Informazione scientifica

Chiacchere in libertà

Moderators: Hallenius, teo

Re: Informazione scientifica

Postby Lucio Chiappetti » Thu 25 February 2016; 16:35

Intervento della senatrice Cattaneo :clap: http://www.repubblica.it/cronaca/2016/0 ... 134179307/
“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 4957
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Informazione scientifica

Postby S-Bahn » Thu 25 February 2016; 16:41

Che fa il paio con Cantone che è rimasto senza fondi da impiegare
http://www.corriere.it/politica/16_febb ... 1737.shtml

Così non si corre il rischio che l'anticorruzione possa lavorare per davvero.
In omnia pericula tasta testicula
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51714
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Informazione scientifica

Postby Riccardo Tundo » Mon 04 April 2016; 8:03

Non so se é il topic giusto ma sempre scienza si tratta.

Stamattina mentre mi recavo a scuola ho trovato della sabbia sulle automobili! Arriva il deserto anche a Monza?
11 gennaio 2016: controllato su S9 24109 e 24132 :D :D
User avatar
Riccardo Tundo
 
Posts: 350
Joined: Sun 17 May 2015; 18:21
Location: Monza

Re: Informazione scientifica

Postby Viersieben » Mon 04 April 2016; 8:46

Beh sì, in effetti ieri pomeriggio è piovuta sabbia del deserto...
User avatar
Viersieben
 
Posts: 3904
Joined: Mon 14 September 2009; 20:39

Re: Informazione scientifica

Postby S-Bahn » Mon 04 April 2016; 13:47

Da sempre arrivano sciorccate cariche di sabbia dal Nordafrica almeno fino all'arco alpino. Nei primi anni '60 i francesi facevano i loro test atomici ne Sahara. Fate un po' voi se non arrivava un po' di contaminazione anche in Pianura Padana, e figuriamoci al Sud...
In omnia pericula tasta testicula
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51714
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Informazione scientifica

Postby skeggia65 » Sat 21 May 2016; 23:54

Non sono esattamente "informazione scientifica", ma hanno lo stesso valore della falsa teoria del legame tra vaccini e autismo...

Image

Image
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15355
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Informazione scientifica

Postby skeggia65 » Mon 23 May 2016; 23:38

Un post sulla pagina FB "A Favore della Sperimentazione Animale"

Roberto Burioni, Medico
In una recente trasmissione televisiva ho avuto la fortuna di incontrare una mamma informata che dall'alto del suo incarico di amministratrice del Gruppo Facebook "Mamme di Rimini" è stata così gentile da spiegare a me e a tutti i telespettatori che non c'è bisogno di vaccinare i bambini perché tanto gli anticorpi se li fanno giocando per terra.

Devo dare una brutta notizia agli incolpevoli suoi figli e ai genitori che non vaccinano i figli confidando nella potenza protettiva del pattume domestico: non è vero..

Per quanto si faccia giocare nello sporco i bimbi molto piccoli, non potranno mai produrre gli anticorpi suscitati dai vaccini e per esemplificare il concetto parliamo di un batterio che si chiama Haemophilus influenzae di tipo B (di qui in poi confidenzialmente “emofilo”).

Nel mondo prima della messa a punto di questo vaccino, quando i figli delle mammine informate giocavano per terra, l’emofilo era un germe molto pericoloso. Si trasmetteva con le goccioline di saliva da persona a persona, lo si trovava nella gola del 5% della popolazione e quando riusciva a penetrare nell’organismo di un bimbo erano grossi guai. Causava non solo delle infiammazioni molto gravi delle prime vie respiratorie, ma anche delle pericolosissime meningiti che, pur con un trattamento antibiotico tempestivo ed ottimale, uccidevano un bimbo su 20 e ne lasciavano uno su tre con gravissime e permanenti sequele neurologiche. Per darvi un’idea prima dell’arrivo del vaccino negli Stati Uniti ogni anno ventimila bambini, pur avendo giocato per terra, si ammalavano gravemente e ben mille (avete letto bene: mille) morivano, smettendo definitivamente di giocare.

La cosa singolare di questa malattia era il fatto che colpiva di rado sopra i 5 anni e quasi tutti i casi più gravi si manifestavano in bambini sotto i due anni, causando la maggioranza delle meningiti in questa fascia di età. Questo accade perché sistema immunitario dei bimbi molto piccoli non riesce a produrre efficacemente anticorpi contro questo batterio (anche se lo incontra per terra), il che li lascia – una volta terminata la riserva di anticorpi materni – praticamente indifesi anche se allevati nel lerciume più totale. L'incapacità del sistema immune di un neonato di produrre anticorpi efficaci, purtroppo, ha per molti anni impedito lo sviluppo di un vaccino efficace: quello disponibile funzionava, ma solo dopo i due anni, quando il rischio già diminuiva per conto proprio. Per cui l’impatto sulla salute dei bambini era minimo.

Ad un certo punto però a dei ricercatori è venuta un’idea brillantissima: coniugare le strutture del batterio a degli stimolanti del sistema immune. Hanno fatto centro. Il nuovo vaccino, sicurissimo ed efficace (la protezione clinica dalla infezione grave è stimata tra il 95 e il 100%), è stato introdotto alla fine degli anni 80 e il suo successo è stato travolgente. Funziona benissimo anche nei neonati e la vaccinazione ha fatto diminuire del 99% (novantanove per cento) il numero dei casi, proteggendo anche i bimbi più indifesi. Non solo: la vaccinazione ha avuto anche un effetto strabiliante e inaspettato sulla circolazione del batterio, diminuendola drammaticamente e abbattendo il numero dei portatori sani. Insomma, la fantastica immunità di gregge, proprio quella che gli antivaccinisti vi dicono non esistere! È stato calcolato che solo negli USA grazie a questo vaccino è stata evitata la morte di 20.000 bambini e la lesione neurologica permanente di 80.000: uno stadio di bambini in perfetta salute grazie al vaccino!

Ma guai a seguire i consigli della mammina informata: il germe circola di meno, ma ancora circola, anche perché non tutti si vaccinano. Nel Minnesota dall’introduzione di questa vaccinazione nessun bambino era morto per questa terribile malattia. Purtroppo nel 2008 si è verificato un episodio epidemico nel quale si sono contati cinque casi molto gravi: i genitori di due di questi bimbi avevano rifiutato la vaccinazione; i genitori di un altro avevano deciso di ritardarla. Uno purtroppo è morto: aveva solo cinque mesi e non aveva ancora fatto in tempo a completare il ciclo di vaccinazione.

L’immunità nei confronti di questo batterio dunque serve, e serve subito: ritardare la somministrazione del vaccino (come vi suggeriscono regolarmente i raglianti antivaccinisti) lascia i vostri figli vulnerabili proprio nel momento in cui sono più in pericolo, per cui non rimandate senza motivo le immunizzazioni, non fareste una cosa buona per il vostro bimbo e lo esporreste a gravi rischi.

Qualcuno potrebbe chiedermi: ma perché allora non vacciniamo i bimbi appena nati? La risposta non è scontata: il vaccino che abbiamo è molto efficace, ma se viene utilizzato in bambini che hanno meno di sei settimane non solo non funziona, ma “paralizza” il sistema immune impedendogli addirittura di rispondere bene alle dosi future di vaccino. Il momento in cui iniziare a vaccinare è dunque esattamente quando è prescritto, a due mesi, non prima e non dopo. Prima sarebbe troppo presto, dopo sarebbe troppo tardi.

Insomma, gli schemi di vaccinazione sono come i freni della vostra automobile. Sono stati messi a punto da esperti che se ne intendono dopo lunghi studi e rigorose sperimentazioni: modificarli sulla base della vostra opinione personale o su consiglio di qualche mammina informata non è una buona idea.

Per cui non fatelo.


Fonte:
CDC. Progress toward elimination of Haemophilus influenzae type b invasive disease among infants and children—United States, 1998–2000. MMWR 2002;51(11):234–7.
Conjugate Hib vaccines. Lancet 2003;361(9355):360–1.
Elimination of Haemophilus influenzae type b (Hib) disease from The Gambia after the introduction of routine immunization with a Hib conjugate vaccine: a prospective study. Lancet 2005;366(9480):144–50.
Invasive Haemophilus influenzae Type B disease in five young children--Minnesota, 2008 MMWR 2009 Jan 30;58(3):58-60
CDC pinkbook on Haemophilus influenzae type b
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15355
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Informazione scientifica

Postby ETR460 » Mon 27 June 2016; 13:54

Andiamo bene...

http://palermo.repubblica.it/cronaca/20 ... 142901713/

Il Tar Sicilia: “Danno da vaccino, risarcite il ragazzo autistico”

Il ministero della salute dovrà versare 250 mila euro entro due mesi a una famiglia agrigentina, altrimenti rischia un commissario ad acta

Il ministero alla Salute dovrà risarcire la famiglia di un ragazzo autistico siciliano per danni da vaccino. E se non lo farà entro due mesi, sarà commissariato. Lo ha deciso il Tar Sicilia, cui i genitori del giovane ormai sedicenne si sono rivolti per riscuotere i circa 250 mila euro stabiliti da una sentenza del tribunale civile di Palermo diventata definitiva nel 2014. Si riapre così il dibattito che ha diviso il mondo scientifico - e non solo - sul nesso tra vaccinazioni e autismo e ha fatto crollare a picco la coperture vaccinali in Italia. Una partita che sembrava chiusa con due recenti decisioni giunte da altre parti d’Italia: la sentenza d’appello del tribunale di Bologna che nel 2015 ha ribaltato il verdetto del giudice del lavoro di Rimini e la consulenza di tre esperti della procura di Trani che i primi di giugno hanno sconfessato la relazione tra il siero e la malattia in una coppia di fratelli.

Nel caso del ragazzo agrigentino il ministero non si è opposto alla decisione del giudice del lavoro e ora dovrà pagare. La sentenza fa luce su quello che avveniva e forse avviene ancora all’interno delle commissioni mediche ospedaliere istituite dal ministero e chiamate in causa in casi del genere. Una storia che inizia nel 2006, quando i genitori originari della provincia di Agrigento chiedono di accedere ai servizi assistenziali. Il bambino – allora aveva sei anni – viene visitato dalla commissione medica ospedaliera che ha sede all’ospedale militare di Palermo. I medici diagnosticano il “disturbo pervasivo dello sviluppo” insorto dopo la vaccinazione tetravalente (difterite, tetamo, pertosse ed Epatite B) e antipolio. Ma giudicano “intempestiva” la domanda e la rigettano. La famiglia fa ricorso ma il ministero rigetta di nuovo, questa volta negando il nesso di causalità e non che la domanda fosse fuori tempo massimo.

A questo punto – siamo nel 2011 – si passa alle vie legali. Il giudice del lavoro chiede una consulenza tecnica d’ufficio, che sostanzialmente conferma la valutazione medica. Ma il ragionamento del giudice si sviluppa piuttosto in punta di diritto: in sostanza, non si può riformare in fase amministrativa la valutazione della commissione medica ospedaliera, perché questo viola un parere del Consiglio di Stato del 2012. Insomma, l’errore, se è vero - come sostengono ora gli esperti - che non c’è relazione tra vaccino e autismo, lo ha commesso la commissione. Ma alla famiglia spetta comunque il risarcimento concesso dalla legge 210 del 1992. Passati quasi due anni dal verdetto mai impugnato, i genitori non hanno però visto un euro e si sono rivolti all’avvocato Girolamo Rubino che ha presentato un ricorso per ottemperanza al Tar. E lo ha vinto: una beffa per il ministero che rischia l’invio di un commissario ad acta e dovrà pagare pure la mora per ogni mese di ritardo che è passato e che passerà.

Il dibattito fu acceso da uno studio inglese pubblicato su Lancet nel 1998 e poi ritirato: era basato su pochi pazienti e chi lo ha scritto fu radiato dall'albo dei medici per come condusse la ricerca. Recenti studi hanno invece smentito il nesso tra vaccino e autismo, ma il fronte anti-vaccini ha continuato a ingrossarsi anche a causa del fioccare di sentenze contrastanti da parte dei tribunali di tutta Italia.


Anche: http://www.wired.it/scienza/medicina/20 ... aign=wired
ETR460
User avatar
ETR460
 
Posts: 6238
Joined: Tue 18 July 2006; 21:46
Location: Corvetto M3, 34, 77, 84, 93, 95, 153

Re: Informazione scientifica

Postby serie1928 » Mon 27 June 2016; 14:48

Si può discutere quanto si vuole, ma se dal 2014 esiste una sentenza di tribunale definitiva, il ministero deve pagare. E c'era pure bisogno di un ulteriore sentenza :?: Che Stato imbelle, incapace e disonesto pure :!:
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10895
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Informazione scientifica

Postby Trullo » Mon 27 June 2016; 15:01

ETR460 wrote:Si riapre così il dibattito che ha diviso il mondo scientifico - e non solo - sul nesso tra vaccinazioni e autismo


Pennivendoli
Il mondo scientifico non è affatto diviso: è unanime nel considerare una stronzata il nesso tra vaccinazioni e autismo
"Tutti i guai del mondo nascono dal fatto che nessuno vuol starsene a casa sua." (Socrate)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26556
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Informazione scientifica

Postby serie1928 » Mon 27 June 2016; 16:34

^^ E soprattutto non in base ad una sentenza per un fatto meramente amministrativo.

Poi è bellissima la chiosa finale di Wired:
"La speranza allora era che la decisione di Bologna facesse in qualche modo scuola, ma l’annuncio che arriva dal Tar della Sicilia porterebbe a credere il contrario."

alla quale aggiungo: se titolate l'articolo in questo modo
"Vaccini e autismo, condannato il Ministero della Salute - Il Tar della Sicilia smentisce l’Oms, secondo cui non esiste correlazione tra vaccini e autismo, e impone il risarcimento a un bambino autistico",
chi porta a credere non è il Tar, ma solo il pennivendolo di turno :!:
Ma è possibile una tale mistificazione dei fatti? L'ordine dei giornalisti non interviene, o è del tutto imbelle di fronte all'imperare dell'informazione "spazzatura" che ci sommerge da destra e sinistra?
Last edited by serie1928 on Mon 27 June 2016; 16:53, edited 1 time in total.
Abbiamo tutti fretta, e mai siamo puntuali!
User avatar
serie1928
 
Posts: 10895
Joined: Thu 25 January 2007; 13:56
Location: Milano Provincia

Re: Informazione scientifica

Postby Lucio Chiappetti » Mon 27 June 2016; 16:43

“It seemed to me,' said Wonko the Sane, 'that any civilization that had so far lost its head as to need to include a set of detailed instructions for use in a package of toothpicks, was no longer a civilization in which I could live and stay sane.”
― Douglas Adams, So Long, and Thanks for All the Fish

Lucio Chiappetti
 
Posts: 4957
Joined: Mon 14 December 2009; 11:23
Location: Milano tra Lambrate e Gorla

Re: Informazione scientifica

Postby skeggia65 » Thu 28 July 2016; 12:54

Dalla pagina FB di Roberto Burioni

https://www.facebook.com/robertoburioniMD/posts/2091334057758433:0

La vicenda a cui fa riferimento

http://www.ilgazzettino.it/nordest/pordenone/pordenone_meningite_bimba-1881622.html


Torniamo a parlare di vaccini; in realtà parliamo purtroppo di bambini non vaccinati che sono in fin di vita perchè non sono stati vaccinati.
Una bimba di nove mesi, che i giornali riportano non essere stata vaccinata per scelta dei genitori, è ricoverata in gravissime condizioni a causa di una meningite causata da un batterio chiamato emofilo di tipo B. Anche se la malattia è molto seria (il 5% muore e il 30% riporta danni cerebrali permanenti) speriamo che la piccola guarisca perfettamente: se fosse stata correttamente vaccinata nei tempi prescritti non si sarebbe ammalata.
Quando convinti dagli antivaccinisti decidete di omettere o ritardare la vaccinazione esavalente, sappiate che in essa è contenuto il vaccino contro questo batterio (è uno dei due non obbligatori contro i quali sentite sbraitare non solo i soliti fessi, ma pure alcuni politici).
Prima che fosse disponibile il vaccino, l’emofilo era un germe molto pericoloso. Si trasmetteva con le goccioline di saliva da persona a persona, lo si trovava nella gola del 5% della popolazione e quando riusciva a penetrare nell’organismo di un bimbo erano grossi guai. Causava non solo delle infiammazioni molto gravi delle prime vie respiratorie, ma anche delle pericolosissime meningiti come quella che ha colpito questa sfortunata bimba. Per darvi un’idea prima dell’arrivo del vaccino negli Stati Uniti ogni anno ventimila bambini, pur avendo giocato per terra, si ammalavano gravemente e ben mille (avete letto bene: mille) morivano.
La cosa singolare di questa malattia era il fatto che colpiva di rado sopra i 5 anni e quasi tutti i casi più gravi si manifestavano in bambini sotto i due anni, causando la maggioranza delle meningiti in questa fascia di età. Questo accade perché sistema immunitario dei bimbi molto piccoli non riesce a produrre efficacemente anticorpi contro questo batterio il che li lascia – una volta terminata la riserva di anticorpi materni – praticamente indifesi è molto vulnerabili.
L'incapacità del sistema immune di un neonato di produrre anticorpi efficaci, purtroppo, ha per molti anni impedito lo sviluppo di un vaccino efficace: quello disponibile funzionava, ma solo dopo i due anni, quando il rischio già diminuiva per conto proprio. Per cui l’impatto sulla salute dei bambini era minimo.
Ad un certo punto però a dei ricercatori è venuta un’idea brillantissima: coniugare le strutture del batterio a degli stimolanti del sistema immune. Hanno fatto centro. Il nuovo vaccino, sicurissimo ed efficace (la protezione clinica dalla infezione grave è stimata tra il 95 e il 100%), è stato introdotto alla fine degli anni 80 e il suo successo è stato travolgente. Funziona benissimo anche nei neonati e la vaccinazione ha fatto diminuire del 99% (novantanove per cento) il numero dei casi, proteggendo anche i bimbi più indifesi.
Non solo: la vaccinazione ha avuto anche un effetto strabiliante e inaspettato sulla circolazione del batterio, diminuendola drammaticamente e abbattendo il numero dei portatori sani. Insomma, la fantastica immunità di gregge, proprio quella che gli antivaccinisti vi dicono non esistere! in altre parole questa bimba è un fin di vita non solo perché non è stata vaccinata dai genitori, ma anche perché altri genitori non hanno vaccinato i loro bimbi: da uno di questi ha contratto la malattia (gli adulti sono tutti immuni per avere incontrato questo batterio o uno simile).
L’immunità indotta dalla vaccinazione nei confronti di questo batterio dunque serve, e serve subito: ritardare la somministrazione del vaccino (come vi suggeriscono regolarmente i raglianti antivaccinisti) lascia i vostri figli vulnerabili proprio nel momento in cui sono più in pericolo, per cui non rimandate senza motivo le immunizzazioni, non fareste una cosa buona per il vostro bimbo e lo esporreste a gravi rischi.
Qualcuno potrebbe chiedermi: ma perché allora non vacciniamo i bimbi appena nati? La risposta non è scontata: il vaccino che abbiamo è molto efficace, ma se viene utilizzato in bambini che hanno meno di sei settimane non solo non funziona, ma “paralizza” il sistema immune impedendogli addirittura di rispondere bene alle dosi future di vaccino. Il momento in cui iniziare a vaccinare è dunque esattamente quando è prescritto, a due mesi, non prima e non dopo. Prima sarebbe troppo presto, dopo sarebbe troppo tardi.
Insomma, gli schemi di vaccinazione sono stati messi a punto da esperti che se ne intendono dopo lunghi studi e rigorose sperimentazioni: modificarli sulla base della vostra opinione personale o su consiglio di qualche somaro che incrociate su internet non è una buona idea. il prezzo della vostra fessaggine rischia di essere pagato dai vostri bambini.


Un significativo commento al post

Neonato di 25 gg con pertosse( conseguente terapia intensiva in rianimazione e successivo ricovero per 1 mese). Venti anni che non visitavo più bimbi con pertosse!!Tutto ciò grazie agli stupidi!
Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Anche se "alea iacta est": Freedrichstrasse!

Se la musica è troppo alta, tu sei troppo vecchio.

Nella vita nulla si deve temere; si deve solo comprendere. Maria Sklodowska Curie
User avatar
skeggia65
 
Posts: 15355
Joined: Sat 06 May 2006; 0:20
Location: San Donato Milanese. 121, 132, 140, Z420, S1, S12

Re: Informazione scientifica

Postby Trullo » Thu 28 July 2016; 13:03

.... sono stati messi a punto da esperti che se ne intendono dopo lunghi studi e rigorose sperimentazioni: modificarli sulla base della vostra opinione personale o su consiglio di qualche somaro che incrociate su internet non è una buona idea.

Parole sante
"Tutti i guai del mondo nascono dal fatto che nessuno vuol starsene a casa sua." (Socrate)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26556
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

Re: Informazione scientifica

Postby Trullo » Mon 12 September 2016; 17:39

Interessante articolo sui "complottismi", nello specifico sull'11 settembre

http://attivissimo.blogspot.it/2016/09/ ... utile.html

In realtà, infatti, i teorici delle cospirazioni un risultato l’hanno ottenuto: hanno fatto un enorme favore proprio a quel governo americano di cui dicono di essere così fieri oppositori. Hanno creato una cortina fumogena di deliri, fantasie, complotti nei complotti che ha reso difficile, se non impossibile, parlare seriamente delle questioni irrisolte dell’11 settembre. Non appena si prova a fare domande intorno agli eventi poco chiari di quel giorno e dei mesi e anni successivi di “guerra al terrore”, si viene relegati fra i matti, i complottisti e gli antiamericani. E così i dubbi reali vengono insabbiati.

I complottisti sono i nuovi dirottatori dell’11 settembre: hanno mentito, distorto, depistato, confuso e seminato false piste più di quanto potesse sperare di fare qualunque organizzazione governativa che volesse nascondere i fatti scottanti. Convinti di essere supremi disvelatori di verità, non si rendono conto di essere soltanto gli utili idioti della situazione.

C’è chi si è impegnato comunque, in questi anni, a cercare di diradare il fumo dei complottismi: giornalisti, tecnici, vigili del fuoco e persino agenti dell’FBI. Sì: ce n’è uno, in particolare, che si chiama Mark Rossini e ha cose molto schiette da dire sulle pressioni politiche che hanno bloccato le indagini sull'11/9 per quanto riguarda le complicità di cittadini sauditi che hanno assistito i terroristi dell’11 settembre negli Stati Uniti. Questi fiancheggiatori resteranno impuniti perché gli interessi in gioco fra Stati Uniti e Arabia Saudita sono troppo importanti.

Questo è il vero complotto dell’11 settembre, ma non lo sentirete discutere dai complottisti ed esporre su Youtube dagli esperti in poltrona a caccia di clic, perché non è sexy: non c’è niente da mostrare, nessun video da analizzare, nessuna esplosione spettacolare. Non si presta alla caciara e alla monetizzazione. Offre solo tanta, tanta carta da leggere per mettere insieme i pezzi del rompicapo e vedere che Rossini non parla a vanvera
"Tutti i guai del mondo nascono dal fatto che nessuno vuol starsene a casa sua." (Socrate)
User avatar
Trullo
 
Posts: 26556
Joined: Tue 30 October 2007; 10:40
Location: Paderno Dugnano

PreviousNext

Return to Off Topic

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 3 guests