Recuperare energia dai treni?

Chiacchere in libertà

Moderators: Hallenius, teo

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby fra74 » Sat 15 October 2011; 21:35

Cosa c'entra il confort dei passeggeri con la necessità di recuperare l'energia in frenata? Lo vedi che stai facendo un casino assurdo?
“There is a greater darkness than the one we fight. It is the darkness of the soul that has lost its way. [...] Greater than the death of flesh is the death of hope, the death of dreams.”
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 25074
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby O 303 » Sat 15 October 2011; 21:39

Vuol dire che sul treno merci posso anche permettermi, per ragioni tecniche di un certo rilievo (peso) e in circostanze particolarmente sfavorevoli (lunghe discese) di far cessare la trazione tra tutti i vagoni e lasciarli cadere addosso alla motrice. In questo modo si che posso recuperare tutta l'energia del treno, ma quando riprendo a trainare devo farlo abbastanza delicatamente per non sollecitare troppo gli elementi di giuntura, il che implica anche uno scadimento del comfort di marcia che a dei tronchi di legna (per esempio) può anche non interessare, almeno, penso...
Image Non è lo spreco che danneggia l'economia, ma l'accumulo eccessivo!
User avatar
O 303
 
Posts: 435
Joined: Fri 22 April 2011; 17:19
Location: San Remo

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby fra74 » Sat 15 October 2011; 21:43

Image

Quando lo capirai poi che tutta l'energia del treno non la recupererai mai? Eppure oltre 100 anni di termodinamica dovrebbero servire a qualcosa eh ;)
“There is a greater darkness than the one we fight. It is the darkness of the soul that has lost its way. [...] Greater than the death of flesh is the death of hope, the death of dreams.”
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 25074
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby Federico_2 » Sat 15 October 2011; 21:45

Tutti i merci frenano con la frenatura elettrica e, sì, l'energia cinetica attraverso i respingenti passa sulla locomotiva

Quando c'è da accelerare, basta subito togliere la frenatura elettrica e subito dare trazione che non succede nulla. Se invece è stata usata la frenatura pneumatica bisogna sfrenare e aspettare qualche secondo prima di trazionare, per dare il tempo all'aria di arrivare.

La F.e. non è fatta per il comfort viaggiatori, quella è la frenatura magnetica
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta
Federico_2
 
Posts: 16108
Joined: Tue 04 September 2007; 18:39

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby fra74 » Sat 15 October 2011; 21:48

Una volta per tutte la frenatura elettrica NON è nata per recuperare l'energia, è nata con scopi differenti. Poi la possibilità di recuperare è un bonus, ma non è stata certo progettata originariamente con quelle intenzioni.
“There is a greater darkness than the one we fight. It is the darkness of the soul that has lost its way. [...] Greater than the death of flesh is the death of hope, the death of dreams.”
User avatar
fra74
Forum Admin
 
Posts: 25074
Joined: Wed 05 July 2006; 21:15

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby Federico_2 » Sat 15 October 2011; 21:51

Ovviamente con la FE l'obiettivo principale è non consumare i freni ad attrito. Pero' dovremmo aver capito che la possibilità di recuperare l'energia (al netto del 2° principio termodin) se è possibile, è abbastanza indifferente dove sia il motore/dinamo.
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta
Federico_2
 
Posts: 16108
Joined: Tue 04 September 2007; 18:39

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby O 303 » Sat 15 October 2011; 21:55

Ok, ok, avete ragione voi. Quelli che hanno inventato il concetto di treno permanentemente in trazione/compressione e introdotto il peso frenato sono degli emeriti co...ccomeri... 8--)
Image Non è lo spreco che danneggia l'economia, ma l'accumulo eccessivo!
User avatar
O 303
 
Posts: 435
Joined: Fri 22 April 2011; 17:19
Location: San Remo

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby Federico_2 » Sat 15 October 2011; 21:58

Il peso frenato so cos'è, non conosco invece il treno permanentemente in trazione/compressione. Quali sono i treni in questione?
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta
Federico_2
 
Posts: 16108
Joined: Tue 04 September 2007; 18:39

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby O 303 » Sat 15 October 2011; 22:02

:stop:
Mi rifiuto di andare oltre. O una discussione porta dei benefici a almeno uno dei coinvolti, o non vale la pena continuare.
Image Non è lo spreco che danneggia l'economia, ma l'accumulo eccessivo!
User avatar
O 303
 
Posts: 435
Joined: Fri 22 April 2011; 17:19
Location: San Remo

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby Federico_2 » Sat 15 October 2011; 22:04

:?:
14 giugno 2009: il giorno quando i primi treni andarono con un solo agente di condotta
Federico_2
 
Posts: 16108
Joined: Tue 04 September 2007; 18:39

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby S-Bahn » Sun 16 October 2011; 17:49

Dev'essere una invenzione particolarmente bistrattata perchè googolando si trova un solo link pertinente all'arfomento, ed è la frase scritta qui sopra da O 303 :shock: :D
Però se ce la spieghi la discussione viene a vantaggio di almeno un paio di soggetti impegnati nella discussione sul recupero di energia.
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51898
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby midlander » Mon 17 October 2011; 11:22

S-Bahn wrote:Voi quanti fili vedete?
http://www.itisvinci.com/~sarti/trazione%20trifase.htm


due:

Il sistema a corrente alternata trifase, che utilizzava per l' alimentazione dei locomotori elettrici due fasi aeree e come terza fase le rotaie, nonostante diede notevoli contributi alla trazione ferroviaria, richiese anche forti attenzioni e particolarità nella sua realizzazione.

non credevo avrebbero avuto il coraggio di far passare alta tensione dalla rotaia, invece evidentemente era così. Grazie per il link.

Edit: visto questo commento

S-Bahn wrote:Voi quanti fili vedete?
http://www.itisvinci.com/~sarti/trazione%20trifase.htm


due:

Il sistema a corrente alternata trifase, che utilizzava per l' alimentazione dei locomotori elettrici due fasi aeree e come terza fase le rotaie, nonostante diede notevoli contributi alla trazione ferroviaria, richiese anche forti attenzioni e particolarità nella sua realizzazione.

non credevo avrebbero avuto il coraggio di far passare alta tensione dalla rotaia, invece evidentemente era così. Grazie per il link.

ing wrote:Le fasi del trifase sono tre, come diceva alche Lapalisse, ma i fili sono due, perché la terza fase può sempre essere a potenziale zero, ovvero coincide col binario.

(Sono scarsissimo in elettrotecnica, ma penso di ricordarmela bene questa :mrgreen: )

mi state facendo venire i dubbi: la trifase che conosco io è fatta da 3 fasi sinusoidali distanziate di 2/3*p, e i motori lavorano su questo schema. comunque non insisto oltre senza aver visto gli schemi tecnici (cosa che se va bene riuscirò a fare forse davanti al panettone)
ex mdf
midlander
 
Posts: 1239
Joined: Fri 15 September 2006; 14:17

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby indaco1 » Mon 17 October 2011; 21:35

La rotaia e' messa a terra, esattamente come nella normale alimentazione alternata.

La differenza di potenziale tra i tre poli puo' essere trifase anche se uno dei tre poli e' messo a terra.
indaco1
 
Posts: 1837
Joined: Sun 14 October 2007; 9:28

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby S-Bahn » Tue 18 October 2011; 0:13

Come pensavo...
La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà bene, ma la certezza che quella cosa ha un senso,
indipendentemente da come finirà

Václav Havel
User avatar
S-Bahn
 
Posts: 51898
Joined: Thu 06 July 2006; 22:47
Location: Monza

Re: Recuperare energia dai treni?

Postby midlander » Tue 18 October 2011; 10:05

indaco1 wrote:La rotaia e' messa a terra, esattamente come nella normale alimentazione alternata.

La differenza di potenziale tra i tre poli puo' essere trifase anche se uno dei tre poli e' messo a terra.


il concetto mi è chiaro; possiamo dire allora che la trifase ha anche il vincolo di avere 2 fili aerei rispetto al normale 1? :D. secondo il link di sbahn questo era uno dei limiti che inibiva la velocità a max 100kmh, anche se i limiti più vincolanti erano altri.

PS: non confondiamo terra e neutro, altrimenti vi invito a aprire una presa di casa e collegare il filo giallo e verde con quello azzurro e vedere che succede :D
ex mdf
midlander
 
Posts: 1239
Joined: Fri 15 September 2006; 14:17

PreviousNext

Return to Off Topic

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests