum Admin
 
Posts: 13530
Joined: Sat 29 April 2006; 16:36
Location: Gandegg+Testa 2 (vorrei...)

Re: Presidenziali USA 2016

Postby indaco1 » Sun 20 November 2016; 0:34

Con le istituzioni irrimediabilmente disfunzionali che abbiamo non mi sembra proprio il caso di fare tutti questi commenti sull'imperfetta democrazia americana.

Abbbiamo un sistema pubblico catastrofico, incapace di funzionare, dare agli elettori il potere di decidere veramente, e di fare uno stato in grado di manovrare in caso di necessita', e ci permettiamo di guardare dall'alto in basso l'America che bene o male ha dominato e domina il mondo in tutti i settori, dalla cultura alla innovazione, all'economia, ai media.

Non so se ci vivrei e non sono cieco ai difetti, ma sembra che noi italiani, e le ultime pagine me lo confermano, siamo ciechi ai nostri, di difetti. Almeno li possono decidere di cambiare.

E soprattutto mi risulta che qualche decennio fa la nostra perfetta democrazia sia stata ripristinata fondamentalmente grazie all'America. Ripeto, non sono perfetti, ma qui e' il bue che da del cornuto all'asino.
indaco1
 
Posts: 1837
Joined: Sun 14 October 2007; 9:28

Re: Presidenziali USA 2016

Postby skeggia65 » Sun 20 November 2016; 1:42

indaco1 wrote:E soprattutto mi risulta che qualche decennio fa la nostra perfetta democrazia sia stata ripristinata fondamentalmente grazie all'America. Ripeto, non sono perfetti, ma qui e' il bue che da del cornuto all'asino.

Io all'America e agli Americani ho sempre voluto e sempre vorrò bene, anche se ora mi preoccupano un po'.
E sono grato che la nostra libertà, negli anni dopo la seconda guerra mondiale, sia stata possibile grazie a loro.
Però devo fare una precisazione: la nostra democrazia non è stata affatto "ripristinata".
Semplicemente perché non c'era.
Prima del nefasto ventennio fascista, e dopo la liberazione fino al giugno del 1946, esisteva il Regno d'Italia.
C'era una forma di elezioni della camera dei deputati; gli elettori erano rigorosamente maschi; solo i ricchi prima, poi gli "alfabetizzati" e solo all'ultimo a suffragio universale, ma solo per i maschi.
Il Senato era nominato direttamente dal re; i componenti maschi della casa reale erano senatori a vita di diritto.
gli altri senatori erano scelti prima dal re; in seguito la scelta venne delegata al presidente del consiglio. I senatori erano scelti tra determinate categorie (vescovi, politici, ministri, ufficiali militari soprattutto).
Ciò che fu "ripristinato" non era esattamente una "democrazia", almeno non nel senso che diamo noi a questo termine.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15415
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Presidenziali USA 2016

Postby EuroCity » Sun 20 November 2016; 11:12

Forse la mia opinione sarà in minoranza (come spesso accade), ma personalmente ho spesso pensato che "elefante" ed "asino" siano più che altro l'espressione di uno stesso partito unico e bifronte, quello del "business" - altro che "democrazia"...! :o :lol:
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12100
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

Re: Presidenziali USA 2016

Postby EuroCity » Sun 20 November 2016; 12:58

... E gli "ippocriti" (per i $$$), specie politica - e non solo - ormai diffusa dappertutto...? :lol: :lol:

Image
Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare. - Albert Einstein
EuroCity
 
Posts: 12100
Joined: Wed 05 July 2006; 21:08
Location: Pavia

Re: Presidenziali USA 2016

Postby Trullo » Mon 21 November 2016; 10:58

skeggia65 wrote:Io all'America e agli Americani ho sempre voluto e sempre vorrò bene,

Anch'io. Prima di tutto perchè ne ho cnosciuti e ci ho lavorato assieme. A iun livello diverso, se penso per esempio a un personaggio come Noam Chomsky, che esprime posizioni fortemente diverse dal pensiero comune della sua nazione, e lo può fare da una cattedra universitaria o dai giornali più prestigiosi, mentre un ipotetico Noam Chomsky cinese o iraniano lo potrebbe al massimo fare dal carcere
Però tornando all'esempio dell'averci dato (o restituito) la democrazia, hanno sostenuto anche in nome dei loro interessi startegici ed economici anche regimi abietti, dalla Grecia dei colonnelli al Portogallo di Salazar, per non parlare delle peggio dittature latinoamericane
E il loro successo economico e culturale non vieta di interrogarsi (come del resto fanno molti di loro) sui possibili limiti e difetti del loro sistema politico
«Signor Finch, se fosse stato negro avrebbe avuto paura anche lei!»
User avatar
Trullo
 
Posts: 26641
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Presidenziali USA 2016

Postby skeggia65 » Mon 21 November 2016; 18:39

Non ci hanno né dato, né restituito nulla.
Semplicemente hanno lasciato che facessimo le nostre scelte, che (per fortuna) coincisero con i loro interessi.
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15415
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Presidenziali USA 2016

Postby Viersieben » Mon 21 November 2016; 20:02

Mah, quanto a poter fare le proprie scelte, ricordo male o Clara Luce lanciava strali contro chi manifestava l'intenzione di non votare per la DC (il che poteva anche significare votare per i missini o i monarchici, non necessariamente per la sinistra più o meno estrema)?
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3949
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

PreviousNext

Return to Off Topic

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests

cron